VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Si parte con il calciomercato! Ma prima ecco "Il Pagellone delle 20 di A"

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
01.06.2015 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 53359 volte
© foto di BALTI/PHOTOVIEWS

Finalmente ci divertiamo! Si parte con il calciomercato in un'estate che si preannuncia caldissima e lunghissima. Se siete al lavoro o al mare, in Italia o all'estero, le notizie di mercato vi seguiranno con Tuttomercatoweb sempre sul vostro pc o sul vostro smartphone. 300 notizie al giorno per non farvi perdere neanche una virgola del mercato. Una volta si leggevano i giornali, oggi le edicole se sono aperte sono vuote, altrimenti hanno chiuso da un pezzo. W la tempestività. Su Sportitalia (canale 153 del digitale terrestre e 225 di Sky) vi terremo compagnia per tre mesi, tutti i giorni dalle 17 all'1 di notte. Evvai. Mentre scrivo arrivano le prime conferme sul telefonino per la partecipazione, il prossimo 27 giugno, ai Tmw Awards che si svolgeranno come sempre tra il mare e la natura di Castiglioncello. Ci saranno tutti quelli che contano. Io, a dire la verità, aspetto questo momento soprattutto per andare a mangiare pesce alla "Baracchina", sul mare e con il tramonto di fronte. Alessio ce l'ha fatta: gliel'hanno buttata giù per la solita stupida burocrazia italiana, lui ha riaperto ed il locale è anche più bello di prima. Se siete nei pressi di Castiglioncello andate a mangiare lì e dite che vi mando io, 1 euro di sconto sempre ci scappa! Andate di fretta? Ok, arriviamo al Pagellone della serie A 2014-2015: un disastro totale...

Atalanta Voto 5
La stagione parte male con l'incertezza sul leader societario. Se hai Messi in società non hai bisogno più di nessuno. Paga Colantuono, per tutti. La squadra è andata, presto, in confusione ma la salvezza è arrivata ugualmente. Troppi rischi in un anno buio.

Cagliari Voto 4
Catastrofe totale. Al primo anno della nuova dirigenza, Giulini sbaglia tutto. Che avesse preso la strada peggiore si era capito già in estate, quando affidava la panchina a Zeman. Il resto conta poco.

Cesena Voto 5
Occorreva un'impresa per salvarsi, ma senza soldi non si cantano messe. Foschi ha fatto il possibile e l'impossibile ma la fragilità societaria non ha consentito sogni di gloria.

Chievo Verona Voto 6,5
Si erano incartati ma poi Maran ha rimesso le cose al proprio posto. Salvezza tranquilla ed altra stagione in serie A. Senza buttare soldi ma con solide sinergie. Il Chievo merita di restare tra i grandi del calcio italiano.

Empoli Voto 7
Gioca bene e diverte. Si salva con largo anticipo e valorizza i giovani italiani. Di più a Sarri non si poteva chiedere. Grandissimo lavoro sinergico tra società e staff tecnico. Avanti così.

Fiorentina Voto 6
Troppi alti e bassi e tante scommesse perse. Dalla viola ci aspettavamo molto di più, ma quando c'è incertezza sui ruoli chiave ne risente sempre anche la squadra. Montella rimandato. Forse il suo ciclo è realmente finito.

Genoa Voto 7
Gasperini ottimizza il materiale che ha a disposizione. Mister e squadra fanno un'impresa ma la società non è all'altezza dei suoi dipendenti.

Hellas Verona Voto 6
Doveva salvarsi e si è salvato. Non ha fatto vedere grandi fuochi d'artificio ma bastava la permanenza in A per strappare la sufficienza.

Inter Voto 5
Troppa confusione sia con Mazzarri che con Mancini. La squadra non ha personalità e c'è troppa incertezza sui programmi futuri. Pochi leader nello spogliatoio. Quando la proprietà non è presente, ne risente tutto l'ambiente. Si spera in Mancini e nel guizzo di Ausilio. Per il resto si salvano in pochi.

Juventus Voto 9
Quando è arrivato aveva tutto da perdere, invece, ha fatto bingo. Max Allegri ha fatto ricredere tutti, ha stravinto lo scudetto, ha conquistato la Coppa Italia e sabato - mentre Conte prepara le carte dall'Avvocato per difendersi dalla procura di Cremona - va a farsi un giro a Berlino. La squadra lo ama e lo segue. Ha stile ed è concreto. Il Milan lo aveva esonerato, oggi guarda tutti dall'alto in basso.

Lazio Voto 7
Un anno stupendo, finito nel migliore dei modi. Si prende il preliminare di Champions in casa del Napoli. Ha rischiato di perdere tutto sul più bello, ma alla fine ce l'ha fatta. E' il trionfo dell'Imperatore Claudio.

Milan Voto 4
Fallito il progetto Inzaghi, ma anche quello Galliani che aveva puntato sul tecnico e su un'ossatura di squadra assolutamente inadeguata. I tifosi dicono basta a queste continue prese in giro e ad un mercato senza senso, fatto di parametri zero e ingaggi folli. Un grande passato non serve a nulla se non ci sono uno straccio di presente ed una bozza di futuro. Meno messaggi politici e più fatti. Quanto manca Braida a questo Milan...

Napoli Voto 4,5
Gestione pessima da parte di Benitez. Annata iniziata malissimo a Bilbao e proseguita peggio. Il sogno scudetto era già svanito dopo 6 partite. La squadra non brilla e perde con le piccole. Delusioni in campionato ed Europa League. Doveva esserci continuità al processo di crescita, invece, il Napoli si ritrova a rifare tutto dall'inizio. Con tecnico e DS. De Laurentiis ha gettato al vento due anni. La Roma aveva concesso al Napoli l'ultima grande occasione al San Paolo e neanche quella è stata sfruttata. Basta alibi. Le colpe sono anche di quei tifosi e giornalisti che, fino all'ultimo, hanno difeso il progetto di Benitez quando, invece, doveva essere bannato già due anni fa. Disastrosi.

Palermo Voto 6,5
Iachini non rischia (quasi) mai il posto e questa è la vera notizia. Troppa fretta nel mandar via Ceravolo che era stato l'unico a credere in Dybala assoluto titolare. Stagione perfetta.

Parma Voto 3.
Nessun giudizio se non finire a giudizio.

Roma Voto 6,5
Sabatini ha sbagliato quasi tutto, forse anche la strada di casa. I giallorossi dovevano puntare ad essere la principale antagonista della Juventus e, invece, chiudono a 123 punti da Allegri. Il secondo posto arriva per manifesta inferiorità di Lazio e Napoli. Male nelle coppe. Così si cresce troppo lentamente.

Sampdoria Voto 7
Annata da incorniciare. Sinisa compie un lavoro eccezionale. Osti la mente del mercato. E, dopo l'addio di Garrone, non era semplice chiudere l'annata in positivo. Il mercato di gennaio riservava ulteriori colpi di sorpresa ma Eto'o resta un colpo in canna, figlio di procuratori scellerati. Vigorelli, in inverno, si esaltava per Eto'o alla Samp e Destro al Milan. Il risultato? Buio totale. Di questi tempi, se fossi un calciatore, viaggerei alla larga da Claudio Vigorelli.

Sassuolo Voto 6,5
Salvezza più che tranquilla. Dare continuità alle stagione in serie A è fondamentale per una piccola piazza e una grande società. Ottimo lavoro Di Francesco che sul campo si è meritato la fiducia fino al 2017.

Torino Voto 6,5
Ennesima buona stagione della squadra di Ventura. Molti alti e pochi bassi. Senza sbavature e un derby vinto, l'altro perso di pochissimo. Avanti su questa strada.

Udinese Voto 5
La società canna completamente la scelta del successore di Francesco Guidolin. Stramaccioni si rivela un ragazzo d'oro e anche simpatico ma, a livello professionale, esce a pezzi dall'esperienza friulana. Dopo l'Inter cercava riscatto e si è ritrovato a chiudere la stagione con 41 punti. In sintesi: se Parma, Cagliari e Cesena non fossero svenute, l'Udinese sarebbe retrocessa. Chiude l'annata come peggio non poteva. Brutta scena la ripicca di Strama che si rifiuta di partecipare ad una cena con 500 tifosi friulani e non parla in conferenza stampa prima della trasferta di Cagliari persa 4-3. Non ha mancato di rispetto alla società, ma a tifosi e giornalisti. Non un grande bigliettino da visita se qualcuno dovesse decidere di puntare in futuro su di lui. Troppo capriccioso.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.