HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
L'Italia di Mancini può vincere l'Europeo?
  Sì: ha dimostrato di essere all'altezza delle migliori
  Sì ma solo con un sorteggio favorevole
  Serve un miracolo, è ancora presto
  No: il girone era facile e il vero valore è sempre lo stesso

La Giovane Italia
Editoriale

Sarri cinico e spietato. Juve, ecco cosa ti manca. Maran top, merita una grande. Mazzarri flop, servono i fatti. C'era una volta il miracolo Catania. Lo Monaco, che errore il ritorno!

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
21.10.2019 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 19596 volte

Per lo spettacolo c'è tempo, adesso serve concretezza e fare molti punti per non tenere in gioco, o meglio tenere il più distante possibile, il nemico. La Juventus vista con il Bologna non ha brillato di luce propria ma ha portato a casa quello che doveva portare e si sta iniziando a plasmare per provare, quanto prima, un mini allungo stagionale. Forse non ci sono ancora i presupposti ma, certamente, la Juventus quest'anno non dovrà sbagliare quasi nulla perché la concorrenza non aspetta altro. Chi si aspetta gioco e champagne da Sarri dovrà attendere ancora un pochino ma, giustamente, allo Champagne oggi Sarri preferisce il pane. In Champions non si può sbagliare: serve una squadra affamata che non potrà commettere errori. L'obiettivo stagionale dei bianconeri è l'Europa, dando per scontato il consolidamento italiano. Errore, perché quest'anno per scontato non si potrà dare nulla. Comunque la squadra che Sarri vuole vedere quanto prima sta venendo fuori. Non si nota nei 90 minuti ma ci sono degli sprazzi dell'ex allenatore del Napoli. In attesa di vedere la mano, ci accontentiamo di qualche ditino. La Juventus, comunque, non ha problemi seri con la prima squadra, dove le cose ormai vanno quasi in automatico, ma una società come la Juve non si può permettere di rischiare di perdere la Primavera 1. Da quando a Torino hanno deciso di fare la squadra B si sono incartati. Danni tecnici e di immagine. Poi passa tutto in cavalleria perché ai tifosi e alla stampa interessa solo la prima squadra ma una analisi andrebbe fatta. La squadra B, finora, ha rimediato solo figuracce, non ha lanciato ragazzi e non è stata minimamente utile al piano di sopra. La società ha speso tanti soldi e sprecato energie, e oggi anche la Primavera risente di questo disastro organizzativo. Giocatori che prima giocano in serie C e poi, la settimana dopo, passano in Primavera. Calciatori presi sul mercato sperando di fare la squadra B si ritrovano in Primavera e via con il valzer degli errori e degli equivoci. Questa Juventus (la Primavera) non può rischiare di fare la fine del Milan che, solo pochi mesi fa, è retrocessa in Primavera 2. I giovani sono un patrimonio e la Juventus, con il nome che ha in tutte le categorie, non può permettersi simili figure. Meglio non farle le cose, per una società così blasonata, che farle male.
Due focus veloci sugli allenatori. Top e Flop. Rolando Maran si sta prendendo i complimenti di tutti ma la verità è che il calcio italiano si accorge troppo tardi di veri professionisti. Maran è dai tempi di Cittadella che continua a fare bene ma siccome è un allenatore poco mediatico non cattura le attenzioni di tifosi e grandi dirigenti. Parliamo, invece, di un profilo altissimo e una grande scuola. Persona seria, ottimo gestore di spogliatoio e allenatore di qualità. Il Cagliari, mai come quest'anno, ha investito sul mercato e Maran sta raccogliendo i frutti di quanto ha seminato. Merita una chance in una grande. Milan? Juve? Inter? No, partiamo dal gradino di sotto ma, prima o poi, una Lazio o Roma o Fiorentina la meriterebbe per quella che è stata la sua carriera; se nel calcio la meritocrazia vale ancora più dei nomi e dei titoloni. Simone Inzaghi, con 45 minuti di cuore e grinta, ha salvato il posto di lavoro. Walter Mazzarri, invece, sta deludendo le aspettative perché da uno così ci aspettavamo qualcosa in più da subito. La stagione è partita male in estate e non sta proseguendo sotto una buona stella. Il Torino gioca male ed è impacciato. Del vecchio buon Mazzarri c'è poco e anche il Presidente Cairo è scontento di come stanno andando le cose ma, forse, anche la società avrebbe dovuto fare un mercato diverso dopo la buona annata dello scorso campionato. C'è tempo ma il Torino deve sistemarsi in diverse zone del campo.
In questo spazio del lunedì non parliamo solo delle grandi, anzi, ci divertiamo anche ad analizzare le piccole realtà. Per un periodo, bello lungo, il Catania era la piccola che spaventava le grandi. In serie A ci stava e anche con onore. Tutti i giocattoli, prima o poi, finiscono di funzionare e a Catania le pile si sono scaricate proprio sul più bello. Era un miracolo del Sud. Torre del Grifo un centro sportivo splendido e una macchina di giovani talenti che partivano dall'Etna per arrivare a grandissimi livelli. Allenatori che prendevano Catania come un trampolino di lancio e poi spiccavano il volo. Mihajlovic, Giampaolo, Simeone, Montella, Maran giusto per fare qualche nome. Non si sbagliava un colpo. Il Presidente faceva il Presidente e Lo Monaco faceva il... Presidente. Era una coppia di fatto. Lo Monaco-Pulvirenti, una sola persona. Poi i disastri. Un litigio, durissimo e violento, senza aver mai avuto la certezza del motivo della lite. L'addio di Lo Monaco, gli arresti con i treni del gol e la discesa in serie C. Il ritorno di Pietro Lo Monaco è stato l'errore più grande della vita calcistica del Dirigente campano/siciliano. Non si torna mai dove si è fatto un capolavoro e non si può tornare a lavorare con un Presidente che hai amato e poi odiato. Se il piatto cade e si rompe bisogna comprarne uno nuovo. Inutile prendere la colla e raccogliere i pezzi dal pavimento. Da modello, il Catania oggi è diventato zimbello. Perdere 5-0 sul campo della Vibonese è la fotografia di un disastro societario, ancor prima che tecnico. I valori di Lo Monaco non sono in discussione ma la sua carriera avrebbe potuto e dovuto prevedere tutto... tranne un ritorno della sua amata Catania.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

A Napoli ancora parole. Gennaio e un mercato difficile: Inter e Milan. Con una Nazionale rinata 21.11 - Le considerazioni di Edoardo De Laurentiis non possono che riaprire il fronte in casa Napoli, quando sembrava che il tempo, la pausa della Nazionale, alcune dichiarazioni social di giocatori rappresentativi come Koulibaly, l’intrvento di Ancelotti (che rivendica le ragioni del Napoli...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Boom: Mourinho nuovo allenatore del Tottenham! E che riduzione d’ingaggio ha accettato! Conte migliore di Sarri finora, ma sono altri due i migliori in assoluto: i voti dopo il primo terzo di campionato 20.11 - Se pensavate che in Inghilterra fosse più facile fare l’allenatore, chiedere a Mauricio Pochettino. In un qualsiasi martedì di una pausa internazionale, quando a dire il vero la pausa sta già per finire, il Tottenham lo lascia a casa, lui con il suo stipendio da 13 milioni di euro...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'ipotesi Rakitic e un numero che spaventa. Milan: Ibra, Piatek, Paquetà e le mosse del Diavolo. Inter: il caso-Gabigol. Italia: Mancini "oltre" i risultati 19.11 - Siccome siamo in drammatico regime di pausa per le nazionali e non abbiamo veramente nulla da dire (apprezzate la grande onestà intellettuale: nulla-da-dire) facciamo una cosa facile-facile: scorriamo i principali siti pallonari e commentiamo quel che c’è. Sì, è vero, non si fa, ma...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Bravo De Laurentiis, adesso vai fino in fondo. Aspettando De Ligt e Rabiot... ad oggi i conti non tornano. Boga, la prossima plusvalenza del Sassuolo. Serie C a picco: ora tocca al Rieti 18.11 - Il 5% della multa, il collegio sindacale, il sogno di decurtare il 50% dall'ultima mensilità e trovare qualche cavillo sui diritti di immagine. Signori, tanto di cappello davanti ad Aurelio De Laurentiis. Proprio la scorsa settimana avevamo invitato il numero 1 del Napoli a prendere...

Editoriale DI: Marco Conterio

L'insensata ossessione per la convocazione azzurra di Mario Balotelli e le ragioni di Mancini. Intanto il ct ha praticamente già scelto la rosa per l'Europeo 17.11 - La domanda sgorga quasi spontanea, per abitudine e per sensazionalismo. "Balotelli?". Roberto Mancini che ha tanto pelo sullo stomaco quanto ciuffo, è ben abituato e preparato. Risponde che in questa Italia non c'è posto per Mario, quello che è la storia esatta di mille però, di altrettanti...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Ibra, in Italia Milan o Bologna. Maldini e Boban a caccia di rinforzi: Demiral in difesa, Xhaka o Strootman a centrocampo. L’Inter ripensa a De Paul ma servono 30 milioni. Florenzi, il futuro tra un mese 16.11 - Sosta uguale punto di mercato inevitabile. I preparativi sono iniziati. Comincio da Ibrahimovic. Il campione svedese non ha fretta di decidere, sceglierà il suo futuro solo poco prima di Natale. La situazione al momento è questa. Il Bologna in Italia è l’unico club che sta trattando...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ronaldo fa il Fenomeno e risponde a Sarri con una tripletta. Ma non stava male? Ibra al Milan con Raiola che piazza Suso e Donnarumma. Napoli, ecco perché Adl può vendere allo sceicco Al Thani 15.11 - Della serie alzati e cammina, Cristiano Ronaldo ieri sera in nazionale ha segnato una tripletta alla Lituania. Abbiamo il forte sospetto che andando in Portogallo abbia allungato un po’ il viaggio passando da Lourdes, altrimenti fatichiamo a capire cosa possa essere successo da domenica...

Editoriale DI: Luca Marchetti

È tempo di riflessioni, per mercato invernale e futuro in generale... all’insegna del prestito? 14.11 - Durante la pausa della Nazionale è sempre tempo di riflessioni in ogni società, per cercare di programmare al meglio il mercato invernale e per cercadi risolvere i problemi. Chi ne ha - al momento - più di tutti è il Napoli che deve cercare di sbrogliauna matassa piuttosto complicata....

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Cristiano Ronaldo è più grande della Juventus, e la Juve lo ha accettato. Ok il marketing, ma è venuto per la Champions League: per vincerla si perdona di tutto. Sarri-Allegri: dopo 3 mesi cosa è cambiato? 13.11 - Non è la prima volta che succede, e non è certo la fine del mondo del calcio, né tantomeno del mondo juventino, né tantomeno del mondo cristianoronaldiano. Un giocatore, stellare e acclamato, che esce in disaccordo per una decisione, e tira dritto per gli spogliatoi, incazzato per...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Ronaldo e gli effetti collaterali generati da un giocatore diverso dagli altri. Inter: la "pace" di Conte e i 2 colpi sul mercato. Milan: senza attacco non si va lontano, serve "quel" nome. E... bentornato Andrea 12.11 - Ben trovati. Sapete molto bene quanto da queste parti apprezziamo le pause per la Nazionale. Moltissimo. Ecco, esatto, in regime di “pausa” viene fuori un po’ di tutto: ci si annoia, saltano fuori le balle di mercato, si esasperano le polemiche e così via. In questo specifico caso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510