VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Roma, cercasi top player… Juve, Matuidi è l’uomo giusto! Inter-Roma, Handanovic in gioco? Fiorentina fantozziana, Cassano è un Lannister…

05.07.2017 07:18 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    articolo letto 49182 volte

Lo ammetto, mi sto divertendo parecchio durante questa sfarzosa e goduriosa sezione estiva di calciomercato. Tutti sognano in grande, sperando che, al via del campionato, tutti siano realmente felici. Sono decisamente curioso di capire che Roma sarà quella che guiderà Di Francesco. Il buon Monchi si sta rivelando un venditore eccelso di quelli che saprebbero vendere ghiaccio ai pinguini… Sta, letteralmente, riempiendo di oro sonante le casse di Pallotta. Ha venduto pezzi pregiati ma a prezzi esorbitanti. Bravo, bravissimo… Si è anche assicurato giocatori di grande interesse (Karsdorp e Moreno, quest’ultimo da rivalutare dopo la difficile Confederation Cup), ha preso un Gonalons in saldo, avrà Pellegrini (giovane ed ambizioso) ma, onestamente, nel primo anno post era Totti, servirebbe un top player. Ma chi potrebbe “accendere” la piazza? Un nome buono ci sarebbe e porterebbe entusiasmo, non solo nella Capitale, alla disperata ricerca di una guida, ma anche al nostro calcio. Chi? Zlatan Ibrahimovic… Lo so, mi ripeto… Ma, signori e signore, lo svedese non va lasciato andare altrove e vi immaginate che effetto avrebbe sulla piazza giallorossa? Sarebbe il Re assoluto…
Roma che potrebbe avere anche un nuovo portiere tra le proprie fila. Salutato il polacco Szczęsny, c’è solo Alisson… Forse, visti i tanti impegni, uno come Handanovic (che farebbe carte false per giocare la Champions League) potrebbe tornare utile… L’Inter, inoltre, potrebbe anche “farsi amico” Monchi con la carta Handanovic per poi bussare per Nainggolan ma questa è un’altra storia…
La storia della Juventus, almeno attuale, ci dice che serve, come acqua ad un vagabondo nel deserto del Sahara, un grande centrocampista. Basta nomi a vanvera, Matuidi è il profilo ideale. Sa ricoprire ogni ruolo, è stanco di Parigi e ha voglia di mettersi in gioco in una squadra da almeno Final Four in Champions League. Avendo 30 anni, è all’ultima grande occasione, quindi non è neppure esoso… Problema: c’è da accontentare Raiola, uno che non molla manco un euro…
Chiudo con due vicende che mi stanno a cuore: Fiorentina e Cassano… Soffro a vedere la Viola ridicolizzata come il grande Fantozzi (non ho mai amato il personaggio ma doveroso ricordare un grandissimo artista come Villaggio). Tutti i big hanno già salutato Firenze (almeno nella forma). Chi perché costretto, chi perché non vede un progetto reale ed ambizioso. In tanti accusano i Della Valle ma, alla fine, i conti, con loro, sono sempre tornati… Qualcuno farà meglio dei Della Valle? Me lo auguro ma prima si deve fare avanti… Intanto chi ci va di mezzo, oltre alla splendida tifoseria (una delle più ammirevoli, a mio avviso), è il povero Stefano Pioli. E’ arrivato con in rosa giocatori di qualità, rischia di scendere in campo con una squadra rinnovata nelle fondamenta e tutta da inventare…
Poi c’è Cassano… Ho intervistato tanti giocatori nella mia carriera ma FantAntonio mi è sempre sfuggito… Il prossimo 12 luglio compirà 35 anni. Di fatto, è un anno più giovane di Ibra. Lui, nonostante sia ai margini del calcio da oltre un anno, si sente ancora un campione che può fare la differenza. Come i Lannister del Trono di Spade, si sente superiore alle altre “casate”… Il calcio ha ancora bisogno di lui, è forte, capace di grandi colpi. Non me ne voglia il buon Cassano, persona vera e sempre diretta, ma non credo sia così. Il calcio sarà meno qualitativo rispetto ai tempi in cui Lui imperversava (o almeno ci provava) con la casacca della Roma ma, fisicamente, ora bisogna correre tanto, tantissimo. Gli attaccanti si sacrificano, impossibile restare fermi ad aspettare la palla. Balotelli l’ha capito ed è andato a giocare in Francia…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.