HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?
  Barcellona
  Juventus
  Manchester United
  Liverpool
  Manchester City
  Ajax
  Porto
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Sarri al Chelsea con Zola. E vuole Higuain. L’incontro con Abramovich. Napoli, arriva David Luiz. De Laurentiis, cento milioni sul mercato per Ancelotti. Inter, a luglio riproverà per Rafinha. Icardi può partire. Milan, mercato bloccato

25.05.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 49232 volte
© foto di Federico De Luca

L’arrivo di Ancelotti al Napoli è il trionfo di Aurelio De Laurentiis e delle sue strategie. Da mesi, sott’acqua, con il sorriso sulle labbra e i complimenti pubblici a Sarri, in realtà aveva già annusato l’aria di divorzio e stava lavorando al futuro senza l’allenatore toscano. Proviamo a ricostruire. Tutto è cominciato a gennaio quando Sarri ha ricevuto una telefonata da Marina. All’inizio sembrava uno scherzo e la battuta di Sarri con lo staff fece sorridere: “Di Marina c’ho già la mi moglie….”.
Marina è la Granovskaia, braccio destro di Abramovich che, guarda caso, si chiama come la moglie di Sarri. Bene. Quella Marina che ha telefonato a Sarri era proprio la Granovskaia, potentissima amministratrice del Chelsea che gli ha detto più o meno così: “Si tenga pronto perché la vogliamo al Chelsea, il suo gioco piace molto ad Abramovich.
Il magnate russo si era innamorato di Sarri e del suo Napoli un paio di mesi prima vedendolo giocare contro il Manchester City.
Naturalmente Sarri non ha nascosto la soddisfazione, ma non ha detto no, ha chiesto tempo. Ci sono stati altri contatti, ma tutto rinviato alla primavera. Quasi sicuramente, però, De Laurentiis è venuto a sapere di quanto stava accadendo. C’è qualcuno che oggi racconta che la decisione di non fare mercato sia proprio dovuta a questo, all’idea di spendere, di portare giocatori che piacciono a un allenatore potenzialmente in partenza.
De Laurentiis, però, ha provato anche a mettere Sarri con le spalle al muro. Vi abbiamo raccontato della proposta fatta a febbraio all’allenatore per il rinnovo del contratto con innalzamento subito oltre i due milioni, per arrivare a quattro con l’abolizione della clausola rescissoria, e un incarico nel lungo periodo alla Ferguson e responsabilità di tutta l’organizzazione tecnica del Napoli.
Sarri ha preso tempo rimandando tutto a fine stagione e De Laurentiis non ha gradito.
Comunque poi l’incontro con il Chelsea c’è stato e qui siamo quasi a primavera. Abramovic ha organizzato un primo appuntamento a Londra che però è saltato. L’aereo privato che doveva andare a prendere Sarri a Milano ha avuto un problema. Il dodici marzo, però, dopo la gara con l’Inter, con l’aereo privato, di nascosto, Sarri è arrivato a Londra e da in auto nell’abitazione del magnate russo.
L’incontro è stato cordiale, alla presenza del mediatore internazionale Ramadani. C’è stata una stretta di mano, ma nessuna decisione definitiva. Sarri ha manifestato il grande attaccamento per Napoli, la voglia di provare a vincere lo scudetto. Ha chiesto tempo. Nello stesso tempo, però, è stato altrettanto chiaro che il Chelsea aveva il problema della clausola rescissoria di Conte fissata a venti milioni di euro. Non spiccioli neppure per Abramovic.
Il contatto, però, è rimasto vivo tanto che Sarri avrebbe già cominciato a pensare al futuro. Secondo indiscrezioni, Sarri avrebbe chiesto a Zola di entrare nel suo staff incassando l’ok dell’ex centrocampista. Come sappiamo Zola al Chelsea è un’icona e sarebbe un grande ritorno. Probabilmente Zola con Sarri sarebbe il team manager o roba del genere. Fra i giocatori un nome solo sul tavolo di Abramovic: Higuain. E il Pipita tornerebbe volentieri con il suo Profeta.
Forse Sarri, però, ha sottovalutato De Laurentiis o forse non ha pensato che qualcuno del gruppo potesse tenere informato il presidente.
E qui siamo al colpo di teatro di un grande produttore.
Cosa ha fatto De Laurentiis? Informato dei contatti segreti con il Chelsea del suo allenatore e non riuscendo a stringere con lui per un rinnovo, lo ha scavalcato a sinistra decidendo di contattare Ancelotti. E qui siamo a fine aprile, inizio maggio. L’incontro è stato positivo, De Laurentiis ha strappato la disponibilità dell’ex allenatore del Real. C’è stato un pre-accordo.
Poi finalmente c’è stato anche l’incontro con Sarri della settimana scorsa. L’intesa sui programmi e sul mercato non s’è trovata. Sarri ha chiesto un rinnovamento, giocatori adatti al suo calcio, ma De Laurentiis che già aveva l’asso Ancellotti nella manica, non ha accontentato il suo tecnico.
De Laurentiis, fra l’altro, molto infastidito dal rapporto fra Sarri e la tifoseria, dalle manifestazioni d’affetto di tutto lo stadio durante la gara con il Crotone, nel timore di finire all’angolo, ha deciso di accelerare nel suo piano di divorzio.
Sarri, invece, stava cercando di prendere tempo perché la firma con il Chelsea non c’è ancora, ma solo un pre-accordo. Abramovich spera infatti che Conte trovi una squadra per non pagare la clausola, ma il valzer delle panchine (soprattutto quella del real) ci sarà soltanto dopo la finale di Champions di sabato prossimo.
Questa situazione per De Laurentiis era diventata insopportabile ed ha deciso di esonerare (vedremo in che termini) Sarri e di chiudere con Ancelotti. Siamo ad oggi. Un grande colpo, qui esplosivo. Una grande idea e una grande strategia. Per mollare un allenatore straordinario, amato dalla piazza, ne prendo uno più famoso, di livello internazionale rilancio per non aver problemi con l’addio a Sarri. Non poteva prendere Giampaolo. Prendo Ancelotti e rilancio. Fra l’altro Carletto non si opporrà a cessioni eccellenti. L’importante che vengano fatti acquisti graditi e che alla fine la squadra sia di livello assoluto. Così De Laurentiis potrà vendere Koulibaly o altri, incassare grandi cifre e reinvestire su altri giocatori che a Napoli vengono volentieri perché c’è Ancellotti. Un po’ come successe con Benitez nel dopo-Mazzarri.
Ora Sarri andrà al Chelsea?
Il pre-contratto c’è, ma gli ostacoli pure. Tutto si deciderà la prossima settimana. Abramovic offrirà al Napoli il cartellino di David Luiz per aggirare la clausola rescissoria di Sarri che ha un contratto con il Napoli fino al 2020. E se Conte non dovesse trovare squadra, comunque pare ormai deciso che sarà pagata la penale di venti milioni. Il magnate russo vuol voltare pagina, non può permettersi di ricominciare con lo scarso rapporto fra Marina e Conte con il rischio di buttare via un’altra stagione. Un finale comunque tutto da scrivere. Sarri, nel caso, può aspettare. Il contratto con il Napoli è valido e il mercato non gli manca, eventualmente, anche a stagione in corso.
Sempre in tema allenatori, Spalletti ha rivelato quello che si sapeva: l’Inter deve rispettare il fair play finanziario. Oggi non può riscattare Rafinha e Cancelo. Oggi no, ma probabilmente sì dopo il trenta giugno, per il nuovo bilancio. E comunque si cercherà un’altra soluzione con il Barcellona, magari un prestito-bis o roba del genere. E poi? All’ordine del giorno c’è anche la posizione di Icardi. Vendere il giocatore a più di cento milioni (Real?) potrebbe essere una soluzione per andare poi a reinvestire e così aggirare i paletti economici. Si riflette, ma anche qui bisogna aspettare la fine del giro degli allenatori.
I guai del Milan sono più profondi. Se non salterà l’Europa League quasi sicuramente sarà bloccato il mercato in entrata. E qui potrebbero sorgere problemi per Reina preso a zero, ma con un contratto che grava sui bilanci per sei milioni per tre anni. Comunque il fondo Elliott e Goldman Sacks stanno lavorando per spalmare il debito e soprattutto trovare partners affidabili per il signor Li. Ci sarebbe un fondo del Qatar da tempo alla finestra, come vi abbiamo già detto, ad aspettare l’evolversi della situazione per intervenire al momento giusto. Ambienti del Milan lo hanno confermato anche a un grande allenatore contattato tempo fa nel caso in cui Gattuso non avesse conquistato l’Europa League e fossero nati dei dubbio sulla sua riconferma.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve vs. Uefa: la decisone su Ronaldo (e quella già presa a prescindere). Inter: i 5 segreti di una battaglia vinta col cuore (e l'incontro pre-derby di Icardi). Milan: su Gattuso il solito banco degli imputati (con un’incredibile compagnia) 19.03 - Complimenti per la trasmissione. La differenza tra la pausa per la nazionale e la pausa per la nazionale dopo una vittoria è che ti rompi le balle lo stesso, ma con una bella faccia di tolla stampata sul volto. Il qui scrivente c’ha la faccia di tolla, perché temeva di essere suonato...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Le scuse ad Allegri e le scuse di Spalletti: trova la differenza. Napoli, la strada per essere grande si fa in salita. Bologna, Sinisa ha smontato la testa. Gravina-Brunelli-De Siervo, asse contro Di Maio che vuole far perdere al calcio 2 miliardi 18.03 - La Toscana non è uguale in tutte le sue città. Firenze non è Livorno, Siena non è Pisa e Forte dei Marmi non è Grosseto. Ognuna di queste ha le sue bellezze. Anche i toscani sono diversi tra di loro. Ci sono quelli simpatici che fanno ridere e quelli che vogliono fare i simpatici...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il Mondo capovolto: la Juve clamorosamente tra le grandi favorite Champions. Ajax, talenti e delusioni cocenti. Messi o Cristiano Ronaldo? Lo scontro possibile e il derby di oggi. Tutto di un altro pianeta 17.03 - Adesso che il cerchio si stringe, su Tuttomercatoweb.com abbiamo aperto il sondaggio che di per se ha poco d'originale, tanto di banale ma che ha il gran dubbio della risposta finale. "Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?". Otto opzioni, di fatto i lettori ne stanno votando,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli: Insigne, Koulibaly e Allan restano. Per il centrocampo c’è Fornals, in attacco Lozano prima scelta. Per il futuro di Allegri bisogna aspettare ancora, Conte e Deschamps nomi da monitorare. Il Real ripensa a Milinkovic Savic 16.03 - I motori si stanno scaldando. La Primavera in arrivo sta accendendo il mercato. Il Napoli è sempre molto attivo. Ancelotti e la società sono convinti di poter crescere ancora e per questo l’obiettivo è tenere tutti i big. Non c’è alcuna volontà di prendere in considerazione offerte...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter fuori dall’Europa paga caro il caso-Icardi. Un capitano vero avrebbe giocato. Zhang furioso lo vuole sul mercato. Derby ad alto rischio. Spalletti via, Conte ha chiesto tempo. Il caso Mourinho. 15.03 - L’Europa League era uno degli obiettivi stagionali, ora per non fallire completamente la stagione, all’Inter non resta che la caccia alla Champions, con il Derby alle porte, in un momento complicatissimo. Questa situazione drammatica è il frutto amaro del caso Icardi che da oltre...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Una Champions da sballo e il dominio inglese. L’orgoglio italiano di Napoli e Inter e la rivoluzione in casa Real 14.03 - Ora abbiamo le favolose 8 d’Europa. E nei giorni in cui si discute tantissimo della Brexit, le squadre della Premier danno un chiaro indirizzo: in Champions vogliono dettare loro la legge. L’ultima volta che si era verificato un evento del genere era esattamente 10 anni fa: Arsenal,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Attenzione Icardi: contatto e offerta Real Madrid! E nel frattempo l’Inter proibisce l’incontro con Zhang Hanno ucciso Allegri. Allegri è vivo! Come può non essere la Juventus la favorita della Champions? 13.03 - Juve da Champions negli occhi di tutti, ma c’è la precedenza al notizione su Icardi. E anche se incombe il derby e l’attualità, attenzione alla novità. Nella giornata di lunedì il Real Madrid (proprio nelle stesse ore dell'arrivo di Zidane) ha contattato l’entourage di Icardi. Un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la scelta di Zidane e il futuro di Allegri… nel giorno del giudizio. Inter: la pace solo a parole tra Icardi e Spalletti. Roma: c’è un vero, grande acquisto 12.03 - La prima cosa che mi viene da scrivere è che Zidane è tutto tranne che rincoglionito. I rincoglioniti non sanno scegliere il momento giusto, lui ha mollato Madrid un anno fa, ha capito che questa per gli amici spagnoli sarebbe stata una stagione fetente, si è fatto l’anno sabbatico...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve, la notte verità. Inter, basta frecciatine. Spalletti-Marotta chiudetevi nello spogliatoio. Roma, follia pura. Foggia, “Nember One” Venezia, da Vecchi-Zenga a Cosmi la gondola non gongola 11.03 - Potete raccontarci quello che volete. La cena tra Agnelli e Allegri, la Champions che è un’ossessione della stampa e non del club, che la partita di domani sera con l’Atletico Madrid sarà una come tante altre. Sappiamo e sapete che non è così. Domani, a Torino, ci sarà un bivio. Se...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Kean rischia di diventare un caso, sarà sacrificato in estate? La Roma pensa al casting, mentre l'Inter perde candidati alla panchina. Il Napoli può vincere l'Europa League 10.03 - L'Italia scopre, o meglio riscopre, Moise Kean, attaccante della Juventus, primo 2000 a giocare in Serie A. In un periodo in cui i minorenni vanno poco di moda, Donnarumma a parte, poteva sembrare un buon punto da cui ripartire anche per la nostra Nazionale, in preda a un'anemia di...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510