VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Seedorf, quando la fretta è cattiva consigliera

Nato a Magenta il 28/4/1974, giornalista professionista dal 2001. Direttore Calcio2000, vanta collaborazione con diverse testate web e cartacee, oltre ad esperienze da telecronista. Opinionista Campionato dei Campioni.
23.04.2014 00.00 di Fabrizio Ponciroli   articolo letto 24597 volte
Seedorf, quando la fretta è cattiva consigliera

Il calcio non è una scienza esatta, un assioma da tutti condiviso. Tra le variabili impazzite di questo strano gioco in cui tutti si affannano ad infilare la palla in rete la figura dell'allenatore è tra le più bizzarre e di difficile connotazione. Prima dell'avvento dei cosiddetti mass media, il tecnico era un normalissimo uomo che aveva il compito di scegliere chi mandare in campo. Certo, sto banalizzando ma la realtà non è tanto dissimile. Ultimamente la figurina dell'allenatore, oltre ad irrompere, in maniera fissa, negli album Panini, ha acquisito un potere straordinario. L'allenatore conta tantissimo. I giocatori vanno in campo per eseguire i suoi dettami, lui è il supereroe che telecomanda i suoi fidi scudieri. I vari Mourinho, Guardiola, Ancelotti e Conte, tanto per citarne alcuni dei più osannati, sono ormai figure quasi mitologiche. Condottieri di stampo napoleonico che hanno tra le mani i segreti necessari per vincere ogni tipo di sfida, sia in campo che, principalmente, fuori dal campo. Date a loro un gruppo di giocatori e loro ne faranno una squadra che gioca a memoria... Onestamente resto fedele alla mia idea, ovvero che l'allenatore conta il giusto. Le partite le perdono e le vincono i giocatori, gli allenatori, più che urlare e sbraitare, possono fare ben poco durante la partita. Ecco, in settimana hanno un peso notevole ma, quando scatta il cronometro, la loro figura si sminuisce. Detto questo, un allenatore va scelto sempre con la giusta accortezza. Nel giorno dell'addio al povero Moyes (come rovinarsi in pochi mesi una potenziale carriera da top coach), il mio pensiero va all'isolato Seedorf. Il patron Berlusconi ci ha messo un secondo a sceglierlo, nel medesimo tempo lo ha abbandonato al suo destino. Neppure cinque vittorie consecutive lo stanno mettendo al riparo dalla concreta possibilità di un suo addio a fine stagione. Ma perché? Perché, semplicemente, Seedorf non è un allenatore "di stile Milan". Lui, l'olandese che in campo adorava imporre la sua legge, ha trovato, al Diavolo, un ambiente poco incline a chi ha il coraggio di decidere con la propria testa. Da persona d'ingegno e dotata di grande fiuto per gli affari, Seedorf si è tutelato con un accordo per altre due stagioni ma, purtroppo, l'errore l'ha commesso anche lui, e piuttosto grossolano. Poteva cominciare dal basso, iniziare la sua carriera con moderazione e, invece, ha puntato subito al top, credendo di potercela fare, proprio come gli riusciva in calzoncini e maglietta. La fretta l'ha consigliato male e ora si ritrova nel bel mezzo di una tempesta dalla quale farà fatica ad uscire. Dovesse restare, sarebbe costantemente sotto esame. Dovesse andarsene, avrebbe fallito la sua grande occasione. Il silenzio del Milan, o meglio, dei vertici, è assordante. Seedorf era convinto di poter dettare legge ma lui non è Mourinho, Guardiola, Ancelotti o Conte, ovvero quelli che, non si sa come, ma hanno tra le mani i segreti necessari per vincere ogni sfida. Lui sa solo vincere in campo e questo, nel calcio d'oggi, non basta...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Finalmente è finito uno dei campionati più brutti degli ultimi anni. Il pagellone semiserio da 10 a 0: tra il closing più lungo di una soap, il tatuaggio di Baccaglini, il Pallone d'Oro a Buffon, la carriera di Totti e un addio che ha stufato 28.05 - Finalmente uno dei campionati più brutti e scontati di cui abbia memoria è finito. Doveva vincere la Juventus e lo ha fatto. Dovevano retrocedere Pescara, Palermo e Crotone con l'Empoli a rischio e ci siamo quasi. Dovevano andare in Champions League il Napoli e la Roma e l'hanno fatto....
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Gigio guardalo, è il tuo Milan. L'inevitaible egoismo di Totti. Bonucci e United esempi veri 27.05 - Ci sono in giro due tentativi di contaminare il momento magico del Milan. Che non è il sesto posto, ma è il mercato di svolta fatto con intensità e coraggio, il buon senso che si legge in tante scelte e in tanti atteggiamenti, l'eccezionale stato di forma dei tifosi. Che non si sono...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.