VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Si entra nel vivo: la Juve da Morata, il Milan corteggia Iturbe, l'Inter chiude per M'Vila. La Roma e gli esterni. E il Cesena che è tornato in A!

19.06.2014 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 31863 volte
© foto di Federico De Luca

La Juventus ha rotto gli indugi. E ha fatto partire l'azione in Spagna, approfittando di uno dei tanti viaggi di Bozzo a Madrid. L'offerta è da 12 milioni di euro e sembrerebbe bassa, rispetto ai 30 che chiede il Real. Ma siamo all'inizio di una partita lunghissima. Intanto la Juve ha mostrato ufficialmente il proprio interesse. I problemi sono fondamentalmente tre: la rigidità del Real (che non ha abbassato di molto le proprie pretese), il fatto che il Real non ha individuato il suo sostituto, e che il problema Benzema non è stato risolto (e non è arrivato neanche Suarez). Alcuni di questi problemi si risolveranno a fine mondiale, alcuni sono destinati a scomparire grazie alla diplomazia. Bisogna quindi avere pazienza. La Juve ha lanciato la prima mossa.
Intanto i dirigenti erano a Milano per parlare ancora con il Sassuolo. Nulla di fatto per Zaza e Berardi. Si dovrà continuare a parlare. Non si trova ancora la quadratura del cerchio: obiettivamente questo è un bell'intrigo. La Juve vorrebbe portare a Torino Berardi e non perdere il "controllo" di Zaza. Il Sassuolo vorrebbe continuare ad averli. La Juve non vorrebbe tirare fuori troppi soldi ma non si trovano (evidentemente) le contropartite giuste. E le due società non vogliono litigare, anzi. Quindi una soluzione si trova, sicuro.
Intanto almeno risolta Gabbiadini: rinnovata la comproprietà, giocherà nella Samp. Per Boakye invece sempre più concreto il rischio buste.
Il Milan invece approfitta delle comproprietà per parlare di Iturbe. Incontro al Principe di Savoia fra Sogliano e Galliani. Il motivo era la comproprietà di Albertazzi, ma una volta risolto questo problema la chiacchiera immaginiamo si sia spostata su Iturbe. Non c'è fretta, né da una parte né dall'altra. La valutazione sempre quella è: circa 30. Il Milan i soldi ora non ne ha, ma se dovesse arrivare una cessione eccellente allora lo spazio ci sarebbe. Sempre meglio tenersi informati, il mercato è fatto anche di rapporti.
I buoni rapporti infatti hanno portato alla chiusura della trattativa fra Inter e Rubin per M'Vila. Tutto a posto. Teoricamente non ci sarebbe bisogno neanche di vedersi. Cosa manca? L'ultimo ok, quello definitivo da parte del settore tecnico. Sarebbe ingiusto dire Mazzarri non dà l'ok (è una sintesi brutale): di sicuro bisogna essere convinti dell'operazione. Poi ci sarà il tempo per attaccare Mbia, visto che Taider lascerà l'Inter per fare il percorso inverso. Nulla di fatto invece per Britos. C'è ancora da discutere con il giocatore soprattutto. Per Napoli insomma è stato un giorno interlocutorio.
La Roma ha incontrato il Genoa per definire la situazione Sturaro Bertolacci. Intanto continua a monitorare tutti gli esterni che possano continuare a far volare la squadra in campo. Da Cerci a Iturbe, da Cuadrado a Carrasco (tanto per rimanere in Europa) fino a quelli dell'Est fra Russia e Ucraina: Konoplyanka, Kokorin e Douglas Costa. Ne arriverà uno: la mia previsione (azzardata?) è che possa essere uno di questi!
La notizia di giornata è che Zeman ha scelto a sorpresa Cagliari. Aveva dato una mezza parola a Bologna dicendo che sarebbe stato allenatore se il Bologna si fosse iscritto. Ma il Cagliari non aveva tempo di aspettare: ha detto a Zeman questi sono i soldi (un po' di più magari) ma devi decidere subito, altrimenti prendiamo un altro (Beretta). Vengo. E quindi sarà presentato da Giulini, che l'ha voluto fortemente fra poche ore a Cagliari.
In questi ultimi due giorni spazio alle comproprietà: ancora non c'è accordo fra Samp e Parma per Biabiany, così come non c'è per Saponara con il Milan, e per Belfodil con l'Inter. Pronti a parlare in questi ultimi due giorni utili, altrimenti buste.
Il Torino invece sogna in grande e sogna Quagliarella (in competizione con il Verona), Borriello potrebbe tornare a Genova se Gilardino va in Cina, Meggiorini oggi firma per il Chievo.
E poi il Cesena: innanzitutto complimenti a Bisoli (che a Cesena evidentemente trova la magia) e a Foschi che la magia non l'ha mai abbandonata. Ha costruito una squadra dal nulla e anche quest'anno ha vinto il campionato. A Cesena c'è chi parla di Ambrosini, non credo possa essere un obiettivo. Bisoli vorrebbe trattenere Marilungo e Krajnc. Ci sarà tempo per il mercato: ora è tempo di festeggiare.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.