HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A: quale di questi attaccanti vi ha deluso di più?
  Giovanni Simeone
  Edin Dzeko
  Arkadiusz Milik
  Patrik Schick
  Marko Pjaca
  Paulo Dybala
  Duvan Zapata
  Keita Balde Diao
  Simone Zaza

La Giovane Italia
Editoriale

Ronaldo illumina, la Juventus si trasforma in europea. Torino e il rischio di un altro anno a vuoto. Ventura non fa miracoli, anzi... Squadre B inutili, serie B e serie C da rifare, Gravina cambi subito il mercato

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
29.10.2018 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 19855 volte

Gattuso vince e lascia Donadoni al Ristorante che si presta a dichiarazioni ufficiali senza rispetto del collega in panchina. La risposta è arrivata: 3 gol e un Milan d'assalto. La squadra non è con Rino, la squadra è di Rino. Tutti tranne uno. I tifosi sono con Rino che se dovessero sostituire con Gattuso con Conte, forse, non ci penserebbero due volte ma siccome le alternative non sono valide il tifoso è ancora capace di intendere e di volere. Nel frattempo a Napoli ha vinto la Juventus. Il Napoli ha giocato e meritato il pari, la Roma l'aveva quasi spuntata ma il punto a testa è giusto in un campionato che per lo scudetto non è mai iniziato.
Capitolo Juventus: la differenza tra un top player e un fuoriclasse è che il secondo quando decide di vincere da solo una partita lo fa. Ronaldo solo in Italia poteva ricevere critiche nelle prime giornate. Adesso che inizia a segnare con frequenza, oltre a milleduecento tiri che fa a partita, qualcuno non può più parlare e deve solo ammirare. Sabato si è vista una partita dove l'Empoli non ha fatto pesare l'enorme differenza tra le due squadre e, sinceramente, meritava anche qualcosa in più. Esce senza punti ma, contro Allegri, Andreazzoli ha dimostrato che la squadra ha il suo DNA e una fisionomia ben precisa. La Juventus, mettiamolo in conto subito, qualcosa dovrà perdere prima o dopo la Champions. L'ha fatto prima di Manchester e ha rischiato di perdere 2 punti anche dopo. E' andata bene ad Allegri che inizia ad avere una mentalità sempre più europea. Prima la Champions, poi lo scudetto. Lo dicono le stesse prestazioni. In Europa serve il 101% in ogni giornata; in Italia, a volte, ti può bastare anche il 70% per vincere una partita. Ronaldo è la fotografia del suo successo e della sua ricchezza. Il calciatore più forte del mondo che entra nella realtà bianconera avrebbe potuto tirarsela, fare il fenomeno e giocare per conto suo. La squadra, invece, lo sostiene, lo aiuta e lo ama proprio perché il fenomeno non fa il fenomeno. E' la grandezza del portoghese. Chiede aiuto e lo riceve. Dà una mano anche quando non serve e si è calato subito nella parte qui in Italia. Al Real Madrid non tornava a centrocampo, non faceva il centrocampista aggiunto perché tanto in una squadra di grandi campioni ognuno occupava la sua mattonella. Entrare nel sistema tattico italiano non era facile. Lui ci è riuscito alla grande e ricopre ogni tipo di ruolo gli richieda Allegri. Lo vedi lontano dalla porta ma all'azione dopo arriva e calcia. Le statistiche lo premiano e, ogni domenica, la sua crescita è evidente e costante. Alla faccia di chi lo dava per un flop.
Il Toro, invece, non riesce a trovare una sua dimensione. Al terzo tentativo consecutivo rischia di non raggiungere un posto in Europa. Sarebbe un fallimento per Urbano Cairo che, almeno da due anni, dichiara ufficialmente l'obiettivo. In avanti la coppia Zaza-Belotti non ingrana e la squadra non convince mai appieno. Troppi problemi, un mercato monco e la mancanza di convinzione nel fare quel salto in alto che consentirebbe alla società un'altra dimensione. Cairo ha fatto grandi cose per il Toro, ma se dopo 13 anni non entri nel cuore dei tifosi significa che qualcosa hai sbagliato. Sicuramente ha dato una stabilità economica in un momento difficile al club. Ma se sei al Torino e hai una tifoseria così passionale sei, quasi, obbligato ogni anni a fare un passo in più. Il problema del Torino è invece che è sempre fermo lì. Certamente ci sarebbe di peggio. E, a Torino, qualcosa ne sanno. Ma ora sarebbe arrivato il momento di spiccare il volo. Fin qui la gestione Mazzarri è anonima e sinceramente ci aspettavamo qualcosa di più dal tecnico di San Vincenzo.
Problemi grossi a Verona, dove c'è un Chievo Verona in picchiata. Il club deve ringraziare già che quest'anno è ancora in A ma se poi vuoi autodistruggerti sei libero di farlo. Il declino del Chievo inizia con l'esonero di Rolando Maran, vero punto di forza di tutta l'organizzazione. Tutti andavano messi in discussione tranne Maran. Malissimo anche aver perso un direttore come Nember ma capiamo che forse lì possano aver preso il sopravvento altre dinamiche. Quando confermi Romairone dietro la scrivania e prendi Ventura in panchina non puoi neanche invocare gli dei se le perdi tutte.
Ad una settimana dall'insediamento della nuova governance del calcio italiano facciamo due riflessioni: la prima è che vanno abolite le squadre B. Anzi, la squadra B. La sola Juventus non serve a nulla per il sistema ma anche per il club stesso. O si fa una riforma che comprenda tutto o sono solo perdite di tempo. La Juventus infilata nel campionato di serie C è utile come la forchetta nel brodo il giorno di Natale. La scorsa settimana abbiamo vissuto un'altra pagina di satira del nostro calcio. Di nuovo fermo il campionato di serie C per Catania, Ternana, Siena, Novara e Pro Vercelli mentre dell'Entella non si hanno più notizie. Qui siamo arrivati ad un punto di non ritorno e c'è ancora chi fa finta di nulla. Dopo il parere del Tar, Gravina deve intervenire duro. Ci sarebbe solo una soluzione: sanguinosa ma l'unica che possa mettere ordine. B a 22, Lega Pro come è senza le ripescate, campionato da far ripartire senza falsarlo alla prima di novembre e mercato aperto, solo quest'anno, a dicembre e gennaio. Ma come, è follia! No, è follia pensare di introdurre tre squadre alla decima giornata con 10 partite da disputare. Iniziamo il campionato a novembre, lo finiamo il 30 giugno tanto i calciatori sono tutelati dal contratto fino al 30 giugno. In estate non ci sarà il Mondiale e anche se finissimo dopo nessuno ci correrebbe dietro. Il prossimo anno inizieremmo a fine agosto. Dov'è il problema? Ma come il Pescara primo, i punti che hanno conquistato, sarebbe una beffa e bla bla bla... Avete ragione ma chi è causa del suo mal pianga se stesso. I 19 Presidenti hanno votato per una irregolarità, sono andati contro le norme e oggi pagano. Non possono 19 imprenditori prendere delle decisioni senza conoscere le conseguenze giudiziarie. I campionati di B e C vanno rifatti. Un altro calendario, altre date e si riparta in maniera seria. Ogni altra decisione sarà comunque inutile ai fini della regolarità dei campionati. Sarebbe una presa di forza, certo, come lo è stata questa estate. Il pasticcio è stato fatto, il buco c'è, ma mettere la toppa sbagliata finisce di rovinare ulteriormente l'abito. E' la pagina più assurda del nostro calcio ma ormai siamo abituati a far passare tutto in cavalleria. Il Commissario ci ha salutati e speriamo di non vedere mai più commissari così nel nostro calcio. Oggi contiamo morti e feriti. Prima, almeno, ci fermavamo a malati gravi ma pur sempre coscienti. Gravina deve prendere subito le prime decisioni. Il mercato è una priorità. Senza dover aspettare l'estate dove la sessione estiva va riportata con chiusura al 31 agosto, deve pensare a gennaio. Due settimane di mercato non ha il minimo senso logico. A maggior ragione quest'anno dove molte squadre di serie B e serie C ancora non hanno iniziato a giocare. Più che ridurlo a due settimane, quest'anno andrebbe protratto fino al 15 febbraio.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

C’è solo una cosa bella della Sosta per la Nazionale. No, non è vero, non c’è. Tra l’altro sarà la 2323esima quest’anno. Si sono moltiplicate. O forse è solo un’impressione. 13.11 - Juve: la panchina d’oro, i cervelli di ghisa. Inter: le scelte di Spalletti (e un segreto…). Milan: il (troppo) rigore di Higuain. Arbitri: l’esempio di IrraQuando c’è la Sosta per la Nazionale a nessuno frega nulla di qualunque cosa, si fa finta di appassionarsi a temi come “Balotelli...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, no a Ibra. Napoli, un salto nel fango. Spal, l'unica società che ha sfruttato il triplo salto. Liverani, oro di Lecce. Gravina, ecco il primo colpo: Brunelli dalla Lega 12.11 - Arriva la sosta, nel momento meno opportuno, e come sempre si tornerà a parlare di calciomercato. La Juventus cerca un centrocampista, l'Inter in teoria è a posto così, la Roma necessita di almeno due tasselli, mentre il Napoli potrebbe aver bisogno di un vice Milik che, a gennaio,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

En plein probabile, chi l'avrebbe mai detto: la Serie A è di nuovo la casa dei grandi difensori. De Laurentiis aveva ragione: Ancelotti vale un top player. Calo Juventus? Non c'è da fidarsi 11.11 - Kalidou Koulibaly, Milan Skriniar e Kostas Manolas. Poi la difesa della Juventus che può andare ad Harvard per dare lezioni sulla fase difensiva. Sono loro il miglior spot di una Serie A che quest'anno in Champions ha buone possibilità di portare tutte le squadre almeno agli ottavi...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Su Skriniar tutte le big d’Europa: City, United, Barcellona e Bayern Monaco, ma la sua volontà è rimanere all’Inter. Il Napoli in pressing su Tonali. Il Milan pensa a Paredes. Juventus, a San Siro prova verità 10.11 - L’Inter è al lavoro per blindare Skriniar. Il difensore slovacco cresce partita dopo partita e ormai è arrivato a un livello altissimo. Anche Spalletti dopo la gara con il Barcellona ha sottolineato che ormai è un giocatore top. Un vero leader della difesa, in grado di unire qualità...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Contro Mourinho, evviva Mourinho. Si scatena un altro Juventus-Inter. Gli eccessi del tifo da condannare. Bocciato dagli inglesi. Da Mazzone in giù, ma che calcio vogliamo? Il Var in Champions, ora basta, cosa aspettate? 09.11 - Mourinho non è tipo da mezze misure, o lo odi o lo ami, ma questo lo sapevamo già. Il doppio confronto fra Juventus e Manchester è stata l’occasione per rimettere in moto cose antiche, rivalità mai sopite, sgarbi mai digeriti, gesti sopra le righe, un Triplete esagerato, pensieri...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Sorprese (e certezze) in Champions: Juve, CR7 e Pellegrini. E una foto - da non conservare - della nostra Serie A 08.11 - Bene: se la giornata di martedì ci aveva confermato che Napoli e Inter non solo hanno una propria posizione in Champions, ma che ce l'hanno anche Icardi e Insigne la sorpresa arriva dalle gare del mercoledì. Anzi le sorprese: una positiva e una negativa. Chiaramente quella negativa...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Inter, perché aspettare 150 minuti? Mentre a Napoli il confine è solo il cielo. Ecco perché alla Juventus la vittoria contro il Manchester United serve…contro l’Inter. Davvero Mosca ultima chiamata per la Roma e Di Francesco? 07.11 - Il calcio è questione di punti di vista, certamente. Dunque è sicuramente un punto di vista positivo per l’Inter aver rischiato di pareggiare all’83’ al Camp Nou. Così come è sicuramente un punto di vista positivo l’aver tenuto a San Siro il risultato fino al finale di partita. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i problemi di cui non si parla perché tanto... è la Juve. Milan: la zona Champions e le "indiscrezioni" su Wenger. Inter: il giorno del Barcellona. Napoli, vendicaci tutti 06.11 - Prima le cose importanti. Mi scrive Antonio Portaccio, lo trovate su messenger, ha una barba da competizione: “Ciao Fabrizio, io non ti ho scritto per i biglietti per il derby, inoltre ti leggo sempre. Se ci troviamo in giro ti offro un caffè, sono su Milano. Mo’ veniamo al favore,...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La lunga storia di Donadoni, le richieste di rettifiche e le conferme. Inter, Spalletti ha cambiato tutto. Politano, non ti avrei dato un euro. De Zerbi show: Sassuolo è leader 05.11 - Vi devo raccontare questa storia, anche se sono certo vi annoierà. E' talmente banale che l'hanno ingigantita perché, forse, colti nel segno. Avete mai visto un Direttore andare a cena con un allenatore e un procuratore? Qualche volta è successo. Prima puntata: il Milan perde il derby...

Editoriale DI: Andrea Losapio

La Superlega, Football Leaks e il pallone sgonfiato: tutto molto triste. Dopo un decennio abbiamo una candidata alla Champions, forse più di una. Chi prenderà il quarto posto? 04.11 - Der Spiegel e L'Espresso stanno portando avanti, da anni oramai, una battaglia contro i furbetti del pallone. In principio si è parlato di Doyen Sports e Twente, dei rapporti di Radamel Falcao con i fondi di investimento, dell'ascesa dell'Atletico Madrid anche grazie agli investimenti...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy