HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Fitwalking for AIL
SONDAGGIO
Chi tra le italiane passerà il girone di Champions League?
  Tutte
  Juventus, Inter e Roma
  Juventus, Inter e Napoli
  Juventus, Napoli e Roma
  Inter, Napoli e Roma
  Juventus e Roma
  Juventus e Inter
  Juventus e Napoli
  Inter e Roma
  Inter e Napoli
  Roma e Napoli
  Solo la Juventus
  Solo la Roma
  Solo l'Inter
  Solo il Napoli
  Nessuna

La Giovane Italia
Editoriale

Rivoluzione? Invoco il Commissario… Juve, c’è un problema! Roma? Ha ragione Falcao…

22.11.2017 00:00 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    articolo letto 18051 volte

Sto ancora elaborando il lutto (l’esclusione dal Mondiale) ma mi sta anche salendo quella sana rabbia di chi pretende un cambiamento, non di facciata ma reale!!! Il popolo ha avuto il sangue che bramava: le teste di Ventura e Tavecchio sono rotolate sul selciato… Purtroppo, il resto dalla combriccola è rimasto dove è da tempo. Tutti inchiodati alle loro poltrone, nella speranza di eleggere un altro della “loro specie”. Eh no, Signori… Questo non accadrà o, meglio, non accadrebbe se dovesse arrivare, dal Coni, il tanto agognato Commissario. In questo caso, il potere di cambiare, di stravolgere e di riformare sarebbe nelle mani del Commissario. Una bella responsabilità ma, ne sono certo, difficile che, chiunque dovesse essere scelto come Commissario, possa sporcare il calcio italiano peggio di quanto è stato fatto ad oggi. Lo dico e lo ripeto: Tavecchio è stato un buon “politico del calcio”, sarà ricordato per la clamorosa eliminazione dell’Italia dal Mondiale 2018 ma anche per aver introdotto il VAR… Ma, ora, necessitiamo di un “uomo di calcio” e, soprattutto, di un “visionario rivoluzionario”. Di uno che abbia voglia di rischiare, di ribaltare tutto, uomini, strategie e politica. Io invoco il Commissario per un semplice motivo: è l’unica possibilità per inquinare un meccanismo senza futuro. Basta con le “alleanze politiche”, spazio ad “accordi sportivi”. Non me ne frega nulla che abbiamo uomini potenti nei salotti più importanti del calcio europeo, io pretendo che sia potente il nostro calcio… Ho rispetto della LND ma io, e con me milioni di appassionati, guardo e mi esalto per la Serie A!!! Insomma, il sistema non funziona. Commissario, pensaci tu, nell’attesa di avere una guida nuova e con programmi più calcistici e meno politici. Purtroppo nessuno di noi ha voce in capitolo, le scelte verranno fatte da altri. Tuttavia, rispetto al recente passato, c’è un intero popolo che osserverà e valuterà ogni decisione che verrà presa. Sapete perché? Perché, dopo 60 anni, c’è stato tolto il diritto di gioire (e soffrire) al Mondiale e questo è un affronto che non potrà mai essere perdonato. Chi resta ancorato alla propria poltrona non ha capito che il calcio, a differenza della politica, non ammette nessuna seconda chance se sei responsabile di un’apocalisse… Lo capiranno? Non credo ma il Commissario dovrà sempre ricordarglielo alle assemblee… Il dilemma è il seguente: ci sarà un Commissario? Dalla FIGC stanno facendo di tutto per evitarlo. Ancora una volta, pare tanto una questione di politica e di poltrona… Sibilia, ex “amico” di Tavecchio e ora “nuovo” possibile condottiero della FIGC, ci ha fatto sapere che “… 50 milioni di italiani chiedevano una riflessione e l’abbiamo fatta”. Ah davvero? Chi l’ha fatta? Gli stessi che non hanno levato i tacchi alla richiesta di Tavecchio di dimettersi?
Mi servirebbe un tranquillante, meglio soffermarsi su altro. Ho ricevuto una telefonata un giorno fa: “Direttore, la Juventus è finita… Allegri ha perso la testa!”. Non svelo il nome della persona che mi ha contattato ma posso dirvi che ha un cuore nerazzurro… Allora, la Juventus ha un solo problema: Paulo Dybala. Il ragazzo, 24 anni, è in una fase della vita in cui si passa dall’essere un giovane uomo al diventare una persona matura. Un periodo difficile in cui, spesso, fai cose di cui, nell’immediato futuro, ti penti. “Io alla Juve a vita? Non posso prometterlo. Ma non dico neanche che questo sarà il mio ultimo anno a Torino”, queste le sue dichiarazioni a France Football. Mi chiedo: è il momento giusto per parlare di tutto questo? Non credo… Ora sarebbe meglio concentrarsi sul gioco, solo sul gioco. Allegri, grandissimo allenatore ma ancor più grande stratega, sta usando la carota e il bastone con Dybala. Vuole “svegliarlo” affinché, con la sua classe, la Juventus possa tornare a volare. Il problema è tutto qui. Alla Juventus serve il miglior Dybala. Con lui al 100%, sono certo che la difesa tornerà a non distrarsi e l’attacco farà ancora più faville… Speriamo che la sfida con il Barcellona sia la partita giusta per gustare la vera Joya…
Chiudo con la Roma. Dato per scontato che, ad oggi, il Napoli è la favorita numero uno per lo Scudetto, io voglio puntare sulla Roma come vera antagonista dei partenopei. Intendiamoci, l’Inter è fortissima e la Juventus non è mai fuori dai giochi ma, onestamente, la Roma mi sta incantando. Il “turnover intelligente” di Di Francesco è moderno, corretto, funzionale al progetto. Ne ho parlato con Paulo Roberto Falcao, uno che ha trasformato quella che era una Rometta nella Maggica… Mi ha sorpreso una sua considerazione che sposo in pieno: “Noi eravamo pronti a tutto per seguire Liedholm. Ci faceva sentire tutti importanti”. Ecco, Di Francesco mi pare sulla buona strada per emulare il Maestro Liedholm. Da Dzeko a Gerson, tutti sono “coinvolti” nel progetto e questo, alla lunga, potrebbe pagare, non solo in campo ma anche extra campo. La Roma è una grande squadra ma, quest’anno, mi pare anche un grande gruppo con nessuno escluso…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Inter in sala di attesa. Roma, per Monchi iniziano i primi test. Se il Milan non le chiude diventa tutto difficile. Da visionario a luminare: Faggiano ha vinto con Gervinho. E De Zerbi non sarà più solo bello… 24.09 - In Italia conta solo una cosa: vincere! E fin qui siamo tutti d’accordo. Le prestazioni non vengono mai analizzate e, sinceramente, capiamo che l’unica medicina sono i tre punti. L’Inter non è guarita, ci mancherebbe, però in 4 giorni ha vinto due partite a tempo scaduto e alla Pinetina...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il livello della Serie A è in crescita, ma lo Scudetto è un'altra storia. In B e in C il caos va avanti e c'è un colpevole: non si può riformare il calcio cambiando le norme in corsa 23.09 - Il gioco corale della Sampdoria orchestrato da Marco Giampaolo. La nuova Fiorentina, giovane, ricca di talento e con un tridente offensivo già forte, ma potenzialmente devastante. Il calcio rapido e verticale del Sassuolo di Roberto De Zerbi, e la personalità del leader del Cagliari...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter con la Samp per la svolta in campionato. Juventus: Dybala un anno decisivo, Bernardeschi ora è l’arma in più. Di Francesco merita fiducia ma serve un cambio di marcia. Atalanta: il rinnovo di Gasperini segnale forte della società 22.09 - Ne ero convinto e alla fine la Champions ha confermato la mia sensazione. Contro il Tottenham, l’Inter ha trovato il risultato, la prestazione ma soprattutto la reazione che voleva Spalletti. Quella rabbia che ha portato a ribaltare una situazione che avrebbe aperto in maniera ufficiale...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Var, ora è uno scandalo. Ecco perché gli arbitri sono tornati indietro e non lo usano quasi più. Il caso Ronaldo lo imporrebbe anche in Champions. La guerra fra Infantino (Fifa) e Ceferin (Uefa) dietro il cambio di linea 21.09 - Chi ha ucciso il Var? Quasi il titolo di un giallo, ma in effetti quello che sta succedendo ha molto del giallo. Nello scorso campionato di serie A il Var era stata una piacevole novità, un elemento in grado di aiutare gli arbitri e portare l’idea di giustizia e serenità nel calcio,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Champions delle emozioni: ecco chi è "condannato" a vincere... 20.09 - E' tornata la Champions. Ed è tornata in tutto il suo splendore. La Champions esalta, la Champions non perdona. La Champions dimostra che la Juve ha una squadra forte fisicamente, tecnicamente e mentalmente, anche senza CR7, anzi con l'espulsione di CR7. Ha mandato all'inferno la...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

L’Inter ha il cuore, ma la testa? Ecco l’errore più grosso che sembra non vedere. Le ragioni per cui la Juventus è la favorita per la Champions. Il Napoli può aver già compromesso la qualificazione. Mentre per la Roma a Madrid è facile 19.09 - Forse il Tottenham aveva creduto di vincerla. E forse poteva anche avere ragione. Ma aveva sottovalutato un aspetto: mai dare per finito chi ha mangiato merda per 7 anni, ed adesso è disperato per uscire dalla sua condizione. Eppure, a prescindente dalla folle rimonta, l’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve e Douglas: il suo errore e quello "degli altri". Inter: ecco chi ha fretta di seppellire i nerazzurri. Milan: la ricetta di Gattuso (in barba alle "ombre"). Ridateci il Var, per carità. E su Barella... 18.09 - L’ombra di Conte. L’ombra di Conte è devastante. È su tutti. Su Spalletti. Su Gattuso. Su Di Francesco. Ma anche su di te. Al lavoro sei stato rimbrottato? C’è l’ombra di Conte. La tua ragazza ultimamente ti tratta male? Pensaci, potrebbe essere l’ombra di Conte. Sei pallido? Per...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Si scrive Inter, si legge crisi. Ronaldo e il gol: adesso via ai titoloni. Allarme Roma mentre Gattuso deve prendere una decisione 17.09 - Parlare di crisi dopo 4 giornate è prematuro. Non si possono lanciare allarmi e non si possono fare funerali ad uno che ha solo il raffreddore. Se è vero che abbiamo forzato un pò la mano per il titolo è altrettanto vero che l'Inter non ha solo il raffreddore ma la diagnosi è piuttosto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il Var così è inutile, parte seconda. Ci hanno rotto il calcio: è tutto più che ridicolo. E il campionato sembra già finito 16.09 - In due settimane di pausa si sono sviluppati tre macrotemi: la Nazionale, il campionato dei tribunali e quello che sembra già finito, cioè la A, perché provate a pensare quando si sbloccherà Cristiano Ronaldo. Ieri si è aggiunto in maniera prepotente, ma in realtà è così dalla prima...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter ancora Modric nel mirino e si lavora per il rinnovo di Skriniar, Juve occhi su Marcelo, il Napoli vuole blindare Milik. Milan, oltre Rabiot piacciono Paquetà e Paredes 15.09 - Siamo appena a metà settembre eppure gennaio sembra così vicino, perché il mercato è sempre in movimento. E allora parto dall’Inter che ha cullato per alcuni giorni il sogno Modric. Il no netto di Florentino Perez ha chiuso ogni possibilità, ma ancora il rinnovo con il Real Madrid...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy