HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?
  Barcellona
  Juventus
  Manchester United
  Liverpool
  Manchester City
  Ajax
  Porto
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Qui Radio Mosca: perché è un Mondiale come non si vedeva da Argentina 78? Dalla Russia ecco cosa sta succedendo nel e attorno al Mondiale. Di cosa deve avere paura il Brasile, in cosa deve sperare l’Argentina

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
13.06.2018 06:29 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 15478 volte

Qui Radio Mosca: benvenuti in Russia. Da oggi e per il prossimo mese ogni mercoledì proverò a portarvi le sensazioni che si vivono qui al Mondiale, provando a dirvi quello che non si vede davanti alle telecamere o sulla carta stampata. Doverosa promessa: in questo spazio saranno banditi i piagnistei per la nostra assenza, e ovviamente bandito anche il nome di Ventura (chi?), ché quanto faccia male non esserci lo sappiamo e non lo dimenticheremo mai, e dunque a nulla serve ricordarlo.
Vi scrivo da una Mosca che ha appena esploso nel cielo i fuochi d’artificio per la Festa Nazionale della Russia, ed è sembrato davvero come un inspirare collettivo per emettere l’urlo tra 48 ore per l’inizio della festa. Molti mi hanno chiesto se i russi credono nella loro nazionale, sulla carta la peggior squadra di sempre di un paese ospitante. La verità è che quasi passa in secondo piano: l’emozione qua è per qualcosa di unico che non si era mai visto: il mondo che arriva in Russia.

Era successo solo un paio di volte, con due campagne d’inverno, e tra esercito francese e tedesco sappiamo com’era andata a finire. Ma guardate che veramente questo Mondiale è qualcosa di epocale per la Russia. Pensateci bene: mai avevano accolto il mondo a casa loro, una possibilità che praticamente ti offrono solo Mondiali e Olimpiadi estive (non certo quelle invernali, peraltro tenute in un posto poco sopra la Turchia come Sochi). Perché la Russia aveva ospitato le Olimpiadi nel 1980, ma erano state quelle del boicottaggio dell’Ovest, quindi altro che unire i popoli, erano stati l’occasione della divisione. Ed è qualcosa di epocale perché la Russia e il popolo russo sono un mondo a parte: ai vasti confini del quale il mondo si ferma, un popolo che non parla praticamente inglese, nemmeno tra i giovani, un popolo che ha una lingua inaccessibile a un livello di prima comprensione, un popolo che perfino legge in maniera differente le lettere dell’alfabeto.
I russi conoscono per la prima volta il mondo a casa loro, tutto il resto è solo felicità che si può aggiungere.

Ma anche sportivamente è un Mondiale se non inedito, quantomeno atipico. Come non si vedeva da tempo, da Argentina 78 più precisamente. Perché? Perché è la prima volta che si parte senza un reale favorito netto. Nell’ordine i favoriti sulla carta negli ultimi 40 anni erano stati:

Spagna82 = Brasile
Argentina86 = Germania
Italia90 = Germania
Usa94 = Brasile
Francia98 = Francia
CoreaGiappone2002 = Brasile
Germania2006 = Brasile
Sudafrica2010 = Spagna
Brasile2014 = Brasile

Stavolta, pur avendo ancora il Brasile un piccolo vantaggio, in verità ci sono 5/6 squadre tutte grossomodo allo stesso livello. Situazione davvero anomala per i Mondiali, e che sembra replicare la Champions di quest’anno. Dove, nonostante alla fine abbia vinto la solita nota, però nel corso della stagione pure si avevano 5/6 squadre allo stesso livello, caso rarissimo nella Champions.
Appunto con quella mezza incollatura di vantaggio il Brasile deve temere le troppe carezze da campione in pectore, che fiaccano la fame. Tuttavia ha un uomo chiave che quasi nessuno si può permettere: e non parlo di Neymar, ma di Tite, il ct che 2 anni fa li prese sull’orlo della non qualificazione, e li ha lanciati in orbita.
Di colpo invece, soprattutto dopo l’1-6 con l’Argentina, nessuno crede più nell’Albiceleste. Bene, non io, e mi lancio: la mia favorita è l’Argentina. Nonostante tutti i problemi: sia perché è il Messi più intelligente di sempre, e non voglio credere che possa finire la sua storia ai Mondiali senza niente; sia perché Sampaoli è un grande ct, umile e acuto, e che è vero che ha sbagliato tutto finora, ma ha dimostrato in carriera di essere un fuoriclasse, capace anche di rompere gli incantesimi: l’Argentina infatti viene da 5 finali perse consecutive, record assoluto nella storia del calcio per nazionali. Il precedente record, 4 finali perse consecutive, apparteneva al Cile, una serie spezzata proprio da Sampaoli…

E occhio perché si pensa già ai Mondiali dopo, anzi quelli dopo Qatar 2022. Oggi si tiene il Congresso Fifa, e si voterà per l’assegnazione dei Mondiali del 2026. Si voterà come fosse l’Eurofestival: Infantino ha tolto al Comitato Esecutivo dei 20 la possibilità di assegnare il Mondiale, dando la votazione ai 211 paesi confederati, e la votazione sarà immediatamente visibile, con tanto di trasparenza su chi ha votato chi, proprio come nell’Eurofestival.
Comunque vada, sarà una assegnazione di portata storica.
Due le proposte: se vincerà l’organizzazione Usa-Messico-Canada, per la prima volta avremmo un Mondiale con 3 paesi ospitanti, e con il Messico che stabilisce il record di 3 Mondiali ospitati.
Se vincerà invece il Marocco, sarà un terremoto politico: la candidatura marocchina ha registrato la metà dei punteggi nella valutazione dei suoi dossier, ma nell’ambito della guerra Fifa-Uefa sta erodendo voti necessari alle tre americane.
E badate bene: in un tweet del 30 aprile, Donald Trump ha avvertito i paesi partner commerciali degli Usa di ritorsioni economiche in caso di voto non dato agli ‘amici’ Stati Uniti.
Insomma chiunque sia a vincere, questa vigilia dell’inizio del Mondiale ce la ricorderemo a lungo…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Icardi-Inter: telenovela finita? E un altro cambio in panchina: le difficoltà di un progetto 21.03 - Potremmo essere arrivati alla fine. Sicuramente alla fine delle cure. Icardi scende dal lettino delle cure fisioterapiche al ginocchio (day35) e dovrebbe essere guarito. Si allenerà con il gruppo, salvo sorprese. Si allenerà in realtà con quello che rimane del gruppo visto che molti...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Dybala ha detto no all’Inter! Ecco i dettagli. La Juventus può perderlo, ma ecco le squadre in Premier per Paulo. Real Madrid insiste per Icardi, e venerdì è lcardi-day: quello che succederà, da cui dipende il futuro 20.03 - Essere interista non è mai normale, come recita lo stesso inno nerazzurro. E così può capitare che al giovedì ti umilino in casa in Europa League, e poi alla domenica tu giochi uno dei derby più gagliardi degli ultimi anni e in una delle condizioni più difficili. Allo stesso modo,...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve vs. Uefa: la decisone su Ronaldo (e quella già presa a prescindere). Inter: i 5 segreti di una battaglia vinta col cuore (e l'incontro pre-derby di Icardi). Milan: su Gattuso il solito banco degli imputati (con un’incredibile compagnia) 19.03 - Complimenti per la trasmissione. La differenza tra la pausa per la nazionale e la pausa per la nazionale dopo una vittoria è che ti rompi le balle lo stesso, ma con una bella faccia di tolla stampata sul volto. Il qui scrivente c’ha la faccia di tolla, perché temeva di essere suonato...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Le scuse ad Allegri e le scuse di Spalletti: trova la differenza. Napoli, la strada per essere grande si fa in salita. Bologna, Sinisa ha smontato la testa. Gravina-Brunelli-De Siervo, asse contro Di Maio che vuole far perdere al calcio 2 miliardi 18.03 - La Toscana non è uguale in tutte le sue città. Firenze non è Livorno, Siena non è Pisa e Forte dei Marmi non è Grosseto. Ognuna di queste ha le sue bellezze. Anche i toscani sono diversi tra di loro. Ci sono quelli simpatici che fanno ridere e quelli che vogliono fare i simpatici...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il Mondo capovolto: la Juve clamorosamente tra le grandi favorite Champions. Ajax, talenti e delusioni cocenti. Messi o Cristiano Ronaldo? Lo scontro possibile e il derby di oggi. Tutto di un altro pianeta 17.03 - Adesso che il cerchio si stringe, su Tuttomercatoweb.com abbiamo aperto il sondaggio che di per se ha poco d'originale, tanto di banale ma che ha il gran dubbio della risposta finale. "Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?". Otto opzioni, di fatto i lettori ne stanno votando,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli: Insigne, Koulibaly e Allan restano. Per il centrocampo c’è Fornals, in attacco Lozano prima scelta. Per il futuro di Allegri bisogna aspettare ancora, Conte e Deschamps nomi da monitorare. Il Real ripensa a Milinkovic Savic 16.03 - I motori si stanno scaldando. La Primavera in arrivo sta accendendo il mercato. Il Napoli è sempre molto attivo. Ancelotti e la società sono convinti di poter crescere ancora e per questo l’obiettivo è tenere tutti i big. Non c’è alcuna volontà di prendere in considerazione offerte...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter fuori dall’Europa paga caro il caso-Icardi. Un capitano vero avrebbe giocato. Zhang furioso lo vuole sul mercato. Derby ad alto rischio. Spalletti via, Conte ha chiesto tempo. Il caso Mourinho. 15.03 - L’Europa League era uno degli obiettivi stagionali, ora per non fallire completamente la stagione, all’Inter non resta che la caccia alla Champions, con il Derby alle porte, in un momento complicatissimo. Questa situazione drammatica è il frutto amaro del caso Icardi che da oltre...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Una Champions da sballo e il dominio inglese. L’orgoglio italiano di Napoli e Inter e la rivoluzione in casa Real 14.03 - Ora abbiamo le favolose 8 d’Europa. E nei giorni in cui si discute tantissimo della Brexit, le squadre della Premier danno un chiaro indirizzo: in Champions vogliono dettare loro la legge. L’ultima volta che si era verificato un evento del genere era esattamente 10 anni fa: Arsenal,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Attenzione Icardi: contatto e offerta Real Madrid! E nel frattempo l’Inter proibisce l’incontro con Zhang Hanno ucciso Allegri. Allegri è vivo! Come può non essere la Juventus la favorita della Champions? 13.03 - Juve da Champions negli occhi di tutti, ma c’è la precedenza al notizione su Icardi. E anche se incombe il derby e l’attualità, attenzione alla novità. Nella giornata di lunedì il Real Madrid (proprio nelle stesse ore dell'arrivo di Zidane) ha contattato l’entourage di Icardi. Un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la scelta di Zidane e il futuro di Allegri… nel giorno del giudizio. Inter: la pace solo a parole tra Icardi e Spalletti. Roma: c’è un vero, grande acquisto 12.03 - La prima cosa che mi viene da scrivere è che Zidane è tutto tranne che rincoglionito. I rincoglioniti non sanno scegliere il momento giusto, lui ha mollato Madrid un anno fa, ha capito che questa per gli amici spagnoli sarebbe stata una stagione fetente, si è fatto l’anno sabbatico...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510