VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/18?
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Roma
  Liverpool

Editoriale

Record! Italia nella storia! Mai era stata cosi a lungo senza segnare, è la peggiore serie negativa in 120 anni. Costacurta prenda coscienza del ruolo da commissario, non da opinionista

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
28.03.2018 10:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 23598 volte

La cosa positiva è che probabilmente non torneremo a parlare di Nazionale fino al 20 maggio. E considerato il sangue marcio che ci sta provocando, non può che essere un bene.
Ma non illudiamoci, perché quest'estate l'amarezza del Mondiale ci esploderà in faccia e non potremo farci niente. Però insomma, questo lo sapevamo già.

L'Italia però è riuscita a entrare nella primavera/estate del suo scontento stabilendo un record tristissimo, un record mai visto in 120 anni di storia della Figc, o meglio in 108 anni di partite della storia della Nazionale: record di digiuno di gol, con il computo arrivato a 374 minuti, battendo il precedente record di 360 minuti stabilito nel 2011.
Queste le peggiore sei serie negative:
374 minuti - 2018
360 minuti - 2011
354 minuti - 1975
354 minuti - 1989
347 minuti - 1987
327 minuti - 2009

In sé, forse, il record non significherebbe nulla, visto che in passato ha riguardato tanto cicli positivi come negativi. Il problema è che spesso alla carestia di gol almeno si contrapponeva la solidità difensiva, mentre stavolta prendiamo gol in tutte le maniere, compresa l'ultima concessione dilettantesca all'Inghilterra: un gol francamente del quale non ho memoria di un simile precedente a proposito dell'Italia, almeno non negli ultimi 30 anni.

E questo porta al problema generale: stiamo svaccando, al di là del pareggio finale, al termine però di una prestazione pure peggiore di quella vista contro l'Argentina. Stiamo andando ancora più in basso di quanto non ci abbia trascinato lo shock svedese, e una cosa simile all'Italia non era mai successa.
E non era mai successa perché almeno bisogna riconoscere che le crisi in passato sono sempre state accompagnate da equivalenti incazzature in Federazione, con conseguente innalzamento a livelli di guardia dell'attenzione nel clima attorno alla Nazionale.

Stavolta siamo stati costretti a sorbirci l'incredibile day-after di Costacurta dopo l'Argentina, con opinioni in libertà come un editorialista libero di dire tutto e il contrario di tutto, coronate dalla massima "Nemmeno Guardiola o Mourinho potrebbero fare meglio di Di Biagio", analisi che davvero nessun appassionato di calcio riesce a condividere, e sì che è difficile mettere tutti d'accordo.

Nessuno nega che non ci siano più campioni in Italia, ma c'è sicuramente una generazione migliore di quella che aveva avuto a disposizione Conte agli Europei, quella con cui Andonio nostro era riuscito a spaventare l'onnipotente Germania.

E il punto è questo: abbiamo bisogno di dirigenti che si rendano conto dell'emergenza. Che si rendano conto che serve una misura straordinaria, e non che uno vale l'altro.
Abbiamo bisogno che Costacurta faccia valere il suo ruolo da vicecommissario straordinario e faccia dunque percepire la straordinarietà del momento, affinché la Figc elargisca un budget più alto per potersi assicurare uno dei tre possibili ct a disposizione. Risparmiare 5-6 milioni in più per non prendere Conte o Ancelotti adesso, potrebbe dopo costarne ancora di più, molti di più, se la notte azzurra dovesse continuare così o più buia.

Il dado è tratto (speriamo!). Ranieri non sembra fare parte dei giochi; Conte sarebbe la scelta migliore, ma è difficile competere con l'offerta da 11 milioni di € del PSG; Ancelotti potrebbe tornare in gioco, stufo delle incertezze versante Premier, ma dovrebbe accettare una riduzione di quasi l'80% dello stipendio.

Rimane Roberto Mancini. Apprezzato dal Coni. Propenso anche a tagliarsi lo stipendio, comunque non super proibitivo rispetto agli altri - circa 4.5 milioni di € - e comunque in uscita dallo Zenit, dove entrambe le parti sono rimaste deluse dal rapporto.
Forse Conte sarebbe meglio, ma la voglia e la qualità di Mancini non si discutono. E allora che sia, senza perdere ulteriormente mesi di tempo: un ritardo causato non solo dalla durata dei contratti in essere, ma dall'incertezza nel ricordarsi che in certi ruoli e in certi momenti servono pianificazioni, non opinioni.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: Allegri andrà via, ma guai a dare i bianconeri per “finiti”. Milan: la follia dei processi a Gattuso. Inter: l’operazione Champions spaventa solo i deboli. Napoli: occhio all’uragano Sarri. E forza Roma, ovvio 24.04 - Tra breve parleremo di calcio. Davvero. Ma prima l’Uomo-Ken. Ognuno nasce con uno scopo: alcuni diventano astronauti, altri benzinai, altri missionari, altri Uomo-Ken. L’Uomo-Ken è un tizio che ha come unica ragione di vita assomigliare a Ken, il noto bambolotto Anni ‘80. In questi...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allegri non pervenuto. Sarri, colpo Gobbo a Torino. Milan, che dolore il colpo della strega. Crisi Udinese, Oddo non pronto per questi livelli. De Canio e la bacchetta magica... 23.04 - Se la Juventus prepara una finale scudetto in questo modo, molto colpe sono del suo allenatore. Squadra scarica, zero tiri in porta, gente che passeggia in campo e neanche il 10% della carica agonistica che ti aspetti per chiudere i conti e ammazzare il tuo rivale. Juventus ai minimi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Napoli, solo un crollo verticale può salvare la A dalla monotonia. Roma può diventare come Londra, ma dipenderà dallo stadio. Che bella la lotta salvezza 22.04 - Questa sera andrà in scena la madre di tutte le partite. Almeno per una fetta, consistente anzichenò, del nostro calcio. Perché tutti coloro che non tifano Juventus proveranno a vedere, finalmente, la speranza di avere una nuova regina del calcio italiano. Il Napoli incarna Davide...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Morata-Juve per ora solo un’idea, ma il ritorno non è impossibile. Per Torreira il Napoli tenta l’affondo. Mancini CT, lo Zenit frena: i tempi potrebbero allungarsi 21.04 - La sfida scudetto di Torino è dietro l’angolo ma anche il mercato continua a regalare spunti interessanti e per certi versi clamorosi. Parto subito forte e vi dico che il ritorno di Morata alla Juventus non è impossibile. Al momento è solo un’idea, destinata a rimanere tale se la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Napoli, ecco come giocheranno. Sui bianconeri le maggiori pressioni. Dybala è il dubbio. Pjanic recupera. Milik in vantaggio su Mertens. Restare o andar via? Il futuro di Allegri e Sarri passa da questo scudetto. Italia, Mancini CT 20.04 - Hai nove punti di vantaggio, praticamente già vinto lo scudetto e pochi minuti dopo scopri che quei punti si riducono a quattro e ritorna tutto in discussione. Non deve essere simpatico. Non è un momento semplice per la Juve alla vigilia dello scontro diretto col Napoli, pochi giorni...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juventus-Napoli, sfida totale. Un finale di campionato elettrizzante… 19.04 - Un finale di campionato così è letteralmente da sogno. Per tutti i tifosi, di tutti i colori. Perché vivere un duello così bello, così intenso, con così tanti colpi di scena concentrati in pochi minuti o in poche giornate. Lo scontro diretto è ormai alle porte e viverlo con queste...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

I dolori del giovane Andrea Agnelli: se gli obiettivi futuri della Juventus valgono davvero questo danno d'immagine, per il club stesso, e per Gigi Buffon. Gravissima l'accusa di malafede a Collina 18.04 - È passato tutto in cavalleria. No, non di certo le parole di Buffon o di qualcun altro. Le uscite dei giocatori hanno fatto molto clamore, anche se qua in Italia si è trattato solo di rumore, mentre all'estero è stato disgusto e condanna, in un tragico giro del mondo che ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la corte a Marotta e il futuro di Allegri. Milan: il piano di Gattuso per la prossima stagione (e Donnarumma?). Inter: quanti processi senza senso. E a Buffon il 432esimo consiglio non richiesto 17.04 - A Milano è iniziata la Settimana del Mobile. Alla Settimana del Mobile è difficilissimo trovare dei mobili e la cosa, converrete, è molto curiosa. Molto più facile trovare gente di merda. Di quella sono piene le vie. Sembra che tutti vadano nelle feste esclusive, fanno a gara a dirtelo,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Ecco perché Buffon va assolto. Il suicidio della Lazio senza un perché. L'Inter senza Icardi ha un problema. Empoli verso la A: bastava esonerare Vivarini 16.04 - Ci siamo lasciati alle spalle la settimana europea più folle di sempre per il calcio italiano. Istanbul a parte, una roba del genere non l'avevamo mai vista. Nel bene (la Roma) e nel male (la Lazio). E la Juve è bene o male? Vi starete chiedendo. Assolutamente nel bene. La Juventus...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il problema non è il contatto Benatia-Vazquez, il problema è tutto il resto: Ceferin faccia subito un passo indietro. La UEFA ha due scuse, ma non bastano per giustificare questo atteggiamento: ha ragione Gattuso 15.04 - Andò peggio, molto peggio, un anno fa. Erano sempre i quarti di finale di Champions League, c'era sempre il Real Madrid, ma i blancos al Bernabeu non avevano di fronte la Juventus, bensì il Bayern Monaco, sconfitto 2-1 all'andata. I bavaresi, allora guidati da Carlo Ancelotti, nei...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.