HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Quando scade una tragedia?

06.03.2018 13:48 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 32021 volte
© foto di Alessio Alaimo

È tutto abbastanza complicato.
A volte (sempre?) qui si cazzeggia. Perché il calcio non è una cosa seria. O meglio, è seria se non la si prende troppo sul serio (almeno per chi scrive). Ma qui si parla di vita. E allora è doveroso fare un passo indietro.
Ieri mattina ero in diretta a dire la mia su questioni importantissime e originali tipo “il derby è davvero una partita da tripla?”. Alle 11.45 circa arriva la notizia. Ci domandiamo, tutti quanti: “Ma sarà vero? È possibile? Sarà la tipica balla da social!”. E invece no. E ci resti male. E il dolore – non bisogna nascondersi – si mescola alla “moderna” necessità di esserci. “Astori è morto, DEVI dire la tua”. Come se una frase potesse cambiare il destino di questo ragazzo, come se servisse a qualcosa. E allora partecipi al dramma: “Rip”, “Ciao Davide”, “Io conoscevo uno che lo conosceva”, “era un bravo ragazzo”, “fermate il campionato!”, “povera sua figlia”, “non è giusto”. Le ho/le abbiamo dette e scritte tutte. Perché è normale, perché funziona così. Abbiamo fatto della retorica, abbiamo detto cose vere e sentite, ci siamo accomodati al tavolo della tragedia e l’abbiamo “aggredita”, “sfruttata”, “spolpata” perché ci ha colpito, certo, ma anche perché non potevamo farne a meno. Poi l’abbiamo digerita. In fretta. C’è da parlare di elezioni, c’è il calcio “rimandato” che ora “torna” e affolla i calendari, c’è la necessità di raccattare clic e, quindi, “che tragedia Davide” ma anche “benvenuti signori alla Maratona Mentana!”.
Da buon esponente del sensazionalismo “usa e getta” (me ne vergogno, ma è così) ieri sera mi sono ritrovato a riflettere (parola grossa): quand’è il momento in cui una tragedia può essere retrocessa da “fatto di cui tutti parlano” a “ricordo” fino a “Astori chi? Ah sì, lo sfortunatissimo capitano della Fiorentina…”? Fino a qualche anno fa era tutto dilatato, c’era il tempo di capire, analizzare, vinceva l’esigenza di “dire la cosa giusta” piuttosto che quella di “fottere gli altri sul tempo”, ci si portava dietro il dolore e decideva “lui” quando andare via. Oggi no. Oggi tutto scade più in fretta di uno yogurt nel reparto caldaie. Anche la morte di un capitano di 31 anni. E si cambia discorso. Badate bene, non siamo qui a fare le verginelle, sappiamo come funziona ed è normale che sia così: i tempi sono cambiati, bisogna andare avanti e nessuno aspetta nessuno a prescindere dalla “grandezza del dolore”. È normale, certo, almeno per le masse di commentatori, esperti, amici degli amici degli amici, appassionati del dolore (possibilmente “altrui”).
Poi ci sono quelli, pochi, a cui non basterà un turno di campionato rimandato per assorbire il colpo. Ci sono i famigliari, i compagni della Fiorentina, quelli che sono cresciuti con lui, gli amici veri, gente che non è apparsa e ha scelto di stare in silenzio perché non stava male come me e te, ma stava (e sta) male davvero.
Davide Astori è morto, io non lo conoscevo. Chi è cresciuto e ha vissuto una parte del cammino con lui ne ha parlato come di una persona straordinaria. A guardare tutte le foto che girano in queste ore, a sentire le sue parole, ti viene proprio da credere che questa volta, sul serio, se ne sia andato “un bravo ragazzo”. Da oggi (ma forse già da ieri) la nostra “partecipazione al dolore” scemerà per lasciar spazio ad altre “priorità”: gli ottavi di ritorno di Champions League, il campionato che torna, Il Var che funziona e non funziona, lo scudetto in bilico, le polemiche, il “non siamo ai Mondiali!”, la scelta del ct, il presidente federale “che ancora non c’è”, i diritti tv, i “cinesi maledetti!”, il fair-play finanziario, i bilanci, il calciomercato dei sogni e “lo prendiamo Messaldo? Eh? Lo prendiamo?”.
Ciao Davide e ciao a tutti quelli che - a differenza di molti di noi - non riusciranno a far scomparire il dolore con la stessa facilità con cui #Astori è scomparso dalla classifica dei trend topic su twitter.
Ps. Credo che questa sia la cosa più “seria” che io abbia mai scritto. Per questo metterà insieme la miseria di 3 clic. Viviamo in un’epoca “strana” (Twitter: @FBiasin).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Higuain al Chelsea e Piatek al Milan ormai ci siamo. Nell’operazione anche il ritorno di  Bertolacci al Genoa. Su Barella per giugno l’Inter di nuovo in pole position. Napoli, Lozano se in estate parte uno tra Mertens e Callejon 19.01 - Higuain al Chelsea, Piatek al Milan, Morata all’Atletico Madrid, Il gioco è fatto. Tutti gli incastri al posto giusto per un grande valzer di attaccanti. E allora andiamo a ricostruire quello che accadrà a breve. Higuain presto volerà a Londra per le visite mediche e si metterà a...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve-Milan falsata, l’ultimo scandalo. Con questo VAR aumentano solo le polemiche e non si fa giustizia. Banti, che delusione. Higuain, che vergogna. Piatek al Milan, che rischio. Icardi rinnoverà 18.01 - Gli arbitri italiani stanno diventando dei piccoli Tafazzi: sono riusciti nell’impresa ciclopica di falsare perfino una gara tutto sommato non complicata come la Supercoppa italiana e farsi ancora una volta travolgere dalle polemiche. Autolesionismo puro, incredibile ma vero, come...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...

Editoriale DI: Marco Conterio

La caccia al nuovo sogno mercato della Juventus passa dai conti. E dall'inevitabile partenza di un big. Icardi, decimo stipendio della A: con l'Inter è braccio di ferro economico 13.01 - Kylian Mbappè. Come sogno e come chimera. Come grande obiettivo, perché "adesso la Juventus deve puntare i nuovi Cristiano Ronaldo". E chi meglio del crack francese che col portoghese si scattava le foto da giovane e imberbe talento? Chi meglio di un giocatore che a Parigi non vive...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain e Morata situazione in evoluzione, ma il Milan punta a tenere il Pipita. Icardi-Inter vertice in settimana per trattare il rinnovo.  Juventus, dopo Ramsey ora è il turno di Romero. Per Barella continua il pressing di Chelsea e Napoli 12.01 - Sono giorni importanti per capire il futuro di Higuain e Morata. Le posizioni sono molto chiare. Sarri considera il Pipita l’uomo giusto per aumentare tantissimo il potenziale offensivo del Chelsea. Sta spingendo perché questa possa diventare un’ipotesi concreta fin da subito. Higuain...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri-Real Madrid: contatto. Icardi, fissato l’incontro per il rinnovo. I piani di Marotta per la firma. Pregiudizi su Wanda: fa solo il suo lavoro. Higuain vuole solo il Chelsea e mette in crisi Leonardo 11.01 - Non so se Max Allegri durante le recenti vacanze abbia davvero sposato Ambra come scrivono i giornali di gossip, so invece che ha ricevuto una telefonata da Florentino Perez. Auguri, certo, ma anche una nuova, decisa proposta per la panchina del Real Madrid. L’anno scorso la telefonata...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Icardi e il rinnovo, Higuain e il Chelsea. Le novità su Ramsey, il ritorno di Gabbiadini e le strategie del Napoli... 10.01 - L'ultimo colpo di giornata lo ha messo a segno la Sampdoria che riabbraccia Gabbiadini. Lo riporta in blucerchiato: operazione complessiva da 12 milioni di euro (3 di prestito e 9 per il riscatto obbligatorio più bonus legati alla qualificazione in Europa). La Samp non voleva lasciarsi...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->