VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Chi è attualmente il numero nove più forte del mondo?
  Harry Kane
  Mauro Icardi
  Gonzalo Higuain
  Robert Lewandowski
  Romelu Lukaku
  Luis Suarez
  Edinson Cavani
  Alvaro Morata
  Edin Dzeko

Editoriale

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan

19.10.2017 07:04 di Luca Marchetti   articolo letto 21625 volte
© foto di Federico De Luca

Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé.
Del Napoli si è detto molto, probabilmente tutto. Obiettivamente la prima mezz'ora è stata devastante in tutti i sensi. Ma bisogna fare un'ulteriore considerazione: la qualità del gioco di Sarri non ha avuto il grande merito di avvicinare due pianeti che viaggiano a distanze siderali, ancora. Pensate soltanto che per costruire questo City nel corso degli anni sono stati spesi per i cartellini 853 milioni. Per costruire questo Napoli il presidente De Laurentiis ha speso 240 milioni. Bravissimi dunque tutti gli interpreti a rendere umani i 610 milioni di differenza nella spesa. E direi che non sono proprio pochi, tanto più che secondo playratings, comunque la differenza è ancora molto alta, fra le valutazioni attuali di mercato dei giocatori in rosa. Per comprare tutti i giocatori del City servirebbero 564,4 milioni di euro, per comprare quelli del Napoli poco meno di 410. Ecco perché il Napoli, nonostante la sconfitta deve essere contento della prestazione, dei complimenti (non ruffiani) di Guardiola e del processo di crescita che sta attraversando.
Anche perché pur perdendo il Napoli ha dimostrato di essere in forma. Di non temere l'avversario più forte e un palcoscenico di prima grandezza. Mentre la Juve, pur vincendo, non ha ancora pienamente convinto. Ci si aspettava una serata di gloria, di rivalsa per Higuain e Dybala. Invece i due sembra che abbiano girato un po' a vuoto. Non sono riusciti a graffiare come avrebbero voluto. Qualche guizzo sì. Ma senza essere decisivi. La Juve senza nessun nuovo acquisto in campo fa fatica. E ha bisogno dell'ingresso di Douglas Costa per la scossa, dopo una manciata di secondi. Di Douglas Costa e dell'infallibile Mandzukic, che ora ne ha messi 4 su 4 partite di Champions. Allegri è stato molto onesto nel post: "non siamo tutti connessi". Ma intanto la Juventus ha vinto e il problema se lo porrà in seguito, ma ha individuato il problema. Più che altro, rispetto agli altri anni, bisognerà capire al di là del momento di forma in questo momento non esaltante dei due superattaccanti di Allegri come mai i nuovi innesti non riescono ad incidere (Matuidi a parte soprattutto in campionato) come probabilmente i dirigenti (e i tifosi juventini) speravano. I nuovi, storicamente, nella Juve di Allegri hanno bisogno di un po' di tempo per capire i meccanismi e il mondo bianconero. Ora però è il momento di fare la differenza.
La sorpresa, va sottolineato, è la Roma. 60% di possesso palla, più tiri del Chelsea, partendo dallo 0-2 è una grande prova di forza. E' quello che serviva a Di Francesco e ai suoi ragazzi per prendere coraggio e consapevolezza dei proprio mezzi. Pur in mezzo a difficoltà (dovute agli infortuni e quindi alle poche scelte a disposizione dell'allenatore giallorosso) la Roma ha messo in piedi una partita maiuscola supportata da uno Dzeko sontouso: ha festeggiato le 100 presenze con la Roma (e 59 reti) con una doppietta fantastica: 10 gol in 10 partite...
Ora aspettiamo risposte dal Milan che in Europa ha trovato le sue certezze, perse in campionato. E' vero che le partite europee non sono state con avversarie di pedigree importante, ma in questi casi serve rimettersi in carreggiata. Le 4 sconfitte in campionato pesano eccome. Anche se sono arrivate con delle prestazioni non da buttare come quella nel derby. E proprio dal derby partirà Montella: due punte più Suso e Chanaloglu a centrocampo... basterà per riprendersi il Milan (posto che la fiducia non è mai mancata)?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Napoli-Juve, marzo sarà decisivo. Inter, che flop! Sassuolo, il problema era dietro la scrivania. Cuore De Zerbi e Bergamo Gasperini-Sartori sono ai titoli di coda… 19.02 - Se la Juventus non ha lasciato punti a Firenze e nel derby significa che il Napoli, per vincere questo scudetto, dovrà andare oltre la soglia del miracolo. Tuttavia, sembra chiaro che il campionato si deciderà a marzo, in un modo o nell'altro. Allegri e Sarri sono reduci da una pessima...

EditorialeDI: Andrea Losapio

I meriti di Gattuso o i demeriti di Montella? Borussia-Atalanta, che spot per il calcio. Un po' meno il Napoli in Europa League. Rosa lunga alla Juventus, ma se si fanno tutti male... 18.02 - In sala stampa a Dortmund, con i gol di Europa League che scorrevano in sottofondo, alcuni giornalisti tedeschi paragonavano Cutrone a Inzaghi. "Ci somiglia, eh?". Non può essere che lui l'uomo copertina del Milan di Gennaro Gattuso. Lui, invece, assomiglia tanto al Pioli della scorsa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Primavera Cutrone e Primavera Merrill Lynch. Juventus europea, stampelle e pareggio. Napoli provinciale, limiti e sconfitta 17.02 - Dalla Primavera rossonera arriva Patrick Cutrone e alla Primavera come stagione prossima ventura guarda tutto il Milan che sta lavorando per la propria nuova struttura finanziaria pre-Elliott e, possibilmente, post-Elliott. Insomma, pre ottobre 2018. Ci sono grandi novità in vista...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ecco perché la Juve non ha battuto il Tottenham. Mancano i campioni. Le grandi lontane. Campionato non allenante. Napoli, vai fuori dalla Coppa 16.02 - La Juventus può ancora ribaltare il risultato a Londra, è giusto pensarlo e crederlo. L’impresa è difficile, ma possibile, conosciamo bene il calcio e anche il carattere dei bianconeri. Il pareggio con il Tottenham però è stato liquidato troppo in fretta come un incidente di percorso....

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il calciomercato di oggi, i nomi di ieri. Quanto varrebbero ora i big che ci hanno fatto sognare. Da Ronaldo a Totti, da Maradona a Platini: ecco le loro valutazioni... 15.02 - Quando Totti ha detto (a Sky) che nel mercato di oggi varrebbe almeno 200 milioni di euro è scattato in testa a tutti il solito giochino. Ma quanto varrebbero ora i grandi campioni del passato, Totti compreso? Non è la prima volta che ci si pensa, non è la prima volta che si fa. Proprio...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter tra riscatti, governo e sogni… Lazio-de Vrij, dipende da Lotito! Europa League, no alle seconde linee! 14.02 - L’Inter, seppur faticando, è tornata a vincere. Da oggetto misterioso, il giovane Karamoh si è trasformato in “enfant prodige”… Mentre Epic Brozovic ha iniziato una guerra con l’intero popolo San Siro (il croato è destinato a perdere, anche malamente), il 19enne francesino, ex Caen,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il messaggio di Allegri e la firma “segreta”. Inter: una Kara spallata agli autolesionisti (e le voci dalla Cina...). Milan: il fallimento di chi tifa fallimento. Napoli: che musica l'orchestra Sarri, ma occhio al bivio. 13.02 - Ciao, sono reduce da Sanremo. Non c’ero mai stato. A Sanremo c’è l’Altra Sanremo. L’Altra Sanremo non si vede in televisione, altrimenti tutti direbbero “minchia! Altro che Sanremo!”. L’Altra Sanremo è un delirio di cene alle 2 del mattino, feste alle 3 e “festini” fino all’alba. C’è...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Un Napoli così vale il miliardo di euro... Rino, adesso arriva il bello. Inter, gioia e fatica. La favola Chievo mostra le prime crepe 12.02 - Siamo sempre esterofili. Amiamo la Germania per la birra e per gli stadi. Amiamo l'Inghilterra per il pubblico e per i soldi della Premier. Forse amiamo anche la Francia che ha un campionato mediocre, ma il PSG e la Torre Eiffel. Ora, però, una cosa la possiamo dire: in Italia abbiamo...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

In Europa resiste solo la Serie A grazie al miracolo Napoli. Bernardeschi come Dybala: c'è il marchio Allegri. Spalletti e Di Francesco: chi salta a maggio? 11.02 - Ha ragione Maurizio Sarri quando paragona la Juventus al Bayern Monaco. Lo dice la storia, la tradizione vincente e un fatturato che è completamente differente da quello delle altre 19 squadre di Serie A. In attesa del ritorno ad alti livelli delle milanesi, che ormai aspettiamo invano...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gattuso: il Milan dice la verità. Mazzarri: infierire est diabolicum. Sarri: su Ghoulam si gioca lo Scudetto. Mancini: la Nazionale la vuole davvero 10.02 - Gattuso non si conta. Gattuso si pesa. Senza sapere quanto dureranno e a dove porteranno i miglioramenti della squadra in campionato, senza sapere se il Milan andrà in finale di coppa Italia e senza sapere se supererà zero, uno o più turni di Europa League, Rino ha già convinto. Per...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.