HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi è stato il migliore?
  Ciro Immobile
  Mauro Icardi
  Kalidou Koulibaly
  Milan Skriniar
  Allan
  Bryan Cristante
  Sergej Milinkovic-Savic
  Douglas Costa
  Alisson
  Paulo Dybala

Editoriale

Quando scade una tragedia?

06.03.2018 13:48 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 31701 volte
© foto di Alessio Alaimo

È tutto abbastanza complicato.
A volte (sempre?) qui si cazzeggia. Perché il calcio non è una cosa seria. O meglio, è seria se non la si prende troppo sul serio (almeno per chi scrive). Ma qui si parla di vita. E allora è doveroso fare un passo indietro.
Ieri mattina ero in diretta a dire la mia su questioni importantissime e originali tipo “il derby è davvero una partita da tripla?”. Alle 11.45 circa arriva la notizia. Ci domandiamo, tutti quanti: “Ma sarà vero? È possibile? Sarà la tipica balla da social!”. E invece no. E ci resti male. E il dolore – non bisogna nascondersi – si mescola alla “moderna” necessità di esserci. “Astori è morto, DEVI dire la tua”. Come se una frase potesse cambiare il destino di questo ragazzo, come se servisse a qualcosa. E allora partecipi al dramma: “Rip”, “Ciao Davide”, “Io conoscevo uno che lo conosceva”, “era un bravo ragazzo”, “fermate il campionato!”, “povera sua figlia”, “non è giusto”. Le ho/le abbiamo dette e scritte tutte. Perché è normale, perché funziona così. Abbiamo fatto della retorica, abbiamo detto cose vere e sentite, ci siamo accomodati al tavolo della tragedia e l’abbiamo “aggredita”, “sfruttata”, “spolpata” perché ci ha colpito, certo, ma anche perché non potevamo farne a meno. Poi l’abbiamo digerita. In fretta. C’è da parlare di elezioni, c’è il calcio “rimandato” che ora “torna” e affolla i calendari, c’è la necessità di raccattare clic e, quindi, “che tragedia Davide” ma anche “benvenuti signori alla Maratona Mentana!”.
Da buon esponente del sensazionalismo “usa e getta” (me ne vergogno, ma è così) ieri sera mi sono ritrovato a riflettere (parola grossa): quand’è il momento in cui una tragedia può essere retrocessa da “fatto di cui tutti parlano” a “ricordo” fino a “Astori chi? Ah sì, lo sfortunatissimo capitano della Fiorentina…”? Fino a qualche anno fa era tutto dilatato, c’era il tempo di capire, analizzare, vinceva l’esigenza di “dire la cosa giusta” piuttosto che quella di “fottere gli altri sul tempo”, ci si portava dietro il dolore e decideva “lui” quando andare via. Oggi no. Oggi tutto scade più in fretta di uno yogurt nel reparto caldaie. Anche la morte di un capitano di 31 anni. E si cambia discorso. Badate bene, non siamo qui a fare le verginelle, sappiamo come funziona ed è normale che sia così: i tempi sono cambiati, bisogna andare avanti e nessuno aspetta nessuno a prescindere dalla “grandezza del dolore”. È normale, certo, almeno per le masse di commentatori, esperti, amici degli amici degli amici, appassionati del dolore (possibilmente “altrui”).
Poi ci sono quelli, pochi, a cui non basterà un turno di campionato rimandato per assorbire il colpo. Ci sono i famigliari, i compagni della Fiorentina, quelli che sono cresciuti con lui, gli amici veri, gente che non è apparsa e ha scelto di stare in silenzio perché non stava male come me e te, ma stava (e sta) male davvero.
Davide Astori è morto, io non lo conoscevo. Chi è cresciuto e ha vissuto una parte del cammino con lui ne ha parlato come di una persona straordinaria. A guardare tutte le foto che girano in queste ore, a sentire le sue parole, ti viene proprio da credere che questa volta, sul serio, se ne sia andato “un bravo ragazzo”. Da oggi (ma forse già da ieri) la nostra “partecipazione al dolore” scemerà per lasciar spazio ad altre “priorità”: gli ottavi di ritorno di Champions League, il campionato che torna, Il Var che funziona e non funziona, lo scudetto in bilico, le polemiche, il “non siamo ai Mondiali!”, la scelta del ct, il presidente federale “che ancora non c’è”, i diritti tv, i “cinesi maledetti!”, il fair-play finanziario, i bilanci, il calciomercato dei sogni e “lo prendiamo Messaldo? Eh? Lo prendiamo?”.
Ciao Davide e ciao a tutti quelli che - a differenza di molti di noi - non riusciranno a far scomparire il dolore con la stessa facilità con cui #Astori è scomparso dalla classifica dei trend topic su twitter.
Ps. Credo che questa sia la cosa più “seria” che io abbia mai scritto. Per questo metterà insieme la miseria di 3 clic. Viviamo in un’epoca “strana” (Twitter: @FBiasin).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Sarri al Chelsea con Zola. E vuole Higuain. L’incontro con Abramovich. Napoli, arriva David Luiz. De Laurentiis, cento milioni sul mercato per Ancelotti. Inter, a luglio riproverà per Rafinha. Icardi può partire. Milan, mercato bloccato 25.05 - L’arrivo di Ancelotti al Napoli è il trionfo di Aurelio De Laurentiis e delle sue strategie. Da mesi, sott’acqua, con il sorriso sulle labbra e i complimenti pubblici a Sarri, in realtà aveva già annusato l’aria di divorzio e stava lavorando al futuro senza l’allenatore toscano. Proviamo...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il colpo di De Laurentiis: Ancelotti rilancia il Napoli e Napoli. E ora Sarri? Ecco la nuova Inter e tutti gli allenatori di A 24.05 - Ancelotti sbarca ufficialmente a Napoli. 3 anni di contratto a circa 5 milioni di euro. Con il suo staff al completo e con una gran voglia di tornare ad essere protagonista nel nostro campionato. Il presidente De Laurentiis ha fatto un grande colpo, ha riportato in Italia un grandissimo...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Ecco cosa rischia il Milan dalla Uefa: la scure del financial fair play pronta ad abbattersi sui rossoneri, e il salto all'indietro rischia di essere davvero triplo. Eppure c'era quel dettaglio che rendeva tutto prevedibile… 23.05 - E' andata come si sperava non andasse, o come si temeva, o come qualcuno aveva indicato: la Uefa ha rifiutato il settlement agreement, dopo aver in illo tempore rigettato il voluntary agreement, e ha rinviato il caso alla Camera. Decisione che è l'anticamera della sanzione nei confronti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Buffon a Parigi, Emre Can-Morata in arrivo. Inter: Icardi resta, solo uno tra Rafinha e Cancelo. Milan: i numeri (ottimi) di Gattuso e il “guaio” Donnarumma. Napoli: Sarri tra i soldi e il cuore 22.05 - È finito il campionato. Quando finisce il campionato c’è chi è felice e chi no. Poi inizia il mercato. Anzi, il mercato c’è a prescindere, anche a Pasqua. Solo che quest’anno per noialtri non c’è neppure il Mondiale e, quindi, c’è “più mercato”. Ci sono tifosi che al gol di Vecino...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Napoli: lo scudetto dei veleni. Milan, il bomber del futuro ce l’hai in casa. Parma, il volo del Faggiano. Verona, Marchetti la tua strada migliore 21.05 - Bare con nomi di calciatori, maglie offensive, cori inopportuni e via con il valzer delle schifezze. Bisogna saper perdere ma bisogna anche saper vincere. Non vale solo per la Juventus ma per tutti. Ha vinto la Juve e, allora, via con i fucili spianati su Torino. Avesse vinto il Napoli...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Rivoluzione Juve, ma solo in campo. Gli Scudetti sono 34. Valzer del moscerino: Napoli-Sarri, Inter-Spalletti, Lazio-Inzaghi, solo il Milan ci proverà per Conte (se salta la coppia Gattuso-Mirabelli) 20.05 - Ogni anno la stessa, identica, storia. Massimiliano Allegri sembra sulla graticola, poi vince lo Scudetto e la Coppa Italia - 4x4, complimenti - e rimane alla guida del club italiano più famoso. Anche nel mondo, dopo che l'egemonia Milan, dovuta soprattutto alle Coppe Campioni, è...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, nella lista anche Ilicic e Cristante. Il Milan non molla la pista Belotti. Lazio, idea Badstuber per la difesa 19.05 - Ancora 90 minuti e poi tutto sarà chiaro. La Champions è un traguardo fondamentale per il mercato dell’Inter, aiuterebbe sul piano degli investimenti, ma le strategie sono già definite. La partita di domenica sera all’Olimpico contro la Lazio è insomma un crocevia. Il primo passo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Buffon aspetta il Real. I retroscena del divorzio con la Juve. Allegri, ecco cosa vuole per restare. Sarri resta con un Napoli più forte: tutti i nomi nel mirino. Milan, Baselli al posto di Bonaventura 18.05 - S’era capito che Buffon non aveva nessuna intenzione di smettere, ma alla Juve non si fanno condizionare, i piani li fanno loro e non hanno sentito storie. Alla Juve ragionano con la testa fredda e non con il cuore caldo. “Anche se sei il capitano, anche se sei un mito, anche se...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Incontro Sarri-AdL e le schiarite all'orizzonte: come può cambiare il Napoli? Buffon, l'addio e la chiusura di un'era, ma ne riparte un'altra. Le milanesi legate (anche) al risultato... 17.05 - Il tanto atteso faccia a faccia c'è stato e ora si può cominciare a ragionare sul futuro. Tutto sembra essere andato veloce come l'auto (del direttore sportivo napoletano Giuntoli) che è entrata e uscita da Castel Volturno fra un allenamento e l'altro. I tanti dubbi di questi giorni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Esclusivo: Balotelli festeggia la convocazione in Nazionale regalandosi il Marsiglia, è quasi fatta. Nel frattempo, ecco perché la scelta di Mancini è la migliore possibile 16.05 - Mario Balotelli tornerà lunedì prossimo in Nazionale, e festeggia la convocazione dopo 4 anni regalandosi la nuova squadra: l'Olympique Marsiglia. E' quasi tutto fatto tra i francesi e Mario. L'accordo di massima c'è, si vuole però ancora aspettare su sponda Balotelli perché Raiola...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy