HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Calciomercato di Serie A in chiusura: qual è il vostro flop tra le big?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Inter
  Lazio
  Milan

La Giovane Italia
Editoriale

Sarri al Chelsea con Zola. E vuole Higuain. L’incontro con Abramovich. Napoli, arriva David Luiz. De Laurentiis, cento milioni sul mercato per Ancelotti. Inter, a luglio riproverà per Rafinha. Icardi può partire. Milan, mercato bloccato

25.05.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 49054 volte
© foto di Federico De Luca

L’arrivo di Ancelotti al Napoli è il trionfo di Aurelio De Laurentiis e delle sue strategie. Da mesi, sott’acqua, con il sorriso sulle labbra e i complimenti pubblici a Sarri, in realtà aveva già annusato l’aria di divorzio e stava lavorando al futuro senza l’allenatore toscano. Proviamo a ricostruire. Tutto è cominciato a gennaio quando Sarri ha ricevuto una telefonata da Marina. All’inizio sembrava uno scherzo e la battuta di Sarri con lo staff fece sorridere: “Di Marina c’ho già la mi moglie….”.
Marina è la Granovskaia, braccio destro di Abramovich che, guarda caso, si chiama come la moglie di Sarri. Bene. Quella Marina che ha telefonato a Sarri era proprio la Granovskaia, potentissima amministratrice del Chelsea che gli ha detto più o meno così: “Si tenga pronto perché la vogliamo al Chelsea, il suo gioco piace molto ad Abramovich.
Il magnate russo si era innamorato di Sarri e del suo Napoli un paio di mesi prima vedendolo giocare contro il Manchester City.
Naturalmente Sarri non ha nascosto la soddisfazione, ma non ha detto no, ha chiesto tempo. Ci sono stati altri contatti, ma tutto rinviato alla primavera. Quasi sicuramente, però, De Laurentiis è venuto a sapere di quanto stava accadendo. C’è qualcuno che oggi racconta che la decisione di non fare mercato sia proprio dovuta a questo, all’idea di spendere, di portare giocatori che piacciono a un allenatore potenzialmente in partenza.
De Laurentiis, però, ha provato anche a mettere Sarri con le spalle al muro. Vi abbiamo raccontato della proposta fatta a febbraio all’allenatore per il rinnovo del contratto con innalzamento subito oltre i due milioni, per arrivare a quattro con l’abolizione della clausola rescissoria, e un incarico nel lungo periodo alla Ferguson e responsabilità di tutta l’organizzazione tecnica del Napoli.
Sarri ha preso tempo rimandando tutto a fine stagione e De Laurentiis non ha gradito.
Comunque poi l’incontro con il Chelsea c’è stato e qui siamo quasi a primavera. Abramovic ha organizzato un primo appuntamento a Londra che però è saltato. L’aereo privato che doveva andare a prendere Sarri a Milano ha avuto un problema. Il dodici marzo, però, dopo la gara con l’Inter, con l’aereo privato, di nascosto, Sarri è arrivato a Londra e da in auto nell’abitazione del magnate russo.
L’incontro è stato cordiale, alla presenza del mediatore internazionale Ramadani. C’è stata una stretta di mano, ma nessuna decisione definitiva. Sarri ha manifestato il grande attaccamento per Napoli, la voglia di provare a vincere lo scudetto. Ha chiesto tempo. Nello stesso tempo, però, è stato altrettanto chiaro che il Chelsea aveva il problema della clausola rescissoria di Conte fissata a venti milioni di euro. Non spiccioli neppure per Abramovic.
Il contatto, però, è rimasto vivo tanto che Sarri avrebbe già cominciato a pensare al futuro. Secondo indiscrezioni, Sarri avrebbe chiesto a Zola di entrare nel suo staff incassando l’ok dell’ex centrocampista. Come sappiamo Zola al Chelsea è un’icona e sarebbe un grande ritorno. Probabilmente Zola con Sarri sarebbe il team manager o roba del genere. Fra i giocatori un nome solo sul tavolo di Abramovic: Higuain. E il Pipita tornerebbe volentieri con il suo Profeta.
Forse Sarri, però, ha sottovalutato De Laurentiis o forse non ha pensato che qualcuno del gruppo potesse tenere informato il presidente.
E qui siamo al colpo di teatro di un grande produttore.
Cosa ha fatto De Laurentiis? Informato dei contatti segreti con il Chelsea del suo allenatore e non riuscendo a stringere con lui per un rinnovo, lo ha scavalcato a sinistra decidendo di contattare Ancelotti. E qui siamo a fine aprile, inizio maggio. L’incontro è stato positivo, De Laurentiis ha strappato la disponibilità dell’ex allenatore del Real. C’è stato un pre-accordo.
Poi finalmente c’è stato anche l’incontro con Sarri della settimana scorsa. L’intesa sui programmi e sul mercato non s’è trovata. Sarri ha chiesto un rinnovamento, giocatori adatti al suo calcio, ma De Laurentiis che già aveva l’asso Ancellotti nella manica, non ha accontentato il suo tecnico.
De Laurentiis, fra l’altro, molto infastidito dal rapporto fra Sarri e la tifoseria, dalle manifestazioni d’affetto di tutto lo stadio durante la gara con il Crotone, nel timore di finire all’angolo, ha deciso di accelerare nel suo piano di divorzio.
Sarri, invece, stava cercando di prendere tempo perché la firma con il Chelsea non c’è ancora, ma solo un pre-accordo. Abramovich spera infatti che Conte trovi una squadra per non pagare la clausola, ma il valzer delle panchine (soprattutto quella del real) ci sarà soltanto dopo la finale di Champions di sabato prossimo.
Questa situazione per De Laurentiis era diventata insopportabile ed ha deciso di esonerare (vedremo in che termini) Sarri e di chiudere con Ancelotti. Siamo ad oggi. Un grande colpo, qui esplosivo. Una grande idea e una grande strategia. Per mollare un allenatore straordinario, amato dalla piazza, ne prendo uno più famoso, di livello internazionale rilancio per non aver problemi con l’addio a Sarri. Non poteva prendere Giampaolo. Prendo Ancelotti e rilancio. Fra l’altro Carletto non si opporrà a cessioni eccellenti. L’importante che vengano fatti acquisti graditi e che alla fine la squadra sia di livello assoluto. Così De Laurentiis potrà vendere Koulibaly o altri, incassare grandi cifre e reinvestire su altri giocatori che a Napoli vengono volentieri perché c’è Ancellotti. Un po’ come successe con Benitez nel dopo-Mazzarri.
Ora Sarri andrà al Chelsea?
Il pre-contratto c’è, ma gli ostacoli pure. Tutto si deciderà la prossima settimana. Abramovic offrirà al Napoli il cartellino di David Luiz per aggirare la clausola rescissoria di Sarri che ha un contratto con il Napoli fino al 2020. E se Conte non dovesse trovare squadra, comunque pare ormai deciso che sarà pagata la penale di venti milioni. Il magnate russo vuol voltare pagina, non può permettersi di ricominciare con lo scarso rapporto fra Marina e Conte con il rischio di buttare via un’altra stagione. Un finale comunque tutto da scrivere. Sarri, nel caso, può aspettare. Il contratto con il Napoli è valido e il mercato non gli manca, eventualmente, anche a stagione in corso.
Sempre in tema allenatori, Spalletti ha rivelato quello che si sapeva: l’Inter deve rispettare il fair play finanziario. Oggi non può riscattare Rafinha e Cancelo. Oggi no, ma probabilmente sì dopo il trenta giugno, per il nuovo bilancio. E comunque si cercherà un’altra soluzione con il Barcellona, magari un prestito-bis o roba del genere. E poi? All’ordine del giorno c’è anche la posizione di Icardi. Vendere il giocatore a più di cento milioni (Real?) potrebbe essere una soluzione per andare poi a reinvestire e così aggirare i paletti economici. Si riflette, ma anche qui bisogna aspettare la fine del giro degli allenatori.
I guai del Milan sono più profondi. Se non salterà l’Europa League quasi sicuramente sarà bloccato il mercato in entrata. E qui potrebbero sorgere problemi per Reina preso a zero, ma con un contratto che grava sui bilanci per sei milioni per tre anni. Comunque il fondo Elliott e Goldman Sacks stanno lavorando per spalmare il debito e soprattutto trovare partners affidabili per il signor Li. Ci sarebbe un fondo del Qatar da tempo alla finestra, come vi abbiamo già detto, ad aspettare l’evolversi della situazione per intervenire al momento giusto. Ambienti del Milan lo hanno confermato anche a un grande allenatore contattato tempo fa nel caso in cui Gattuso non avesse conquistato l’Europa League e fossero nati dei dubbio sulla sua riconferma.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

De Laurentiis, 5 giorni per dare un senso a questo mercato. Milan, sessione intelligente. L’Inter dietro la Juve. Volevate il Commissario? Era meglio Montalbano… 13.08 - Cinque giorni e poi sarà tutto finito. L’assurdità di chiudere il calciomercato il 17 agosto, alle ore 20.00, lascerà tanti cadaveri sulla riva del fiume. Lo scriviamo da mesi, adesso, molti club di serie A iniziano a capire la fesseria di seguire Marotta nell’unica sciocchezza fatta,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il mondo dorato di CR7 e quello sommerso dei Tribunali, dove vige il tutti contro tutti. Tra udienze, sentenze e ricorsi B e C sono in pieno caos. E anche la Serie A non può dirsi tranquilla 12.08 - E' un'estate strana, particolare. Senza dubbio unica quella che tra meno di una settimana - per gli operatori di calciomercato - chiuderà i battenti. Non sono mancate le notizie, né i colpi di scena. Sono stati mesi che hanno riportato una manciata di club italiani a sedere di nuovo...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ore decisive per il futuro di Modric. Inter, fatta per Keita. Il Milan pronto a chiudere per Bakayoko. Ochoa in pole per il Napoli, occhio anche a Tatarusanu. 11.08 - Luka Modric, l’Inter e il Real Madrid. Sono ore decisive per il futuro del centrocampista croato vice campione del mondo, che vorrebbe andare all’Inter, anche se non è intenzionato ad arrivare ai ferri corti con Florentino Perez. Il numero uno del Real non cede. Anzi in Spagna sono...

EditorialeDI: Luca Serafini

I colpi di Leo, il ruolo di Paolo, il lavoro di Rino: notte prima degli esami 10.08 - Tra una settimana è campionato. Possiamo davvero dire che l’estate è volata, sotto questa cappa di afa con ventate di grande ottimismo. Di meritato sollievo. Mi fanno ridere i censori del ruolo di Paolo Maldini, come se avere una figura di riferimento così autorevole non fosse già...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Modric ancora attesa, Keita si tratta ad oltranza. Bakayoko convinto ora si fa sul serio. Portieri Napoli e quello del Chievo. Ultima settimana... 09.08 - Doveva essere il Modric-day, nel bene o nel male, ma si è trasformato in un altro giorno di attesa. Tutto rinviato a data da destinarsi, forse venerdì, visto che le prossime ore saranno quelle di Cortouis e che Florentino non vorrà togliere la scena al suo portiere con la grana Modric....

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Modric-Inter: è il D-Day. Ecco perché tutti i fattori esterni sono contro l’Inter (diversamente da come erano stati tutti a favore della Juve con Cristiano). Pogba-Barcellona: dipende da Lotito… 08.08 - E’ arrivato il giorno in cui l’Inter saprà se può tornare a sognare l’impossibile, come non le accadeva dai tempi del Triplete. Nonché in cui la Serie A può scoprire se davvero le cose hanno già cominciato a cambiare a livello sistemico, o se il locomotore Juventus tira ancora il...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: in attesa del "miracolo Modric" si punta a Keita! Juve: altro tassello in arrivo al centro. Milan: attenzione, Leonardo ha un segreto... Napoli: 10 giorni per risolvere un equivoco 07.08 - Ciao. Mancano 10 giorni alla chiusura del mercato poi, purtroppo, inizierà il campionato. Il campionato non interessa a nessuno. A tutti interessa il mercato. “Chi arriva?”. “Ne prendiamo due?”. “La pista è calda?”. Queste cose qui. Pochissimi si chiedono “dove giocherà?” o “ha senso...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Higuain e Caldara boom ma a Leo non basta. De Laurentiis si scrive le regole da solo. Belotti ad un bivio: ora o mai più. Un'estate italiana: la solita pagliacciata 06.08 - E' stata la settimana del diavolo. Tifosi che tornano a sognare e sperare dopo il bluff Lì. L'arrivo di Elliott è servito almeno a fare chiarezza sulla strategia futura della società. Avere un proprietario come fondo non è il massimo ma, almeno, conosciamo la mission. Rivalutare squadra...

EditorialeDI: Andrea Losapio

MIlan-Juve, scambio da sogno. Le scuse per Vidal, l'incredibile Modric. E il Napoli che ne prende 5 a Liverpool 05.08 - È stata una grande settimana di mercato. Tra Gonzalo Higuain, Mattia Caldara e Leonardo Bonucci, tre protagonisti inconsapevoli di questo mercato, almeno fino a inizio luglio. Higuain poteva finire sul mercato dopo qualche incomprensione con Allegri - e la panchina nella finale di...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Milan si lavora su Bernard, Inter tra il sogno Modric e la pista Darmian. Napoli, Malcuit ed Ochoa i nomi caldi. La Roma ripensa a Herrera 04.08 - Dopo il maxi scambio tra Milan e Juventus, il mercato procede spedito. I rossoneri dopo aver sistemato difesa e attacco con gli arrivi di Caldara e Higuain ora devono pensare al centrocampo. Serve un giocatore di qualità in grado di alzare il livello in un settore fondamentale. Bernard...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy