HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
Editoriale

Promosse, bocciate e senza voto del mercato. Milan e Fiorentina su tutte, bene anche l’Inter. Nulla per Juventus, Napoli, Roma e Lazio, ma è un rischio. Il Torino aveva l’obbligo di intervenire, e invece...

30.01.2019 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 25112 volte

A meno di due giorni dalla fine del mercato, quelle che determineranno il voto finale sulle squadre, ecco per ora la Serie A divisa in tre grandi categorie: promosse, bocciate e senza voto, ché nel calciomercato di gennaio si può benissimo finire senza voto vista l’esiguità del numero di operazioni.
Con una doverosa premessa: in questo frangente si giudica solo l’eventuale miglioramento tecnico immediato, dunque nessuna rilevanza per l’aspetto economico, né tantomeno per le operazioni che valgono a giugno.
Per due semplici motivi: perché in campo ci vanno i giocatori, non le plusvalenze; e perché in campo ci si va ora, a giungo poi sarà un’altra storia.

LE PROMOSSE

FIORENTINA: Davanti a tutti, perché il colpo Muriel sta pagando immediati dividendi. Si è presa un bel rischio perché il colombiano non è un mostro di affidabilità, ma chi azzecca i rischi va premiato.

MILAN: Dentro Paquetà e Piatek, fuori Higuain. Nel calcio uno non vale uno, ma il rendimento a cui era sceso Higuain fa pensare sia stata la scelta migliore. Certo, la cessione dell’attaccante che ha fatto 150 gol in Serie A negli ultimi cinque anni è stata liquidata a cuore troppo leggero, ma è anche vero che il Pipita difficilmente riesce a sbrogliarsi da stagioni che nascono attorcigliate. E Paquetà e Piatek sembrano fornire calcio e scossa, ovvero quello che mancava al Milan.

CAGLIARI: Già aveva operato bene d’estate, ha aggiunto Birsa che il suo bagaglio qualitativo a questi livelli lo garantisce sempre, e soprattutto Oliva, un mediano uruguaiano su cui molti in Europa avevano messo gli occhi addosso, e che potrebbe essere un affare annunciato.

BOLOGNA: A dispetto dell’infimo livello infimo offerto, con Soriano e Sansone ha aggiunto fosforo e gol dalla trequarti in sù, cosa di cui il Bologna aveva disperato bisogno. Poi ovvio, i miracoli non li fa nessuno.

INTER: Guardiamo solo a gennaio, e per ora c’è semplicemente Cedric in più, un terzino campione d’Europa che dà solidità senza eccessi. Il colpaccio vero è Godin, tra i 5 migliori difensori al mondo, ma quello vale per l’estate. Dovesse rimanere Perisic, si potrebbe protestare su come le voci di mercato abbiano menomato il suo rendimento. Ma non è che quest’anno avesse dato chissà che fin qui…

SAMPDORIA: Il cavallo di ritorno Gabbiadini non è stato pagato poco, e a ben guardare è nel reparto dove la Samp necessitava di meno. Però non è male avere così tante opzioni quando non sei una grande e ti giochi l’Europa.

UDINESE: L’altro del trio della Doria mihajloviciana ha fatto il percorso inverso, ovvero Okaka. E i friulani avevano proprio bisogno di una punta di peso che aprisse spazi.

SENZA VOTO

JUVENTUS: Un Benatia che esce e un Caceres che entra è addirittura un peggioramento. Ma alla fin fine poco cambia. Il colpaccio è Ramsey, ma la finale di Champions sarà prima del suo arrivo…

NAPOLI: Tanto rumore per nulla. Esce solo Rog. Certo, ottimo aver trattenuto Allan. Ma questo non significa migliorare.

ROMA: In stallo sul difensore centrale, davvero essenziale. Se dovesse chiudere Vida sarebbe un importante colpo di coda. Ma Miranda era un’occasione da non farsi sfuggire.

LAZIO: Ha perso Caceres e Murgia, ma li aveva impiegati pochissimo. Si gioca Champions, Europa League e Coppa Italia con questi. Basteranno?

CHIEVO: Perde Birsa, ma al di là del riportare Schelotto (…), bella soprattutto la mossa di far rientrare Dioussé, brillante due anni fa all’Empoli. Non che sia sufficiente…

SPAL: Fuori un Viviani, dentro un Viviano. Anche se il portiere ex Sporting ha ciccato l’esordio a Parma, fortunatamente senza conseguenze. Però la squadra rimane quella.

FROSINONE: Spicca Viviani appunto, che l’anno scorso aveva fatto benissimo alla Spal e quest’anno si era perso. E’ un cervello che al Frosinone mancava totalmente in mezzo. Persa la scommessa Campbell.

LE BOCCIATE

GENOA: Grande mossa economica, certo. Ma sarebbe un mezzo miracolo se Prandelli riuscisse a fare rendere Sanabria anche solo la metà di Piatek, al di là del gol al debutto. E’ forse favorita dalla lotta retrocessione ammorbidita.

SASSUOLO: Aveva reso benissimo Boateng per metà girone d’andata. Non l’ha rimpiazzato nessuno, eppure il ghanese aveva dato punti preziosi, e qualcosa al Sassuolo davanti manca.

ATALANTA: Peccato non fare un piccolo sforzo per una banda così eccitante. Anzi, perso pure Rigoni, sparito dopo aver cominciato bene, ma almeno era un’opzione in più.

EMPOLI: Serviva aggiungere qualcosa (che forse potrebbe arrivare in extremis). Perché l’Empoli gioca bene, ma ha un evidente gap tecnico tra attacco e difesa.

PARMA: Tra entrate e uscite cambia poco, perde giusto Ciciretti, che in verità mai si era guadagnato spazio. Però visto la stagione fantastica che sta facendo, forse un aiutino sarebbe servito per tenere il ritmo (sempre che non parta Bruno Alves, peraltro).

TORINO: Non è successo praticamente niente, tranne l’addio a Soriano, che però ormai non vedeva più il campo. Ma con l’Europa League ancora in ballo, forse sarebbe stato meglio darsi da fare.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il Milan e i cambiamenti: un’altra ripartenza. La Samp e una scelta complicata 10.10 - Si è presentato Pioli, ma soprattutto hanno parlato nuovamente Gazidis, Maldini e Boban, nella conferenza stampa del loro nuovo allenatore. Le speranze di Pioli, i suoi buoni propositi, il suo modo di porsi e le idee che intende portare fanno sicuramente parte del suo mondo, del...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

La colpa del Milan è dei milanisti: è una squadra da sesto posto, accettatelo! Lasciare a Pioli il tempo non dato a Giampaolo. L’Inter non fa sconti: giusto non pagare 4.5 milioni per favorire Spalletti (e il Milan)? 09.10 - L’unica cosa positiva di tutta questa storia a tinte rossonere è che un galantuomo come Stefano Pioli avrà la possibilità di rifarsi. Dopo aver dato alla città di Firenze quello che nessun contratto avrebbe potuto prevedere - uno straordinario slancio umano per tenere la testa alta...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510