VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan

19.10.2017 07:04 di Luca Marchetti   articolo letto 21349 volte
© foto di Federico De Luca

Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé.
Del Napoli si è detto molto, probabilmente tutto. Obiettivamente la prima mezz'ora è stata devastante in tutti i sensi. Ma bisogna fare un'ulteriore considerazione: la qualità del gioco di Sarri non ha avuto il grande merito di avvicinare due pianeti che viaggiano a distanze siderali, ancora. Pensate soltanto che per costruire questo City nel corso degli anni sono stati spesi per i cartellini 853 milioni. Per costruire questo Napoli il presidente De Laurentiis ha speso 240 milioni. Bravissimi dunque tutti gli interpreti a rendere umani i 610 milioni di differenza nella spesa. E direi che non sono proprio pochi, tanto più che secondo playratings, comunque la differenza è ancora molto alta, fra le valutazioni attuali di mercato dei giocatori in rosa. Per comprare tutti i giocatori del City servirebbero 564,4 milioni di euro, per comprare quelli del Napoli poco meno di 410. Ecco perché il Napoli, nonostante la sconfitta deve essere contento della prestazione, dei complimenti (non ruffiani) di Guardiola e del processo di crescita che sta attraversando.
Anche perché pur perdendo il Napoli ha dimostrato di essere in forma. Di non temere l'avversario più forte e un palcoscenico di prima grandezza. Mentre la Juve, pur vincendo, non ha ancora pienamente convinto. Ci si aspettava una serata di gloria, di rivalsa per Higuain e Dybala. Invece i due sembra che abbiano girato un po' a vuoto. Non sono riusciti a graffiare come avrebbero voluto. Qualche guizzo sì. Ma senza essere decisivi. La Juve senza nessun nuovo acquisto in campo fa fatica. E ha bisogno dell'ingresso di Douglas Costa per la scossa, dopo una manciata di secondi. Di Douglas Costa e dell'infallibile Mandzukic, che ora ne ha messi 4 su 4 partite di Champions. Allegri è stato molto onesto nel post: "non siamo tutti connessi". Ma intanto la Juventus ha vinto e il problema se lo porrà in seguito, ma ha individuato il problema. Più che altro, rispetto agli altri anni, bisognerà capire al di là del momento di forma in questo momento non esaltante dei due superattaccanti di Allegri come mai i nuovi innesti non riescono ad incidere (Matuidi a parte soprattutto in campionato) come probabilmente i dirigenti (e i tifosi juventini) speravano. I nuovi, storicamente, nella Juve di Allegri hanno bisogno di un po' di tempo per capire i meccanismi e il mondo bianconero. Ora però è il momento di fare la differenza.
La sorpresa, va sottolineato, è la Roma. 60% di possesso palla, più tiri del Chelsea, partendo dallo 0-2 è una grande prova di forza. E' quello che serviva a Di Francesco e ai suoi ragazzi per prendere coraggio e consapevolezza dei proprio mezzi. Pur in mezzo a difficoltà (dovute agli infortuni e quindi alle poche scelte a disposizione dell'allenatore giallorosso) la Roma ha messo in piedi una partita maiuscola supportata da uno Dzeko sontouso: ha festeggiato le 100 presenze con la Roma (e 59 reti) con una doppietta fantastica: 10 gol in 10 partite...
Ora aspettiamo risposte dal Milan che in Europa ha trovato le sue certezze, perse in campionato. E' vero che le partite europee non sono state con avversarie di pedigree importante, ma in questi casi serve rimettersi in carreggiata. Le 4 sconfitte in campionato pesano eccome. Anche se sono arrivate con delle prestazioni non da buttare come quella nel derby. E proprio dal derby partirà Montella: due punte più Suso e Chanaloglu a centrocampo... basterà per riprendersi il Milan (posto che la fiducia non è mai mancata)?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Champions non ci tira su, Malagò a piedi uniti e i giovani veramente giocano? 23.11 - Se il campionato ci aveva ritirato su il morale, riconsegnandoci la voglia di calcio, la Champions un po' ce ne toglie. Insigne, è vero, ci ha fatto vedere che sta arrivando a dei livelli internazionali (e questo fa aumentare il rammarico) Juve e Roma invece non riescono a utilizzare...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Rivoluzione? Invoco il Commissario… Juve, c’è un problema! Roma? Ha ragione Falcao… 22.11 - Sto ancora elaborando il lutto (l’esclusione dal Mondiale) ma mi sta anche salendo quella sana rabbia di chi pretende un cambiamento, non di facciata ma reale!!! Il popolo ha avuto il sangue che bramava: le teste di Ventura e Tavecchio sono rotolate sul selciato… Purtroppo, il resto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.