HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Italiane, chi va avanti in Champions League?
  Passerà solo la Juventus
  Juventus e Napoli
  Juventus, Napoli e Inter
  Juventus e Inter
  Juventus, Napoli e Atalanta
  Juventus, Atalanta e Inter
  Juventus, Atalanta, Napoli e Inter

La Giovane Italia
Editoriale

Shevchenko ha detto sì al Milan! Ma non adesso… C’è anche Garcia, ma il Milan non è convinto. L’Inter a Barcellona pensa alla Juventus, che vince alla Lippi. L’Atalanta di Gasperini ha cuore ma non ha testa

02.10.2019 10:43 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 38670 volte

C’era solo una maniera per Giampaolo per andare a testa in giù con il suo destino, nonostante il Milan non si potesse permettere la sua sostituzione, e nonostante il duo Maldini-Boban nemmeno avesse le prerogative di ordinarne la destituzione: perdere e farlo malissimo con la Fiorentina, nella settimana in cui la proprietà è presente al massimo in loco, tra Singer jr. In città per essere ragguagliato sugli aggiornamenti per lo sviluppo stadio e soprattutto edilizia collegata; e Gazidis sempre più a contatto con il ‘territorio’ seppur senza dedicarsi a questioni di micro management.
Maldini non è andato a fare il pupazzo davanti alle telecamere, la volontà di tenere Giampaolo c’è veramente, ma c’è anche l’ineluttabilità di riconoscere gli eventi. Che non sono ancora definitivi ma su quella strada si incamminano dopo la debacle. Si pensava e si sperava di spostare il momento del check più in là, e invece Marassi con il Genoa diventa già definitivo: di colpo forse anche un pareggio potrebbe non salvare Giampaolo, qualora dovesse venire in coda a un’altra prestazione bislacca, complice il baratro della pausa di ottobre che risucchierà almeno il destino di uno tra Andreazzoli (sostituito da Gattuso) e Giampaolo, o addirittura entrambi in caso di pareggio.
E chi metterci a quel punto? Tuttomercatoweb ha dato in esclusiva pochi minuti dopo il fischio finale di Milan-Fiorentina la notizia che Shevchenko fosse stato contattato da Maldini e Boban, e Sheva già prima di arrivare a Milano martedì sera per Atalanta-Shakhtar e per la cena proprio con il suo ex capitano, ha comunicato che sì, accetta il Milan! Ma, a un paio di condizioni: non prima di novembre, perché prima vuole qualificare l’Ucraina agli Europei; e soltanto potendo mantenere anche l’incarico di selezionatore ucraino. Una controproposta che il Milan non ha ancora accettato, essendo titubante a dire il vero soprattutto sulla tempistica novembrina. Nel frattempo però l’opzione Garcia non è soltanto un’alternativa: Massara si è mosso con Rudi Garcia, con cui per interposta persona attraverso Sabatini aveva già un rapporto dai tempi di Roma, e ha ottenuto un assenso di massima dall’allenatore francese. L’opzione però ancora non convince Maldini-Boban, che aspettano prima domenica, e poi notizie dall’Ucraina.

Chi aspetta domenica è anche Antonio Conte. A Barcellona la partita non sarà vissuta come una scocciatura, questo no, ma è stata fatta una scelta precisa: conta più il derby d’Italia. Per questo Lukaku è rimasto a Milano per precauzione, altrimenti con un altro calendario sarebbe sceso in campo al Camp Nou. E per questo potrebbe esserci un turnover per i titolari più avanti in età. La partita si farà a Barcellona, ma tenendo a mente anche domenica.

La Juventus invece si è potuta concedere il lusso di pensare con la mente fresca solo alla giornata. Contro il Leverkusen in verità Sarri ha risparmiato a Ramsey l’impegno per lo stesso motivo usato da Conte per Lukaku: precauzione, soprattutto considerando i muscoli Swarovski del gallese. Ma per il resto c’era la formazione titolare probabile per San Siro, incluso soprattutto Higuain, migliore in campo, e dunque senza scrupolo del pensare a una soluzione al risparmio magari facendo partire Dybala, che contro i cristoni della difesa nerazzurra se lo scorda di vedere il prato dall’inizio.
La Juve è sembrata quella di Lippi: per intenderci, quella espertissima che nelle fase a gruppi asfaltava gli avversari, e non perdeva tempo e punti, trovando subito la chiave dell’incontro. E considerando che per i bianconeri quest’anno conta solo la Champions, complimento migliore non potrebbe esserci.

L’Atalanta invece non è sembrata sé stessa. Ok il cuore, l’entusiasmo, ma tanto disordine: mai viste così tante palle lunghe e alte dalla difesa, rinvii a casaccio e a campanile, nervosismo e imprecisione nel fraseggio. La paura ha attanagliato la testa, mai lucida, e il patatrac finale certo è sfortunato ma sarebbe incorretto definirlo solo casuale. Gasperini in conferenza ci ha detto che non è stata una questione di esperienza: sarà, ma l’allenatore dello Shakhtar invece ha ribadito di essere convinto proprio del contrario. E come minimo ingenua l’Atalanta lo è stato sicuramente.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Ibra, in Italia Milan o Bologna. Maldini e Boban a caccia di rinforzi: Demiral in difesa, Xhaka o Strootman a centrocampo. L’Inter ripensa a De Paul ma servono 30 milioni. Florenzi, il futuro tra un mese 16.11 - Sosta uguale punto di mercato inevitabile. I preparativi sono iniziati. Comincio da Ibrahimovic. Il campione svedese non ha fretta di decidere, sceglierà il suo futuro solo poco prima di Natale. La situazione al momento è questa. Il Bologna in Italia è l’unico club che sta trattando...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ronaldo fa il Fenomeno e risponde a Sarri con una tripletta. Ma non stava male? Ibra al Milan con Raiola che piazza Suso e Donnarumma. Napoli, ecco perché Adl può vendere allo sceicco Al Thani 15.11 - Della serie alzati e cammina, Cristiano Ronaldo ieri sera in nazionale ha segnato una tripletta alla Lituania. Abbiamo il forte sospetto che andando in Portogallo abbia allungato un po’ il viaggio passando da Lourdes, altrimenti fatichiamo a capire cosa possa essere successo da domenica...

Editoriale DI: Luca Marchetti

È tempo di riflessioni, per mercato invernale e futuro in generale... all’insegna del prestito? 14.11 - Durante la pausa della Nazionale è sempre tempo di riflessioni in ogni società, per cercare di programmare al meglio il mercato invernale e per cercadi risolvere i problemi. Chi ne ha - al momento - più di tutti è il Napoli che deve cercare di sbrogliauna matassa piuttosto complicata....

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Cristiano Ronaldo è più grande della Juventus, e la Juve lo ha accettato. Ok il marketing, ma è venuto per la Champions League: per vincerla si perdona di tutto. Sarri-Allegri: dopo 3 mesi cosa è cambiato? 13.11 - Non è la prima volta che succede, e non è certo la fine del mondo del calcio, né tantomeno del mondo juventino, né tantomeno del mondo cristianoronaldiano. Un giocatore, stellare e acclamato, che esce in disaccordo per una decisione, e tira dritto per gli spogliatoi, incazzato per...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Ronaldo e gli effetti collaterali generati da un giocatore diverso dagli altri. Inter: la "pace" di Conte e i 2 colpi sul mercato. Milan: senza attacco non si va lontano, serve "quel" nome. E... bentornato Andrea 12.11 - Ben trovati. Sapete molto bene quanto da queste parti apprezziamo le pause per la Nazionale. Moltissimo. Ecco, esatto, in regime di “pausa” viene fuori un po’ di tutto: ci si annoia, saltano fuori le balle di mercato, si esasperano le polemiche e così via. In questo specifico caso...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

De Laurentiis, multali tutti: da Insigne ad Ancelotti. Inter, fai lo stesso con Conte. Marotta non guardi in faccia a nessuno. Cellino, te la sei cercata. Ibra? Poi mettiamo la scritta “completo” a Milanello 11.11 - La settimana vissuta dal Napoli, molto probabilmente, non la vivono molte squadre dalla serie A alla serie D. Una pessima gestione… di tutto. Una squadra amatoriale, una società senza personalità e dirigenti succubi del Presidente che non riescono a gestire il rapporto tra squadra-staff-proprietà....

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Prima Marotta, poi Barella: ieri l'Inter ha risposto due volte a Conte (che è in una botte di ferro). Ma nel mirino c'era soprattutto il mercato: a gennaio Ausilio dovrà 'alzare i giri del motore' 10.11 - Trentuno punti in dodici partite. Solo cinque lasciati per strada, di cui tre contro la Juventus. Il primo scorcio di Serie A dell'Inter di Antonio Conte si chiude con numeri da squadra che vuole lottare fino alla fine per la conquista dello Scudetto. Vuole provarci, anche a costo...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, Conte spinge per Vidal ma il Barcellona non molla e il centrocampista resta un rebus. Giroud per l’attacco. Napoli, Mertens e Callejon più vicini all’addio. Futuro di Insigne, Koulibaly e Allan da decifrare 09.11 - La sconfitta di Dortmund ha decisamente accelerato le strategie di mercato dell’Inter per gennaio. La sensazione però al momento è che non ci saranno grandi investimenti, programmati invece per l’estate. E allora proviamo a inquadrare cosa potrebbe succedere. Due sono i reparti in...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ibra al Milan: è fatta, lo dice la Mls. Inter-Conte, tutti i nomi di Marotta. Vidal e Kulusevski in pole. Napoli caos, De Laurentiis nei guai per Sarri. Mertens e Callejon via ora, Insigne e Koulibaly a giugno 08.11 - La bomba arriva dagli Usa a tarda ora: Ibra s’è accordato con il Milan. La rivelazione, non sappiamo fino a quanto voluta o semplice gaffe, arriva direttamente da Don Garber, commissioner della Mls, la lega americana. In una intervista il manager ha confessato il dispiacere per l’addio...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le conseguenze della Champions, due giornate di fuoco per Napoli e Inter. Sorride invece la Juve e spera ancora l’Atalanta… 07.11 - La Champions ha lasciato degli strascichi, più pesanti che mai, almeno poco pronosticabili alla vigilia. Partiamo da quello più scontato, anche se con un grado di difficoltà maggiore visto quello che abbiamo notato sul campo. La Juventus è per la sesta volta consecutiva agli ottavi...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510