VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Sedici squadre si giocano la Champions League: chi è la favorita?
  Barcellona
  Basilea
  Bayern Monaco
  Besiktas
  Chelsea
  Juventus
  Liverpool
  Manchester City
  Manchester United
  Paris Saint-Germain
  Porto
  Real Madrid
  Roma
  Siviglia
  Shakhtar Donetsk
  Tottenham

TMW Mob
Editoriale

Ricostruzione Inter, i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi

27.04.2017 08:03 di Luca Marchetti   articolo letto 22483 volte
Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi

Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito il progetto Pioli significherebbe riazzerare tutto e cominciare di nuovo da capo. Vorrebbe dire aver perso un altro anno. Non è detto che a priori sia un errore. Di sicuro la squadra non solo non ha ottenuto quel piazzamento in Champions League che era considerato un obiettivo quasi miracoloso (ma che ogni interista in cuor proprio sapeva di poter ottenere) ma ora rischia seriamente di essere ancora fuori dall'Europa, cioé fare peggio rispetto alla scorsa stagione.
Il problema è che per fare calcio ad altissimi livelli ci vuole esperienza e i cinesi hanno tutto fuorché quella. Non bastano i soldi per cambiare la storia recente. Aiutano, di certo. Ma ci vuole tempo per strutturare la società come Suning vorrebbe. Abbiamo fatto una rapida ricerca: nessuno (nei grandi club) è riuscito a vincere il primo anno dopo aver cambiato proprietà. Qui siamo al doppio salto (Moratti-Thohir Thohir-Suning) con un'identità che ancora è più adagiata sulla filosofia morattiana (ed è anche logico e naturale che sia così) senza che però ci sia più Moratti. A vincere non ci è riuscito subito il Chelsea, non il City, neanche il PSG il cui compito era decisamente più semplice. Lo hanno fatto l'anno successivo. Certo non raccolsero proprio nulla, certo non fu una stagione così avara di soddisfazioni. Ma abbiamo allargato la ricerca alle proprietà cinesi, cioé a chi ha un modo di pensare e gestire completamente diverso da quello a cui siamo abituati. Bene: praticamente tutte le società gestite da proprietari cinesi stanno facendo o hanno fatto male. Anche chi è "cinese" da un po' più di tempo. I nuovi capitali sono entrati da pochissimo nel calcio e quindi ci vuole tempo anche per loro per potersi strutturare. Il problema è che all'Inter di tempo non c'è. C'è bisogno di tornare ad essere grandi subito. Ecco perché ogni risultato che non arriva è un problema grosso. Ecco perché i fantasmi dei grandi allenatori sono sempre alle spalle di Pioli. Ecco perché ognuno è autorizzato a dare un consiglio a Zhang (junior o senior che sia). La necessità di fare pratica non si sposa con la necessità di fare risultato. Ma la potenza economica può accorciare i tempi e può allo stesso tempo regalare soddisfazioni. Ecco perché molto dipenderà da quello che succederà quest'estate. I grandi nomi portano sempre entusiasmo, poi toccherà a Pioli (o meglio: all'allenatore dell'Inter visto che probabilmente neanche lui sa se rimarrà o meno in nerazzurro) trovare il giusto equilibrio, e non sarà affatto facile. Non più facile di quest'anno. Ma i nomi ci sono e sono importanti, sempre con un occhio alle imposizioni del FFP a cui in un modo o nell'altro bisogna sottostare.
