HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi deve rinforzarsi di più a gennaio?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Frosinone
  Parma
  Cagliari
  ChievoVerona
  Atalanta
  Lazio
  Inter
  Genoa
  Milan
  Sampdoria
  Bologna
  SPAL
  Sassuolo
  Fiorentina
  Torino
  Udinese
  Empoli

La Giovane Italia
Editoriale

Qui Radio Mosca: perché da luglio niente sarà più come prima in Russia. E nel frattempo ecco i Premi del primo turno: Miglior Squadra Messico; Miglior Giocatore Cristiano Ronaldo, mentre per colpa di Khedira...

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
20.06.2018 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 20790 volte

Qui Radio Mosca, vi scrivo dal treno Sochi-Rostov, 12 ore di viaggio, dalla costa del Mar Nero risalendo la Circassia, dal confine con la Georgia fino ad arrivare a quello con l’Ucraina, quello sensibile, quello dove al di là della dogana c’è la distrutta Donbass Arena di Donetsk, dove si giocò una semifinale di Euro2012. Gli scenari drammatici probabilmente sono però soltanto al di là del controllo doganale, ai Mondiali2018 qua in Russia è un’altra storia, e onestamente è una storia bella.
In fondo, cosa sappiamo noi dei russi, oltre agli stereotipi? E anche loro, cosa sanno di noi? Per la prima volta il mondo si sta incontrando con loro per festeggiare, in casa loro, e lo vedi negli occhi, nei gesti, nel pervicace tentativo di aiutarti nonostante il diffuso nullo livello di lingua inglese tra tutte le generazioni, lo senti questo genuino slancio amichevole verso il mondo.
Che poi, anche il concetto di russo è molto impalpabile: è una sintesi impossibile di diverse popolazioni, che più o meno di buon grado hanno accettato questa maniera di essere, se vogliamo anche di conformarsi, per potere trovare una quadra per vivere tutti assieme. Dentro sono diversi, in società hanno accettato di essere tutti russi. A Sochi per intenderci, sembra di stare in una Turchia un po’ più ordinata. E poi vai a vedere, e ci sono un sacco di siberiani che hanno deciso di trasferirvisi.
Un paese che svezza i giovani senza paura del rischio: sul treno dove mi trovo, i differenti capitreno hanno tra i 18 e i 21 anni. Ripeto, tra i 18 e i 21 anni. Le ferrovie russe hanno deciso di offrire a studenti universitari lavori stagionali, ma non di manovalanza bensì di responsabilità vera. Anche loro non parlano un h di inglese (la prossima settimana vi spiegherò la grande invenzione del 2018) ma in qualche maniera non so come siamo riusciti a intrattenere una conversazione di quattro ore. E gliel’ho detto: “18 anni?! Noi a 18 anni giochiamo alla Playstation”. E loro mi hanno risposto: “Anche noi, ce l’abbiamo sul treno e ci giochiamo nei lunghi tratti senza fermate”.
Gente che sta provando il piacere di scoprire, e di farsi scoprire. Quando il Mondiale sarà finito, gli mancherà molto, ma forse avrà lasciato un’eredità grazie al quale non vorranno più tornare indietro.

Ce ne vuole prima che finisca il Mondiale: solo 5 giorni passati, eppure si è già completato il primo giro di partite. E finora è esattamente come a Brasile2014: annullato il gap tra grandi e piccole, addirittura drammaticamente questa volta, con 5 delle prime 6 favorite che hanno tutte steccato la prima, qualcosa che probabilmente non era mai successo.
Tuttavia ricordatevi che anche in Brasile, nonostante certi inaspettati accoppiamenti negli Ottavi e nei Quarti, alla fine in semifinale arrivarono solo nazionali blasonate.
Vada come vada, ecco i premi alla fine della prima tornata:

SQUADRA MIGLIORE: Messico.
Forse Belgio e Croazia hanno vinto con maggior scioltezza, ma il Messico ha tirato giù la Germania, e giocando benissimo. Che sia finalmente arrivato il momento di rompere la cosiddetta “Maledizione della quinta partita”, ovvero il limite invalicabile dei Quarti di Finale per i messicani?

