HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A: quale di questi attaccanti vi ha deluso di più?
  Giovanni Simeone
  Edin Dzeko
  Arkadiusz Milik
  Patrik Schick
  Marko Pjaca
  Paulo Dybala
  Duvan Zapata
  Keita Balde Diao
  Simone Zaza

La Giovane Italia
Editoriale

Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
22.10.2017 00:00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 23292 volte
Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta

C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane, a dare una visione diversa del calcio, spiegando quali società sono virtuose e possono permettersi investimenti (poche) e altre che spendono e spandono, avendo sì la possibilità di rientrare ma che spesso si affidano all'azionista di maggioranza. Detto più semplicemente, c'è chi vince grazie ai soldi e che continua a dominare in Italia - la Juventus - c'è chi spende maluccio le proprie risorse (Inter e Roma, in primis, ma anche il Milan) e chi amministra bene (Lazio e Napoli) ben sapendo che il calcio italiano ha bisogno di diritti televisivi e qualificazioni Champions per andare al di là dei 100 milioni di fatturato, sempre al netto delle plusvalenze annuali. Quindi la scelta di Tavecchio, anzi, la dichiarazione che ci potrebbe essere una A a 18 squadre potrebbe anche essere sensata da un lato, ma dall'altro fa sorridere. Lasciando perdere la questione prettamente economica, Tavecchio già due anni fa disse che la Serie A doveva essere "snellita". Salvo poi fare clamorosamente marcia indietro quando le società di A hanno alzato il muro. Perché se è vero che cinque-sei squadre non retrocederanno mai, le altre con 18 club avrebbero ben più di un problema. Tanto che l'intenzione era quella di mettere una sola retrocessione: che senso ha? Nessuno, infatti l'assurdità è dovuta proprio al fatto che siano le società piccole a rappresentare un problema che non verrà mai superato. E se anche fosse, il problema non è tanto nel numero squadre, quanto nella possibilità di giocare per un obiettivo. Già con 7 società - al posto che 6 - in Europa ci sarà un cambio di marcia. Immettere dei playoff per terzultima e quartultima (da giocare con terza e quarta di Serie B) potrebbe completare il quadro: 11 squadre giocherebbero per qualcosa, o meglio, guadagnerebbero - con la Coppa Italia - almeno un minimo di vessillo. Attualmente sono nove, con enormi differenze. Aumentare nuovamente la forbice dei guadagni, sbilanciandolo ulteriormente nelle migliori, è un errore da penna rossa. Ma dopo il rinnovo di Ventura ci aspettiamo di tutto.

Poi, c'è, appunto, il calcio giocato. La Juventus vince, nonostante qualche grosso problema, con lo Sporting Lisbona, dimostrando tutti i limiti di un undici che già li aveva l'anno scorso, mascherati però da una difesa assolutamente impenetrabile e da alcune grandi prestazioni degli attaccanti. Higuain, Dybala e Mandzukic su tutti. Ingiusto non dare meriti a Allegri che è passato dal 3-5-2 al 4-2-3-1 nel momento più complicato, dopo la sconfitta di Firenze. Ma non può sempre andare tutto bene: la sensazione è che la Juventus abbia più di qualche difficoltà, da modificare nelle prossime settimane. E che, forse, il mercato non abbia aiutato, al di là di un Matuidi che nelle prime settimane di campionato è sembrato davvero un giocatore di altissimo livello. Poi il campionato è lunghissimo, siamo solo alla nona giornata (per la Samp che dà 8 gol a Crotone e Atalanta in sei giorni) e Napoli, Inter e Roma assomigliano molto a club competitivi. Non sono la Juventus, questo no, ma qualche grattacapo lo daranno.

Invece qualche, enorme, problema lo ha il Milan. I rossoneri hanno speso 230 milioni di euro senza prendere, mai, un grosso centravanti. È davvero il pomo della discordia? Oppure prendere molti trequartisti, in un modulo che non li prevede, ha aiutato a far saltare il banco? Duecentotrenta milioni sono un'assurdità per non arrivare almeno quarti, soprattutto in un campionato che ti ha visto concludere al sesto posto non più tardi di cinque mesi fa. Il problema è che l'asticella si è alzata, anche per colpa dell'ambiente, e che Montella, come per Mancini dall'altro lato del Naviglio, la pressione sia esasperante. La colpa è pure del tecnico, autore di 8 formazioni differenti in 8 gare di campionato, segno che non sia la chiarezza a regnare, a Milanello.

Infine la questione Europa. Ancora una volta le italiane hanno fatto bene, l'unica sconfitta è quella del Napoli contro il City, a Manchester, pur applaudita da un Guardiola forse troppo clemente per un undici che in questo momento sarebbe fuori dalla Champions League per la sconfitta a Leopoli (dove gioca anche lo Zorya Luhansk in Europa League) contro lo Shakhtar Donetsk. Il trend è indubbiamente cambiato grazie a Lazio, nove punti in tre partite, e Atalanta, sette ma con un calendario molto più complicato. Per chi era presente a Reggio Emilia, giovedì, è stato un vero e proprio spettacolo, con l'Apollon alle corde per 89 minuti, a parte il gol di Schembri, apparso estemporaneo. Peccato che, per il nostro calcio, quest'inversione di tendenza sia arrivata solamente ora.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

C’è solo una cosa bella della Sosta per la Nazionale. No, non è vero, non c’è. Tra l’altro sarà la 2323esima quest’anno. Si sono moltiplicate. O forse è solo un’impressione. 13.11 - Juve: la panchina d’oro, i cervelli di ghisa. Inter: le scelte di Spalletti (e un segreto…). Milan: il (troppo) rigore di Higuain. Arbitri: l’esempio di IrraQuando c’è la Sosta per la Nazionale a nessuno frega nulla di qualunque cosa, si fa finta di appassionarsi a temi come “Balotelli...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, no a Ibra. Napoli, un salto nel fango. Spal, l'unica società che ha sfruttato il triplo salto. Liverani, oro di Lecce. Gravina, ecco il primo colpo: Brunelli dalla Lega 12.11 - Arriva la sosta, nel momento meno opportuno, e come sempre si tornerà a parlare di calciomercato. La Juventus cerca un centrocampista, l'Inter in teoria è a posto così, la Roma necessita di almeno due tasselli, mentre il Napoli potrebbe aver bisogno di un vice Milik che, a gennaio,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

En plein probabile, chi l'avrebbe mai detto: la Serie A è di nuovo la casa dei grandi difensori. De Laurentiis aveva ragione: Ancelotti vale un top player. Calo Juventus? Non c'è da fidarsi 11.11 - Kalidou Koulibaly, Milan Skriniar e Kostas Manolas. Poi la difesa della Juventus che può andare ad Harvard per dare lezioni sulla fase difensiva. Sono loro il miglior spot di una Serie A che quest'anno in Champions ha buone possibilità di portare tutte le squadre almeno agli ottavi...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Su Skriniar tutte le big d’Europa: City, United, Barcellona e Bayern Monaco, ma la sua volontà è rimanere all’Inter. Il Napoli in pressing su Tonali. Il Milan pensa a Paredes. Juventus, a San Siro prova verità 10.11 - L’Inter è al lavoro per blindare Skriniar. Il difensore slovacco cresce partita dopo partita e ormai è arrivato a un livello altissimo. Anche Spalletti dopo la gara con il Barcellona ha sottolineato che ormai è un giocatore top. Un vero leader della difesa, in grado di unire qualità...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Contro Mourinho, evviva Mourinho. Si scatena un altro Juventus-Inter. Gli eccessi del tifo da condannare. Bocciato dagli inglesi. Da Mazzone in giù, ma che calcio vogliamo? Il Var in Champions, ora basta, cosa aspettate? 09.11 - Mourinho non è tipo da mezze misure, o lo odi o lo ami, ma questo lo sapevamo già. Il doppio confronto fra Juventus e Manchester è stata l’occasione per rimettere in moto cose antiche, rivalità mai sopite, sgarbi mai digeriti, gesti sopra le righe, un Triplete esagerato, pensieri...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Sorprese (e certezze) in Champions: Juve, CR7 e Pellegrini. E una foto - da non conservare - della nostra Serie A 08.11 - Bene: se la giornata di martedì ci aveva confermato che Napoli e Inter non solo hanno una propria posizione in Champions, ma che ce l'hanno anche Icardi e Insigne la sorpresa arriva dalle gare del mercoledì. Anzi le sorprese: una positiva e una negativa. Chiaramente quella negativa...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Inter, perché aspettare 150 minuti? Mentre a Napoli il confine è solo il cielo. Ecco perché alla Juventus la vittoria contro il Manchester United serve…contro l’Inter. Davvero Mosca ultima chiamata per la Roma e Di Francesco? 07.11 - Il calcio è questione di punti di vista, certamente. Dunque è sicuramente un punto di vista positivo per l’Inter aver rischiato di pareggiare all’83’ al Camp Nou. Così come è sicuramente un punto di vista positivo l’aver tenuto a San Siro il risultato fino al finale di partita. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i problemi di cui non si parla perché tanto... è la Juve. Milan: la zona Champions e le "indiscrezioni" su Wenger. Inter: il giorno del Barcellona. Napoli, vendicaci tutti 06.11 - Prima le cose importanti. Mi scrive Antonio Portaccio, lo trovate su messenger, ha una barba da competizione: “Ciao Fabrizio, io non ti ho scritto per i biglietti per il derby, inoltre ti leggo sempre. Se ci troviamo in giro ti offro un caffè, sono su Milano. Mo’ veniamo al favore,...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La lunga storia di Donadoni, le richieste di rettifiche e le conferme. Inter, Spalletti ha cambiato tutto. Politano, non ti avrei dato un euro. De Zerbi show: Sassuolo è leader 05.11 - Vi devo raccontare questa storia, anche se sono certo vi annoierà. E' talmente banale che l'hanno ingigantita perché, forse, colti nel segno. Avete mai visto un Direttore andare a cena con un allenatore e un procuratore? Qualche volta è successo. Prima puntata: il Milan perde il derby...

Editoriale DI: Andrea Losapio

La Superlega, Football Leaks e il pallone sgonfiato: tutto molto triste. Dopo un decennio abbiamo una candidata alla Champions, forse più di una. Chi prenderà il quarto posto? 04.11 - Der Spiegel e L'Espresso stanno portando avanti, da anni oramai, una battaglia contro i furbetti del pallone. In principio si è parlato di Doyen Sports e Twente, dei rapporti di Radamel Falcao con i fondi di investimento, dell'ascesa dell'Atletico Madrid anche grazie agli investimenti...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy