VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Scommesse, attese, curiosità ed entusiasmo contagioso: il nuovo Milan deve versare sangue. Come Raiola

07.07.2017 07:19 di Ivan Cardia  Twitter:    articolo letto 30334 volte
Fonte: Editoriale a cura di Luca Serafini

Lacrime sudore e sangue sono gli ingredienti che Montella deve imporre al suo nuovissimo, giovanissimo gruppo per superare i problemi di adattamento, coesione che certamente troverà sul suo cammino. Sarà una stagione lunga, faticosa e complicata con una Europa League da onorare come fosse una Champions. Non c'è altro luogo che il campo di allenamento per plasmare una creatura partorita con tempismo dalla nuova dirigenza. La quale ha forse sbagliato qualche atteggiamento in questo fulmineo, oneroso mercato, ma certamente non ha mancato in chiarezza di intenti e determinazione. Quanto siano costati giocatori già affermati e altri attesi invece da una consacrazione definitiva, è una questione da bar. L'essenziale nel ricostruire una squadra da tempo sprofondata in un pantano di mediocrità, era individuare le caratteristiche dei giocatori necessari al progetto prima ancora dei loro nomi. In ogni casella ne sono stati scritti almeno 3 per non trovarsi spiazzati. Vista da fuori, la campagna acquisti non ha sbavature se non alla voce "cessioni" ancora tutte da decifrare. Mancano un leader e un centravanti. Poi l'opera di rifondazione sarà completa.

Il futuro dei molti nuovi volti rossoneri è nelle loro mani. Quando la Juventus ritornò in serie A, investì cifre altissime per gente destinata a scomparire rapidamente come Amauri, Almiron, Diego, Thiago, Krasic. Colpa della Juve? Forse. Di sicuro, colpa anche e soprattutto loro che furono incapaci di mantenere le grandi attese riposte in loro. E di allenatori rivelatisi non all'altezza. Scommettiamo su Kessie e sui terzini, attendiamo con curiosità e speranza la versione attuale di Musacchio e Borini in ribasso nelle ultime edizioni, confidiamo nell'esplosione di Calhanoglu (in attesa che i telecronisti si inventino la pronuncia) e Silva. Aspettiamo regista e centravanti. Con lo stesso entusiasmo dei 5000 di Milanello.

Il rinnovo di Donnarumma era scontato e logico. Non ve ne foste accorti, il primo a versare un po' di sangue è stato proprio il vostro detestato Mino Raiola: ha lasciato sul campo soldi e opportunità, com'era normale dopo essersi lasciato sopraffare dall'insofferenza. Non ve ne foste accorti, noi milanisti abbiamo un grande portiere di 18 anni. Quanto guadagna e dove andrà nel 2018 o 19 o 20, non ce ne frega niente. Ci godiamo lui e Conti, il miglior terzino destro europeo del futuro.

Adesso che qualcuno ironizza sull'esistenza reale dei cinesi, non possiamo non ricordare i mesi della farsa durante l'estenuante trattativa. Dove la grande protagonista fu una comunicazione mediatica lacunosa, rabberciata, grottesca al punto da suscitare perplessità enormi sulla fondatezza dell'operazione. Nessuno ne fu esente, né i cronisti sportivi né quelli esperti in politica, finanza, economia. Figurarsi poi gli opinionisti in grembiule e i tastieristi delle Baleari. Quindi nessun ripensamento, solo una piacevole, sorprendente conferma. Che attende quella del campo, l'unica che conti e ci interessi davvero.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.