HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Editoriale

Quando scade una tragedia?

06.03.2018 13:48 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 31981 volte
© foto di Alessio Alaimo

È tutto abbastanza complicato.
A volte (sempre?) qui si cazzeggia. Perché il calcio non è una cosa seria. O meglio, è seria se non la si prende troppo sul serio (almeno per chi scrive). Ma qui si parla di vita. E allora è doveroso fare un passo indietro.
Ieri mattina ero in diretta a dire la mia su questioni importantissime e originali tipo “il derby è davvero una partita da tripla?”. Alle 11.45 circa arriva la notizia. Ci domandiamo, tutti quanti: “Ma sarà vero? È possibile? Sarà la tipica balla da social!”. E invece no. E ci resti male. E il dolore – non bisogna nascondersi – si mescola alla “moderna” necessità di esserci. “Astori è morto, DEVI dire la tua”. Come se una frase potesse cambiare il destino di questo ragazzo, come se servisse a qualcosa. E allora partecipi al dramma: “Rip”, “Ciao Davide”, “Io conoscevo uno che lo conosceva”, “era un bravo ragazzo”, “fermate il campionato!”, “povera sua figlia”, “non è giusto”. Le ho/le abbiamo dette e scritte tutte. Perché è normale, perché funziona così. Abbiamo fatto della retorica, abbiamo detto cose vere e sentite, ci siamo accomodati al tavolo della tragedia e l’abbiamo “aggredita”, “sfruttata”, “spolpata” perché ci ha colpito, certo, ma anche perché non potevamo farne a meno. Poi l’abbiamo digerita. In fretta. C’è da parlare di elezioni, c’è il calcio “rimandato” che ora “torna” e affolla i calendari, c’è la necessità di raccattare clic e, quindi, “che tragedia Davide” ma anche “benvenuti signori alla Maratona Mentana!”.
Da buon esponente del sensazionalismo “usa e getta” (me ne vergogno, ma è così) ieri sera mi sono ritrovato a riflettere (parola grossa): quand’è il momento in cui una tragedia può essere retrocessa da “fatto di cui tutti parlano” a “ricordo” fino a “Astori chi? Ah sì, lo sfortunatissimo capitano della Fiorentina…”? Fino a qualche anno fa era tutto dilatato, c’era il tempo di capire, analizzare, vinceva l’esigenza di “dire la cosa giusta” piuttosto che quella di “fottere gli altri sul tempo”, ci si portava dietro il dolore e decideva “lui” quando andare via. Oggi no. Oggi tutto scade più in fretta di uno yogurt nel reparto caldaie. Anche la morte di un capitano di 31 anni. E si cambia discorso. Badate bene, non siamo qui a fare le verginelle, sappiamo come funziona ed è normale che sia così: i tempi sono cambiati, bisogna andare avanti e nessuno aspetta nessuno a prescindere dalla “grandezza del dolore”. È normale, certo, almeno per le masse di commentatori, esperti, amici degli amici degli amici, appassionati del dolore (possibilmente “altrui”).
Poi ci sono quelli, pochi, a cui non basterà un turno di campionato rimandato per assorbire il colpo. Ci sono i famigliari, i compagni della Fiorentina, quelli che sono cresciuti con lui, gli amici veri, gente che non è apparsa e ha scelto di stare in silenzio perché non stava male come me e te, ma stava (e sta) male davvero.
Davide Astori è morto, io non lo conoscevo. Chi è cresciuto e ha vissuto una parte del cammino con lui ne ha parlato come di una persona straordinaria. A guardare tutte le foto che girano in queste ore, a sentire le sue parole, ti viene proprio da credere che questa volta, sul serio, se ne sia andato “un bravo ragazzo”. Da oggi (ma forse già da ieri) la nostra “partecipazione al dolore” scemerà per lasciar spazio ad altre “priorità”: gli ottavi di ritorno di Champions League, il campionato che torna, Il Var che funziona e non funziona, lo scudetto in bilico, le polemiche, il “non siamo ai Mondiali!”, la scelta del ct, il presidente federale “che ancora non c’è”, i diritti tv, i “cinesi maledetti!”, il fair-play finanziario, i bilanci, il calciomercato dei sogni e “lo prendiamo Messaldo? Eh? Lo prendiamo?”.
Ciao Davide e ciao a tutti quelli che - a differenza di molti di noi - non riusciranno a far scomparire il dolore con la stessa facilità con cui #Astori è scomparso dalla classifica dei trend topic su twitter.
Ps. Credo che questa sia la cosa più “seria” che io abbia mai scritto. Per questo metterà insieme la miseria di 3 clic. Viviamo in un’epoca “strana” (Twitter: @FBiasin).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve umana ma cambia poco. Napoli, bello e impossibile. Roma, che delusione. Il giorno di Gravina: Presidente cambia gli uomini poi il sistema 22.10 - La Juventus è umana. Già questa è una notizia. Pareggia contro la sua bestia nera, il Genoa di Juric, e almeno rende diverso il week end di serie A. Non siamo quelli dai titoloni "Adesso torna a sognare il Napoli" oppure "La Juventus inciampa" ma crediamo che rientri tutto nella normalità...

Editoriale DI: Andrea Losapio

C'è una guerra in corso per il Var? Stecca la Juventus, fermando Piatek. Pare già mercato con Paquetà 21.10 - Anche nella giornata di ieri il Var è stato assente non giustificato nell'espulsione di Milinkovic-Savic, portiere della Spal. Vero è che il campo di applicazione non poteva intervenire nel doppio giallo del numero uno serbo (sarebbe anche utile capire se sarebbe scattata l'ammonizione...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, Napoli e Roma su Piatek. Paratici segue anche De Ligt dell’Ajax. Ancelotti pronto a fermare il Psg. Per i giallorossi ipotesi Herrera del Porto. Lazio su Brahimi, Inter-Milan che derby 20.10 - Per Piatek è pronta a scatenarsi l’asta. L’avvio travolgente dell’attaccante polacco pagato appena 5 milioni di euro da Preziosi ha catturato l’attenzione un po’ di tutti. In Italia ci sono Juventus, Napoli e Roma. Il club bianconero là davanti ha problemi di abbondanza se si pensa...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Higuain da il via libera per Ibra al Milan. Tutto fatto, lui deciderà entro novembre. Barella, l’Inter torna in pole. Conte al Real, ora si può. Figc, Gravina è l’uomo giusto   19.10 - Un altro importante tassello per il ritorno di Ibrahimovic al Milan l’ha messo direttamente Gonzalo Higuain. Nella bella intervista rilasciata ieri alla Gazzetta, fra le tante cose non banali, si legge anche: “Ibra al Milan? Io amo giocare con i grandissimi e lui lo è”. E’ più di...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il derby di Milano: strade incrociate, obiettivi comuni 18.10 - Siamo entrati nel vivo: la settimana del derby di Milano. E dopo la pausa per gli impegni della Nazionale, che ci ha regalato una bella vittoria contro la Polonia fatta di speranza e di bel gioco, non poteva tornare con una partita migliore, il campionato di serie A. Milan e Inter...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby time: ecco perché il Milan è favorito. L’Inter sarebbe più in forma, ma… Cristiano Ronaldo con vista Manchester: la Juventus pensa già allo United per spaventare l’Europa. I 35 milioni offerti dal Napoli per Piatek 17.10 - Come si vince il Derby della Madonnina? E chi rischia di più? Inter-Milan è la partita che noi tutti ci meritiamo dopo due settimane di pausa, ristoratrici per la Nazionale e per il nostro amor proprio, ma che ci hanno lasciato una fame di calcio tale da sbirciare quasi con curiosità...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: quel che si può dire (e non dire) su Ronaldo. Inter e Milan: un derby lunghissimo (con Marotta sullo sfondo). Napoli: il prezzo di Piatek. Italia: bentornati azzurri, ma sugli stadi… 16.10 - Ciao. Domenica c’è il derby, l’altro giorno invece ha giocato la Nazionale. Ci si divide tra chi dice “uh ma che bella Nazionale! Parliamone!” e chi “che due maroni la sosta, pensiamo al derby di Milano”. Solo che il derby è domenica sera, manca ancora una vita. E allora ci si spreme...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Berlusconi e il Milan di Gattuso. Ad Allegri manca solo un tetto. Marotta-Inter, non avrebbe senso. Io voto Gravina perché.... 15.10 - Quando c'è la pausa campionato è un disastro. Non sai cosa scrivere e devi inventare storie, raccogliere notizie e parlare di mercato anche quando non c'è. Per fortuna, in questa domenica pomeriggio, Silvio Berlusconi su Sportitalia (durante Monza-Triestina) ci ha dato diversi spunti...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La pausa degli esoneri e dei primi acquisti per gennaio. Pungiball Ventura, ma il Chievo ha fatto benissimo. Finalmente c'è la formazione: ora Mancini segua il consiglio di Sarri 14.10 - Lo sport Nazionale degli ultimi undici mesi è stato insultare Gian Piero Ventura. Non è stato solo il colpevole dell'eliminazione dell'Italia dal Mondiale, ma dallo scorso 13 novembre di qualsivoglia problema. L'aumento dello spread? E' colpa di Ventura. Il surroscaldamento globale?...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Conte ipotesi concreta per il Real, Florentino pronto a tutto per avere anche Hazard. Milan, che colpo Paquetà. Under verso il rinnovo fino al 2023. Napoli a breve l’accordo con Zielinski, per gennaio non sono previste operazioni in entrata 13.10 - Lopetegui, Conte, Real e Chelsea. Il mese di ottobre potrebbe regalarci un’altra interessante rivoluzione in panchina. Florentino Perez non è soddisfatto del rendimento del suo allenatore, fortemente voluto in estate dopo l’addio di Zidane e ora sta pensando in maniera concreta ad...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy