HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Quello che nessuno dice su Marotta. Dai retroscena di Paratici al caso Nainggolan. A che punto si può parlare di esonero di Gattuso? I 60 milioni offerti dal Manchester United alla Juventus per Douglas Costa.

26.12.2018 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 91960 volte

Altro che serene feste. Mettere le giornate di campionato subito dopo Natale non provocherà solo incazzature in quei tifosi che vedranno le proprie squadre perdere, ma fa vivere ad alta tensione praticamente quasi tutte le squadre di Serie A, in un campionato dove praticamente finora solo in due riescono a sorridere pienamente.
E siccome quando ci sono i calci che volano nell’aria, l’Inter è campionessa nel metterci le faccia per prenderli sui denti, ecco allora l’esplosione del caso Nainggolan, proprio adesso che almeno i problemi disciplinari in questo anno e mezzo spallettiano sembravano uno dei pochi a essere risolti.
La decisione però di portare un po’ di mondo Juve (nel senso di ordine e gerarchia) in quello Inter da parte di Marotta - escludendo d’imperio Nainggolan - propone un’analisi che finora è stata fatta con estrema leggerezza. Forse qualcosa che nessuno ha avuto il coraggio, o la completezza di conoscenza, di dire.
Ovvero la domanda: che cosa ha preso l’Inter, prendendo Marotta?

Quello che Marotta non è - SI è detto che Marotta porta l’acume delle campagne acquisti vincenti dei sette scudetti della Juventus, dei colpi a sorpresa o a parametro zero. Errore, errore molto grosso. E guarda caso il primo a mettere le cose a posto è stato proprio Paratici, che in un’intervista ha detto che a scegliere i giocatori è stato sempre e solo lui, e non l’ex amministratore delegato.
Ora, magari Fabio Paratici si è fatto un pochino prendere da quella stessa dialettica che aveva trascinato le parole di Nedved sull’ex sodale, ma in verità non è andato così lontano dalla verità.
Tutti i colpi del mercato estero della Juventus, quelli che hanno cambiato la storia del calcio italiano degli ultimi anni, i Vidal, i Pogba, i Tevez etc. e ovviamente Cristiano Ronaldo, sono stati tutti totalmente fabbricati da Paratici. Dal punto di vista del mercato, a Marotta si devono di più quelli che hanno creato il gruppo storico dello scudetto, i Pirlo a parametro zero, le scelte sui Bonucci e Barzagli, ma dopo il primo biennio non è mai stato direttamente responsabile delle trattative juventine.
Se l’Inter ha preso Marotta per portarsi in casa la capacità di prendere grandi giocatori a prezzo d’occasione, o rapporti eccellenti nelle trattative con le ‘cancellerie’ dei grandi club europei, beh allora ha sbagliato dirigente da prelevare.
Due sono i grandi meriti di Marotta: fuori dal club, la creazione di un rapporto intenso tanto politico quanto economico con i club di seconda e terza fascia, che hanno creato quella rete di talenti di secondo piano che entra e esce dal controllo della Juventus, e crea valore nella politica di plusvalenze; fornendo da un lato una continua rendita per le casse bianconere, e dall’altro la possibilità di poter controllare il mercato italiano, facendo continua azione di disturbo sui concorrenti.
Una attività che però necessita di tempo, visto che Marotta non si è certo portato appresso i cartellini posseduti dalla Juventus.
Dentro il club invece, il merito di Marotta è invece stato la capacità di essere perfetto esecutore dal punto di vista sportivo dei desiderata di Andrea Agnelli, presidente sempre presente e negli anni sempre più presente, ma che per per tanto tempo ha visto il suo dg tradurre in ordine le sue volontà.
Questo sì, questo mancava all’Inter, questo potrebbe essere immediatamente utile: una sorta di “ingegneria gestionale” del club da parte di Marotta, che sembra essersi vista immediatamente con la decisione su Nainggolan.
Con una differenza però: pur essendo stato ab origine uomo scelto John Elkann, tuttavia Marotta nel tempo di Agnelli jr. è diventato perfetta estensione, uomo in totale comunione d’intenti e opere, e la sua autorità e autorevolezza nel club è stata tale perché non è stato mai vissuto come un mero esecutore, ma appunto come una continuazione del presidente (e chissà che proprio questo non l’abbia estromesso dalla Juve…).
Se all’Inter invece Marotta avrà una sommaria delega plenipotenziaria, ma senza un discreto però fermo e costante appoggio politico, allora l’autorità avrà poco effetto.
Sicuro che con Nainggolan si sia voluto immediatamente mandare un messaggio, faccia attenzione però Marotta: le scelte drastiche sono sempre dei punti di non ritorno e delle cambiali a scadenza, non si possono replicare. Sono una sorta di jolly con cui uno si gioca tutto: o sani il rapporto, oppure lo rompi definitivamente.
E all’Inter importa che le situazioni migliorino, non fare la faccia brutta fine a sé stessa.
Se la decisione drastica su Nainggolan (anziché una politica più silenziosa come avvenuto alla Juventus con Vidal e Pogba) avrà come risultato quello di smorzare il suo rendimento, o provocarne l’addio, allora usare il pugno duro con il belga sarà valso come darselo da soli in faccia.
Intanto, contro il Napoli non ci sarà Nainggolan, ed è un dato di fatto che finora con lui in campo l’Inter si era sempre impossessata delle partite (anche con il Chievo, il pareggio è arrivato solo quando lui era già uscito). Occhio a fare la voce grossa…

Quello che non si dice su Gattuso Detto che spiace umanamente parlare della possibilità che qualcuno perda il lavoro in un periodo simile dell’anno, e spiace ancora di più farlo per una persona che non è possibile non adorare come Rino Gattuso, detto ciò però va riconosciuto che il Milan sembra solo perdere tempo nel considerare se sia il caso che Gattuso possa o non possa essere esonerato.
I 6 punti con Frosinone e Spal sono la chiave. Giusto. Ma guardate che cosa è stato questo anno di Milan gattusiano, o meglio gli ultimi sei mesi della nuova stagione.
Il Milan avrà giocato bene circa tre partite in Serie A in questo campionato, con un organico che già da un anno lavora assieme, e con l’aggiunta di uno da 150 gol nelle ultime 5 stagioni come Higuain.
Nel frattempo Higuain è alla sesta partita consecutiva senza segnare in campionato, una serie negativa seconda solo alle 8 con il Napoli nel 2014.
Il gioco nell’ultimo mese è stato sconcertante. E non che prima avesse brillato, vedi la sconfitta morale prima ancora che di gioco nel derby.
Ma le tre partite senza gol sono scioccanti per una squadra come il Milan: non accadeva da 17 anni, dall’esonero di Terim (dopo il quale arrivò Ancelotti…).
Delle tre partite, la più ineffabile rimane lo 0-0 contro il Bologna, senza aver creato mezza occasione contro la squadra che forse gioca peggio in Italia.
Lo spirito di Wenger aleggia su Milanello, grazie al rapporto quasi simbiotico che l’allenatore francese vantava all’Arsenal con Gazidis, ma ci sono delle riserve da parte dell’entraineur sulla capacità di mercato a seguito alle ristrettezze imposte dalla sanzione Uefa.
Ma visto che il quarto posto è vitale, se questo è il trend di prestazione con Gattuso, sicuri che avere un interim che faccia un lavoro di normalizzazione (stile Pioli all’Inter due anni fa) non valga la pena?

Dulcis in Douglas - Dulcis in fundo, il mercato scalda i motori con l’offerta da 60 milioni del Manchester United per Douglas Costa. Obiettivo già individuato da Mourinho, e che è stato ribadito per dare un po’ di freschezza a Solskjaer. La Juve potrebbe pensarci la prossima estate, ma a gennaio non avrebbe senso, tanto più che la plusvalenza da 15 milioni non sarebbe nemmeno così trascendentale. Insomma, questo vento di novità lo United dovrà probabilmente farlo spirare da qualche altra parte…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...

Editoriale DI: Marco Conterio

La caccia al nuovo sogno mercato della Juventus passa dai conti. E dall'inevitabile partenza di un big. Icardi, decimo stipendio della A: con l'Inter è braccio di ferro economico 13.01 - Kylian Mbappè. Come sogno e come chimera. Come grande obiettivo, perché "adesso la Juventus deve puntare i nuovi Cristiano Ronaldo". E chi meglio del crack francese che col portoghese si scattava le foto da giovane e imberbe talento? Chi meglio di un giocatore che a Parigi non vive...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain e Morata situazione in evoluzione, ma il Milan punta a tenere il Pipita. Icardi-Inter vertice in settimana per trattare il rinnovo.  Juventus, dopo Ramsey ora è il turno di Romero. Per Barella continua il pressing di Chelsea e Napoli 12.01 - Sono giorni importanti per capire il futuro di Higuain e Morata. Le posizioni sono molto chiare. Sarri considera il Pipita l’uomo giusto per aumentare tantissimo il potenziale offensivo del Chelsea. Sta spingendo perché questa possa diventare un’ipotesi concreta fin da subito. Higuain...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri-Real Madrid: contatto. Icardi, fissato l’incontro per il rinnovo. I piani di Marotta per la firma. Pregiudizi su Wanda: fa solo il suo lavoro. Higuain vuole solo il Chelsea e mette in crisi Leonardo 11.01 - Non so se Max Allegri durante le recenti vacanze abbia davvero sposato Ambra come scrivono i giornali di gossip, so invece che ha ricevuto una telefonata da Florentino Perez. Auguri, certo, ma anche una nuova, decisa proposta per la panchina del Real Madrid. L’anno scorso la telefonata...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Icardi e il rinnovo, Higuain e il Chelsea. Le novità su Ramsey, il ritorno di Gabbiadini e le strategie del Napoli... 10.01 - L'ultimo colpo di giornata lo ha messo a segno la Sampdoria che riabbraccia Gabbiadini. Lo riporta in blucerchiato: operazione complessiva da 12 milioni di euro (3 di prestito e 9 per il riscatto obbligatorio più bonus legati alla qualificazione in Europa). La Samp non voleva lasciarsi...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Godinopoli: l’Inter sta per fregare la Juventus per la prima volta dopo tanti anni, soffiandole Godin. Il messaggio di Marotta alla Juventus è chiaro. Skriniar: il Manchester United c’è, il rinnovo no 09.01 - La tentazione è davvero tanta per non usare questa parola, e come diceva Oscar Wilde: “Posso resistere a tutto, tranne che alle tentazioni”. E’ Godinopoli: il colpo che l’Inter sta portando a termine, concludendo l’acquisto di Diego Godin, è un cambio epocale nella storia minima...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Quanti nomi attorno all'Inter, ma solo al prezzo giusto (con due parole su Robben). Juve, Ronaldo porta Ramsey. E Ramsey porta... W il mercato, anche se a gennaio vince sempre... il fairplay finanziario 08.01 - Buon Natale a te e famiglia. Così, a sorpresa. La depressione da rientro post-feste renderà questo editoriale più sconclusionato del solito. Io vi ho avvusato. Con la "u", avvusato. Il rientro dalle feste natalizie è uno schifo perché ti senti grasso e quando torni a casa c'è...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->