HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
La Juventus non ha confermato Allegri: siete d'accordo?
  Si, il ciclo Allegri s'è esaurito
  No, bisognava andare avanti con Allegri

La Giovane Italia
Editoriale

Radja, che colpo. Finalmente Inter! Gattuso e Mirabelli vittime di questo Milan. Parma, sms comici. La Procura indaghi su cose serie. Crac Cesena, Lugaresi vittima e carnefice

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
25.06.2018 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 51527 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Si doveva infiammare e si sta infiammando il mercato italiano. Tra uno sbadiglio e l'altro, durante le partite dei Mondiali, il mercato inizia a decollare. Perché è più interessante uno Zaniolo alla Roma che un'Inghilterra che si allena, in un Mondiale, con il Panama. Non facciamo come la volpe e l'uva. Noi non ci siamo, quindi, fa tutto schifo. Anche con l'Italia in campo dovevamo metterci di impegno per farci trascinare da questo Mondiale. Le africane sono quasi tutte Nazionali pessime. E la Fifa per raccogliere consensi allargherà anche alla Nazionale Padana, la prossima competizione iridata. Se Salvini si farà rispettare anche da Infantino, allora, ci saranno buone occasioni di vedere i verdi di Matteo sfidare Germania e Francia nel 2022. Tra Ventura e Infantino ci hanno tolto un divertimento estivo che durava un mese, ogni 48 mesi. Fate voi. Consoliamoci con una tiepida domenica di giugno. Radja sta arrivando a Milano. Allora piazziamo una telecamera fissa sul Melià e iniziamo a pedinare l'agente di Nainggolan, Beltrami, che si presenta in hotel alle 16 per preparare le ultime carte. Oggi le visite e la firma. Il grande colpo di Ausilio è arrivato. Quest'anno il belga non è andato benissimo ed è ora che si fanno gli affari. Un anno fa Radja valeva 50. Gli affari si fanno o quando nessuno conosce il calciatore oppure quando il calciatore è reduce da un'annata, piuttosto, negativa. Negativa fino ad un certo punto. Il belga ha un ruolo e l'ha valorizzato Spalletti. Centrale nel 4-2-3-1. Di Francesco se ne faceva poco, visto che lo utilizzava mezzala. E sicuramente non è il ruolo più adatto a Nainggolan. Ausilio ha fatto un'ottima operazione senza svenarsi. Certo, perdere Zaniolo è un peccato ma tutto dalla vita non si può avere. Forse, il vero colpo Ausilio l'ha fatto liberandosi di Santon. Vedremo le visite mediche se questa volta faranno ancora brutti scherzi.
L'Inter di oggi sembra il Milan di 12 mesi fa. Le copertine erano tutte per i rossoneri. Oggi, invece, il Milan si aspetta la mazzata dalla Uefa. Un anno senza Coppe e 30 milioni di multa. Se finisse così saremmo quasi contenti. Il rischio di non fare per due anni la Coppa è concreto e, allora, sarebbe una vera tragedia sportiva. Quest'anno il Milan giocherebbe per la salvezza. Speriamo di no. Le vere vittime di questa situazione, oltre i tifosi, sono allenatore e Direttore. Gattuso e Mirabelli. Vi spiego perché: entrambi sono reduci dalla gavetta e arrivare al Milan, nel momento peggiore in cui non puoi dimostrare il tuo valore, è una doppia beffa. Non puoi fare quello che vorresti e quando tutti si saranno dimenticati di questo mese tragico sapranno giudicare solo il campo. Due sconfitte e via con le critiche. Gattuso non è capace. Mirabelli è scarso... e così via. Ma non è possibile che, mentre tutte programmano la stagione, Gattuso e Mirabelli abbianole mani legate. Questa situazione dovrà essere chiara a tutti. Non è giusto che due professionisti vengano giudicati partendo da una situazione ai limiti del paradossale. Gattuso, dal suo arrivo, ha avuto una media da Zona Champions. Questo vuol significare che senza Montella, il mercato dello scorso anno avrebbe portato risultati migliori di quelli ottenuti con Rino in panchina. Ora, ditemi voi, come si potrà giudicare il nuovo Milan, quando a fine giugno non ha potuto fare ancora mezzo acquisto. Il tempo passerà e tutti si saranno dimenticati che questa società, sul mercato, è completamente ferma nonostante trattative avviate ma senza possibilità di chiusura.
Saranno giorni delicati per il Parma che deve fare i conti con la Procura Federale e con regole che non le avrebbero scritte neanche nella Federazione congolese. Avrei capito se la Procura si fosse scomodata per un sms di Calaiò con scritto: cazzettin, ci vediamo all'autogrill solito alle 22.15, porta la valigia che ho 200.000 euro per te. E forse neanche avremmo capito la Procura. Perché, in quel caso, sarebbe stata da certificare la responsabilità del club. Mandare all'aria una promozione storica per un sms ingenuo e cretino di un solo tesserato è follia. E' un caso isolato. Inoltre senza malizia ma solo figlio della banale ingenuità. La Procura Federale dovrebbe indagare sulle cose serie che ci sono nel nostro sistema e se scavasse, senza aspettare le denunce di altri, troverebbe pane per i suoi denti. La responsabilità oggettiva andrebbe abolita. Una società non può, materialmente, governare tutti i suoi dipendenti. Mettetevi d'accordo con il garante della privacy, con norme sempre più restrittive. Se controllo dove vanno, cosa scrivono e cosa fanno i miei calciatori mi denuncia l'autority. Se non li controllo e non spio i loro cellulari mi ritrovo con la cancellazione di una promozione. Siamo al 2018 e certe regole andrebbero riscritte quanto prima. Il nostro calcio si preoccupa dei bacini che manda Calaiò a De Col e, per anni, non si è accorto che faceva partecipare regolarmente al campionato di serie B il Cesena. Tutti sapevamo che i debiti erano fin sopra il collo ma chi doveva controllare non controllava. Solito discorso del Parma, del Modena e del Vicenza. Abolite, per favore, la Co.Vi.Soc. che non serve a nulla. Deve controllare i conti dei club, invece, controlla solo le carte che i club presentano di spontanea volontà. Lugaresi, in una lettera, ha minacciato di suicidarsi. A Lugaresi vorremmo soltanto dire che la vita è l'unico dono che Gesù Cristo ci ha concesso e solo pensare queste fesserie è un'eresia. Figuriamoci poi per il calcio. Pres, non sarai il primo e neanche l'ultimo ad avere questi problemi. Sei vittima per come ti hanno messo in mezzo, sei una brava persona e in questo mondo le brave persone non fanno strada. Sei, però, anche carnefice perché ti saresti dovuto fermare molto tempo prima. Non puoi arrivare ad accumulare debiti se, ad inizio stagione, sei già a -40. Speravi nel jolly della serie A? Ti è andata bene una volta, quasi impossibile che ti potesse andare bene anche la seconda volta. Il Cesena andava fermato. Lugaresi andava fermato. Adesso, il Presidente è giusto che paghi. Tribunali, Agenzia delle Entrate e chi più ne ha più ne metta. Ma la vita non va mai messa in discussione. Tra un anno, anche prima, tutti si saranno dimenticati di questa triste storia. Il Cesena ripartirà dalla serie D. 2-3 anni, qualche investimento giusto, e sarà di nuovo in serie B. Lugaresi, veda Parma, Padova e tante altre... Il tempo cancella tutto. Il calcio non cancelli una vita. Meglio un fallito perbene che un fallito delinquente. Forza Cesena...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve-Allegri: giusto l'addio. Alternative poche e confuse. Paratici-Inzaghi: ecco luogo e data dell'incontro. Caos serie B: vigliaccata al Palermo. Mercato, bravo Gravina. E Totti... 20.05 - Tra tre ore ho il volo per tornare a Milano. Vi scrivo da un Hotel di Londra, poche ore dopo aver visto il vero calcio. Ho pensato, nelle ultime ore, cento volte se davvero in Italia siamo convinti che quello nostro sia calcio. Sono stato a Wembley, sono stato ospite della finale...

Editoriale DI: Marco Conterio

Cosa c'è dietro l'addio di Allegri e nel futuro della panchina della Juventus. Anche se Zidane ha 'rovinato' i piani di Agnelli: tutto sui nuovi sogni e sui nomi della dirigenza 19.05 - Quel che è arrivato a parole ieri, ad Amsterdam, allo Stadium, non c'è stato nei fatti. L'appoggio costante a Massimiliano Allegri che negli ultimi giorni di vita bianconera sembrava un uomo solo al comando di una nave già in porto. Solo che la sua Juventus era un Titanic arrugginito,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli, Giuntoli insiste per Trippier e Lozano. Per la fascia sinistra occhio a Theo Hernandez, difficilissimo Grimaldo. Il Milan su Saint Maximin del Nizza. Sarri può lasciare il Chelsea, è il primo nome per il post Gattuso 18.05 - Il mercato del Napoli comincia a delinearsi. Saranno almeno 3 gli acquisti, uno per reparto. Un esterno difensivo, un centrocampista e una punta esterna. Ormai gli identikit cominciano ad essere abbastanza chiari. Per la difesa si continua a spingere per Trippier del Tottenham, ma...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non è convinto, ma la Juve non trova alternative forti. Il Milan ha le mani su Sarri. Gattuso alla Samp, Lampard al Chelsea. Gasp alla Roma, Inzaghi a Bergamo, De Zerbi alla Lazio. Montella già in discussione, si pensa a Giampaolo 17.05 - Il grande giro degli allenatori sta per cominciare, come in un grande puzzle i pezzi stanno andando al posto giusto. Cominciamo dalla Juve. Due giorni di confronto non sono bastati per prendere una decisione, Agnelli e Allegri si rivedranno oggi. Come andrà a finire? Allegri resta...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La cena di Allegri e la serata di Simone Inzaghi 16.05 - Una serata particolare: un occhio alla partita, la finale di coppa Italia, i sogni inseguiti dall’Atalanta e realizzati dalla Lazio. Un altro al telefonino per capire se e cosa succedeva fra Agnelli e Allegri in questo incontro pieno di cortine fumogene, per evitare addirittura che...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Occhio a Spalletti: tentativo disperato per rimanere all’Inter, cambia le alleanze, e c’è stato quel colloquio prima del Chievo… Agnelli vuole convincere Guardiola con l’aiuto dell’Uefa. Roma: ecco l’alternativa straniera Fonseca 15.05 - Non è finita, finché non è finita. Questo deve avere pensato Luciano Spalletti negli ultimi giorni, in piena modalità John Belushi. E non pensando tanto alla lotta Champions, che è solo una delle due partite che si sta giocando, forse la più semplice. Perché Luciano sa che se entrerà...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri, i pretendenti al “trono” e l’incontro “nelle prossime ore”. Inter: Conte, Oriali e due mesi di parole. Milan: la colpa di Gattuso. Roma: Gasp in avvicinamento 14.05 - Buongiorno e buonasera a tutti, la parola d’ordine di oggi è “nelle prossime ore”. “Nelle prossime ore” è il salvacondotto che permette a tutti noi di non sbagliare mai. Quando si incontrano Allegri e Agnelli? Nelle prossime ore. E intanto tutti noi diventiamo sempre più vecchi....

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Montella, tranquillo. Lucci ti premierà con il Real. Non voglio scriverlo: Raiola ha ragione! Lecce, quando vince la meritocrazia. Foggia, la retrocessione della società. La Crema della D: i Conti...ni tornano 13.05 - Che strazio il campionato finito con così largo anticipo. Anche Roma-Juventus diventa inguardabile. Perché se è vero che lo spettacolo non manca, quando giocano due grandi squadre, è anche vero che il calcio non è il cinema e senza l'assillo del risultato non c'è pathos. Quest'anno...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Kolossal panchine: Agnelli voleva Zidane e Guardiola, si accontenterà di qualcun altro. Conte aspettava una super big, chissà se potrà diventarlo l'Inter 12.05 - È stata una settimana complicata. Di voci, incontri segreti e pochi fatti. Ma ci si avvicina al finale, come in Game of Thrones, dove tutto dovrà andare a posto o quasi. Le settimane passate possono essere le stagioni di una serie tv, partendo dall'addio di Zinedine Zidane al Real...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Accelerazione Inter per Conte. Marotta e Ausilio lavorano su Chiesa, De Paul, Rakitic, Barella e Danilo. Icardi, partenza non così scontata. La Roma su Gasperini 11.05 - L’attesa è quasi finita. Presto il futuro di Conte sarà chiaro. Lo scenario si sta delineando. L’ipotesi Juve si è decisamente raffreddata nelle ultime ore anche perché il presidente Agnelli non è convinto fino in fondo del suo ritorno. La possibilità di un addio di Allegri resta...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510