VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Roma, al Camp Nou la paura fa 31. Serve un grande difensore, uno che già c'era. Bruges-Napoli a porte chiuse, piange il cuore

Nato a Magenta, il 28/04/1974, è giornalista professionista dal 2003. Direttore di Calcio2000, collabora con Corriere dello Sport, Leggo, Sportal, Giochimania e Supergiochi. Telecronista sportivo e opinionista TV (SportItalia e Calcissimo TV)
25.11.2015 00:00 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    articolo letto 34678 volte
© foto di Federico De Luca

Il Barcellona è la squadra più forte al mondo? Assolutamente sì. La Roma poteva fare meglio al Camp Nou? Assolutamente sì. Due domande, due semplici risposte. Ok, la qualificazione agli ottavi di Champions, la squadra di Garcia se la giocherà con il Bate Borisov ma, signori, perdere così fa male, a prescindere dall'avversario (in questo caso mostruoso) che ti trovi di fronte. Sono bastati due minuti per capire come sarebbe andata la partita: blaugrana a scherzare ad ogni azione (beati loro), giallorossi con la paura negli
occhi (come con il Bayern Monaco, circa un anno fa). Se poi Dzeko, voluto per essere il terminale offensivo della squadra, si divora il gol del possibile (e clamoroso) 1-0 a favore della Roma, allora non c'è proprio nulla da fare. Il Barcellona ha vinto ancor prima di scendere in campo. Giallorossi incredibilmente timorosi, incapaci di reggere il confronto, emotivo, con Messi e compagni. Umiliati nel gioco e nel risultato. Segnali allarmanti soprattutto dalla difesa. Con i tre gol per tempo presi al Camp Nou..., sono 16 le reti incassate in Champions League che, unite alle 15 subite in campionato, fanno ben 31 in 18 gare totali. Scherziamo? No, purtroppo no... La Roma non sa difendere, manca la giusta personalità e anche le qualità tecniche/tattiche necessarie. La linea non regge, ognuno va per i fatti propri. Presi singolarmente, i giocatori a disposizione di Garcia non sono neanche male (soprattutto Manolas) ma, come reparto, sono difficilmente difendibili. Se ne sono accorti i tre assi d'attacco del Barça, fin troppo liberi di prendersi gioco della difesa giallorossa. 31 gol incassati sono tanti, tantissimi per una squadra che punta a vincere qualcosa di importante. Che fare? A gennaio basta comprare mezze punte!!! Sabatini deve portare a casa un grande difensore, uno che possa far fare il salto di qualità a tutto il reparto. Un nome ci sarebbe: Benatia. Il marocchino conosce perfettamente l'ambiente romano e, considerato che al Bayern non riesce a farsi notare da Guardiola, un suo ritorno potrebbe anche diventare realtà. Cedere qualche nome importante per incassare i soldi necessari per Benatia. Non ci sono altre vie... Garcia, da tempo, continua a ribadire che, con il lavoro, la squadra crescerà. Al momento sta crescendo solo il numero dei palloni finiti nella rete giallorossa. E, per il bene del progetto Pallotta, la speranza è che, con il Bate, arrivi quella benedetta qualificazione agli ottavi, necessaria quanto una borraccia d'acqua dopo 24 ore nel deserto... Passiamo ad altro argomento, ancor più triste. Bruges-Napoli a porte chiuse. Troppo il timore di altri attentati. Tifosi costretti a restarsene a casa. Certo, Higuain non ci sarebbe stato comunque in campo, ma che tristezza. Il bello del calcio sta nei tifosi che scaldano gli stadi. Mi piange il cuore al pensiero che questo rito pagano sia ormai legato, a doppio filo, alla minaccia del terrorismo. Attenzione, scelta del sindaco belga impeccabile e doverosa ma resta l'amarezza di doversi piegare al volere di altri... Contromisure? Poche, pochissime... Il coraggio potrebbe non bastare...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Marotta e Paratici, ha ragione Agnelli: serve un altro Higuain. Napoli, adesso o mai più. Sabatini: trattative diverse (e non va bene) rispetto a quanto annunciato 23.07 - Lucida follia. Un anno fa, quando la Juventus annunciò l'acquisto di Gonzalo Higuain dal Napoli grazie al pagamento della clausola da 90 milioni di euro, commentai così il trasferimento del Pipita. Un'operazione economicamente folle per i bianconeri per un calciatore...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, dal ruggito di Huarong al ruggito di Florentino. Belotti: tutte le carte in tavola. Napoli: uno Scudetto già vinto. 22.07 - Due anni di sarcasmo, di dileggio e di ironie sul Milan. Una montagna di sentenze e di previsioni nefaste che ha partorito un topolino dal numero 19. E' di questo che ci si è ridotti a discutere. Il Milan di Yonghong Li fa esageratamente quella campagna acquisti milionaria per la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cairo dice no, ma Belotti ha l'accordo col Milan. Arriva Kalinic. Troppi dubbi su Montella. Juve: ok Berna, ma il centrocampista? Milinkovic Savic con Matic o Matuidi. Inter in difficoltà 21.07 - Cairo resiste, dice no al corteggiamento del Milan e alla cessione di Belotti, ma alla fine si farà. Servirà tempo, trattative giuste, pazienza, ma Belotti al Milan è nella logica delle cose e del mercato. Nonostante tutto. Una società come il Milan che sta spendendo più dell’impossibile,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....

EditorialeDI: Marco Conterio

Dalla Juventus al Milan, dall'Inter alla Roma e non solo: i retroscena sui colpi che preparano adesso le grandi d'Italia. E' anche il mercato dei procuratori: tutti gli affari già a segno 16.07 - E' una splendida estate. Inattesa. Il Milan s'è preso la copertina ma mica è finita. Già, perché adesso la premiata coppia Fassone-Mirabelli cerca la ciliegina in attacco e non è da escludere che per il centrocampo arrivi pure un altro colpo con Suso possibile partente. E' da Scudetto?...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato 15.07 - Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci capitano del Milan: tutti i retroscena sul divorzio dell'anno. Episodi inquietanti. Ha vinto Allegri. Epurazione, anche Cuadrado e Mandzukic in partenza. In arrivo Manolas. Viola, caos Kalinic 14.07 - Bonucci al Milan è il divorzio dell’anno e forse anche di più. Non siamo infatti solo davanti a un semplice trasferimento a sorpresa, questa vicenda racconta di una Juventus in ebollizione e trasformazione che sta cercando di porre fine a un evidente strappo di spogliatoio iniziato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.