HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Calciomercato di Serie A in chiusura: qual è il vostro flop tra le big?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Inter
  Lazio
  Milan

La Giovane Italia
Editoriale

Qui Radio Mosca: perché è un Mondiale come non si vedeva da Argentina 78? Dalla Russia ecco cosa sta succedendo nel e attorno al Mondiale. Di cosa deve avere paura il Brasile, in cosa deve sperare l’Argentina

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
13.06.2018 06:29 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 15469 volte

Qui Radio Mosca: benvenuti in Russia. Da oggi e per il prossimo mese ogni mercoledì proverò a portarvi le sensazioni che si vivono qui al Mondiale, provando a dirvi quello che non si vede davanti alle telecamere o sulla carta stampata. Doverosa promessa: in questo spazio saranno banditi i piagnistei per la nostra assenza, e ovviamente bandito anche il nome di Ventura (chi?), ché quanto faccia male non esserci lo sappiamo e non lo dimenticheremo mai, e dunque a nulla serve ricordarlo.
Vi scrivo da una Mosca che ha appena esploso nel cielo i fuochi d’artificio per la Festa Nazionale della Russia, ed è sembrato davvero come un inspirare collettivo per emettere l’urlo tra 48 ore per l’inizio della festa. Molti mi hanno chiesto se i russi credono nella loro nazionale, sulla carta la peggior squadra di sempre di un paese ospitante. La verità è che quasi passa in secondo piano: l’emozione qua è per qualcosa di unico che non si era mai visto: il mondo che arriva in Russia.

Era successo solo un paio di volte, con due campagne d’inverno, e tra esercito francese e tedesco sappiamo com’era andata a finire. Ma guardate che veramente questo Mondiale è qualcosa di epocale per la Russia. Pensateci bene: mai avevano accolto il mondo a casa loro, una possibilità che praticamente ti offrono solo Mondiali e Olimpiadi estive (non certo quelle invernali, peraltro tenute in un posto poco sopra la Turchia come Sochi). Perché la Russia aveva ospitato le Olimpiadi nel 1980, ma erano state quelle del boicottaggio dell’Ovest, quindi altro che unire i popoli, erano stati l’occasione della divisione. Ed è qualcosa di epocale perché la Russia e il popolo russo sono un mondo a parte: ai vasti confini del quale il mondo si ferma, un popolo che non parla praticamente inglese, nemmeno tra i giovani, un popolo che ha una lingua inaccessibile a un livello di prima comprensione, un popolo che perfino legge in maniera differente le lettere dell’alfabeto.
I russi conoscono per la prima volta il mondo a casa loro, tutto il resto è solo felicità che si può aggiungere.

Ma anche sportivamente è un Mondiale se non inedito, quantomeno atipico. Come non si vedeva da tempo, da Argentina 78 più precisamente. Perché? Perché è la prima volta che si parte senza un reale favorito netto. Nell’ordine i favoriti sulla carta negli ultimi 40 anni erano stati:

Spagna82 = Brasile
Argentina86 = Germania
Italia90 = Germania
Usa94 = Brasile
Francia98 = Francia
CoreaGiappone2002 = Brasile
Germania2006 = Brasile
Sudafrica2010 = Spagna
Brasile2014 = Brasile

Stavolta, pur avendo ancora il Brasile un piccolo vantaggio, in verità ci sono 5/6 squadre tutte grossomodo allo stesso livello. Situazione davvero anomala per i Mondiali, e che sembra replicare la Champions di quest’anno. Dove, nonostante alla fine abbia vinto la solita nota, però nel corso della stagione pure si avevano 5/6 squadre allo stesso livello, caso rarissimo nella Champions.
Appunto con quella mezza incollatura di vantaggio il Brasile deve temere le troppe carezze da campione in pectore, che fiaccano la fame. Tuttavia ha un uomo chiave che quasi nessuno si può permettere: e non parlo di Neymar, ma di Tite, il ct che 2 anni fa li prese sull’orlo della non qualificazione, e li ha lanciati in orbita.
Di colpo invece, soprattutto dopo l’1-6 con l’Argentina, nessuno crede più nell’Albiceleste. Bene, non io, e mi lancio: la mia favorita è l’Argentina. Nonostante tutti i problemi: sia perché è il Messi più intelligente di sempre, e non voglio credere che possa finire la sua storia ai Mondiali senza niente; sia perché Sampaoli è un grande ct, umile e acuto, e che è vero che ha sbagliato tutto finora, ma ha dimostrato in carriera di essere un fuoriclasse, capace anche di rompere gli incantesimi: l’Argentina infatti viene da 5 finali perse consecutive, record assoluto nella storia del calcio per nazionali. Il precedente record, 4 finali perse consecutive, apparteneva al Cile, una serie spezzata proprio da Sampaoli…

E occhio perché si pensa già ai Mondiali dopo, anzi quelli dopo Qatar 2022. Oggi si tiene il Congresso Fifa, e si voterà per l’assegnazione dei Mondiali del 2026. Si voterà come fosse l’Eurofestival: Infantino ha tolto al Comitato Esecutivo dei 20 la possibilità di assegnare il Mondiale, dando la votazione ai 211 paesi confederati, e la votazione sarà immediatamente visibile, con tanto di trasparenza su chi ha votato chi, proprio come nell’Eurofestival.
Comunque vada, sarà una assegnazione di portata storica.
Due le proposte: se vincerà l’organizzazione Usa-Messico-Canada, per la prima volta avremmo un Mondiale con 3 paesi ospitanti, e con il Messico che stabilisce il record di 3 Mondiali ospitati.
Se vincerà invece il Marocco, sarà un terremoto politico: la candidatura marocchina ha registrato la metà dei punteggi nella valutazione dei suoi dossier, ma nell’ambito della guerra Fifa-Uefa sta erodendo voti necessari alle tre americane.
E badate bene: in un tweet del 30 aprile, Donald Trump ha avvertito i paesi partner commerciali degli Usa di ritorsioni economiche in caso di voto non dato agli ‘amici’ Stati Uniti.
Insomma chiunque sia a vincere, questa vigilia dell’inizio del Mondiale ce la ricorderemo a lungo…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: mercato con (doppia) sorpresa, ma occhio a Nedved... Inter: dopo il settimo (Keita) c'è una certezza. Milan: 2 colpi in 4 giorni, l'impresa di Leonardo. Napoli: il "complesso" di De Laurentiis 14.08 - Ciao. C'è il fuso. Son dall'altra parte del mondo. Al mare. È un posto strano. Qui, per dire, è nuvoloso da 4 giorni. Sapete quando sono arrivato? Quattro giorni fa. Il fuso è devastante. Soprattutto se vuoi stare al passo con le robe del mercato. Per questo metto tanti punti. Almeno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

De Laurentiis, 5 giorni per dare un senso a questo mercato. Milan, sessione intelligente. L’Inter dietro la Juve. Volevate il Commissario? Era meglio Montalbano… 13.08 - Cinque giorni e poi sarà tutto finito. L’assurdità di chiudere il calciomercato il 17 agosto, alle ore 20.00, lascerà tanti cadaveri sulla riva del fiume. Lo scriviamo da mesi, adesso, molti club di serie A iniziano a capire la fesseria di seguire Marotta nell’unica sciocchezza fatta,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il mondo dorato di CR7 e quello sommerso dei Tribunali, dove vige il tutti contro tutti. Tra udienze, sentenze e ricorsi B e C sono in pieno caos. E anche la Serie A non può dirsi tranquilla 12.08 - E' un'estate strana, particolare. Senza dubbio unica quella che tra meno di una settimana - per gli operatori di calciomercato - chiuderà i battenti. Non sono mancate le notizie, né i colpi di scena. Sono stati mesi che hanno riportato una manciata di club italiani a sedere di nuovo...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ore decisive per il futuro di Modric. Inter, fatta per Keita. Il Milan pronto a chiudere per Bakayoko. Ochoa in pole per il Napoli, occhio anche a Tatarusanu. 11.08 - Luka Modric, l’Inter e il Real Madrid. Sono ore decisive per il futuro del centrocampista croato vice campione del mondo, che vorrebbe andare all’Inter, anche se non è intenzionato ad arrivare ai ferri corti con Florentino Perez. Il numero uno del Real non cede. Anzi in Spagna sono...

EditorialeDI: Luca Serafini

I colpi di Leo, il ruolo di Paolo, il lavoro di Rino: notte prima degli esami 10.08 - Tra una settimana è campionato. Possiamo davvero dire che l’estate è volata, sotto questa cappa di afa con ventate di grande ottimismo. Di meritato sollievo. Mi fanno ridere i censori del ruolo di Paolo Maldini, come se avere una figura di riferimento così autorevole non fosse già...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Modric ancora attesa, Keita si tratta ad oltranza. Bakayoko convinto ora si fa sul serio. Portieri Napoli e quello del Chievo. Ultima settimana... 09.08 - Doveva essere il Modric-day, nel bene o nel male, ma si è trasformato in un altro giorno di attesa. Tutto rinviato a data da destinarsi, forse venerdì, visto che le prossime ore saranno quelle di Cortouis e che Florentino non vorrà togliere la scena al suo portiere con la grana Modric....

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Modric-Inter: è il D-Day. Ecco perché tutti i fattori esterni sono contro l’Inter (diversamente da come erano stati tutti a favore della Juve con Cristiano). Pogba-Barcellona: dipende da Lotito… 08.08 - E’ arrivato il giorno in cui l’Inter saprà se può tornare a sognare l’impossibile, come non le accadeva dai tempi del Triplete. Nonché in cui la Serie A può scoprire se davvero le cose hanno già cominciato a cambiare a livello sistemico, o se il locomotore Juventus tira ancora il...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: in attesa del "miracolo Modric" si punta a Keita! Juve: altro tassello in arrivo al centro. Milan: attenzione, Leonardo ha un segreto... Napoli: 10 giorni per risolvere un equivoco 07.08 - Ciao. Mancano 10 giorni alla chiusura del mercato poi, purtroppo, inizierà il campionato. Il campionato non interessa a nessuno. A tutti interessa il mercato. “Chi arriva?”. “Ne prendiamo due?”. “La pista è calda?”. Queste cose qui. Pochissimi si chiedono “dove giocherà?” o “ha senso...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Higuain e Caldara boom ma a Leo non basta. De Laurentiis si scrive le regole da solo. Belotti ad un bivio: ora o mai più. Un'estate italiana: la solita pagliacciata 06.08 - E' stata la settimana del diavolo. Tifosi che tornano a sognare e sperare dopo il bluff Lì. L'arrivo di Elliott è servito almeno a fare chiarezza sulla strategia futura della società. Avere un proprietario come fondo non è il massimo ma, almeno, conosciamo la mission. Rivalutare squadra...

EditorialeDI: Andrea Losapio

MIlan-Juve, scambio da sogno. Le scuse per Vidal, l'incredibile Modric. E il Napoli che ne prende 5 a Liverpool 05.08 - È stata una grande settimana di mercato. Tra Gonzalo Higuain, Mattia Caldara e Leonardo Bonucci, tre protagonisti inconsapevoli di questo mercato, almeno fino a inizio luglio. Higuain poteva finire sul mercato dopo qualche incomprensione con Allegri - e la panchina nella finale di...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy