HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Calciomercato chiuso: quale big s'è mossa meglio?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Inter
  Lazio
  Milan

La Giovane Italia
Editoriale

Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
22.10.2017 00:00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 23280 volte
Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta

C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane, a dare una visione diversa del calcio, spiegando quali società sono virtuose e possono permettersi investimenti (poche) e altre che spendono e spandono, avendo sì la possibilità di rientrare ma che spesso si affidano all'azionista di maggioranza. Detto più semplicemente, c'è chi vince grazie ai soldi e che continua a dominare in Italia - la Juventus - c'è chi spende maluccio le proprie risorse (Inter e Roma, in primis, ma anche il Milan) e chi amministra bene (Lazio e Napoli) ben sapendo che il calcio italiano ha bisogno di diritti televisivi e qualificazioni Champions per andare al di là dei 100 milioni di fatturato, sempre al netto delle plusvalenze annuali. Quindi la scelta di Tavecchio, anzi, la dichiarazione che ci potrebbe essere una A a 18 squadre potrebbe anche essere sensata da un lato, ma dall'altro fa sorridere. Lasciando perdere la questione prettamente economica, Tavecchio già due anni fa disse che la Serie A doveva essere "snellita". Salvo poi fare clamorosamente marcia indietro quando le società di A hanno alzato il muro. Perché se è vero che cinque-sei squadre non retrocederanno mai, le altre con 18 club avrebbero ben più di un problema. Tanto che l'intenzione era quella di mettere una sola retrocessione: che senso ha? Nessuno, infatti l'assurdità è dovuta proprio al fatto che siano le società piccole a rappresentare un problema che non verrà mai superato. E se anche fosse, il problema non è tanto nel numero squadre, quanto nella possibilità di giocare per un obiettivo. Già con 7 società - al posto che 6 - in Europa ci sarà un cambio di marcia. Immettere dei playoff per terzultima e quartultima (da giocare con terza e quarta di Serie B) potrebbe completare il quadro: 11 squadre giocherebbero per qualcosa, o meglio, guadagnerebbero - con la Coppa Italia - almeno un minimo di vessillo. Attualmente sono nove, con enormi differenze. Aumentare nuovamente la forbice dei guadagni, sbilanciandolo ulteriormente nelle migliori, è un errore da penna rossa. Ma dopo il rinnovo di Ventura ci aspettiamo di tutto.

Poi, c'è, appunto, il calcio giocato. La Juventus vince, nonostante qualche grosso problema, con lo Sporting Lisbona, dimostrando tutti i limiti di un undici che già li aveva l'anno scorso, mascherati però da una difesa assolutamente impenetrabile e da alcune grandi prestazioni degli attaccanti. Higuain, Dybala e Mandzukic su tutti. Ingiusto non dare meriti a Allegri che è passato dal 3-5-2 al 4-2-3-1 nel momento più complicato, dopo la sconfitta di Firenze. Ma non può sempre andare tutto bene: la sensazione è che la Juventus abbia più di qualche difficoltà, da modificare nelle prossime settimane. E che, forse, il mercato non abbia aiutato, al di là di un Matuidi che nelle prime settimane di campionato è sembrato davvero un giocatore di altissimo livello. Poi il campionato è lunghissimo, siamo solo alla nona giornata (per la Samp che dà 8 gol a Crotone e Atalanta in sei giorni) e Napoli, Inter e Roma assomigliano molto a club competitivi. Non sono la Juventus, questo no, ma qualche grattacapo lo daranno.

Invece qualche, enorme, problema lo ha il Milan. I rossoneri hanno speso 230 milioni di euro senza prendere, mai, un grosso centravanti. È davvero il pomo della discordia? Oppure prendere molti trequartisti, in un modulo che non li prevede, ha aiutato a far saltare il banco? Duecentotrenta milioni sono un'assurdità per non arrivare almeno quarti, soprattutto in un campionato che ti ha visto concludere al sesto posto non più tardi di cinque mesi fa. Il problema è che l'asticella si è alzata, anche per colpa dell'ambiente, e che Montella, come per Mancini dall'altro lato del Naviglio, la pressione sia esasperante. La colpa è pure del tecnico, autore di 8 formazioni differenti in 8 gare di campionato, segno che non sia la chiarezza a regnare, a Milanello.

Infine la questione Europa. Ancora una volta le italiane hanno fatto bene, l'unica sconfitta è quella del Napoli contro il City, a Manchester, pur applaudita da un Guardiola forse troppo clemente per un undici che in questo momento sarebbe fuori dalla Champions League per la sconfitta a Leopoli (dove gioca anche lo Zorya Luhansk in Europa League) contro lo Shakhtar Donetsk. Il trend è indubbiamente cambiato grazie a Lazio, nove punti in tre partite, e Atalanta, sette ma con un calendario molto più complicato. Per chi era presente a Reggio Emilia, giovedì, è stato un vero e proprio spettacolo, con l'Apollon alle corde per 89 minuti, a parte il gol di Schembri, apparso estemporaneo. Peccato che, per il nostro calcio, quest'inversione di tendenza sia arrivata solamente ora.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Ancelotti valore aggiunto del Napoli, Emre Can farà la differenza alla Juventus, Inter mercato top, Milan può lottare per la Champions, Milinkovic Savic rinnova con la Lazio fino al 2023 18.08 - Come ogni estate arriva il momento del gong. Sono passate appena 4 ore dalla chiusura del mercato e l’adrenalina è ancora alle stelle. La prima riflessione che mi viene da fare è che è stato bellissimo, il più entusiasmante degli ultimi anni. E non solo perché è arrivato Cristiano...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Modric, l’ultimo no del Real. Ma nella notte restano piccole speranze. All’Inter è mancato uno come Mendes per Ronaldo. Nerazzurri sono comunque l’anti-Juve. E c’è sempre Rafinha. Milan, colpi da Champions League 17.08 - Florentino Perez ha detto l’ultimo no. Il Real Madrid non libera Luca Modric, non lo farà andare all’Inter come avrebbe voluto. Del resto, hanno spiegato i dirigenti madridisti al procuratore del giocatore nell’ultimo incontro di ieri, in due mesi sono cambiate troppe cose e il presidente...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ancora 48 ore e tutti si affannano: anche chi sembra aver chiuso tutto. 48 ore da vivere con il fiato sospeso... 16.08 - Siamo ormai alle battute finali e tutti si affannano per rifinire la squadra. Il Milan, è naturalmente, la big più attiva visto che per i problemi societari si è potuta muovere concretamente soltanto un paio di settimane fa. Sono arrivati a Milano Castillejo e Laxalt, entrambe operazioni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Promosse e bocciate del calciomercato a 72 ore dalla fine: Juventus e Inter regine assolute. Segue il Milan. Solo sufficienti Napoli, Roma e Lazio. E in coda, in bocca al lupo all'Udinese, ne ha bisogno... 15.08 - A 72 ore dalla fine del calciomercato, andiamo con il pagellone sospeso della Serie A, con le squadre divise tra promosse, rimandate e bocciate. Ma con una premessa fondamentale: qua non si giudica il conto economico, e nemmeno soltanto gli acquisti. E nemmeno della squadra costruita...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: mercato con (doppia) sorpresa, ma occhio a Nedved... Inter: dopo il settimo (Keita) c'è una certezza. Milan: 2 colpi in 4 giorni, l'impresa di Leonardo. Napoli: il "complesso" di De Laurentiis 14.08 - Ciao. C'è il fuso. Son dall'altra parte del mondo. Al mare. È un posto strano. Qui, per dire, è nuvoloso da 4 giorni. Sapete quando sono arrivato? Quattro giorni fa. Il fuso è devastante. Soprattutto se vuoi stare al passo con le robe del mercato. Per questo metto tanti punti. Almeno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

De Laurentiis, 5 giorni per dare un senso a questo mercato. Milan, sessione intelligente. L’Inter dietro la Juve. Volevate il Commissario? Era meglio Montalbano… 13.08 - Cinque giorni e poi sarà tutto finito. L’assurdità di chiudere il calciomercato il 17 agosto, alle ore 20.00, lascerà tanti cadaveri sulla riva del fiume. Lo scriviamo da mesi, adesso, molti club di serie A iniziano a capire la fesseria di seguire Marotta nell’unica sciocchezza fatta,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il mondo dorato di CR7 e quello sommerso dei Tribunali, dove vige il tutti contro tutti. Tra udienze, sentenze e ricorsi B e C sono in pieno caos. E anche la Serie A non può dirsi tranquilla 12.08 - E' un'estate strana, particolare. Senza dubbio unica quella che tra meno di una settimana - per gli operatori di calciomercato - chiuderà i battenti. Non sono mancate le notizie, né i colpi di scena. Sono stati mesi che hanno riportato una manciata di club italiani a sedere di nuovo...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ore decisive per il futuro di Modric. Inter, fatta per Keita. Il Milan pronto a chiudere per Bakayoko. Ochoa in pole per il Napoli, occhio anche a Tatarusanu. 11.08 - Luka Modric, l’Inter e il Real Madrid. Sono ore decisive per il futuro del centrocampista croato vice campione del mondo, che vorrebbe andare all’Inter, anche se non è intenzionato ad arrivare ai ferri corti con Florentino Perez. Il numero uno del Real non cede. Anzi in Spagna sono...

EditorialeDI: Luca Serafini

I colpi di Leo, il ruolo di Paolo, il lavoro di Rino: notte prima degli esami 10.08 - Tra una settimana è campionato. Possiamo davvero dire che l’estate è volata, sotto questa cappa di afa con ventate di grande ottimismo. Di meritato sollievo. Mi fanno ridere i censori del ruolo di Paolo Maldini, come se avere una figura di riferimento così autorevole non fosse già...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Modric ancora attesa, Keita si tratta ad oltranza. Bakayoko convinto ora si fa sul serio. Portieri Napoli e quello del Chievo. Ultima settimana... 09.08 - Doveva essere il Modric-day, nel bene o nel male, ma si è trasformato in un altro giorno di attesa. Tutto rinviato a data da destinarsi, forse venerdì, visto che le prossime ore saranno quelle di Cortouis e che Florentino non vorrà togliere la scena al suo portiere con la grana Modric....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy