VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Si compone il puzzle dell'Inter, la Juve attendista, Milan su Ayew. Napoli e la strategia per Fellaini. E tutte le notizie di giornata...

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
31.07.2014 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 53117 volte
© foto di Federico De Luca

Thohir non può che essere contento di come stanno andando le cose in casa nerazzurra. Sono andati tutti a trovarlo nella "sua" Washington, la squadra non ha perso né contro il Real né contro il Manchester e il mercato ha preso la giusta direzione senza spese folli.
Lui dice di "amare" Guarin (i love Guarin) ma in realtà il colombiano potrebbe esserre l'unico modo per fare cassa. Ma non c'è una particolare esigenza o fretta: ecco anche perché Thohir ripone molta fiducia in lui, non vuole perderlo. Intanto che fa parte della rosa nerazzurra meglio sfruttarlo sl 100%. Anzi farlo crescere ancora di più. A meno che non arrivi qualcuno che lo "ami" ancora di più. Manca un mese alla fine del mercato e ancora all'Inter qualcosa succederà. Medel è una trattativa di posizione: il Cardiff fermo sulla sua, l'Inter pure. Sia sulle formule di pagamento, sia sul discorso bonus (ritenuti poco raggiungibili dai gallesi). Ma il suo arrivo non è a rischio. Mentre invece per Osvaldo si procede spediti: tanto da aver trovato anche la cifra giusta (7-8 milioni) per il riscatto dell'attaccante. Intanto si prosegue la trattativa con lo scambio di prestiti (con Taider, sul quale però c'è anche il West Ham), ma l'operazione si farà. Ormai sono tutti convinti. Anche perché come abbiamo sempre detto Osvaldo non è mai stato una seconda scelta. Al limite si voleva aspettare di capire come muoversi anche in relazione alle cessioni. Ma l'opportunità di scambio ha accelerato la situazione.
Potrebbe accelerare anche la trattativa per Romulo alla Juventus. Marotta prima della partita con il Cesena ha confermato che è una questione soltanto di tempo e che spera che entro il fine settimana tutto sia concluso in maniera tale che il ragazzo possa partire con la Juve per la tournée in Asia. Dove se dovesse partecipare anche Vidal potrebbe anche significare che il "peggio" è passato. Non c'è una dead line ma partire con la Juve potrebbe essere un segnale importante. Di certo questa telenovela non dovrebbe durare a lungo: la Juve non può permettersi di perdere Vidal senza poi aver tempo di sostituirlo e di reinvestire eventualmente i soldi. Di sicuro i bianconeri dovranno ancora prendere un attaccante. E anche un difensore, soprattutto dovesse partire uno degli attuali. Insomma ancora lavori in corso, come si è visto anche in campo.
Anche il Milan ha bisogno di lavorare. Sia sul campo che sul mercato. La novità su Robinho è che l'Olympiacos è arrivato a Milano (e in Grecia sono convinti che alla fine andrà, alternativa Niang) e questo continua a frenare la possibilità di presentare la miglior offerta possibile al Torino per Cerci (sul quale l'Atletico non molla). Ma Cerci non è il solo obiettivo. C'è sempre Campbell e spunta anche Ayew del Marsiglia che pensa solo in rossonero tanto da rifiutare ogni offerta che finora gli è arrivata pur di coltivare la speranza di finire al Milan. I costi potrebbero agevolare la trattativa...
I costi sono proprio il problema del Napoli con Fellaini. Lo United non intende cedere il giocatore in prestito e il prezzo al momento è alto, soprattutto se si considera anche l'ingaggio. Perciò bisogna aspettare, almeno il fine settimana. Cioé quando Van Gaal tornerà dagli Stati Uniti e parlerà con il giocatore di persona. Ler capire anche quali sono le sue intenzioni e le proposte che ha sul tavolo. Qui si che sarà una questione lunga ancora da seguire... Intanto mentre Behrami e Amburgo si avvicinano sempre più tanto da poter stringere nei prossimi giorni con Insigne cominciano le grandi manovre per il rinnovo. Un pizzico di malumore filtra ma nulla di invalicabile. Diciamo che Insigne si aspetti un riconoscimento dopo la convocazione al mondiale, ancora non c'è appuntamento. Si parlerà del 2017 come scadenza e magari una stretta di mano fino al 2018... Insomma l'importante è che si cominci a parlare...
Il Genoa continua a guardare all'estero per rinforzarsi: visite mediche per Iago Falque (del Tottenham, ma in prestito al Rayo Vallecano allo scorso anno), primo allenamento per Rincon e sta provando a prendere anche Teodorczyk attaccante polacco del Lech Poznan. Alla Samp arriverà Bergessio per firmare per una squadra ormai quasi completa.
Alla Lazio prongono il contratto a Braafheid che è stato in prova finora. L'Udinese parla con il Verona di Nico Lopez, Faraoni interessa al Torino (soprattutto se parte Vesovic) e al Chievo, il Sassuolo per Cigarini farà ultimo tentativo per portarlo in Emilia, l'Udinese ha preso Coppolaro dalla Reggina, al Palermo interessa Lucas Cano dell'Argentinos Junior (classe 95). L'Empoli ha incontrato la Fiorentina e ha parlato di Vecino, Wolski, Piccini e anche di Camporese (che potrebbe essere l'alternativa a Bianchetti), poi in settimana incontrerà l'Inter per Laxalt e insiste per Saponara (ma il Milan non molla). Il Cagliari ha incontrato il Parma per Ceppitelli e per Matteo Ricci della Roma.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta 22.10 - C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane,...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.