HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Calciomercato chiuso: quale big s'è mossa meglio?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Inter
  Lazio
  Milan

La Giovane Italia
Editoriale

Record! Italia nella storia! Mai era stata cosi a lungo senza segnare, è la peggiore serie negativa in 120 anni. Costacurta prenda coscienza del ruolo da commissario, non da opinionista

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
28.03.2018 10:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 23720 volte

La cosa positiva è che probabilmente non torneremo a parlare di Nazionale fino al 20 maggio. E considerato il sangue marcio che ci sta provocando, non può che essere un bene.
Ma non illudiamoci, perché quest'estate l'amarezza del Mondiale ci esploderà in faccia e non potremo farci niente. Però insomma, questo lo sapevamo già.

L'Italia però è riuscita a entrare nella primavera/estate del suo scontento stabilendo un record tristissimo, un record mai visto in 120 anni di storia della Figc, o meglio in 108 anni di partite della storia della Nazionale: record di digiuno di gol, con il computo arrivato a 374 minuti, battendo il precedente record di 360 minuti stabilito nel 2011.
Queste le peggiore sei serie negative:
374 minuti - 2018
360 minuti - 2011
354 minuti - 1975
354 minuti - 1989
347 minuti - 1987
327 minuti - 2009

In sé, forse, il record non significherebbe nulla, visto che in passato ha riguardato tanto cicli positivi come negativi. Il problema è che spesso alla carestia di gol almeno si contrapponeva la solidità difensiva, mentre stavolta prendiamo gol in tutte le maniere, compresa l'ultima concessione dilettantesca all'Inghilterra: un gol francamente del quale non ho memoria di un simile precedente a proposito dell'Italia, almeno non negli ultimi 30 anni.

E questo porta al problema generale: stiamo svaccando, al di là del pareggio finale, al termine però di una prestazione pure peggiore di quella vista contro l'Argentina. Stiamo andando ancora più in basso di quanto non ci abbia trascinato lo shock svedese, e una cosa simile all'Italia non era mai successa.
E non era mai successa perché almeno bisogna riconoscere che le crisi in passato sono sempre state accompagnate da equivalenti incazzature in Federazione, con conseguente innalzamento a livelli di guardia dell'attenzione nel clima attorno alla Nazionale.

Stavolta siamo stati costretti a sorbirci l'incredibile day-after di Costacurta dopo l'Argentina, con opinioni in libertà come un editorialista libero di dire tutto e il contrario di tutto, coronate dalla massima "Nemmeno Guardiola o Mourinho potrebbero fare meglio di Di Biagio", analisi che davvero nessun appassionato di calcio riesce a condividere, e sì che è difficile mettere tutti d'accordo.

Nessuno nega che non ci siano più campioni in Italia, ma c'è sicuramente una generazione migliore di quella che aveva avuto a disposizione Conte agli Europei, quella con cui Andonio nostro era riuscito a spaventare l'onnipotente Germania.

E il punto è questo: abbiamo bisogno di dirigenti che si rendano conto dell'emergenza. Che si rendano conto che serve una misura straordinaria, e non che uno vale l'altro.
Abbiamo bisogno che Costacurta faccia valere il suo ruolo da vicecommissario straordinario e faccia dunque percepire la straordinarietà del momento, affinché la Figc elargisca un budget più alto per potersi assicurare uno dei tre possibili ct a disposizione. Risparmiare 5-6 milioni in più per non prendere Conte o Ancelotti adesso, potrebbe dopo costarne ancora di più, molti di più, se la notte azzurra dovesse continuare così o più buia.

Il dado è tratto (speriamo!). Ranieri non sembra fare parte dei giochi; Conte sarebbe la scelta migliore, ma è difficile competere con l'offerta da 11 milioni di € del PSG; Ancelotti potrebbe tornare in gioco, stufo delle incertezze versante Premier, ma dovrebbe accettare una riduzione di quasi l'80% dello stipendio.

Rimane Roberto Mancini. Apprezzato dal Coni. Propenso anche a tagliarsi lo stipendio, comunque non super proibitivo rispetto agli altri - circa 4.5 milioni di € - e comunque in uscita dallo Zenit, dove entrambe le parti sono rimaste deluse dal rapporto.
Forse Conte sarebbe meglio, ma la voglia e la qualità di Mancini non si discutono. E allora che sia, senza perdere ulteriormente mesi di tempo: un ritardo causato non solo dalla durata dei contratti in essere, ma dall'incertezza nel ricordarsi che in certi ruoli e in certi momenti servono pianificazioni, non opinioni.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

L'umiltà di CR7 e una rosa pazzesca: il buongiorno della Juve. Il bilancio del mercato: la rinascita di Milano. De Laurentiis stecca, Ancelotti no. E' stata l'estate dei grandi agenti e intermediari 19.08 - L'antipasto del campionato, ripartito sotto i riflettori quando forse era lecito aspettarsi una più sensibile e umana commozione da parte delle alte sfere del nostro pallone, è stato quel che ci aspettavamo. Il Chievo che alza le sue Maginot, la Juventus ancora sulle gambe, Cristiano...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ancelotti valore aggiunto del Napoli, Emre Can farà la differenza alla Juventus, Inter mercato top, Milan può lottare per la Champions, Milinkovic Savic rinnova con la Lazio fino al 2023 18.08 - Come ogni estate arriva il momento del gong. Sono passate appena 4 ore dalla chiusura del mercato e l’adrenalina è ancora alle stelle. La prima riflessione che mi viene da fare è che è stato bellissimo, il più entusiasmante degli ultimi anni. E non solo perché è arrivato Cristiano...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Modric, l’ultimo no del Real. Ma nella notte restano piccole speranze. All’Inter è mancato uno come Mendes per Ronaldo. Nerazzurri sono comunque l’anti-Juve. E c’è sempre Rafinha. Milan, colpi da Champions League 17.08 - Florentino Perez ha detto l’ultimo no. Il Real Madrid non libera Luca Modric, non lo farà andare all’Inter come avrebbe voluto. Del resto, hanno spiegato i dirigenti madridisti al procuratore del giocatore nell’ultimo incontro di ieri, in due mesi sono cambiate troppe cose e il presidente...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ancora 48 ore e tutti si affannano: anche chi sembra aver chiuso tutto. 48 ore da vivere con il fiato sospeso... 16.08 - Siamo ormai alle battute finali e tutti si affannano per rifinire la squadra. Il Milan, è naturalmente, la big più attiva visto che per i problemi societari si è potuta muovere concretamente soltanto un paio di settimane fa. Sono arrivati a Milano Castillejo e Laxalt, entrambe operazioni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Promosse e bocciate del calciomercato a 72 ore dalla fine: Juventus e Inter regine assolute. Segue il Milan. Solo sufficienti Napoli, Roma e Lazio. E in coda, in bocca al lupo all'Udinese, ne ha bisogno... 15.08 - A 72 ore dalla fine del calciomercato, andiamo con il pagellone sospeso della Serie A, con le squadre divise tra promosse, rimandate e bocciate. Ma con una premessa fondamentale: qua non si giudica il conto economico, e nemmeno soltanto gli acquisti. E nemmeno della squadra costruita...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: mercato con (doppia) sorpresa, ma occhio a Nedved... Inter: dopo il settimo (Keita) c'è una certezza. Milan: 2 colpi in 4 giorni, l'impresa di Leonardo. Napoli: il "complesso" di De Laurentiis 14.08 - Ciao. C'è il fuso. Son dall'altra parte del mondo. Al mare. È un posto strano. Qui, per dire, è nuvoloso da 4 giorni. Sapete quando sono arrivato? Quattro giorni fa. Il fuso è devastante. Soprattutto se vuoi stare al passo con le robe del mercato. Per questo metto tanti punti. Almeno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

De Laurentiis, 5 giorni per dare un senso a questo mercato. Milan, sessione intelligente. L’Inter dietro la Juve. Volevate il Commissario? Era meglio Montalbano… 13.08 - Cinque giorni e poi sarà tutto finito. L’assurdità di chiudere il calciomercato il 17 agosto, alle ore 20.00, lascerà tanti cadaveri sulla riva del fiume. Lo scriviamo da mesi, adesso, molti club di serie A iniziano a capire la fesseria di seguire Marotta nell’unica sciocchezza fatta,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il mondo dorato di CR7 e quello sommerso dei Tribunali, dove vige il tutti contro tutti. Tra udienze, sentenze e ricorsi B e C sono in pieno caos. E anche la Serie A non può dirsi tranquilla 12.08 - E' un'estate strana, particolare. Senza dubbio unica quella che tra meno di una settimana - per gli operatori di calciomercato - chiuderà i battenti. Non sono mancate le notizie, né i colpi di scena. Sono stati mesi che hanno riportato una manciata di club italiani a sedere di nuovo...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ore decisive per il futuro di Modric. Inter, fatta per Keita. Il Milan pronto a chiudere per Bakayoko. Ochoa in pole per il Napoli, occhio anche a Tatarusanu. 11.08 - Luka Modric, l’Inter e il Real Madrid. Sono ore decisive per il futuro del centrocampista croato vice campione del mondo, che vorrebbe andare all’Inter, anche se non è intenzionato ad arrivare ai ferri corti con Florentino Perez. Il numero uno del Real non cede. Anzi in Spagna sono...

EditorialeDI: Luca Serafini

I colpi di Leo, il ruolo di Paolo, il lavoro di Rino: notte prima degli esami 10.08 - Tra una settimana è campionato. Possiamo davvero dire che l’estate è volata, sotto questa cappa di afa con ventate di grande ottimismo. Di meritato sollievo. Mi fanno ridere i censori del ruolo di Paolo Maldini, come se avere una figura di riferimento così autorevole non fosse già...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy