HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Editoriale

Qui Radio Mosca: perché è un Mondiale come non si vedeva da Argentina 78? Dalla Russia ecco cosa sta succedendo nel e attorno al Mondiale. Di cosa deve avere paura il Brasile, in cosa deve sperare l’Argentina

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
13.06.2018 06:29 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 15476 volte

Qui Radio Mosca: benvenuti in Russia. Da oggi e per il prossimo mese ogni mercoledì proverò a portarvi le sensazioni che si vivono qui al Mondiale, provando a dirvi quello che non si vede davanti alle telecamere o sulla carta stampata. Doverosa promessa: in questo spazio saranno banditi i piagnistei per la nostra assenza, e ovviamente bandito anche il nome di Ventura (chi?), ché quanto faccia male non esserci lo sappiamo e non lo dimenticheremo mai, e dunque a nulla serve ricordarlo.
Vi scrivo da una Mosca che ha appena esploso nel cielo i fuochi d’artificio per la Festa Nazionale della Russia, ed è sembrato davvero come un inspirare collettivo per emettere l’urlo tra 48 ore per l’inizio della festa. Molti mi hanno chiesto se i russi credono nella loro nazionale, sulla carta la peggior squadra di sempre di un paese ospitante. La verità è che quasi passa in secondo piano: l’emozione qua è per qualcosa di unico che non si era mai visto: il mondo che arriva in Russia.

Era successo solo un paio di volte, con due campagne d’inverno, e tra esercito francese e tedesco sappiamo com’era andata a finire. Ma guardate che veramente questo Mondiale è qualcosa di epocale per la Russia. Pensateci bene: mai avevano accolto il mondo a casa loro, una possibilità che praticamente ti offrono solo Mondiali e Olimpiadi estive (non certo quelle invernali, peraltro tenute in un posto poco sopra la Turchia come Sochi). Perché la Russia aveva ospitato le Olimpiadi nel 1980, ma erano state quelle del boicottaggio dell’Ovest, quindi altro che unire i popoli, erano stati l’occasione della divisione. Ed è qualcosa di epocale perché la Russia e il popolo russo sono un mondo a parte: ai vasti confini del quale il mondo si ferma, un popolo che non parla praticamente inglese, nemmeno tra i giovani, un popolo che ha una lingua inaccessibile a un livello di prima comprensione, un popolo che perfino legge in maniera differente le lettere dell’alfabeto.
I russi conoscono per la prima volta il mondo a casa loro, tutto il resto è solo felicità che si può aggiungere.

Ma anche sportivamente è un Mondiale se non inedito, quantomeno atipico. Come non si vedeva da tempo, da Argentina 78 più precisamente. Perché? Perché è la prima volta che si parte senza un reale favorito netto. Nell’ordine i favoriti sulla carta negli ultimi 40 anni erano stati:

Spagna82 = Brasile
Argentina86 = Germania
Italia90 = Germania
Usa94 = Brasile
Francia98 = Francia
CoreaGiappone2002 = Brasile
Germania2006 = Brasile
Sudafrica2010 = Spagna
Brasile2014 = Brasile

Stavolta, pur avendo ancora il Brasile un piccolo vantaggio, in verità ci sono 5/6 squadre tutte grossomodo allo stesso livello. Situazione davvero anomala per i Mondiali, e che sembra replicare la Champions di quest’anno. Dove, nonostante alla fine abbia vinto la solita nota, però nel corso della stagione pure si avevano 5/6 squadre allo stesso livello, caso rarissimo nella Champions.
Appunto con quella mezza incollatura di vantaggio il Brasile deve temere le troppe carezze da campione in pectore, che fiaccano la fame. Tuttavia ha un uomo chiave che quasi nessuno si può permettere: e non parlo di Neymar, ma di Tite, il ct che 2 anni fa li prese sull’orlo della non qualificazione, e li ha lanciati in orbita.
Di colpo invece, soprattutto dopo l’1-6 con l’Argentina, nessuno crede più nell’Albiceleste. Bene, non io, e mi lancio: la mia favorita è l’Argentina. Nonostante tutti i problemi: sia perché è il Messi più intelligente di sempre, e non voglio credere che possa finire la sua storia ai Mondiali senza niente; sia perché Sampaoli è un grande ct, umile e acuto, e che è vero che ha sbagliato tutto finora, ma ha dimostrato in carriera di essere un fuoriclasse, capace anche di rompere gli incantesimi: l’Argentina infatti viene da 5 finali perse consecutive, record assoluto nella storia del calcio per nazionali. Il precedente record, 4 finali perse consecutive, apparteneva al Cile, una serie spezzata proprio da Sampaoli…

E occhio perché si pensa già ai Mondiali dopo, anzi quelli dopo Qatar 2022. Oggi si tiene il Congresso Fifa, e si voterà per l’assegnazione dei Mondiali del 2026. Si voterà come fosse l’Eurofestival: Infantino ha tolto al Comitato Esecutivo dei 20 la possibilità di assegnare il Mondiale, dando la votazione ai 211 paesi confederati, e la votazione sarà immediatamente visibile, con tanto di trasparenza su chi ha votato chi, proprio come nell’Eurofestival.
Comunque vada, sarà una assegnazione di portata storica.
Due le proposte: se vincerà l’organizzazione Usa-Messico-Canada, per la prima volta avremmo un Mondiale con 3 paesi ospitanti, e con il Messico che stabilisce il record di 3 Mondiali ospitati.
Se vincerà invece il Marocco, sarà un terremoto politico: la candidatura marocchina ha registrato la metà dei punteggi nella valutazione dei suoi dossier, ma nell’ambito della guerra Fifa-Uefa sta erodendo voti necessari alle tre americane.
E badate bene: in un tweet del 30 aprile, Donald Trump ha avvertito i paesi partner commerciali degli Usa di ritorsioni economiche in caso di voto non dato agli ‘amici’ Stati Uniti.
Insomma chiunque sia a vincere, questa vigilia dell’inizio del Mondiale ce la ricorderemo a lungo…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Berlusconi e il Milan di Gattuso. Ad Allegri manca solo un tetto. Marotta-Inter, non avrebbe senso. Io voto Gravina perché.... 15.10 - Quando c'è la pausa campionato è un disastro. Non sai cosa scrivere e devi inventare storie, raccogliere notizie e parlare di mercato anche quando non c'è. Per fortuna, in questa domenica pomeriggio, Silvio Berlusconi su Sportitalia (durante Monza-Triestina) ci ha dato diversi spunti...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La pausa degli esoneri e dei primi acquisti per gennaio. Pungiball Ventura, ma il Chievo ha fatto benissimo. Finalmente c'è la formazione: ora Mancini segua il consiglio di Sarri 14.10 - Lo sport Nazionale degli ultimi undici mesi è stato insultare Gian Piero Ventura. Non è stato solo il colpevole dell'eliminazione dell'Italia dal Mondiale, ma dallo scorso 13 novembre di qualsivoglia problema. L'aumento dello spread? E' colpa di Ventura. Il surroscaldamento globale?...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Conte ipotesi concreta per il Real, Florentino pronto a tutto per avere anche Hazard. Milan, che colpo Paquetà. Under verso il rinnovo fino al 2023. Napoli a breve l’accordo con Zielinski, per gennaio non sono previste operazioni in entrata 13.10 - Lopetegui, Conte, Real e Chelsea. Il mese di ottobre potrebbe regalarci un’altra interessante rivoluzione in panchina. Florentino Perez non è soddisfatto del rendimento del suo allenatore, fortemente voluto in estate dopo l’addio di Zidane e ora sta pensando in maniera concreta ad...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ronaldo, una vergogna. In certi casi è vietato tifare. Juve su James Rodriguez e Rabiot. Milan, dopo Paquetà tutto su Barella. Derby con l’Inter per Ramsey 12.10 - Attorno alla vicenda personalissima che coinvolge Cristiano Ronaldo stiamo scrivendo un’altra pagina imbarazzante. E dico poco. Fatevi questa domanda: avete elementi seri che vi possano far pensare che Cristiano Ronaldo sia colpevole di stupro? La risposta sensata, quasi obbligata,...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Milan: un colpo in Brasile. Leicester: in arrivo un italiano, faceva il cameriere! E una Nazionale che non decolla... 11.10 - Il Milan ha praticamente preso Paquetà, il primo colpo di Leonardo. Nella notte italiana, Globo Esporte aveva lanciato l'indiscrezione. Nel corso della giornata le conferme. Accordo raggiunto tra Milan e Flamengo per il centrocampista offensivo brasiliano classe '97. Il ragazzo arriverà...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Incredibile Cristiano! Si sente perseguitato dalla Uefa, e ha deciso di boicottare la Nations League! Come se al momento non ci fossero altre preoccupazioni. L’Italia e Mancini invece devono considerarla priorità, per non finire come Ventura 10.10 - La faccenda ha dell’incredibile, e sarebbe da farci una risata sopra se non apparisse assurda. E terribilmente fuori luogo, visto il momento estremamente delicato. Cristiano Ronaldo, e insieme con lui il suo entourage familiare e lavorativo (che nel caso di Cristiano si mischiano),...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri sta vincendo l'ultima sfida (e Ronaldo...). Inter: Spalletti ha un muro insuperabile da battere (e c'entra Icardi). Milan: il mercato e la memoria corta. Arriva il derby, con le solite balle... 09.10 - C’è la sosta. Porca malora. La sosta non piace a noi, ma neppure ai giocatori: Mancini ne ha convocati 28 e sono tornati a casa in 29 (anche il giardiniere di Coverciano si è dato malato). Ma non è questo il punto: le soste ci sono e ce le teniamo. Parliamo piuttosto di Temptation...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Serie A senza emozioni. La Juve cala subito il sipario. Ventura-Chievo? La sua giusta dimensione. Gattuso, numeri da... Conte! E Ancelotti si sta prendendo il Vesuvio 08.10 - Il problema della serie A non sono gli stadi, i diritti tv, il mercato o il marketing. Il vero problema sta diventando la Juventus. E non è una battuta. Vuole essere un'analisi semiseria. La, quasi, ossessione dei bianconeri di vincere questa maledetta Champions sta aumentando il...

Editoriale DI: Marco Conterio

L'assurdo processo mediatico per Ronaldo già prima delle sentenze. In campo Fenomeno e Juve pazzesca. L'Italia finalmente si accorge di Pellegrini mentre è in cerca di un 9. Solo che Cutrone è in panchina e il Milan pensa a Ibra 07.10 - Giustizialisti e innocentisti. Accecati dalla voglia di una soluzione, prima che il tempo faccia il suo corso. Scrivere di Cristiano Ronaldo in queste delicate ore non è certo facile. Perché pende su di lui una scure importante, un'accusa grave. Però non c'è null'altro da aggiungere....

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Marotta, il futuro è ancora un rebus. Dybala che momento, ma non paragoniamolo a Messi e  Ronaldo. Ancelotti e il capolavoro con il Liverpool. Icardi in area di rigore è tra i primi 3 attaccanti al mondo. Italia, è l’ora di cominciare a vincere 06.10 - Il futuro di Beppe Marotta resta ancora un rebus. La separazione con la Juventus è troppo fresca per avere certezze su quello che sarà il domani. Di sicuro gli 8 anni di successi sono un biglietto da visita che nessuno ha in Italia. Credo che bisognerà attendere qualche mese prima...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy