VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
22.10.2017 00:00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 22761 volte
Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta

C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane, a dare una visione diversa del calcio, spiegando quali società sono virtuose e possono permettersi investimenti (poche) e altre che spendono e spandono, avendo sì la possibilità di rientrare ma che spesso si affidano all'azionista di maggioranza. Detto più semplicemente, c'è chi vince grazie ai soldi e che continua a dominare in Italia - la Juventus - c'è chi spende maluccio le proprie risorse (Inter e Roma, in primis, ma anche il Milan) e chi amministra bene (Lazio e Napoli) ben sapendo che il calcio italiano ha bisogno di diritti televisivi e qualificazioni Champions per andare al di là dei 100 milioni di fatturato, sempre al netto delle plusvalenze annuali. Quindi la scelta di Tavecchio, anzi, la dichiarazione che ci potrebbe essere una A a 18 squadre potrebbe anche essere sensata da un lato, ma dall'altro fa sorridere. Lasciando perdere la questione prettamente economica, Tavecchio già due anni fa disse che la Serie A doveva essere "snellita". Salvo poi fare clamorosamente marcia indietro quando le società di A hanno alzato il muro. Perché se è vero che cinque-sei squadre non retrocederanno mai, le altre con 18 club avrebbero ben più di un problema. Tanto che l'intenzione era quella di mettere una sola retrocessione: che senso ha? Nessuno, infatti l'assurdità è dovuta proprio al fatto che siano le società piccole a rappresentare un problema che non verrà mai superato. E se anche fosse, il problema non è tanto nel numero squadre, quanto nella possibilità di giocare per un obiettivo. Già con 7 società - al posto che 6 - in Europa ci sarà un cambio di marcia. Immettere dei playoff per terzultima e quartultima (da giocare con terza e quarta di Serie B) potrebbe completare il quadro: 11 squadre giocherebbero per qualcosa, o meglio, guadagnerebbero - con la Coppa Italia - almeno un minimo di vessillo. Attualmente sono nove, con enormi differenze. Aumentare nuovamente la forbice dei guadagni, sbilanciandolo ulteriormente nelle migliori, è un errore da penna rossa. Ma dopo il rinnovo di Ventura ci aspettiamo di tutto.

Poi, c'è, appunto, il calcio giocato. La Juventus vince, nonostante qualche grosso problema, con lo Sporting Lisbona, dimostrando tutti i limiti di un undici che già li aveva l'anno scorso, mascherati però da una difesa assolutamente impenetrabile e da alcune grandi prestazioni degli attaccanti. Higuain, Dybala e Mandzukic su tutti. Ingiusto non dare meriti a Allegri che è passato dal 3-5-2 al 4-2-3-1 nel momento più complicato, dopo la sconfitta di Firenze. Ma non può sempre andare tutto bene: la sensazione è che la Juventus abbia più di qualche difficoltà, da modificare nelle prossime settimane. E che, forse, il mercato non abbia aiutato, al di là di un Matuidi che nelle prime settimane di campionato è sembrato davvero un giocatore di altissimo livello. Poi il campionato è lunghissimo, siamo solo alla nona giornata (per la Samp che dà 8 gol a Crotone e Atalanta in sei giorni) e Napoli, Inter e Roma assomigliano molto a club competitivi. Non sono la Juventus, questo no, ma qualche grattacapo lo daranno.

Invece qualche, enorme, problema lo ha il Milan. I rossoneri hanno speso 230 milioni di euro senza prendere, mai, un grosso centravanti. È davvero il pomo della discordia? Oppure prendere molti trequartisti, in un modulo che non li prevede, ha aiutato a far saltare il banco? Duecentotrenta milioni sono un'assurdità per non arrivare almeno quarti, soprattutto in un campionato che ti ha visto concludere al sesto posto non più tardi di cinque mesi fa. Il problema è che l'asticella si è alzata, anche per colpa dell'ambiente, e che Montella, come per Mancini dall'altro lato del Naviglio, la pressione sia esasperante. La colpa è pure del tecnico, autore di 8 formazioni differenti in 8 gare di campionato, segno che non sia la chiarezza a regnare, a Milanello.

Infine la questione Europa. Ancora una volta le italiane hanno fatto bene, l'unica sconfitta è quella del Napoli contro il City, a Manchester, pur applaudita da un Guardiola forse troppo clemente per un undici che in questo momento sarebbe fuori dalla Champions League per la sconfitta a Leopoli (dove gioca anche lo Zorya Luhansk in Europa League) contro lo Shakhtar Donetsk. Il trend è indubbiamente cambiato grazie a Lazio, nove punti in tre partite, e Atalanta, sette ma con un calendario molto più complicato. Per chi era presente a Reggio Emilia, giovedì, è stato un vero e proprio spettacolo, con l'Apollon alle corde per 89 minuti, a parte il gol di Schembri, apparso estemporaneo. Peccato che, per il nostro calcio, quest'inversione di tendenza sia arrivata solamente ora.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.