SQUADRA PEGGIORE: Arabia Saudita.
Le due formazioni nettamente meno attrezzate tecnicamente sono sembrate loro e il Panama: ma i centramericani hanno giocato con senno come chi è consapevole dei propri limiti; i sauditi invece si sono avventurati in una scriteriata partita all’attacco senza ordine.

MAGGIORE SORPRESA: Giappone.
E’ vero, la Colombia era sotto di un uomo e di un gol dopo 4 minuti. Ma il Giappone non solo è tornato in vantaggio dopo il pareggio, ma soprattutto ha concesso pochissimo, è rimasto ordinato e maturo. Il che è clamoroso visto il non eccelso livello tecnico.

MAGGIOR DELUSIONE: Germania.
Allo sbando dal punto di vista tecnico, con terzini non all’altezza, centrali lenti, centrocampo inesistente e attacco evanescente. Ma anche dal punto di vista tattico, considerando l’assurda pretesa di Loew che Khedira potesse coprire per tutti. E, visto come si è sciolta l’intera Germania, allo sbando anche dal punto di vista psicologico.

MIGLIOR GIOCATORE: Cristiano Ronaldo.
E chi altro. Non solo la tripletta, ad alto tasso di difficoltà tecnica. Ma la leadership con cui ha trascinato una squadra che stavolta invece non l’ha supportato a dovere. Il Portogallo campione è passato dall’essere una opzione impossibile a all’essere una improbabile.

PEGGIOR GIOCATORE: David De Gea.
Non solo l’errore clamoroso, che un portiere simile non fa mai in uno scenario simile. Ma in generale un alone di incertezza e penetrabilità.

MIGLIOR ALLENATORE: Juan Carlos Osorio.
Il Messico non ha solo sbancato con un colpo gobbo, in verità l’ha fatto strameritando. Da grande, non da piccola. E merito del ct colombiano, assurdamente fischiato alla partenza dal Messico, che viene da 2 anni immacolati macchiati dal 7-0 nei quarti di Copa America 2 anni fa con il Cile.

PEGGIOR ALLENATORE: Jorge Sampaoli.
Ha sbagliato e sta sbagliando tutto il possibile: nelle scelte degli uomini, del modulo, nella gestione della tensione. E il sottoscritto è un suo profondo estimatore. Avrà solo quest’occasione, quindi gli conviene essere lui il ct, e non compiacere Messi.

MIGLIOR GOL: Diego Costa v Spagna (il 1°).
E’ sembrato di rivedere Vieri al Mondiale. Capace di portarsi appresso la difesa di forza, di velocità e di destrezza, e calciando con l’estrema precisione nell’unico pertugio possibile.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

En plein probabile, chi l'avrebbe mai detto: la Serie A è di nuovo la casa dei grandi difensori. De Laurentiis aveva ragione: Ancelotti vale un top player. Calo Juventus? Non c'è da fidarsi 11.11 - Kalidou Koulibaly, Milan Skriniar e Kostas Manolas. Poi la difesa della Juventus che può andare ad Harvard per dare lezioni sulla fase difensiva. Sono loro il miglior spot di una Serie A che quest'anno in Champions ha buone possibilità di portare tutte le squadre almeno agli ottavi...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Su Skriniar tutte le big d’Europa: City, United, Barcellona e Bayern Monaco, ma la sua volontà è rimanere all’Inter. Il Napoli in pressing su Tonali. Il Milan pensa a Paredes. Juventus, a San Siro prova verità 10.11 - L’Inter è al lavoro per blindare Skriniar. Il difensore slovacco cresce partita dopo partita e ormai è arrivato a un livello altissimo. Anche Spalletti dopo la gara con il Barcellona ha sottolineato che ormai è un giocatore top. Un vero leader della difesa, in grado di unire qualità...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Contro Mourinho, evviva Mourinho. Si scatena un altro Juventus-Inter. Gli eccessi del tifo da condannare. Bocciato dagli inglesi. Da Mazzone in giù, ma che calcio vogliamo? Il Var in Champions, ora basta, cosa aspettate? 09.11 - Mourinho non è tipo da mezze misure, o lo odi o lo ami, ma questo lo sapevamo già. Il doppio confronto fra Juventus e Manchester è stata l’occasione per rimettere in moto cose antiche, rivalità mai sopite, sgarbi mai digeriti, gesti sopra le righe, un Triplete esagerato, pensieri...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Sorprese (e certezze) in Champions: Juve, CR7 e Pellegrini. E una foto - da non conservare - della nostra Serie A 08.11 - Bene: se la giornata di martedì ci aveva confermato che Napoli e Inter non solo hanno una propria posizione in Champions, ma che ce l'hanno anche Icardi e Insigne la sorpresa arriva dalle gare del mercoledì. Anzi le sorprese: una positiva e una negativa. Chiaramente quella negativa...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Inter, perché aspettare 150 minuti? Mentre a Napoli il confine è solo il cielo. Ecco perché alla Juventus la vittoria contro il Manchester United serve…contro l’Inter. Davvero Mosca ultima chiamata per la Roma e Di Francesco? 07.11 - Il calcio è questione di punti di vista, certamente. Dunque è sicuramente un punto di vista positivo per l’Inter aver rischiato di pareggiare all’83’ al Camp Nou. Così come è sicuramente un punto di vista positivo l’aver tenuto a San Siro il risultato fino al finale di partita. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i problemi di cui non si parla perché tanto... è la Juve. Milan: la zona Champions e le "indiscrezioni" su Wenger. Inter: il giorno del Barcellona. Napoli, vendicaci tutti 06.11 - Prima le cose importanti. Mi scrive Antonio Portaccio, lo trovate su messenger, ha una barba da competizione: “Ciao Fabrizio, io non ti ho scritto per i biglietti per il derby, inoltre ti leggo sempre. Se ci troviamo in giro ti offro un caffè, sono su Milano. Mo’ veniamo al favore,...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La lunga storia di Donadoni, le richieste di rettifiche e le conferme. Inter, Spalletti ha cambiato tutto. Politano, non ti avrei dato un euro. De Zerbi show: Sassuolo è leader 05.11 - Vi devo raccontare questa storia, anche se sono certo vi annoierà. E' talmente banale che l'hanno ingigantita perché, forse, colti nel segno. Avete mai visto un Direttore andare a cena con un allenatore e un procuratore? Qualche volta è successo. Prima puntata: il Milan perde il derby...

Editoriale DI: Andrea Losapio

La Superlega, Football Leaks e il pallone sgonfiato: tutto molto triste. Dopo un decennio abbiamo una candidata alla Champions, forse più di una. Chi prenderà il quarto posto? 04.11 - Der Spiegel e L'Espresso stanno portando avanti, da anni oramai, una battaglia contro i furbetti del pallone. In principio si è parlato di Doyen Sports e Twente, dei rapporti di Radamel Falcao con i fondi di investimento, dell'ascesa dell'Atletico Madrid anche grazie agli investimenti...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus obiettivo Marcelo, Alex Sandro a Madrid?  Duello con l’Inter per Andersen della Samp. Gattuso cuore Milan ma ora serve ripetersi ad Udine. Roma per gennaio assalto ad Herrera 03.11 - La Juventus insiste per Marcelo. La mezza rivoluzione di questa estate si completerà a giugno quando ufficialmente ripartirà un nuovo ciclo al Real Madrid. E il brasiliano a fine stagione partirà. Non è un caso che l’amicizia con Cristiano Ronaldo stia giocando un ruolo importantissimo....

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Pogba: “Torino è casa mia”. Juve, ritorno di fiamma per Barella per stoppare l’Inter. Oltre a James Rodriguez proposto anche De Gea. Galaxy fuori: Ibra-Milan giorni decisivi. Cavani e Napoli, storia non finita 02.11 - Barella sta scatenando un derby di mercato fra Inter e Milan, per molte ragioni entrambe le società lo vorrebbero da gennaio e lo sappiamo. L’Inter lo ha nel mirino da tempo, un jolly così, in grado di portare energia, qualità e quantità, di sicuro sarebbe l’ideale in un reparto con...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy