VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Sedici squadre si giocano la Champions League: chi è la favorita?
  Barcellona
  Basilea
  Bayern Monaco
  Besiktas
  Chelsea
  Juventus
  Liverpool
  Manchester City
  Manchester United
  Paris Saint-Germain
  Porto
  Real Madrid
  Roma
  Siviglia
  Shakhtar Donetsk
  Tottenham

Editoriale

Rivoluzione? Invoco il Commissario… Juve, c’è un problema! Roma? Ha ragione Falcao…

22.11.2017 00:00 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    articolo letto 17409 volte

Sto ancora elaborando il lutto (l’esclusione dal Mondiale) ma mi sta anche salendo quella sana rabbia di chi pretende un cambiamento, non di facciata ma reale!!! Il popolo ha avuto il sangue che bramava: le teste di Ventura e Tavecchio sono rotolate sul selciato… Purtroppo, il resto dalla combriccola è rimasto dove è da tempo. Tutti inchiodati alle loro poltrone, nella speranza di eleggere un altro della “loro specie”. Eh no, Signori… Questo non accadrà o, meglio, non accadrebbe se dovesse arrivare, dal Coni, il tanto agognato Commissario. In questo caso, il potere di cambiare, di stravolgere e di riformare sarebbe nelle mani del Commissario. Una bella responsabilità ma, ne sono certo, difficile che, chiunque dovesse essere scelto come Commissario, possa sporcare il calcio italiano peggio di quanto è stato fatto ad oggi. Lo dico e lo ripeto: Tavecchio è stato un buon “politico del calcio”, sarà ricordato per la clamorosa eliminazione dell’Italia dal Mondiale 2018 ma anche per aver introdotto il VAR… Ma, ora, necessitiamo di un “uomo di calcio” e, soprattutto, di un “visionario rivoluzionario”. Di uno che abbia voglia di rischiare, di ribaltare tutto, uomini, strategie e politica. Io invoco il Commissario per un semplice motivo: è l’unica possibilità per inquinare un meccanismo senza futuro. Basta con le “alleanze politiche”, spazio ad “accordi sportivi”. Non me ne frega nulla che abbiamo uomini potenti nei salotti più importanti del calcio europeo, io pretendo che sia potente il nostro calcio… Ho rispetto della LND ma io, e con me milioni di appassionati, guardo e mi esalto per la Serie A!!! Insomma, il sistema non funziona. Commissario, pensaci tu, nell’attesa di avere una guida nuova e con programmi più calcistici e meno politici. Purtroppo nessuno di noi ha voce in capitolo, le scelte verranno fatte da altri. Tuttavia, rispetto al recente passato, c’è un intero popolo che osserverà e valuterà ogni decisione che verrà presa. Sapete perché? Perché, dopo 60 anni, c’è stato tolto il diritto di gioire (e soffrire) al Mondiale e questo è un affronto che non potrà mai essere perdonato. Chi resta ancorato alla propria poltrona non ha capito che il calcio, a differenza della politica, non ammette nessuna seconda chance se sei responsabile di un’apocalisse… Lo capiranno? Non credo ma il Commissario dovrà sempre ricordarglielo alle assemblee… Il dilemma è il seguente: ci sarà un Commissario? Dalla FIGC stanno facendo di tutto per evitarlo. Ancora una volta, pare tanto una questione di politica e di poltrona… Sibilia, ex “amico” di Tavecchio e ora “nuovo” possibile condottiero della FIGC, ci ha fatto sapere che “… 50 milioni di italiani chiedevano una riflessione e l’abbiamo fatta”. Ah davvero? Chi l’ha fatta? Gli stessi che non hanno levato i tacchi alla richiesta di Tavecchio di dimettersi?
Mi servirebbe un tranquillante, meglio soffermarsi su altro. Ho ricevuto una telefonata un giorno fa: “Direttore, la Juventus è finita… Allegri ha perso la testa!”. Non svelo il nome della persona che mi ha contattato ma posso dirvi che ha un cuore nerazzurro… Allora, la Juventus ha un solo problema: Paulo Dybala. Il ragazzo, 24 anni, è in una fase della vita in cui si passa dall’essere un giovane uomo al diventare una persona matura. Un periodo difficile in cui, spesso, fai cose di cui, nell’immediato futuro, ti penti. “Io alla Juve a vita? Non posso prometterlo. Ma non dico neanche che questo sarà il mio ultimo anno a Torino”, queste le sue dichiarazioni a France Football. Mi chiedo: è il momento giusto per parlare di tutto questo? Non credo… Ora sarebbe meglio concentrarsi sul gioco, solo sul gioco. Allegri, grandissimo allenatore ma ancor più grande stratega, sta usando la carota e il bastone con Dybala. Vuole “svegliarlo” affinché, con la sua classe, la Juventus possa tornare a volare. Il problema è tutto qui. Alla Juventus serve il miglior Dybala. Con lui al 100%, sono certo che la difesa tornerà a non distrarsi e l’attacco farà ancora più faville… Speriamo che la sfida con il Barcellona sia la partita giusta per gustare la vera Joya…
Chiudo con la Roma. Dato per scontato che, ad oggi, il Napoli è la favorita numero uno per lo Scudetto, io voglio puntare sulla Roma come vera antagonista dei partenopei. Intendiamoci, l’Inter è fortissima e la Juventus non è mai fuori dai giochi ma, onestamente, la Roma mi sta incantando. Il “turnover intelligente” di Di Francesco è moderno, corretto, funzionale al progetto. Ne ho parlato con Paulo Roberto Falcao, uno che ha trasformato quella che era una Rometta nella Maggica… Mi ha sorpreso una sua considerazione che sposo in pieno: “Noi eravamo pronti a tutto per seguire Liedholm. Ci faceva sentire tutti importanti”. Ecco, Di Francesco mi pare sulla buona strada per emulare il Maestro Liedholm. Da Dzeko a Gerson, tutti sono “coinvolti” nel progetto e questo, alla lunga, potrebbe pagare, non solo in campo ma anche extra campo. La Roma è una grande squadra ma, quest’anno, mi pare anche un grande gruppo con nessuno escluso…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Tra voluntary Milan e rating BB- Inter. Gigio, la prova del nove. ADL: Ounas? No, Donnarumma! 16.12 - Certo che al Milan non si fanno salti di gioia. Sul piano industriale presentato a Nyon e sulle successive integrazioni in base alle richieste di documentazione UEFA, il Club rossonero aveva puntato molto. In ogni caso il tono del comunicato europeo, come tutti hanno potuto verificare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Lo scandalo Donnarumma. Il portiere contro il suo procuratore Raiola: “Mai subito violenza psicologica”. Raiola contro Mirabelli: “E’ lui il male”. Mirabelli: “Tanto non lo cediamo”. Ma il Milan ora può solo vendere il giocatore 15.12 - Dopo due giorni di polemiche, striscioni e lacrime, ieri sera a tarda ora è arrivata la versione di Gigio Donnarumma: “Non ho mai scritto o detto di aver subito violenza morale da parte del Milan durante la firma del contratto”. Una presa di posizione netta, chiarissima, del giocatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Donnarumma, sempre Donnarumma, ancora Donnarumma 14.12 - Donnarumma torna al centro della polemica. E ancora una volta, una parte della tifoseria organizzata del Milan, esprime il proprio dissenso. Di sicuro il rapporto, ora, è di nuovo teso. Per via di quanto è successo nelle ultime settimane. Proviamo a fare allora un riassunto (naturalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Donnarumma-Raiola, che pasticcio! Il VAR va migliorato non demonizzato… Lazio, incubo Barcellona! 13.12 - Un mio vecchio amico mi ripete, alla noia, questa frase: “Ai miei tempi il calcio era un gioco semplice fatto da persone semplici”. Avendo superato la settantina, è evidente il suo riferimento ad un calcio, quello degli anni ’60 e 70’ che ben poco ha a che fare con il calcio d’oggi…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri e la "grana" Dybala. Inter: il senso delle parole di Spalletti. Milan: Gattuso non è solo "grinta". Occhio agli Euro-sorteggi... 12.12 - Ciao. Oggi c’è Inter-Pordenone di Coppa Italia. La Coppa Italia è molto considerata dai nostri capi del calcio: fanno giocare l’ottavo di finale in casa della più forte. Di martedì. Alle nove antelucane. Con -12 gradi e l’incubo “gelicidio”. Il gelicidio fa paura a tutti. Tutti ne...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, uno spot per poveri. Roma e Napoli, siamo alle solite. Crotone, con Nicola hai perso un patrimonio tecnico ed umano 11.12 - Quando aspetti una settimana intera un big match, lo carichi con titoloni e speciali e poi vedi (o meglio non vedi) una partita priva di emozioni, capisci che questo campionato è aperto ad ogni pronostico. L'Inter è la vera anti-Juve? Difficile pensarlo se ci ricordiamo da dove arriva...

EditorialeDI: Marco Conterio

Juventus-Inter: altro che partita perfetta e spot del calcio italiano. Nei bianconeri ci sono due casi ma molto diversi tra Allegri e Mourinho. Icardi, l'esame Mundial e la corte di Florentino Perez 10.12 - Zero a zero sarà pure la partita perfetta ma Juventus-Inter è stata la fotografia della noia. Un ben noto e ascoltato incipit della gara, spiegava che sarebbe dovuta essere lo spot per il calcio italiano. Purtroppo, lo è stata del calcio italiano. Dove contano tanto i giocatori di...

EditorialeDI: Mauro Suma

La Cavese e il Povero Diavolo. Il Milan 2012-2017. I doveri dei Club channels. Juve, vigilia violenta 09.12 - I giocatori del Milan devono capire, compatibilmente con il lavoro di carico atletico che stanno mettendo nelle gambe, che in questo momento hanno un dovere doppio. Non solo quello di giocare e fare punti. Sarebbe troppo banale. Ma anche e soprattutto di tenere il Milan come simbolo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Un giallo: il Milan accerchiato. Bocciato o no il piano finanziario, l’Uefa non si fida di Li Yonghong. E Montella non andava esonerato adesso. Napoli, resta solo lo scudetto: De Laurentiis investa a gennaio e fuori subito dall’Europa League 08.12 - E’ l’anno del Milan, l’anno nero intendo. Il nuovo corso cinese che doveva riportare i rossoneri al vertice del calcio mondiale, in realtà sta portando soltanto enormi problemi. In campo e fuori. “Aridatece il Berlusca”, urla il popolo milanista e chissà lui quanto starà godendo. L’ultimo...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e i problemi di novembre, un piccolo record italiano e una panchina per Nesta 07.12 - Al Napoli non è riuscita l'impresa. Non sarebbe dipeso solo dagli azzurri, serviva un aiutino (o aiutone, visto a posteriori) da parte del City. Invece il 2-0 maturato dopo mezz'ora ha fatto il resto. E il Napoli non ha neanche azzannato l'avversario. Per mille motivi, primo su tutti...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.