VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Serie A allo sfascio, ma allora perché nessuno se ne va? Tavecchio, ci faccia il piacere...

30.07.2014 00.00 di Fabrizio Ponciroli   articolo letto 38085 volte
© foto di Federico De Luca

Con chiunque parlo di calcio, sia il mio amico barista che l'agente Fifa di turno, tutti concordano sul definire il nostro calcio alla frutta. La Serie A non è mai stata così in disgrazia e, ad onor del vero, anche il mio pensiero non si discosta tanto dal comune senso di tristezza che si prova nel guardare al pallone di casa nostra. Eppure c'è qualcosa che non mi torna... Ma come mai, sebbene il nostro calcio sia caduto in totale disgrazia, tanti giocatori faticano a lasciarlo? Penso a Robinho. Al Milan è un rincalzo (di lusso, ma pur sempre un rincalzo), tuttavia non se ne va!!! E' dal 2012 che il Diavolo prova a liberarsene ma, per un motivo o per l'altro, il brasiliano trova sempre il modo per far naufragare qualsiasi trattativa. Questione di soldi? Non credo, visto che c'è anche chi gli offre un contratto più stimolante (Emirati Arabi, Qatar o Besiktas). E, allora, perché? Mi vengono alla mente le parole di Jovetic: "In Italia si sta benissimo, mi manca Firenze". Ecco, forse la verità sta nella "bella vita" che i calciatori fanno qui da noi. Il tifo non sarà sempre da perfetta educanda ma, in fin dei conti, in Italia si vive alla grande. Quindi, lasciare il nostro Paese, non è sempre tanto facile, neppure di fronte al degrado generale che sta corrodendo le fondamenta del nostro sistema calcio. Certo, in tanti se ne sono andati ma, in fin dei conti, sono tanti anche quelli che non vogliono fare le valigie, in particolare proprio al Milan. Che sia una società organizzata non ci sono dubbi, basta frequentare, anche per un sol giorno, Milanello per comprendere la validità del sistema rossonero. Convincere i tanti milanisti in esubero a mollare la presa sarà complicato, auguri Galliani... C'è un altro argomento che mi sta a cuore: Tavecchio... Per favore, caro Carlo, ci ripensi e faccia un passo indietro. Non sono affatto prevenuto. Non ho problemi con l'età avanzata del soggetto in questione e non reputo l'infelice uscita riguardo al "caso mangiabanane" decisiva nel mio giudizio. Ritengo solamente che il calcio italiano, se (e sottolineo se) davvero punta a svoltare, abbia bisogno di una figura nuova, con nulla a che fare con il passato. Tavecchio è in gioco dal 1999, avrà sicuramente delle buone idee ma resta un simbolo del calcio che vorremmo lasciarci alle spalle. Ecco come credo andrà (ma spero, vivamente, di sbagliarmi): Tavecchio verrà eletto presidente della FIGC. L'inizio sarà confortante ma poi tutto resterà come è sempre stato, ovvero troppo legato alla burocrazia e alla politica. La speranza è di sbagliarmi... Il problema è che in Italia si sta bene ed è complicato lasciare, a tutti i livelli...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

100 milioni per Belotti ma Dani Alves è costato 0. L'Inter vuole Conte, il Milan doveva rinnovare per Donnarumma tre mesi fa. La stampa si merita i lettori che ha... e viceversa 14.05 - È stata una settimana molto piena. Il Milan incomincia a tirare fuori le cartucce e incontra mezzo mondo, l'Inter esonera Pioli mentre la Juventus va a Cardiff, il Torino non vorrebbe cedere Belotti ma Cairo incomincia a contare i soldi, la Roma saluta Totti con l'omaggio di San Siro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan-Inter: derby senza soste. Allegri il cannibale: è a Cardiff, ma pensa a Doha. Chelsea: Antonio Conte come Diego Costa. Inter: i casi Medel e Gagliardini 13.05 - Il Milan tira dritto in silenzio. Lavora di giorno sotto la luce dei riflettori di Casa Milan e di notte, senza luci e senza riflettori. E forse quando si tireranno le fila del mercato estivo rossonero, si scoprirà che si è trattato di notti produttive. Degna di nota, esattamente...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.