È all'inizio del cammino anche il Milan. Paradossalmente il fatto che Han Li e Yonghong Li siano molto meno presenti di Suning potrebbe essere un vantaggio per Fassone e Mirabelli. Fassone intanto si è già praticamente preso tutte le responsabilità delle azioni future della società. Mirabelli ha il compito di utilizzare al meglio i soldi messi a disposizione per il mercato, che, secondo gli accordi, sono 100 milioni al netto delle cessioni. Ma le questioni più importanti in casa Milan sono i rinnovi. Per Donnarumma basterà aspettare: le grandi manovre sono iniziate, Raiola ha espresso le sue necessità. Starà al nuovo Milan convincerlo che ci sarà una grande prospettiva (e un grande stipendio): la carriera di Donnarumma è lunga. Il secondo rinnovo delicato è quello di De Sciglio: nelle prossime ore previsto un incontro con il suo manager Branchini. Libero di andare se dovesse avere un'offerta (della Juve?) ma dovrà essere un'offerta parametrata al valore del giocatore. Un giocatore ritenuto importante dai rossoneri.
A proposito di giocatori importanti: il Napoli e Mertens stanno provando a trovare un accordo. Il problema dal punto di vista economico dovrebbe essere praticamente risolto. Il nuovo ingaggio dovrebbe essere intorno ai 4 milioni di euro, la clausola fra i 30 e i 35 (anche se in realtà il ragazzo vorrebbe una clausola più bassa, fondamentalmente per la Cina). Per De Laurentiis la situazione dipende dalla moglie (che perlatro risulta sia a Napoli in questi giorni). Ma al di la di chi decide o meno la verità è che De Laurentiis è pronto a fare uno sforzo importante per mantenere il ragazzo in azzurro e che al contempo Mertens prende ancora tempo (per dinamiche familiari o meno non è dirimente) e che quindi può valutare anche altre destinazioni: perché no anche con la moglie.
Pillole di mercato: la Fiorentina sta sondando Matheus della Fluminense (scadenza dicembre 2017) che piace anche al Benfica. Vorrebbero capire quando costerebbe portarlo in anticipo in Italia. Mentre si è molto parlato di Schik in questi ultimi giorni. L'ultimo a parlarne è stato Ferrero, in queste ultime ore. Ha proposto all'entourage del giocatore di alzare la clausola da 25 milioni a 40. Al momento non è stato firmato nulla perché l'aumento è considerevole e per accettare ci vorrebbe che il contratto del ragazzo cambi di conseguenza: a cifre decisamente più importanti e con altri bonus. Con tutte le squadre che lo seguono sarebbe una sorpresa un rinnovo ora con la Samp.
Per una volta non abbiamo parlato di panchine, ma è inevitabile farlo con la Roma. Ufficializzato il suo nuovo direttore sportivo molti si chiederanno chi sarà il nuovo capotecnico. Molti puntavano su Emery, ma dalla Francia filtra che rimarrà al PSG. La rosa si restringe ma in realtà è costretta ad allargarsi. Ci vuole peraltro un allenatore che sappia parlare la stessa lingua del nuovo direttore sportivo abilissimo a trovare nuovi talenti, ma ci vuole poi qualcuno che sappia farli giocare e metterli in mostra nel miglior modo possibile. Il suo Siviglia incassava soldi e trofei, ripetere la stessa esperienza a Roma sarebbe eccezionale. Ma le qualità per poter intraprendere un ciclo redditizio ci sono.
Reggetevi forte il mercato non è neanche iniziato.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juventus-Inter: altro che partita perfetta e spot del calcio italiano. Nei bianconeri ci sono due casi ma molto diversi tra Allegri e Mourinho. Icardi, l'esame Mundial e la corte di Florentino Perez 10.12 - Zero a zero sarà pure la partita perfetta ma Juventus-Inter è stata la fotografia della noia. Un ben noto e ascoltato incipit della gara, spiegava che sarebbe dovuta essere lo spot per il calcio italiano. Purtroppo, lo è stata del calcio italiano. Dove contano tanto i giocatori di...

EditorialeDI: Mauro Suma

La Cavese e il Povero Diavolo. Il Milan 2012-2017. I doveri dei Club channels. Juve, vigilia violenta 09.12 - I giocatori del Milan devono capire, compatibilmente con il lavoro di carico atletico che stanno mettendo nelle gambe, che in questo momento hanno un dovere doppio. Non solo quello di giocare e fare punti. Sarebbe troppo banale. Ma anche e soprattutto di tenere il Milan come simbolo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Un giallo: il Milan accerchiato. Bocciato o no il piano finanziario, l’Uefa non si fida di Li Yonghong. E Montella non andava esonerato adesso. Napoli, resta solo lo scudetto: De Laurentiis investa a gennaio e fuori subito dall’Europa League 08.12 - E’ l’anno del Milan, l’anno nero intendo. Il nuovo corso cinese che doveva riportare i rossoneri al vertice del calcio mondiale, in realtà sta portando soltanto enormi problemi. In campo e fuori. “Aridatece il Berlusca”, urla il popolo milanista e chissà lui quanto starà godendo. L’ultimo...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e i problemi di novembre, un piccolo record italiano e una panchina per Nesta 07.12 - Al Napoli non è riuscita l'impresa. Non sarebbe dipeso solo dagli azzurri, serviva un aiutino (o aiutone, visto a posteriori) da parte del City. Invece il 2-0 maturato dopo mezz'ora ha fatto il resto. E il Napoli non ha neanche azzannato l'avversario. Per mille motivi, primo su tutti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, Allegri come Yoda… Roma in paradiso!!! Milan, disastro in vista. Contrattone Messi? Se lo merita… 06.12 - Ed ecco la solita, determinata, immensa, compatta Juventus… Quando la palla comincia a scottare, i bianconeri rispondono sempre alla grande. Dopo la fondamentale vittoria al San Paolo, il successo in terra greca (contro un coriaceo Olympiacos) e il conseguente pass per gli ottavi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: sboccia Costa, ma “mister ottavi” ha il solito problema. Milan: Gattuso deve risolvere il “guaio estivo” (e c’è un esempio da seguire). Inter: Spalletti, Icardi e i pericolosi suonatori di violino. Napoli: Sarri non farti fregare 05.12 - Intanto chiedo un grande applauso al direttore artistico Luca Tommassini. Bravo Luca, riesci a sorprenderci ogni volta. (Se non chiedi un applauso per Luca Tommassini, oggigiorno non sei nessuno). Poi riflettiamo sul Natale. Il Natale sta arrivando con le sue luci e le sue mille...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, gli alibi sono finiti. Inter, adesso dimostra a Torino chi sei. Napoli, sono pochi 13 calciatori per lo scudetto. Sassuolo, quando paga Angelozzi? 04.12 - Siamo tutti professori senza cattedra ma è il bello del nostro mestiere dove giudichiamo ma non siamo giudicati perché alla fine parlare è facile ma fare calcio è davvero complicato. Puoi spendere soldi, puoi fare progetti ma il calcio è bello e maledetto proprio perché può stravolgerli....

EditorialeDI: Andrea Losapio

La Russia è una tristezza che capiremo solo a giugno. Napoli incompiuto ma pur sempre primo in classifica, la Juventus è più forte. Milan e Sardegna-gate: perché rinnovare a Montella? 03.12 - C'è chi era al caldo di Zanzibar e chi al freddo di Mosca. Chi si godeva il bagno in un periodo che solitamente porta solo spifferi e chi rischiava di scivolare sul marciapiede in Russia in attesa di un sorteggio che non ci vedeva protagonisti. Sembrano due storie molto lontane fra...

EditorialeDI: Mauro Suma

Napoli disinnescato dalla Juve. Il macellaio di Carnago. Giochi di guerra a Novara. Icardi-Tevez, bivio Inter 02.12 - Lo stesso abbraccio sportivamente "cattivo" visto a San Siro, al termine di Milan-Juventus. Se lo sono regalati i giocatori della Juventus, cinici più che mai al San Paolo nell'ennesimo capitolo della saga di Higuain. Più ha male alla mano e più lo fischiano, più segna. Gol decisivi,...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Napoli-Juve, ecco perché sarà scudetto. Sarri deve solo vincere. Allegri punta al pari. Dybala falso nueve. Higuain è stato a Lourdes? L’Inter molla Chiesa. Montella, un fallimento. Gattuso oltre i cinesi 01.12 - Qualcuno racconta ancora che stasera non c’è in palio lo scudetto. Balle. Dal risultato di questa sfida dipenderà moltissimo del futuro di tutta la stagione. Lo sa Sarri, lo sa Allegri, lo sanno benissimo i protagonisti. Ma lo sa anche lo scudetto, travestito da Destino. E se c’è...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.