HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Stelle di Natale AIL 2018
SONDAGGIO
Ottavi di Champions: chi ha più possibilità tra Inter e Napoli?
  Andranno entrambe agli ottavi
  Si qualificherà solo il Napoli
  Si qualificherà solo l'Inter
  Verranno entrambe eliminate

La Giovane Italia
Editoriale

Pronti per gennaio: il Milan più attivo ecco i primi nomi. E poi attenzione: parametri zero pazzeschi!

15.11.2018 07:39 di Luca Marchetti   articolo letto 38587 volte
© foto di Federico De Luca

Il mercato si avvicina alla velocità della luce. Sarà più corto del previsto, visto che chiuderà il 18 gennaio, ma non per questo sarà meno intenso. Se dovessimo sbilanciarci potremmo dire che per il Milan potrebbe essere una sessione di primo livello. Nel senso che a gennaio Elliot, insieme naturalmente a Leonardo e Maldini, potrà completare quello che ha iniziato con ritardo nel mercato estivo. Un acquisto è già in cassaforte (Paquetà), ma gli infortuni gravi (Biglia e Bonaventura su tutti), quelli che stanno recuperando (Conti e Caldara e lo stesso Strinic), il cambio di sistema di gioco e qualche certezza in più necessaria per rendere il quarto posto ancora più accessibile renderanno la sessione invernale importante. Uno degli ultimi nomi accostati al Milan è Rodrigo Caio, difensore del San Paolo, con passaporto comunitario. Il Milan lo sta seguendo anche perché può fare non solo il difensore centrale ma anche il centrocampista davanti alla difesa. I brasiliani hanno posto alcuni parametri: cessione definitiva a 7/8 milioni oppure prestito con obbligo a 12/13. Un contatto con il San Paolo pare esserci già stato fra ds, in settimana il suo agente dovrebbe arrivare in Italia per fare un giro di orizzonte (tempo fa si era interessata anche la Lazio). L’altro nome è Ibra sul quale conferme dirette (nonostante le interpretazioni di interviste e biografie di Ibra) non sono arrivate, ma neanche le smentite. Ibra e Milan sono un connubio molto forte e se davvero Zlatan avesse voglia di rimetterei in pista in Europa consapevole di un ruolo centrare ma non da stakanovista, nel nuovo attacco a due punte di Gattuso spazio lo troverebbe eccome. Tanto più che adesso le uniche due punte sono Higuain e Cutrone. Poi ci sarà spazio per le riflessioni ad ampio raggio: possono tornare di moda i nomi dell’estate? Difficile pensare ad operazioni a tre cifre, quindi servirà avere occhi aperti per cercare di capire le strategie di un Milan superabbottonato almeno per quanto riguarda le strategie preliminari. Le altre che lo precedono in classifica al momento non sembrano proprio aver bisogno di fare interventi pesanti sulla rosa. Non la Juve, non il Napoli, non l’Inter. Qualcosa in più la Roma, forse su situazioni di aggiustamento (anche in uscita) della rosa. Anche in virtu delle condizioni fisiche di alcuni elementi ritenuti chiave in estate come Pastore per esempio, che ancora di fatto Di Francesco non ha mai potuto utilizzare. Lo spostamento sulla trequarti (e la conseguente esplosione) di Lorenzo Pellegrini hanno aperto un piccolo spazio a centrocampo?
Di sicuro gennaio è il momento giusto per poter intavolare discussioni proficue con i futuri parametri zero. I nomi li avevamo fatti qualche settimana fa e state pur certi che in tanti, ancora, non hanno rinnovato.
De Gea per esempio ha in mano io rinnovo del Manchester United, ma ancora non ha messo l’autografo sotto. Così come il suo compagno di squadra Martial, forse fra i futuri parametri zero, quello con più appela insieme ad Adrien Rabiot, del Psg. Le italiane? Beh Inter e Martial, un paio di anni fa sono stati piuttosto vicini (in prestito) così come la Juventus e Rabiot (e la sua mamma procuratrice). Ramsey ha già fatto sapere a tutti che se ne andrà via a zero... e dove? Purtroppo questo ancora non l’ha annunciato. Il Manchester è su una polveriera visto che anche Ander Herrera, Jones, Smalling e Juan Mata non hanno firmato il rinnovo (l’unico che ha detto che rimane è Pogba, che considera Manchester la sua casa!).
Vi interessano i difensori? Alderweireld, Vertonghen, Godin, Luiz, Mangala sono a scadenza. Anche Giroud è ancora a scadenza ed è uno dei pochi che potrebbe fare due trasferimenti a zero. Dembele se dovesse l’Inter ancora essere interessata è a scadenza... come dite? Sono tutti inglesi? La maggior parte, vero, c’è anche Herrera del Porto però, Salvio del Benfica o Brahimi del Porto. E se De Gea è troppo caro sappiate che Areola è in scadenza dal PSG è non è felicissimo al momento.
Insomma c’è da divertirsi, davvero. Da fiutare l’affare per non essere risucchiati dal vortice delle commissioni e del salario troppo alto. Perché parametro zero è un modo di dire, ma anche al netto delle commissioni e ingaggio più alto rimane comunque un’opportunità da non perdere.
Vi interessano gli italiani: ecco la top five per valore (secondo transfermarkt): Balotelli, Darmian, Bertolacci, Pellé e Ranocchia. Insomma non certamente gente a fine carriera. Perché poi al di là degli over 30 c’è qualche giocatore su cui puntare come Donati (ora al Mainz, ora) o come Jose Mauri che al Milan non ha trovato spazio ma ha ancora 22 anni, c’è Nicola Rigoni del Chievo o Rispoli, capitano del Palermo.
Bisognerà essere concentrati, insomma. Accorti. Chirurgici, come faranno i dirigenti delle società impegnate sul mercato. E nel frattempo in bocca al lupo a Ranieri che torna ad allenare in Inghilterra nella squadra ultima in classifica. La voglia di tornare in panchina ha fatto molto, ma soprattutto la voglia di firmare un’altra impresa. Nulla sarà mai paragonabile al Leicester. Ma nulla sarà paragonabile a Ranieri!


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La Juventus non ammazza il campionato ma tutto il sistema. L'inutilità del Var. Milan, serve la svolta a gennaio. Serie B e C, quando le decisioni? 03.12 - Non è un discorso di essere tifosi della Juventus oppure no. Quelli che leggerete sono solo complimenti verso la società, i tifosi, la squadra, Allegri, i magazzinieri, la segreteria, l'ufficio stampa e l'autista della Juventus. Però il problema non è la Juve, il vero problema è che...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Dai mecenati al FFP, dai crac alla noia. Così non va: come ripensare la Serie A? O si vara la Superlega o si cambiano le regole, guardando a modelli molto diversi come quello NBA 02.12 - È appena iniziato il mese di dicembre, non siamo ancora al giro di boa della Serie A e tra gli italiani che vivono di pane e pallone ci sono due correnti di pensiero. Ci sono coloro che considerano il discorso Scudetto già concluso, chi dice che raggiungere una Juventus che finora...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Di Francesco merita ancora fiducia, a gennaio 2 acquisti. L’Inter si inserisce nella corsa a Tonali, per Gabigol spunta l’ipotesi Premier. Milan per la difesa uno tra Christensen e Cahill. Fabregas più di un’idea ma costi alti 01.12 - Di Francesco e il futuro. Un futuro ancora giallorosso. Merita fiducia anche se la sconfitta con il Real ha fatto riemergere i soliti problemi, soprattutto la mancanza di continuità. La partita di martedì sera va analizzata bene. Il primo tempo è stato molto buono. Casomai è inspiegabile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Fabregas al Milan, manca solo l’ok di Abramovich. Ibra già fatto. Juve punta i giovani Ndombelè e Gedson Fernandes, Ramsey più vicino, Isco nel mirino. Inter, Marotta vuole Martial. Perisic può partire per Chiesa 30.11 - Il Milan ha buone possibilità di portare a casa a gennaio Cesc Fabregas, 31 anni, panchinaro di lusso del Chelsea. Il centrocampista spagnolo con Sarri gioca pochissimo ed ha capito che il progetto di rilancio dei rossoneri può allungargli una straordinaria carriera. All’inizio della...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->