HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A: quale di questi attaccanti vi ha deluso di più?
  Giovanni Simeone
  Edin Dzeko
  Arkadiusz Milik
  Patrik Schick
  Marko Pjaca
  Paulo Dybala
  Duvan Zapata
  Keita Balde Diao
  Simone Zaza

La Giovane Italia
Editoriale

Promosse e bocciate del calciomercato a 72 ore dalla fine: Juventus e Inter regine assolute. Segue il Milan. Solo sufficienti Napoli, Roma e Lazio. E in coda, in bocca al lupo all'Udinese, ne ha bisogno...

15.08.2018 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 93737 volte

A 72 ore dalla fine del calciomercato, andiamo con il pagellone sospeso della Serie A, con le squadre divise tra promosse, rimandate e bocciate. Ma con una premessa fondamentale: qua non si giudica il conto economico, e nemmeno soltanto gli acquisti. E nemmeno della squadra costruita in sé. No. La valutazione è sul conto totale solo dal punto di vista tecnico sia degli acquisti che delle cessioni. Perché dei soldi ai tifosi conta il giusto, cioè zero, e giustamente. E ovvio, posto che quando prendi Cristiano Ronaldo, tutto il resto è musica d’accompagnamento.

REGINE - Due squadre su tutto. Il voto sfiora la perfezione, per motivi diversi. Parliamo di Juventus e Inter. Con l’obbligatoria precedenza alla Juve, perché quando metti a segno uno dei due acquisti più importanti della storia del calcio italiano, rasenteresti la perfezione anche sbagliando clamorosamente tutto il resto del mercato. Cosa che la Juve peraltro non ha clamorosamente fatto: Andrea Agnelli si è preso i suoi rischi, è rimasto Dybala, dovrebbe rimanere Pjanic, vuol dire fregarsene del conto economico e provare il rischiatutto uscendo dai parametri quest’anno e sperando che il rischio Cristiano ti faccia rientrare. E se devi prenderti un rischio per qualcuno, maledizione devi farlo per Cristiano Ronaldo. Ma non è solo chi hai tenuto, è soprattutto chi hai acquistato: Emre Can beffando l’Europa, Perin beffando l’Italia, Cancelo beffando l’Inter, e soprattutto essendoti assicurato l’altro centrale della Nazionale liberandoti del problema Higuain. Certo, altri sono andati, compreso forse la decisione affrettata su Buffon, ma non si può pretendere la perfezione.
L’Inter invece un Cristiano non ce l’ha, sarebbe perfetta con un Modric che non arriverà, ma là si avvicina avendo comprato mezza squadra che vale la Champions: dalla difesa in sù: De Vrij, Vrsalijko, Asamoah, Nainggolan, Lautaro, Politano, Keita. Mancavano i cambi all’Inter, adesso ci sono, e tutti di qualità. Il limite è la Juventus, ma dietro c’è l’Inter.

LAUREATE CON LODE - Sono due. Non sono regine ma possono andare fiere di quello che hanno fatto. Ovvio, con calibri e denari diversi, ma hanno alzato di netto il loro livello tecnico: Milan, ma anche Parma.
Il Milan in 15 giorni è passata dall’essere ripudiata dall’Europa, all’accogliere Higuain, più l’altro giovane centrale di maggior prospettiva oltre Romagnoli. E poi ha consolidato la porta con Reina, giusto in caso hai visto mai, e ha finito per aggiungere un’ala elettrizzante come Castillejo e un centrale di centrocampo come Bakayoko che sarà anche stato niente al Chelsea, ma al Monaco era il nuovo Yaya Touré, e se anche risultasse una via di mezzo sarebbe già grasso che cola. Insomma, la Champions adesso è davvero un obbligo, come lo è disputare una Europa League da protagonisti.
Il Parma è tornato in stile, mettendo assieme una delle formazione più intriganti: Dimarco e Bastoni in difesa, l’esperienza e la qualità di Rigoni a centrocampo, Inglese in avanti. E dulcis in fundo, occhio a Galano, che finalmente arriva bene in Serie A e potrebbe fare le fortune dei fantacalcisti.

PROMOSSE - Qui va il gruppo maggiore: include ben 8 squadre che hanno fatto un mercato positivo, anche qui con denari e ambizioni diverse. Certo, per alcune la sufficienza normale probabilmente non sarà sufficiente.
Sono nell’ordine: Roma, Napoli, Lazio, Fiorentina, Cagliari, Sassuolo, Empoli e Frosinone.
Bellissimo il mercato in entrata della Roma: Kluivert, Pastore, Coric, Cristante e Olsen è tutta gente che lascerà il segno. Ma lo lasceranno anche le partenze di Alisson e Nainggolan. Non va dimenticato come il belga fosse stato decisivo in partite importanti, e di come il brasiliano sia stato decisivo sempre. Il che vuol dire che la stagione dipenderà dal rendimento di Olsen…
Al Napoli la sufficienza va perché a fronte dell’aver perso Reina e Jorginho, ha comunque messo dentro Fabian Ruiz, Verdi e Meret. Però vedendo come sono cresciuti altri, potrebbe non essere abbastanza.
La Lazio ha visto salutare De Vrij e Felipe Anderson, ma aver accolto Correa, Badelj e Acerbi può dare fiducia.
Eccitanti gli arrivi della Fiorentina: Lafont, Pjaca, Mirallas e un Gerson da rigenerare. Molti sono solo potenziale, ma sono un bel potenziale.
Come il Cagliari: con la scommessa Srna, la certezza Castro, e - se avrà spazio - la curiosità finalmente su Cerri.
Il Sassuolo ha messo una pezza alle cessioni di Politano, Acerbi e Missiroli, con gli acquisti di Di Francesco, Boateng, Brignola e il jolly Marlon.
L’Empoli invece ha mantenuto la struttura, aggiungendo un altro prospetto interessante come La Gumina. E intelligente l’operato del Frosinone, con gli arrivi di Sportiello, Goldaniga e Perica.

RIMANDATE - Paradossalmente quelli di metà classifica, che nel medio si sono tenute: Bologna, Sampdoria, Spal e Torino.
Il Bologna ha perso Verdi e Di Francesco, aggiungendo con un certo peso il solo Falcinelli.
La Sampdoria ha mosso tantissimo, ma le partenze di Viviano, Zapata e Torreira non sono pareggiate dagli arrivi di Ekdal, Vieira e Jankto.
Sarà durissima per la Spal: Meret aveva dato tanti punti, da vedere se Petagna e Missiroli sapranno fare ugualmente.
E il Torino: via Barreca, dentro Izzo, ma i tifosi si aspettavano molto di più.

BOCCIATE - Un poker di squadre, a cui però rimangono ambizioni differenti: Atalanta, Chievo, Genoa e Udinese.
L’Atalanta ha ulteriormente alzato il livello di difficoltà per Gasperini, privandolo di Caldara, Spinazzola, Cristante e del virgulto Bastoni, premiandolo fondamentalmente solo con Duvan Zapata.
Il Chievo aveva di che preoccuparsi sulla categoria occupata, quindi gli addii di Inglese e Castro sono sembrati anche il minore dei mali.
Come al solito un porto di mare il Genoa, ma nell’andirivieni alla fine il conto è negativo, con le buone entrate di Criscito e Sandro, ma gli addii di mezza squadra tra Perin, Izzo, Bertolacci e Rigoni.
E poi l’Udinese, che tra le polemiche per Mandragora ha visto partire metà dei titolari. Il nuovo allenatore Velazquez avrà poco tempo, e poca qualità a disposizione. Non si accolgono così i i nuovi arrivati…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

C’è solo una cosa bella della Sosta per la Nazionale. No, non è vero, non c’è. Tra l’altro sarà la 2323esima quest’anno. Si sono moltiplicate. O forse è solo un’impressione. 13.11 - Juve: la panchina d’oro, i cervelli di ghisa. Inter: le scelte di Spalletti (e un segreto…). Milan: il (troppo) rigore di Higuain. Arbitri: l’esempio di IrraQuando c’è la Sosta per la Nazionale a nessuno frega nulla di qualunque cosa, si fa finta di appassionarsi a temi come “Balotelli...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, no a Ibra. Napoli, un salto nel fango. Spal, l'unica società che ha sfruttato il triplo salto. Liverani, oro di Lecce. Gravina, ecco il primo colpo: Brunelli dalla Lega 12.11 - Arriva la sosta, nel momento meno opportuno, e come sempre si tornerà a parlare di calciomercato. La Juventus cerca un centrocampista, l'Inter in teoria è a posto così, la Roma necessita di almeno due tasselli, mentre il Napoli potrebbe aver bisogno di un vice Milik che, a gennaio,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

En plein probabile, chi l'avrebbe mai detto: la Serie A è di nuovo la casa dei grandi difensori. De Laurentiis aveva ragione: Ancelotti vale un top player. Calo Juventus? Non c'è da fidarsi 11.11 - Kalidou Koulibaly, Milan Skriniar e Kostas Manolas. Poi la difesa della Juventus che può andare ad Harvard per dare lezioni sulla fase difensiva. Sono loro il miglior spot di una Serie A che quest'anno in Champions ha buone possibilità di portare tutte le squadre almeno agli ottavi...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Su Skriniar tutte le big d’Europa: City, United, Barcellona e Bayern Monaco, ma la sua volontà è rimanere all’Inter. Il Napoli in pressing su Tonali. Il Milan pensa a Paredes. Juventus, a San Siro prova verità 10.11 - L’Inter è al lavoro per blindare Skriniar. Il difensore slovacco cresce partita dopo partita e ormai è arrivato a un livello altissimo. Anche Spalletti dopo la gara con il Barcellona ha sottolineato che ormai è un giocatore top. Un vero leader della difesa, in grado di unire qualità...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Contro Mourinho, evviva Mourinho. Si scatena un altro Juventus-Inter. Gli eccessi del tifo da condannare. Bocciato dagli inglesi. Da Mazzone in giù, ma che calcio vogliamo? Il Var in Champions, ora basta, cosa aspettate? 09.11 - Mourinho non è tipo da mezze misure, o lo odi o lo ami, ma questo lo sapevamo già. Il doppio confronto fra Juventus e Manchester è stata l’occasione per rimettere in moto cose antiche, rivalità mai sopite, sgarbi mai digeriti, gesti sopra le righe, un Triplete esagerato, pensieri...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Sorprese (e certezze) in Champions: Juve, CR7 e Pellegrini. E una foto - da non conservare - della nostra Serie A 08.11 - Bene: se la giornata di martedì ci aveva confermato che Napoli e Inter non solo hanno una propria posizione in Champions, ma che ce l'hanno anche Icardi e Insigne la sorpresa arriva dalle gare del mercoledì. Anzi le sorprese: una positiva e una negativa. Chiaramente quella negativa...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Inter, perché aspettare 150 minuti? Mentre a Napoli il confine è solo il cielo. Ecco perché alla Juventus la vittoria contro il Manchester United serve…contro l’Inter. Davvero Mosca ultima chiamata per la Roma e Di Francesco? 07.11 - Il calcio è questione di punti di vista, certamente. Dunque è sicuramente un punto di vista positivo per l’Inter aver rischiato di pareggiare all’83’ al Camp Nou. Così come è sicuramente un punto di vista positivo l’aver tenuto a San Siro il risultato fino al finale di partita. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i problemi di cui non si parla perché tanto... è la Juve. Milan: la zona Champions e le "indiscrezioni" su Wenger. Inter: il giorno del Barcellona. Napoli, vendicaci tutti 06.11 - Prima le cose importanti. Mi scrive Antonio Portaccio, lo trovate su messenger, ha una barba da competizione: “Ciao Fabrizio, io non ti ho scritto per i biglietti per il derby, inoltre ti leggo sempre. Se ci troviamo in giro ti offro un caffè, sono su Milano. Mo’ veniamo al favore,...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La lunga storia di Donadoni, le richieste di rettifiche e le conferme. Inter, Spalletti ha cambiato tutto. Politano, non ti avrei dato un euro. De Zerbi show: Sassuolo è leader 05.11 - Vi devo raccontare questa storia, anche se sono certo vi annoierà. E' talmente banale che l'hanno ingigantita perché, forse, colti nel segno. Avete mai visto un Direttore andare a cena con un allenatore e un procuratore? Qualche volta è successo. Prima puntata: il Milan perde il derby...

Editoriale DI: Andrea Losapio

La Superlega, Football Leaks e il pallone sgonfiato: tutto molto triste. Dopo un decennio abbiamo una candidata alla Champions, forse più di una. Chi prenderà il quarto posto? 04.11 - Der Spiegel e L'Espresso stanno portando avanti, da anni oramai, una battaglia contro i furbetti del pallone. In principio si è parlato di Doyen Sports e Twente, dei rapporti di Radamel Falcao con i fondi di investimento, dell'ascesa dell'Atletico Madrid anche grazie agli investimenti...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy