VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Musacchio, Kessiè, Ricardo Rodriguez e André Silva. Quale nuovo acquisto del Milan vi piace di più?
  Mateo Musacchio
  Franck Yannick Kessié
  Ricardo Rodriguez
  André Silva

TMW Mob
Editoriale

Ricostruzione Inter, i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi

27.04.2017 08:03 di Luca Marchetti   articolo letto 22245 volte
Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi

Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito il progetto Pioli significherebbe riazzerare tutto e cominciare di nuovo da capo. Vorrebbe dire aver perso un altro anno. Non è detto che a priori sia un errore. Di sicuro la squadra non solo non ha ottenuto quel piazzamento in Champions League che era considerato un obiettivo quasi miracoloso (ma che ogni interista in cuor proprio sapeva di poter ottenere) ma ora rischia seriamente di essere ancora fuori dall'Europa, cioé fare peggio rispetto alla scorsa stagione.
Il problema è che per fare calcio ad altissimi livelli ci vuole esperienza e i cinesi hanno tutto fuorché quella. Non bastano i soldi per cambiare la storia recente. Aiutano, di certo. Ma ci vuole tempo per strutturare la società come Suning vorrebbe. Abbiamo fatto una rapida ricerca: nessuno (nei grandi club) è riuscito a vincere il primo anno dopo aver cambiato proprietà. Qui siamo al doppio salto (Moratti-Thohir Thohir-Suning) con un'identità che ancora è più adagiata sulla filosofia morattiana (ed è anche logico e naturale che sia così) senza che però ci sia più Moratti. A vincere non ci è riuscito subito il Chelsea, non il City, neanche il PSG il cui compito era decisamente più semplice. Lo hanno fatto l'anno successivo. Certo non raccolsero proprio nulla, certo non fu una stagione così avara di soddisfazioni. Ma abbiamo allargato la ricerca alle proprietà cinesi, cioé a chi ha un modo di pensare e gestire completamente diverso da quello a cui siamo abituati. Bene: praticamente tutte le società gestite da proprietari cinesi stanno facendo o hanno fatto male. Anche chi è "cinese" da un po' più di tempo. I nuovi capitali sono entrati da pochissimo nel calcio e quindi ci vuole tempo anche per loro per potersi strutturare. Il problema è che all'Inter di tempo non c'è. C'è bisogno di tornare ad essere grandi subito. Ecco perché ogni risultato che non arriva è un problema grosso. Ecco perché i fantasmi dei grandi allenatori sono sempre alle spalle di Pioli. Ecco perché ognuno è autorizzato a dare un consiglio a Zhang (junior o senior che sia). La necessità di fare pratica non si sposa con la necessità di fare risultato. Ma la potenza economica può accorciare i tempi e può allo stesso tempo regalare soddisfazioni. Ecco perché molto dipenderà da quello che succederà quest'estate. I grandi nomi portano sempre entusiasmo, poi toccherà a Pioli (o meglio: all'allenatore dell'Inter visto che probabilmente neanche lui sa se rimarrà o meno in nerazzurro) trovare il giusto equilibrio, e non sarà affatto facile. Non più facile di quest'anno. Ma i nomi ci sono e sono importanti, sempre con un occhio alle imposizioni del FFP a cui in un modo o nell'altro bisogna sottostare.
È all'inizio del cammino anche il Milan. Paradossalmente il fatto che Han Li e Yonghong Li siano molto meno presenti di Suning potrebbe essere un vantaggio per Fassone e Mirabelli. Fassone intanto si è già praticamente preso tutte le responsabilità delle azioni future della società. Mirabelli ha il compito di utilizzare al meglio i soldi messi a disposizione per il mercato, che, secondo gli accordi, sono 100 milioni al netto delle cessioni. Ma le questioni più importanti in casa Milan sono i rinnovi. Per Donnarumma basterà aspettare: le grandi manovre sono iniziate, Raiola ha espresso le sue necessità. Starà al nuovo Milan convincerlo che ci sarà una grande prospettiva (e un grande stipendio): la carriera di Donnarumma è lunga. Il secondo rinnovo delicato è quello di De Sciglio: nelle prossime ore previsto un incontro con il suo manager Branchini. Libero di andare se dovesse avere un'offerta (della Juve?) ma dovrà essere un'offerta parametrata al valore del giocatore. Un giocatore ritenuto importante dai rossoneri.
A proposito di giocatori importanti: il Napoli e Mertens stanno provando a trovare un accordo. Il problema dal punto di vista economico dovrebbe essere praticamente risolto. Il nuovo ingaggio dovrebbe essere intorno ai 4 milioni di euro, la clausola fra i 30 e i 35 (anche se in realtà il ragazzo vorrebbe una clausola più bassa, fondamentalmente per la Cina). Per De Laurentiis la situazione dipende dalla moglie (che perlatro risulta sia a Napoli in questi giorni). Ma al di la di chi decide o meno la verità è che De Laurentiis è pronto a fare uno sforzo importante per mantenere il ragazzo in azzurro e che al contempo Mertens prende ancora tempo (per dinamiche familiari o meno non è dirimente) e che quindi può valutare anche altre destinazioni: perché no anche con la moglie.
Pillole di mercato: la Fiorentina sta sondando Matheus della Fluminense (scadenza dicembre 2017) che piace anche al Benfica. Vorrebbero capire quando costerebbe portarlo in anticipo in Italia. Mentre si è molto parlato di Schik in questi ultimi giorni. L'ultimo a parlarne è stato Ferrero, in queste ultime ore. Ha proposto all'entourage del giocatore di alzare la clausola da 25 milioni a 40. Al momento non è stato firmato nulla perché l'aumento è considerevole e per accettare ci vorrebbe che il contratto del ragazzo cambi di conseguenza: a cifre decisamente più importanti e con altri bonus. Con tutte le squadre che lo seguono sarebbe una sorpresa un rinnovo ora con la Samp.
Per una volta non abbiamo parlato di panchine, ma è inevitabile farlo con la Roma. Ufficializzato il suo nuovo direttore sportivo molti si chiederanno chi sarà il nuovo capotecnico. Molti puntavano su Emery, ma dalla Francia filtra che rimarrà al PSG. La rosa si restringe ma in realtà è costretta ad allargarsi. Ci vuole peraltro un allenatore che sappia parlare la stessa lingua del nuovo direttore sportivo abilissimo a trovare nuovi talenti, ma ci vuole poi qualcuno che sappia farli giocare e metterli in mostra nel miglior modo possibile. Il suo Siviglia incassava soldi e trofei, ripetere la stessa esperienza a Roma sarebbe eccezionale. Ma le qualità per poter intraprendere un ciclo redditizio ci sono.
Reggetevi forte il mercato non è neanche iniziato.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Gigio firma subito ed esci dal tritacarne! Mercato Juventus, adesso tocca alla difesa. Città in rivolta: Borja Valero come Hernanes? Roma e Napoli: Milan e Inter snobbate 24.06 - La visita di Vincenzo Montella a Castellammare di Stabia ha riportato la vicenda nel suo ambito, quello della casa e della famiglia. Il PSG e il Real Madrid sono stati una tentazione, drenata e gestita da Mino Raiola, e possiamo comprenderlo. Ma oggi che anche il presidente del Senato...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Bonucci non è incedibile. Se vuole può partire. Douglas Costa o Bernardeschi? Iniesta con Cuadrado al Barça. Agnelli rimane presidente. Milan, Donnarumma resta 23.06 - Dalla notte di Cardiff sta nascendo il mercato della Juventus e neppure le liti (presunte o vere), i lunghi coltelli (veri o presunti) dello spogliatoio, potranno far cambiare idea a Marotta e Paratici. Avanti con questo gruppo, anche se i ritocchi saranno pesanti. E se qualcuno pensa...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Gli incastri della Juve, le mosse dell'Inter, le attese del Milan. E tutte le trattative di giornata... 22.06 - La Juventus comincia a muoversi per sostituire Dani Alves. E per farlo deve stare attenta agli incastri. Perché i nomi su cui si è concentrata in queste ore sono Darmian (che per il Manchester non è più incedibile) e Danilo (che però è extracomunitario). E soprattutto i dirigenti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan-Donnarumma, la soluzione c’è! Roma, le idee (giuste) di Monchi… Juve, ansia Alex Sandro! Ma Ibra? 21.06 - Ogni estate ha il suo tormentone calcistico… Il 2017 lo ricorderemo, a parte per il caldo asfissiante, per le “bizze” legate a Gigio Donnarumma. Neanche i sceneggiatori di Beautiful (soap opera che va in onda, in Italia, dal 1990) potevano creare un intrigo simile… Dal bacio alla...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: c’è un nome per sostituire D.Alves (ma fa a “pugni” con D.Costa…). Milan: attenti alla novità “per forza” su Donnarumma (e Conti…).  Inter: tutto quello che Spalletti ha chiesto dal mercato. Napoli: Raiola ci ha fatto un regalo 20.06 - Per iniziare salutiamo tutti assieme Luigi di Sciacca, filibustiere siciliano incontrato sabato sera a Como. “Ciao, tu scrivi chilometri di robe su tmw. Ti leggo per addormentarmi”. Gli ho offerto un birrone bello fresco perché mi sembrava un complimento. A mente fredda rivorrei...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Raiola non è una minaccia ma una condanna: Tavecchio vigili per il bene dei vivai. Juve, multa Dani Alves. Sabatini prepara i colpi. Serie C, final four "format" da rivedere 19.06 - Quello che in molti non capiscono, dirigenti e tifoserie lontane dai colori rossoneri, che la battaglia sul caso-Donnarumma non riguarda solo il Milan o solo Donnarumma. E' una battaglia di sistema. I tifosi, invece, la racchiudono frettolosamente nel colore sociale e si perdono nel...

EditorialeDI: Marco Conterio

E' il calciomercato più bello del nuovo millennio. Casi shock e trasferimenti record: la top ten dei tormentoni ma siamo solo all'inizio 18.06 - E' un'estate calda, ma questo non è certo una novità. Solo che quest'anno, sotto l'ombrellone, ci stiamo già godendo la più bella e divertente sessione di mercato da anni a questa parte. In ordine sparso: la bomba Cristiano Ronaldo con il Real Madrid. L'avvento dei cinesi del Milan...

EditorialeDI: Mauro Suma

Donnarumma: costi quel che costi. Suning tra ex juventini ed ex milanisti. Da Cardiff a Castellammare 17.06 - Non l'ha ordinato nessuno ai tifosi del Milan di innamorarsi di Donnarumma. Nemmeno ai bambini ai quali, come per Kakà, e torneremo su questa nemesi, è particolarmente difficile spiegare cos'è successo. Ma non è il tempo del pistolotto moralistico: solo analisi e solo dettagli. Era...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma, ecco perché va via. Una storia scandalosa. Il Real lo aspetta, ma anche la Juve. Tornerà in Primavera o andrà in tribuna. Piace Neto. Inter, via Perisic. Nel mirino Bernardeschi e Borja Valero. Allegri aspetta Iniesta 16.06 - Donnarumma, una storia scandalosa. Una società investe sul settore giovanile, fa crescere un bambino, lo lancia in serie A, gli offre cinque milioni di ingaggio per cinque anni (una follia) e lui che fa? A diciotto anni dice no, vuole andar via per più soldi e forse più gloria. Una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter colpo a centrocampo, Juve passi avanti per N'Zonzi (e non solo), Milan il giorno di Donnarumma 15.06 - Si presenta Spalletti e spiega la sua filosofia. E mentre si presenta i suoi direttori lavorano per consegnargli una squadra che possa ricalcare più possibile le sue idee. Ecco perché è partita l'offensiva per Borja Valero. Il giocatore era già in cima alla lista dei desideri di Spalletti...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.