HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Lotta per l'Europa: Inter e Milan andranno in Champions?
  Sì, arriveranno entrambe in Champions League
  Solo l'Inter riuscirà nell'obiettivo
  Niente Inter: sarà solo il Milan a raggiungerla
  Nessuna delle due riuscirà ad andarci

La Giovane Italia
Editoriale

Ronaldo a secco per un solo motivo. Milan, un paradosso che preoccupa. Campionati partiti a metà, calendari rinviati e prime giornate ancora da scrivere. Mai più un’estate così…

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
27.08.2018 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 43648 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Allarme CR7. Nessun gol in 180 minuti. Avete visto che in Italia non avrebbe fatto quello che ha fatto in Spagna? E’ un flop? La verità è una sola: in Italia non abbiamo equilibrio. Né nei giudizi positivi né in quelli negativi. A giudicare siamo tutti bravi, perché siamo tutti giornalisti, allenatori e da qualche anno siamo tutti diventati Direttori Sportivi. Il vero problema è che il calcio è strano, imponderabile, e anche quando pensi di non aver trascurato nulla c’è sempre l’imprevisto dietro l’angolo. Torniamo a Cristiano Ronaldo. Se dobbiamo fare le prime pagine è un conto se, invece, vogliamo parlare di calcio è un altro. Ronaldo nelle prime due giornate ha fatto due ottime partite, nelle quali è mancato solo il gol. Un gol, però, l’ha fatto. Il problema è che non occupa le prime pagine dei giornali e non ha fatto gol in rovesciata. Quindi il tifoso non se ne accorge ma gli allenatori sì. Quando vedi che il più forte del Mondo, con una casa piena di palloni d’oro, di Champions e una vasca riempita con gli euro e non con l’acqua va a marcare il portatore di palla della Lazio nella propria metà campo significa che i tifosi juventini posso stare sereni: Ronaldo si è calato perfettamente nella parte. Quando Mourinho vinse la Champions con l’Inter chiese a Eto’o di fare il terzino. Quando una squadra raggiunge grandi traguardi è perché tutti si sacrificano. Anche se ti chiami Ronaldo. Il portoghese lo sta facendo e ha dimostrato, tra Chievo e Lazio, grande spirito di sacrificio. Questo è il gol più bello. Poi è naturale che tutti gli attaccanti, da Ronaldo a Carlos Franca, vivono per il gol e se non segni per 90 minuti impazzisci. CR7, però, non ha esultato solo per colpa dei due portieri avversari che hanno fatto due miracoli sui suoi tiri. Presto si sbloccherà e sicuramente punterà a fare tra i 20 e i 30 gol. Poi, se qualcuno si aspetta di vedere far fare a Ronaldo 40 gol in Italia, forse, non ha capito che il livello del nostro calcio seppur notevolmente ridotto rispetto ad anni fa è pur sempre tatticamente di elevata qualità. Una volta Allegri partiva male: Cagliari, Milan e Juventus. Adesso avrà cambiato la preparazione o si dimostra più cinico e non perde punti neanche più ad agosto. Segnale non positivo per il campionato.
Il Milan, invece, conferma quanto scritto sopra. Non c’è equilibrio e i professori del pallone giudicano solo il risultato e nessuno legge la prestazione. Gattuso era, per molti, il nuovo Ancelotti al 45’ mentre si è trasformato nell’ultimo Malesani al 90’. Punto primo: non aver giocato la prima giornata è penalizzante per ogni squadra. Un discorso è se salti una gara a novembre o dicembre o un altro discorso è se salti la prima di campionato. Affrontare il Napoli con 90 minuti di vero calcio nelle gambe ti cambia il mondo. Il Milan ha retto benissimo l’urto del San Paolo. Gattuso ha indovinato la formazione iniziale e per 55 minuti ha legittimato il colpaccio. Poi il vuoto. Cosa è successo? Semplice: più che un crollo fisico che, comunque, c’è stato a questa squadra paradossalmente è venuto il braccino del tennista. Il Milan difetta in personalità. Con ha veri leader e queste situazioni le paghi. Bonucci era uno dei pochi ed è andato via. Se il Milan non avesse subito l’1-2 subito avrebbe portato a casa la partita. Quel gol ha tagliato le gambe ai rossoneri che poi si sono fatti sommergere dall’onda azzurra. Non c’è un vero leader in questa squadra e il carattere dell’allenatore non basta. La squadra è forte, ben messa in campo ma difetta di personalità. L’offesa più grande per una squadra allenata da Gattuso. Il problema, però, è questo. Per il futuro occorre un Milan più cinico e concreto. Se stai vincendo 2-0 al San Paolo, ad inizio ripresa, non puoi perdere 3-2. Fai volare la palla in tribuna Posillipo o all’Edenlandia (parco giochi alle spalle del San Paolo per chi non è mai stato a Fuorigrotta), buttati per terra, perdi tempo o fai melina ma non puoi prendere mai 3 gol in 30 minuti. Il Milan deve crescere, soprattutto, sotto questi punti di vista.
Nel frattempo, per una serie A che è partita, c’è una B che è iniziata ma saprà solo il 7 settembre se va rifatto il calendario e il format, la serie C non conosce ancora gironi e calendario, idem la serie D e il campionato Primavera. E siamo al 27 agosto. Se raccontiamo, in Inghilterra, quello che stiamo vivendo questa estate non ci crederanno. Però abbiamo copiato la chiusura del mercato alla Premier. Un giorno prima dell’inizio del campionato perché fa figo. Poi, prendete il mercato di C. Fabbricini, a poche ore dalla chiusura, dice: abbiamo scherzato, chiuderà il 31. La Federazione è allo sbando. A gestire la FIGC occorre un uomo di calcio. Non si può improvvisare sempre. Gravina sarebbe la persona più adatta. Adesso c’è una sinergia in atto Gravina-Sibilia, in vista delle elezioni di ottobre. L’avessero fatta a marzo, quando lo dicevamo noi, oggi saremmo tutti felici e contenti. Il calcio così perde credibilità. Le società sono stufe di non conoscere presente e futuro immediato e non si possono cambiare le regole dopo aver pagato iscrizioni e fideiussioni. Va rivisto tutto. Il commissariamento della FIGC doveva portare un’aria nuova; così non è stato. I Presidenti di alcun club devono pensare alle loro società e non alla politica del pallone. Serve gente di calcio in via Allegri che possa prendere decisioni e non scrivere dettati di altri.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juventus, risalgono le quotazioni di Conte. Dybala in partenza, Bayern in prima fila ma c’è anche il Liverpool in un possibile scambio con Salah. Per la difesa spunta anche Jérôme Boateng. Marotta e Paratici, che sfida per Chiesa 20.04 - A fine stagione ci sarà un cambiamento inevitabile. Per la Juventus è già cominciata la fase di riflessione. Il primo nodo resta sempre Allegri. E’ vero che ci sono state le conferme del presidente Agnelli e dello stesso allenatore su un futuro ancora bianconero, ma la sensazione...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, è Lukaku la prima scelta se parte Icardi. Dzeko e Zapata le altre ipotesi. Juventus, per il centrocampo si continua a monitorare Ndombele del Lione. Svolta Mertens, l’attaccante belga ora potrebbe rimanere. Giuntoli al lavoro per Callejon 13.04 - La fine del campionato è dietro l’angolo e una decisione deve essere presa per forza. La svolta tra l’Inter e Icardi sta per arrivare. L’addio resta l’ipotesi più probabile ma non scontata. Icardi è un grande bomber, ha 26 anni e ora più che mai è un’occasione di mercato per tante...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve, il Real vuole Kean. De Ligt, passi avanti. Conte, scatto della Roma. Un piano con Faggiano come ds. L’ombra del Qatar. Ma l’Inter vuole chiudere in fretta. Skriniar rinnova, Chiesa più lontano. Pioli-Fiorentina alle carte bollate 12.04 - La Juve deve fare in fretta a rinnovare il contratto di Moise Kean in scadenza fra un anno. Dopo la raffica di gol e le capacità tecniche e fisiche messe in mostra dal ragazzo del 2000, mezza Europa lo sta monitorando, ma in particolare è scattata l’attenzione del Real Madrid. Zidane...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la legge di CR7 e le panchine che cambiano in Serie A 11.04 - Tiene duro la Juventus, CR7 ci mette sempre la sua firma per un gol che fra una settimana potrebbe valere moltissimo. La Juve tocca con mano la freschezza dei giovani talenti olandesi, ma ha assolutamente imparato la lezione impartita al Real Madrid negli ottavi di finale. Non ha...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510