HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Ronaldo illumina, la Juventus si trasforma in europea. Torino e il rischio di un altro anno a vuoto. Ventura non fa miracoli, anzi... Squadre B inutili, serie B e serie C da rifare, Gravina cambi subito il mercato

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
29.10.2018 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 19999 volte

Gattuso vince e lascia Donadoni al Ristorante che si presta a dichiarazioni ufficiali senza rispetto del collega in panchina. La risposta è arrivata: 3 gol e un Milan d'assalto. La squadra non è con Rino, la squadra è di Rino. Tutti tranne uno. I tifosi sono con Rino che se dovessero sostituire con Gattuso con Conte, forse, non ci penserebbero due volte ma siccome le alternative non sono valide il tifoso è ancora capace di intendere e di volere. Nel frattempo a Napoli ha vinto la Juventus. Il Napoli ha giocato e meritato il pari, la Roma l'aveva quasi spuntata ma il punto a testa è giusto in un campionato che per lo scudetto non è mai iniziato.
Capitolo Juventus: la differenza tra un top player e un fuoriclasse è che il secondo quando decide di vincere da solo una partita lo fa. Ronaldo solo in Italia poteva ricevere critiche nelle prime giornate. Adesso che inizia a segnare con frequenza, oltre a milleduecento tiri che fa a partita, qualcuno non può più parlare e deve solo ammirare. Sabato si è vista una partita dove l'Empoli non ha fatto pesare l'enorme differenza tra le due squadre e, sinceramente, meritava anche qualcosa in più. Esce senza punti ma, contro Allegri, Andreazzoli ha dimostrato che la squadra ha il suo DNA e una fisionomia ben precisa. La Juventus, mettiamolo in conto subito, qualcosa dovrà perdere prima o dopo la Champions. L'ha fatto prima di Manchester e ha rischiato di perdere 2 punti anche dopo. E' andata bene ad Allegri che inizia ad avere una mentalità sempre più europea. Prima la Champions, poi lo scudetto. Lo dicono le stesse prestazioni. In Europa serve il 101% in ogni giornata; in Italia, a volte, ti può bastare anche il 70% per vincere una partita. Ronaldo è la fotografia del suo successo e della sua ricchezza. Il calciatore più forte del mondo che entra nella realtà bianconera avrebbe potuto tirarsela, fare il fenomeno e giocare per conto suo. La squadra, invece, lo sostiene, lo aiuta e lo ama proprio perché il fenomeno non fa il fenomeno. E' la grandezza del portoghese. Chiede aiuto e lo riceve. Dà una mano anche quando non serve e si è calato subito nella parte qui in Italia. Al Real Madrid non tornava a centrocampo, non faceva il centrocampista aggiunto perché tanto in una squadra di grandi campioni ognuno occupava la sua mattonella. Entrare nel sistema tattico italiano non era facile. Lui ci è riuscito alla grande e ricopre ogni tipo di ruolo gli richieda Allegri. Lo vedi lontano dalla porta ma all'azione dopo arriva e calcia. Le statistiche lo premiano e, ogni domenica, la sua crescita è evidente e costante. Alla faccia di chi lo dava per un flop.
Il Toro, invece, non riesce a trovare una sua dimensione. Al terzo tentativo consecutivo rischia di non raggiungere un posto in Europa. Sarebbe un fallimento per Urbano Cairo che, almeno da due anni, dichiara ufficialmente l'obiettivo. In avanti la coppia Zaza-Belotti non ingrana e la squadra non convince mai appieno. Troppi problemi, un mercato monco e la mancanza di convinzione nel fare quel salto in alto che consentirebbe alla società un'altra dimensione. Cairo ha fatto grandi cose per il Toro, ma se dopo 13 anni non entri nel cuore dei tifosi significa che qualcosa hai sbagliato. Sicuramente ha dato una stabilità economica in un momento difficile al club. Ma se sei al Torino e hai una tifoseria così passionale sei, quasi, obbligato ogni anni a fare un passo in più. Il problema del Torino è invece che è sempre fermo lì. Certamente ci sarebbe di peggio. E, a Torino, qualcosa ne sanno. Ma ora sarebbe arrivato il momento di spiccare il volo. Fin qui la gestione Mazzarri è anonima e sinceramente ci aspettavamo qualcosa di più dal tecnico di San Vincenzo.
Problemi grossi a Verona, dove c'è un Chievo Verona in picchiata. Il club deve ringraziare già che quest'anno è ancora in A ma se poi vuoi autodistruggerti sei libero di farlo. Il declino del Chievo inizia con l'esonero di Rolando Maran, vero punto di forza di tutta l'organizzazione. Tutti andavano messi in discussione tranne Maran. Malissimo anche aver perso un direttore come Nember ma capiamo che forse lì possano aver preso il sopravvento altre dinamiche. Quando confermi Romairone dietro la scrivania e prendi Ventura in panchina non puoi neanche invocare gli dei se le perdi tutte.
Ad una settimana dall'insediamento della nuova governance del calcio italiano facciamo due riflessioni: la prima è che vanno abolite le squadre B. Anzi, la squadra B. La sola Juventus non serve a nulla per il sistema ma anche per il club stesso. O si fa una riforma che comprenda tutto o sono solo perdite di tempo. La Juventus infilata nel campionato di serie C è utile come la forchetta nel brodo il giorno di Natale. La scorsa settimana abbiamo vissuto un'altra pagina di satira del nostro calcio. Di nuovo fermo il campionato di serie C per Catania, Ternana, Siena, Novara e Pro Vercelli mentre dell'Entella non si hanno più notizie. Qui siamo arrivati ad un punto di non ritorno e c'è ancora chi fa finta di nulla. Dopo il parere del Tar, Gravina deve intervenire duro. Ci sarebbe solo una soluzione: sanguinosa ma l'unica che possa mettere ordine. B a 22, Lega Pro come è senza le ripescate, campionato da far ripartire senza falsarlo alla prima di novembre e mercato aperto, solo quest'anno, a dicembre e gennaio. Ma come, è follia! No, è follia pensare di introdurre tre squadre alla decima giornata con 10 partite da disputare. Iniziamo il campionato a novembre, lo finiamo il 30 giugno tanto i calciatori sono tutelati dal contratto fino al 30 giugno. In estate non ci sarà il Mondiale e anche se finissimo dopo nessuno ci correrebbe dietro. Il prossimo anno inizieremmo a fine agosto. Dov'è il problema? Ma come il Pescara primo, i punti che hanno conquistato, sarebbe una beffa e bla bla bla... Avete ragione ma chi è causa del suo mal pianga se stesso. I 19 Presidenti hanno votato per una irregolarità, sono andati contro le norme e oggi pagano. Non possono 19 imprenditori prendere delle decisioni senza conoscere le conseguenze giudiziarie. I campionati di B e C vanno rifatti. Un altro calendario, altre date e si riparta in maniera seria. Ogni altra decisione sarà comunque inutile ai fini della regolarità dei campionati. Sarebbe una presa di forza, certo, come lo è stata questa estate. Il pasticcio è stato fatto, il buco c'è, ma mettere la toppa sbagliata finisce di rovinare ulteriormente l'abito. E' la pagina più assurda del nostro calcio ma ormai siamo abituati a far passare tutto in cavalleria. Il Commissario ci ha salutati e speriamo di non vedere mai più commissari così nel nostro calcio. Oggi contiamo morti e feriti. Prima, almeno, ci fermavamo a malati gravi ma pur sempre coscienti. Gravina deve prendere subito le prime decisioni. Il mercato è una priorità. Senza dover aspettare l'estate dove la sessione estiva va riportata con chiusura al 31 agosto, deve pensare a gennaio. Due settimane di mercato non ha il minimo senso logico. A maggior ragione quest'anno dove molte squadre di serie B e serie C ancora non hanno iniziato a giocare. Più che ridurlo a due settimane, quest'anno andrebbe protratto fino al 15 febbraio.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Leonardo non conosceva Higuain? Il Milan ha sopravvalutato il Pipita. Troppa ipocrisia su Wanda Nara: l'unico errore sarebbe quello di non comportarsi come gli altri procuratori 20.01 - Gonzalo Higuain è stato il miglior centravanti visto in Italia dopo Zlatan Ibrahimovic. Ha riscritto la storia dei cannonieri della Serie A battendo nel 2016 il record di Nordhal che resisteva da 65 anni. Diciassette, poi 18, 36, 24 e 16 gol in cinque stagioni di Serie A, 111 in cinque...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain al Chelsea e Piatek al Milan ormai ci siamo. Nell’operazione anche il ritorno di  Bertolacci al Genoa. Su Barella per giugno l’Inter di nuovo in pole position. Napoli, Lozano se in estate parte uno tra Mertens e Callejon 19.01 - Higuain al Chelsea, Piatek al Milan, Morata all’Atletico Madrid, Il gioco è fatto. Tutti gli incastri al posto giusto per un grande valzer di attaccanti. E allora andiamo a ricostruire quello che accadrà a breve. Higuain presto volerà a Londra per le visite mediche e si metterà a...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve-Milan falsata, l’ultimo scandalo. Con questo VAR aumentano solo le polemiche e non si fa giustizia. Banti, che delusione. Higuain, che vergogna. Piatek al Milan, che rischio. Icardi rinnoverà 18.01 - Gli arbitri italiani stanno diventando dei piccoli Tafazzi: sono riusciti nell’impresa ciclopica di falsare perfino una gara tutto sommato non complicata come la Supercoppa italiana e farsi ancora una volta travolgere dalle polemiche. Autolesionismo puro, incredibile ma vero, come...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...

Editoriale DI: Marco Conterio

La caccia al nuovo sogno mercato della Juventus passa dai conti. E dall'inevitabile partenza di un big. Icardi, decimo stipendio della A: con l'Inter è braccio di ferro economico 13.01 - Kylian Mbappè. Come sogno e come chimera. Come grande obiettivo, perché "adesso la Juventus deve puntare i nuovi Cristiano Ronaldo". E chi meglio del crack francese che col portoghese si scattava le foto da giovane e imberbe talento? Chi meglio di un giocatore che a Parigi non vive...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain e Morata situazione in evoluzione, ma il Milan punta a tenere il Pipita. Icardi-Inter vertice in settimana per trattare il rinnovo.  Juventus, dopo Ramsey ora è il turno di Romero. Per Barella continua il pressing di Chelsea e Napoli 12.01 - Sono giorni importanti per capire il futuro di Higuain e Morata. Le posizioni sono molto chiare. Sarri considera il Pipita l’uomo giusto per aumentare tantissimo il potenziale offensivo del Chelsea. Sta spingendo perché questa possa diventare un’ipotesi concreta fin da subito. Higuain...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri-Real Madrid: contatto. Icardi, fissato l’incontro per il rinnovo. I piani di Marotta per la firma. Pregiudizi su Wanda: fa solo il suo lavoro. Higuain vuole solo il Chelsea e mette in crisi Leonardo 11.01 - Non so se Max Allegri durante le recenti vacanze abbia davvero sposato Ambra come scrivono i giornali di gossip, so invece che ha ricevuto una telefonata da Florentino Perez. Auguri, certo, ma anche una nuova, decisa proposta per la panchina del Real Madrid. L’anno scorso la telefonata...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->