HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A: quale di questi attaccanti vi ha deluso di più?
  Giovanni Simeone
  Edin Dzeko
  Arkadiusz Milik
  Patrik Schick
  Marko Pjaca
  Paulo Dybala
  Duvan Zapata
  Keita Balde Diao
  Simone Zaza

La Giovane Italia
Editoriale

Ronaldo ha deciso: vuole solo la Juve. Ok del Real, ma prima Perez vuole riprovare con Neymar, prendere Kane o Mbappè. Tutti i retroscena della trattativa del secolo. 350 milioni per vincere la Champions. Higuain e Rugani al Chelsea per 100 milioni

06.07.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 82873 volte
Ronaldo ha deciso: vuole solo la Juve. Ok del Real, ma prima Perez vuole riprovare con Neymar, prendere Kane o Mbappè. Tutti i retroscena della trattativa del secolo. 350 milioni per vincere la Champions. Higuain e Rugani al Chelsea per 100 milioni

Ronaldo ha deciso: vuole soltanto la Juventus. La leggenda narra che tutto è cominciato la sera del tre aprile scorso quando quarantamila spettatori dello Juventus Stadium si sono alzati in piedi e per più di un minuto lo hanno applaudito per il gol segnato in rovesciata. Da quella sera Ronaldo ha cominciato a pensare che quello poteva essere il posto giusto dove iniziare una nuova vita da campione e chiudere una carriera da numero uno.

Proprio lì, dove tutto ebbe inizio nel 2002 quando il diciassettenne e sconosciuto Ronaldo fece le visite mediche per la Signora. La Juve, la prima società che si interessò a lui. L’affare saltò per il no di Salas a trasferirsi allo Sporting, ma Ronaldo la Juve l’ha sempre tenuta bene in testa, con gratitudine, forse con affetto.

E adesso siamo qui, a contare le ore. Per lui è tutto fatto, ha accettato la proposta della Juve: trenta milioni netti di ingaggio per quattro anni, più gli immancabili bonus. Il pre-contratto è già stato firmato.

L’idea di Ronaldo è stata trasformata in realtà dal quel grande stratega chiamato Jorge Mendes. Che Ronaldo si era stufato di Florentino Perez e dell’ambiente Real, Mendes lo sapeva da un pezzo. Ronaldo si sentiva poco considerato, penalizzato di fronte agli ingaggi di Neymar e Messi, qualche problema forse era nato anche con i compagni. Nella lite con il fisco spagnolo (18 milioni di multa) Ronaldo si è sentito solo, senza l’appoggio del Real.

Il disamore è stato cavalcato molto bene da Mendes che nel gennaio scorso ha convinto Florentino Perez a firmare un gentleman agreement, una scrittura privata in deroga alla clausola rescissoria da un miliardo. Cento milioni per liberarsi, accordo non valido per la Spagna, la Premier League e l’odiato Paris Saint Germain. Forse Florentino era convinto che non avrebbe trovato squadre in grado di prenderlo al di fuori di quei campionati. Sappiamo poi delle dichiarazioni di Ronaldo dopo aver vinto la terza Champions a fila e sappiamo anche del silenzio di Perez alla richiesta di aumento dell’ingaggio.

Qui è nata la decisione finale, qui Ronaldo ha capito che il Real non era più innamorato di lui. E Mendes ha avuto il colpo di genio.

Durante la trattativa per portare Cancelo alla Juve l’ha buttata lì a Marotta e Paratici: lo volete Ronaldo? Lo porto qui.

Due conti e via: si può fare.

L’operazione sembra fuori dai parametri classici della Juve sempre alla ricerca del pareggio di bilancio, ma non è così. La Juve da anni è stabilmente oltre i 400 milioni di fatturato (600 dopo la plusvalenza di Pogba), è dentro un sistema in crescita dalla costruzione dello stadio in poi, può vendere molti giocatori tesserati, big ma anche di secondo piano (Mandragora un esempio), e rastrellare molto denaro sul mercato. Quanto costa prendere Ronaldo?

Sessanta milioni lordi per quattro anni sono 240 milioni, cento al Real sono 340. Facciano 400 milioni in tutto, spalmati in quattro anni? Possono essere agevolmente coperti dal prevedibile aumento del giro d’affari legato a Ronaldo. Un esempio arriva già dalla borsa: il titolo Juve in pochi giorni è cresciuto del venti per certo. E’ stato calcolato che con Ronaldo in media saliranno del trenta per cento tutte le voci in entrata legate alle sponsorizzazioni e al merchandising. E’ stato intanto aumentato proprio del 30 per cento medio il prezzo degli abbonamenti.

Altri cento milioni arriveranno dalle cessioni di Higuain e Rugani al Chelsea, si aspetta soltanto l’arrivo ufficiale di Sarri. Forse partirà anche Dybala (Liverpool per 120 milioni?) che però dovrà essere rimpiazzato.

Una strategia studiata molto bene a tavolino, strategia per altro simile a quella di due anni fa con Higuain. Anche allora, su basi inferiori, la Juve provò un grande investimento per attaccare la Champions League, per provare a vincerla. Higuain non ha risposto a tutte le attese.

Oggi la Juve è più forte economicamente e tenta l’ultimo step per avvicinarsi alle grandi d’Europa. Con Ronaldo l’obiettivo è chiaramente la Champions. Vincerla porterebbe ancora più in alto il fatturato, vicina alle grandissime d’Europa, nell’Olimpo per sempre.

Cosa manca per chiudere quello che possiamo definire l’affare del secolo? Lo definisco così perché è dal 1997 quando arrivò Ronaldo all’Inter (altro secolo) che non si vede in Italia un campione assoluto, uno dei più grandi della storia.

Perché non si chiude, dicevamo?

Perché un affare del genere vuole i suoi tempi. Certi contratti necessitano di grandi professionisti che li scrivono, li valutano e poi devono approvarli. In più c’è l’ostacolo Real.

Florentino Perez non si è opposto all’addio, c’è anche il suo ok per altro confermato da Mendes che ieri sera ha parlato di “nuova sfida”. Questa cessione in fondo lo libera dopo nove anni di un giocatore diventato troppo ingombrante, forse troppo padrone. Perez ha voglia di mettere facce nuove, ma ha bisogno di tempo e lo ha detto chiaramente a Mendes. Non può dire ai tifosi madridisti che Ronaldo va via senza presentarsi con in mano un altro grande campione per sostituirlo. Chi? Questo è il problema.

Il Psg non molla Neymar. Il brasiliano a Madrid andrebbe volentieri, ha dato l’assenso da tempo, ma l’orgoglio dello sceicco Al Khelaifi non è facile da battere. Perez ha pronti 330 milioni. Piace anche Mbappè, ma anche qui lo sceicco non molla. E allora?

Le ultime portano verso Harry Kane, il centroavanti del Tottenham e dell’Inghilterra. E’ il nome giusto? Perez sta valutando. E questo rallenta l’operazione Ronaldo che comunque è già stata ampiamente indirizzata. Per dirne un’altra, Ronaldo non ha partecipato alle foto ufficiali con la nuova maglia del Real.

Ci può essere un colpo di coda?

Difficile, ma in vicende come queste, per dirla alla Trapattoni “non dire gatto…” la prudenza è d’obbligo.

Non diamo percentuali di ok, ma sono molte alte. Se arriverà Ronaldo deve festeggiare tutto il calcio italiano. E’ vero, è il trionfo della Juve, ma l’Italia calcistica torna al centro del sistema, tutto il mondo accenderà i riflettori sulla serie A con benefici per tutti. E i grandi giocatori torneranno. Le società, però, devono seguire l’esempio della Juve. Dallo stadio di proprietà in poi i bianconeri non hanno sbagliato una mossa per far crescere prima la società e i fatturati e poi la squadra. Un doppio binario che fa funzionare il calcio di oggi.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Allegri cosa dici?! Hai cambiato idea rispetto a quando eri al Milan, e proprio prima di una partita con la Juve… Ibrahimovic in rossonero è possibile: ecco a che punto è la trattativa. Juventus su De Gea e James? C’è questo retroscena 14.11 - Massimilano Allegri è già l’allenatore che ha vinto più Panchine d’Oro nella storia, 4. Anche se ovviamente i suoi obiettivi sono altri. Il primo e ovvio è vincere la Champions (Allegri è anche il primo allenatore italiano a perdere entrambe le prime due finali di Champions a cui...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

C’è solo una cosa bella della Sosta per la Nazionale. No, non è vero, non c’è. Tra l’altro sarà la 2323esima quest’anno. Si sono moltiplicate. O forse è solo un’impressione. 13.11 - Juve: la panchina d’oro, i cervelli di ghisa. Inter: le scelte di Spalletti (e un segreto…). Milan: il (troppo) rigore di Higuain. Arbitri: l’esempio di IrraQuando c’è la Sosta per la Nazionale a nessuno frega nulla di qualunque cosa, si fa finta di appassionarsi a temi come “Balotelli...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, no a Ibra. Napoli, un salto nel fango. Spal, l'unica società che ha sfruttato il triplo salto. Liverani, oro di Lecce. Gravina, ecco il primo colpo: Brunelli dalla Lega 12.11 - Arriva la sosta, nel momento meno opportuno, e come sempre si tornerà a parlare di calciomercato. La Juventus cerca un centrocampista, l'Inter in teoria è a posto così, la Roma necessita di almeno due tasselli, mentre il Napoli potrebbe aver bisogno di un vice Milik che, a gennaio,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

En plein probabile, chi l'avrebbe mai detto: la Serie A è di nuovo la casa dei grandi difensori. De Laurentiis aveva ragione: Ancelotti vale un top player. Calo Juventus? Non c'è da fidarsi 11.11 - Kalidou Koulibaly, Milan Skriniar e Kostas Manolas. Poi la difesa della Juventus che può andare ad Harvard per dare lezioni sulla fase difensiva. Sono loro il miglior spot di una Serie A che quest'anno in Champions ha buone possibilità di portare tutte le squadre almeno agli ottavi...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Su Skriniar tutte le big d’Europa: City, United, Barcellona e Bayern Monaco, ma la sua volontà è rimanere all’Inter. Il Napoli in pressing su Tonali. Il Milan pensa a Paredes. Juventus, a San Siro prova verità 10.11 - L’Inter è al lavoro per blindare Skriniar. Il difensore slovacco cresce partita dopo partita e ormai è arrivato a un livello altissimo. Anche Spalletti dopo la gara con il Barcellona ha sottolineato che ormai è un giocatore top. Un vero leader della difesa, in grado di unire qualità...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Contro Mourinho, evviva Mourinho. Si scatena un altro Juventus-Inter. Gli eccessi del tifo da condannare. Bocciato dagli inglesi. Da Mazzone in giù, ma che calcio vogliamo? Il Var in Champions, ora basta, cosa aspettate? 09.11 - Mourinho non è tipo da mezze misure, o lo odi o lo ami, ma questo lo sapevamo già. Il doppio confronto fra Juventus e Manchester è stata l’occasione per rimettere in moto cose antiche, rivalità mai sopite, sgarbi mai digeriti, gesti sopra le righe, un Triplete esagerato, pensieri...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Sorprese (e certezze) in Champions: Juve, CR7 e Pellegrini. E una foto - da non conservare - della nostra Serie A 08.11 - Bene: se la giornata di martedì ci aveva confermato che Napoli e Inter non solo hanno una propria posizione in Champions, ma che ce l'hanno anche Icardi e Insigne la sorpresa arriva dalle gare del mercoledì. Anzi le sorprese: una positiva e una negativa. Chiaramente quella negativa...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Inter, perché aspettare 150 minuti? Mentre a Napoli il confine è solo il cielo. Ecco perché alla Juventus la vittoria contro il Manchester United serve…contro l’Inter. Davvero Mosca ultima chiamata per la Roma e Di Francesco? 07.11 - Il calcio è questione di punti di vista, certamente. Dunque è sicuramente un punto di vista positivo per l’Inter aver rischiato di pareggiare all’83’ al Camp Nou. Così come è sicuramente un punto di vista positivo l’aver tenuto a San Siro il risultato fino al finale di partita. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i problemi di cui non si parla perché tanto... è la Juve. Milan: la zona Champions e le "indiscrezioni" su Wenger. Inter: il giorno del Barcellona. Napoli, vendicaci tutti 06.11 - Prima le cose importanti. Mi scrive Antonio Portaccio, lo trovate su messenger, ha una barba da competizione: “Ciao Fabrizio, io non ti ho scritto per i biglietti per il derby, inoltre ti leggo sempre. Se ci troviamo in giro ti offro un caffè, sono su Milano. Mo’ veniamo al favore,...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La lunga storia di Donadoni, le richieste di rettifiche e le conferme. Inter, Spalletti ha cambiato tutto. Politano, non ti avrei dato un euro. De Zerbi show: Sassuolo è leader 05.11 - Vi devo raccontare questa storia, anche se sono certo vi annoierà. E' talmente banale che l'hanno ingigantita perché, forse, colti nel segno. Avete mai visto un Direttore andare a cena con un allenatore e un procuratore? Qualche volta è successo. Prima puntata: il Milan perde il derby...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy