HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A: quale di questi attaccanti vi ha deluso di più?
  Giovanni Simeone
  Edin Dzeko
  Arkadiusz Milik
  Patrik Schick
  Marko Pjaca
  Paulo Dybala
  Duvan Zapata
  Keita Balde Diao
  Simone Zaza

La Giovane Italia
Editoriale

Ronaldo a secco per un solo motivo. Milan, un paradosso che preoccupa. Campionati partiti a metà, calendari rinviati e prime giornate ancora da scrivere. Mai più un’estate così…

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
27.08.2018 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 43599 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Allarme CR7. Nessun gol in 180 minuti. Avete visto che in Italia non avrebbe fatto quello che ha fatto in Spagna? E’ un flop? La verità è una sola: in Italia non abbiamo equilibrio. Né nei giudizi positivi né in quelli negativi. A giudicare siamo tutti bravi, perché siamo tutti giornalisti, allenatori e da qualche anno siamo tutti diventati Direttori Sportivi. Il vero problema è che il calcio è strano, imponderabile, e anche quando pensi di non aver trascurato nulla c’è sempre l’imprevisto dietro l’angolo. Torniamo a Cristiano Ronaldo. Se dobbiamo fare le prime pagine è un conto se, invece, vogliamo parlare di calcio è un altro. Ronaldo nelle prime due giornate ha fatto due ottime partite, nelle quali è mancato solo il gol. Un gol, però, l’ha fatto. Il problema è che non occupa le prime pagine dei giornali e non ha fatto gol in rovesciata. Quindi il tifoso non se ne accorge ma gli allenatori sì. Quando vedi che il più forte del Mondo, con una casa piena di palloni d’oro, di Champions e una vasca riempita con gli euro e non con l’acqua va a marcare il portatore di palla della Lazio nella propria metà campo significa che i tifosi juventini posso stare sereni: Ronaldo si è calato perfettamente nella parte. Quando Mourinho vinse la Champions con l’Inter chiese a Eto’o di fare il terzino. Quando una squadra raggiunge grandi traguardi è perché tutti si sacrificano. Anche se ti chiami Ronaldo. Il portoghese lo sta facendo e ha dimostrato, tra Chievo e Lazio, grande spirito di sacrificio. Questo è il gol più bello. Poi è naturale che tutti gli attaccanti, da Ronaldo a Carlos Franca, vivono per il gol e se non segni per 90 minuti impazzisci. CR7, però, non ha esultato solo per colpa dei due portieri avversari che hanno fatto due miracoli sui suoi tiri. Presto si sbloccherà e sicuramente punterà a fare tra i 20 e i 30 gol. Poi, se qualcuno si aspetta di vedere far fare a Ronaldo 40 gol in Italia, forse, non ha capito che il livello del nostro calcio seppur notevolmente ridotto rispetto ad anni fa è pur sempre tatticamente di elevata qualità. Una volta Allegri partiva male: Cagliari, Milan e Juventus. Adesso avrà cambiato la preparazione o si dimostra più cinico e non perde punti neanche più ad agosto. Segnale non positivo per il campionato.
Il Milan, invece, conferma quanto scritto sopra. Non c’è equilibrio e i professori del pallone giudicano solo il risultato e nessuno legge la prestazione. Gattuso era, per molti, il nuovo Ancelotti al 45’ mentre si è trasformato nell’ultimo Malesani al 90’. Punto primo: non aver giocato la prima giornata è penalizzante per ogni squadra. Un discorso è se salti una gara a novembre o dicembre o un altro discorso è se salti la prima di campionato. Affrontare il Napoli con 90 minuti di vero calcio nelle gambe ti cambia il mondo. Il Milan ha retto benissimo l’urto del San Paolo. Gattuso ha indovinato la formazione iniziale e per 55 minuti ha legittimato il colpaccio. Poi il vuoto. Cosa è successo? Semplice: più che un crollo fisico che, comunque, c’è stato a questa squadra paradossalmente è venuto il braccino del tennista. Il Milan difetta in personalità. Con ha veri leader e queste situazioni le paghi. Bonucci era uno dei pochi ed è andato via. Se il Milan non avesse subito l’1-2 subito avrebbe portato a casa la partita. Quel gol ha tagliato le gambe ai rossoneri che poi si sono fatti sommergere dall’onda azzurra. Non c’è un vero leader in questa squadra e il carattere dell’allenatore non basta. La squadra è forte, ben messa in campo ma difetta di personalità. L’offesa più grande per una squadra allenata da Gattuso. Il problema, però, è questo. Per il futuro occorre un Milan più cinico e concreto. Se stai vincendo 2-0 al San Paolo, ad inizio ripresa, non puoi perdere 3-2. Fai volare la palla in tribuna Posillipo o all’Edenlandia (parco giochi alle spalle del San Paolo per chi non è mai stato a Fuorigrotta), buttati per terra, perdi tempo o fai melina ma non puoi prendere mai 3 gol in 30 minuti. Il Milan deve crescere, soprattutto, sotto questi punti di vista.
Nel frattempo, per una serie A che è partita, c’è una B che è iniziata ma saprà solo il 7 settembre se va rifatto il calendario e il format, la serie C non conosce ancora gironi e calendario, idem la serie D e il campionato Primavera. E siamo al 27 agosto. Se raccontiamo, in Inghilterra, quello che stiamo vivendo questa estate non ci crederanno. Però abbiamo copiato la chiusura del mercato alla Premier. Un giorno prima dell’inizio del campionato perché fa figo. Poi, prendete il mercato di C. Fabbricini, a poche ore dalla chiusura, dice: abbiamo scherzato, chiuderà il 31. La Federazione è allo sbando. A gestire la FIGC occorre un uomo di calcio. Non si può improvvisare sempre. Gravina sarebbe la persona più adatta. Adesso c’è una sinergia in atto Gravina-Sibilia, in vista delle elezioni di ottobre. L’avessero fatta a marzo, quando lo dicevamo noi, oggi saremmo tutti felici e contenti. Il calcio così perde credibilità. Le società sono stufe di non conoscere presente e futuro immediato e non si possono cambiare le regole dopo aver pagato iscrizioni e fideiussioni. Va rivisto tutto. Il commissariamento della FIGC doveva portare un’aria nuova; così non è stato. I Presidenti di alcun club devono pensare alle loro società e non alla politica del pallone. Serve gente di calcio in via Allegri che possa prendere decisioni e non scrivere dettati di altri.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Il Milan tra Rodrigo Caio e Ibrahimovic. De Ligt primo nome per la difesa della Juventus. La Roma vuole blindare Manolas, che piace anche a Real e Barcellona. Napoli si continua a lavorare ai rinnovi di Zielinski e Hysaj 17.11 - Un mese e mezzo e si parte, anzi il mercato è già partito. E allora andiamo dritti all’obiettivo. In casa Milan è scattato l’allarme rosso. Gli infortuni di Musacchio e Caldara in difesa e di Biglia e Bonaventura a centrocampo hanno creato una situazione difficile. Insomma ci sono...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ecco tutti gli obiettivi di mercato di Juve, Milan, Inter, Roma e Napoli. Da Barella a Diawara, da Lazzari a Chiesa. Tornano Rafinha e Paredes. E Marotta va in Cina 16.11 - Questa sosta per la Nazionale è utile alle società, tutte stanno facendo un check per capire cosa serve sul mercato di gennaio, ma anche e soprattutto per gettare le basi e mettersi avanti per obiettivi e trattative future. La squadra più in difficoltà, con necessità immediate...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Pronti per gennaio: il Milan più attivo ecco i primi nomi. E poi attenzione: parametri zero pazzeschi! 15.11 - Il mercato si avvicina alla velocità della luce. Sarà più corto del previsto, visto che chiuderà il 18 gennaio, ma non per questo sarà meno intenso. Se dovessimo sbilanciarci potremmo dire che per il Milan potrebbe essere una sessione di primo livello. Nel senso che a gennaio Elliot,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Allegri cosa dici?! Hai cambiato idea rispetto a quando eri al Milan, e proprio prima di una partita con la Juve… Ibrahimovic in rossonero è possibile: ecco a che punto è la trattativa. Juventus su De Gea e James? C’è questo retroscena 14.11 - Massimilano Allegri è già l’allenatore che ha vinto più Panchine d’Oro nella storia, 4. Anche se ovviamente i suoi obiettivi sono altri. Il primo e ovvio è vincere la Champions (Allegri è anche il primo allenatore italiano a perdere entrambe le prime due finali di Champions a cui...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

C’è solo una cosa bella della Sosta per la Nazionale. No, non è vero, non c’è. Tra l’altro sarà la 2323esima quest’anno. Si sono moltiplicate. O forse è solo un’impressione. 13.11 - Juve: la panchina d’oro, i cervelli di ghisa. Inter: le scelte di Spalletti (e un segreto…). Milan: il (troppo) rigore di Higuain. Arbitri: l’esempio di IrraQuando c’è la Sosta per la Nazionale a nessuno frega nulla di qualunque cosa, si fa finta di appassionarsi a temi come “Balotelli...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, no a Ibra. Napoli, un salto nel fango. Spal, l'unica società che ha sfruttato il triplo salto. Liverani, oro di Lecce. Gravina, ecco il primo colpo: Brunelli dalla Lega 12.11 - Arriva la sosta, nel momento meno opportuno, e come sempre si tornerà a parlare di calciomercato. La Juventus cerca un centrocampista, l'Inter in teoria è a posto così, la Roma necessita di almeno due tasselli, mentre il Napoli potrebbe aver bisogno di un vice Milik che, a gennaio,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

En plein probabile, chi l'avrebbe mai detto: la Serie A è di nuovo la casa dei grandi difensori. De Laurentiis aveva ragione: Ancelotti vale un top player. Calo Juventus? Non c'è da fidarsi 11.11 - Kalidou Koulibaly, Milan Skriniar e Kostas Manolas. Poi la difesa della Juventus che può andare ad Harvard per dare lezioni sulla fase difensiva. Sono loro il miglior spot di una Serie A che quest'anno in Champions ha buone possibilità di portare tutte le squadre almeno agli ottavi...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Su Skriniar tutte le big d’Europa: City, United, Barcellona e Bayern Monaco, ma la sua volontà è rimanere all’Inter. Il Napoli in pressing su Tonali. Il Milan pensa a Paredes. Juventus, a San Siro prova verità 10.11 - L’Inter è al lavoro per blindare Skriniar. Il difensore slovacco cresce partita dopo partita e ormai è arrivato a un livello altissimo. Anche Spalletti dopo la gara con il Barcellona ha sottolineato che ormai è un giocatore top. Un vero leader della difesa, in grado di unire qualità...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Contro Mourinho, evviva Mourinho. Si scatena un altro Juventus-Inter. Gli eccessi del tifo da condannare. Bocciato dagli inglesi. Da Mazzone in giù, ma che calcio vogliamo? Il Var in Champions, ora basta, cosa aspettate? 09.11 - Mourinho non è tipo da mezze misure, o lo odi o lo ami, ma questo lo sapevamo già. Il doppio confronto fra Juventus e Manchester è stata l’occasione per rimettere in moto cose antiche, rivalità mai sopite, sgarbi mai digeriti, gesti sopra le righe, un Triplete esagerato, pensieri...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Sorprese (e certezze) in Champions: Juve, CR7 e Pellegrini. E una foto - da non conservare - della nostra Serie A 08.11 - Bene: se la giornata di martedì ci aveva confermato che Napoli e Inter non solo hanno una propria posizione in Champions, ma che ce l'hanno anche Icardi e Insigne la sorpresa arriva dalle gare del mercoledì. Anzi le sorprese: una positiva e una negativa. Chiaramente quella negativa...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy