HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Ronaldo ha deciso: vuole solo la Juve. Ok del Real, ma prima Perez vuole riprovare con Neymar, prendere Kane o Mbappè. Tutti i retroscena della trattativa del secolo. 350 milioni per vincere la Champions. Higuain e Rugani al Chelsea per 100 milioni

06.07.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 82881 volte
Ronaldo ha deciso: vuole solo la Juve. Ok del Real, ma prima Perez vuole riprovare con Neymar, prendere Kane o Mbappè. Tutti i retroscena della trattativa del secolo. 350 milioni per vincere la Champions. Higuain e Rugani al Chelsea per 100 milioni

Ronaldo ha deciso: vuole soltanto la Juventus. La leggenda narra che tutto è cominciato la sera del tre aprile scorso quando quarantamila spettatori dello Juventus Stadium si sono alzati in piedi e per più di un minuto lo hanno applaudito per il gol segnato in rovesciata. Da quella sera Ronaldo ha cominciato a pensare che quello poteva essere il posto giusto dove iniziare una nuova vita da campione e chiudere una carriera da numero uno.

Proprio lì, dove tutto ebbe inizio nel 2002 quando il diciassettenne e sconosciuto Ronaldo fece le visite mediche per la Signora. La Juve, la prima società che si interessò a lui. L’affare saltò per il no di Salas a trasferirsi allo Sporting, ma Ronaldo la Juve l’ha sempre tenuta bene in testa, con gratitudine, forse con affetto.

E adesso siamo qui, a contare le ore. Per lui è tutto fatto, ha accettato la proposta della Juve: trenta milioni netti di ingaggio per quattro anni, più gli immancabili bonus. Il pre-contratto è già stato firmato.

L’idea di Ronaldo è stata trasformata in realtà dal quel grande stratega chiamato Jorge Mendes. Che Ronaldo si era stufato di Florentino Perez e dell’ambiente Real, Mendes lo sapeva da un pezzo. Ronaldo si sentiva poco considerato, penalizzato di fronte agli ingaggi di Neymar e Messi, qualche problema forse era nato anche con i compagni. Nella lite con il fisco spagnolo (18 milioni di multa) Ronaldo si è sentito solo, senza l’appoggio del Real.

Il disamore è stato cavalcato molto bene da Mendes che nel gennaio scorso ha convinto Florentino Perez a firmare un gentleman agreement, una scrittura privata in deroga alla clausola rescissoria da un miliardo. Cento milioni per liberarsi, accordo non valido per la Spagna, la Premier League e l’odiato Paris Saint Germain. Forse Florentino era convinto che non avrebbe trovato squadre in grado di prenderlo al di fuori di quei campionati. Sappiamo poi delle dichiarazioni di Ronaldo dopo aver vinto la terza Champions a fila e sappiamo anche del silenzio di Perez alla richiesta di aumento dell’ingaggio.

Qui è nata la decisione finale, qui Ronaldo ha capito che il Real non era più innamorato di lui. E Mendes ha avuto il colpo di genio.

Durante la trattativa per portare Cancelo alla Juve l’ha buttata lì a Marotta e Paratici: lo volete Ronaldo? Lo porto qui.

Due conti e via: si può fare.

L’operazione sembra fuori dai parametri classici della Juve sempre alla ricerca del pareggio di bilancio, ma non è così. La Juve da anni è stabilmente oltre i 400 milioni di fatturato (600 dopo la plusvalenza di Pogba), è dentro un sistema in crescita dalla costruzione dello stadio in poi, può vendere molti giocatori tesserati, big ma anche di secondo piano (Mandragora un esempio), e rastrellare molto denaro sul mercato. Quanto costa prendere Ronaldo?

Sessanta milioni lordi per quattro anni sono 240 milioni, cento al Real sono 340. Facciano 400 milioni in tutto, spalmati in quattro anni? Possono essere agevolmente coperti dal prevedibile aumento del giro d’affari legato a Ronaldo. Un esempio arriva già dalla borsa: il titolo Juve in pochi giorni è cresciuto del venti per certo. E’ stato calcolato che con Ronaldo in media saliranno del trenta per cento tutte le voci in entrata legate alle sponsorizzazioni e al merchandising. E’ stato intanto aumentato proprio del 30 per cento medio il prezzo degli abbonamenti.

Altri cento milioni arriveranno dalle cessioni di Higuain e Rugani al Chelsea, si aspetta soltanto l’arrivo ufficiale di Sarri. Forse partirà anche Dybala (Liverpool per 120 milioni?) che però dovrà essere rimpiazzato.

Una strategia studiata molto bene a tavolino, strategia per altro simile a quella di due anni fa con Higuain. Anche allora, su basi inferiori, la Juve provò un grande investimento per attaccare la Champions League, per provare a vincerla. Higuain non ha risposto a tutte le attese.

Oggi la Juve è più forte economicamente e tenta l’ultimo step per avvicinarsi alle grandi d’Europa. Con Ronaldo l’obiettivo è chiaramente la Champions. Vincerla porterebbe ancora più in alto il fatturato, vicina alle grandissime d’Europa, nell’Olimpo per sempre.

Cosa manca per chiudere quello che possiamo definire l’affare del secolo? Lo definisco così perché è dal 1997 quando arrivò Ronaldo all’Inter (altro secolo) che non si vede in Italia un campione assoluto, uno dei più grandi della storia.

Perché non si chiude, dicevamo?

Perché un affare del genere vuole i suoi tempi. Certi contratti necessitano di grandi professionisti che li scrivono, li valutano e poi devono approvarli. In più c’è l’ostacolo Real.

Florentino Perez non si è opposto all’addio, c’è anche il suo ok per altro confermato da Mendes che ieri sera ha parlato di “nuova sfida”. Questa cessione in fondo lo libera dopo nove anni di un giocatore diventato troppo ingombrante, forse troppo padrone. Perez ha voglia di mettere facce nuove, ma ha bisogno di tempo e lo ha detto chiaramente a Mendes. Non può dire ai tifosi madridisti che Ronaldo va via senza presentarsi con in mano un altro grande campione per sostituirlo. Chi? Questo è il problema.

Il Psg non molla Neymar. Il brasiliano a Madrid andrebbe volentieri, ha dato l’assenso da tempo, ma l’orgoglio dello sceicco Al Khelaifi non è facile da battere. Perez ha pronti 330 milioni. Piace anche Mbappè, ma anche qui lo sceicco non molla. E allora?

Le ultime portano verso Harry Kane, il centroavanti del Tottenham e dell’Inghilterra. E’ il nome giusto? Perez sta valutando. E questo rallenta l’operazione Ronaldo che comunque è già stata ampiamente indirizzata. Per dirne un’altra, Ronaldo non ha partecipato alle foto ufficiali con la nuova maglia del Real.

Ci può essere un colpo di coda?

Difficile, ma in vicende come queste, per dirla alla Trapattoni “non dire gatto…” la prudenza è d’obbligo.

Non diamo percentuali di ok, ma sono molte alte. Se arriverà Ronaldo deve festeggiare tutto il calcio italiano. E’ vero, è il trionfo della Juve, ma l’Italia calcistica torna al centro del sistema, tutto il mondo accenderà i riflettori sulla serie A con benefici per tutti. E i grandi giocatori torneranno. Le società, però, devono seguire l’esempio della Juve. Dallo stadio di proprietà in poi i bianconeri non hanno sbagliato una mossa per far crescere prima la società e i fatturati e poi la squadra. Un doppio binario che fa funzionare il calcio di oggi.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Higuain al Chelsea e Piatek al Milan ormai ci siamo. Nell’operazione anche il ritorno di  Bertolacci al Genoa. Su Barella per giugno l’Inter di nuovo in pole position. Napoli, Lozano se in estate parte uno tra Mertens e Callejon 19.01 - Higuain al Chelsea, Piatek al Milan, Morata all’Atletico Madrid, Il gioco è fatto. Tutti gli incastri al posto giusto per un grande valzer di attaccanti. E allora andiamo a ricostruire quello che accadrà a breve. Higuain presto volerà a Londra per le visite mediche e si metterà a...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve-Milan falsata, l’ultimo scandalo. Con questo VAR aumentano solo le polemiche e non si fa giustizia. Banti, che delusione. Higuain, che vergogna. Piatek al Milan, che rischio. Icardi rinnoverà 18.01 - Gli arbitri italiani stanno diventando dei piccoli Tafazzi: sono riusciti nell’impresa ciclopica di falsare perfino una gara tutto sommato non complicata come la Supercoppa italiana e farsi ancora una volta travolgere dalle polemiche. Autolesionismo puro, incredibile ma vero, come...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...

Editoriale DI: Marco Conterio

La caccia al nuovo sogno mercato della Juventus passa dai conti. E dall'inevitabile partenza di un big. Icardi, decimo stipendio della A: con l'Inter è braccio di ferro economico 13.01 - Kylian Mbappè. Come sogno e come chimera. Come grande obiettivo, perché "adesso la Juventus deve puntare i nuovi Cristiano Ronaldo". E chi meglio del crack francese che col portoghese si scattava le foto da giovane e imberbe talento? Chi meglio di un giocatore che a Parigi non vive...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain e Morata situazione in evoluzione, ma il Milan punta a tenere il Pipita. Icardi-Inter vertice in settimana per trattare il rinnovo.  Juventus, dopo Ramsey ora è il turno di Romero. Per Barella continua il pressing di Chelsea e Napoli 12.01 - Sono giorni importanti per capire il futuro di Higuain e Morata. Le posizioni sono molto chiare. Sarri considera il Pipita l’uomo giusto per aumentare tantissimo il potenziale offensivo del Chelsea. Sta spingendo perché questa possa diventare un’ipotesi concreta fin da subito. Higuain...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri-Real Madrid: contatto. Icardi, fissato l’incontro per il rinnovo. I piani di Marotta per la firma. Pregiudizi su Wanda: fa solo il suo lavoro. Higuain vuole solo il Chelsea e mette in crisi Leonardo 11.01 - Non so se Max Allegri durante le recenti vacanze abbia davvero sposato Ambra come scrivono i giornali di gossip, so invece che ha ricevuto una telefonata da Florentino Perez. Auguri, certo, ma anche una nuova, decisa proposta per la panchina del Real Madrid. L’anno scorso la telefonata...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Icardi e il rinnovo, Higuain e il Chelsea. Le novità su Ramsey, il ritorno di Gabbiadini e le strategie del Napoli... 10.01 - L'ultimo colpo di giornata lo ha messo a segno la Sampdoria che riabbraccia Gabbiadini. Lo riporta in blucerchiato: operazione complessiva da 12 milioni di euro (3 di prestito e 9 per il riscatto obbligatorio più bonus legati alla qualificazione in Europa). La Samp non voleva lasciarsi...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->