HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Sicuri che non vi interessa il fatturato? Ed è vero che chi spende di più, vince di più?

22.02.2018 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 21034 volte
© foto di Federico De Luca

Ancora numeri, per cercare di analizzare quanto il mercato influisce, soprattutto quanto i soldi influiscono sulle prestazioni. Soldi uguale mercato. Ma è vero che chi meglio spende meglio spende? Ovvero il famoso concetto del fatturato? E' un argomento che ciclicamente torna di attualità. Caro soprattutto a Sarri, quando parla della Juventus, o delle avversarie più corazzate del Napoli.
Ne ha parlato pochi giorni fa anche Giampaolo paragonando la sua Sampdoria al Milan, appena incontrato in campionato. Allora abbiamo cercato di analizzare le spese fatte in questi anni dalle squadre di serie A per costruire la propria rosa (quindi la spesa fatta nell'acquisizione del cartellino dei giocatori che ora compongono la rosa della squadra) in relazione ai punti fatti in campionato. Con una discriminante non secondaria: queste spese sono state dilazionate negli anni. Anni in cui la Juventus è sempre riuscita a vincere lo scudetto. E la seconda considerazione è che prendiamo in esame solo le spese e non le entrate, ovvero le cessioni. Che evidentemente modificano (o potrebbero modificare il dato).
Naturalmente è la squadra bianconera ad aver speso più di tutti nella costruzione della squadra: 439 milioni (la fonte, per tutti i dati è transfermarkt.it). E probabilmente non a caso è stata la squadra che ha vinto in questi ultimi anni (e che è arrivata in fondo alla Champions due volte nelle ultime tre competizioni). La seconda, quasi a sorpresa, è il Milan. Oltre 248 milioni la maggior parte dei quali spesi in questa estate. Una stagione iniziata decisamente male e che ora sta prendendo una piega diversa. Spesso, in queste settimane, Mirabelli e Fassone hanno sottolineato come gli investimenti del Milan siano stati fatti con un'ottica a lungo termine, con la consapevolezza che prima o poi pagheranno, nonostante la falsa partenza. Poi in terza posizione il Napoli con 195 milioni spesi, quindi Roma con quasi 187 e Inter con 175. La quinta piazza è della Lazio con 120 milioni investiti.
Non è un caso forse che sono proprio queste le prime 6 del campionato. Quello che cambia, naturalmente, sono le posizioni. E qui il giochino diventa interessante. Perché abbiamo cercato di avere un parametro "comune". Ovvero: quanto è costato ogni punto di questa classifica, calcolando le spese per i cartellini dei giocatori. Chi sono dunque i più virtuosi?
La classifica cambia, eccome. Ma non nelle prime due posizioni. La Juve rimane la più ricca: ogni punto in classifica è "costato" 6,75 milioni di cartellino. Secondo il Milan: ogni punto sono circa 6 milioni di euro. Chi manca all'appello in questa classifica è il Napoli perché viene sorpassato in un solo colpo dalla Roma (3.75 mln/pt) e dall'Inter (3.65 mln/pt). La squadra di De Laurentiis scende sotto il muro dei tre milioni di euro (2.95). Addirittura la Lazio anche meglio di Sassuolo e Fiorentina (rispettivamente 2.77 e 2.48) con 2.45 mln/pt.
Lo schema si ripropone anche in coda, della serie A a dire il vero. Anche qui con qualche eccezione. Il Benvento che ha speso molto (anche a gennaio per cercare l'impresa) paga ogni punto circa 1.18 ed a centro classifica. Ma in fondo ci sono Verona (0.14) Crotone (0.15) e Spal (0.34). Appena salvo il Chievo con 0.4.
A queste considerazioni ne aggiungiamo altre due. Se si devono fare i complimenti al Napoli (evidentemente) per aver costruito una rosa nel corso degli anni riuscendo a spendere relativamente poco per i cartellini trovando allo stesso tempo dei giocatori molto forti (e anche bravo a Sarri per averli valorizzati al massimo) il vero indicatore è dato dal monte ingaggi. Qui però i dati non sono così precisi, nel senso che i bilanci più recenti sono della passata stagione, anche se va detto generalmente la quota lorda non varia molto da stagione a stagione (forse Milan a parte, quest'anno).
Vi diciamo indicativamente che allora le prime quattro della classifica rimangono sempre quelle lì: Juve, Milan, Roma e Inter, con il Napoli quinto (e la Lazio settima). Ma è in rapporto ai punti che si fa la differenza. Perché un punto del Napoli costa circa tre volte di meno di quello della Juventus. Quindi i complimenti a cui facevamo riferimento prima devono essere sicuramente ribaditi.
Va ricordato però quello con cui abbiamo aperto la nostra analisi: i soldi spesi dalla Juventus sono "serviti" ad essere in testa in tutti questi anni e a giocarsi il campionato anche in questa stagione in un appassionante testa a testa, incredibile che per il Napoli (almeno finora) ha rappresentato un'eccezione. E anche - probabilmente - una rosa più profonda a disposizione di Allegri piuttosto che quella che sta gestendo Sarri.
Ultima considerazione a livello europeo. Stesso ragionamento e stesso parametro: quanto hanno speso le società più ricche del mondo per costruire la propria rosa. Neanche a dirlo nelle prime 20 posizioni ci sono 9 inglesi e le prime due piazza sono di Manchester: City primo, United secondo. Peraltro con un primato per il City che fra le prime 20 è l'unica che ha pagato di più i suoi giocatori rispetto al valore attuale della rosa (almeno secondo transfermarkt). 813 milioni di spesa per i Citiziens, 689 per i Reds. Terza, guarda un po', il PSG con 584 milioni spesi per Neymar e soci. Le italiane? Settima la Juve (439 milioni spesi e un apprezzamento della rosa del 20% sempre secondo transfermarkt), quindicesimo il Milan, diciottesimo il Napoli, diciannovesima la Roma, ventunesima l'Inter.
Napoli, Atletico Madrid e Tottenham sono le squadre che hanno accresciuto di più il loro valore (58% gli spagnoli, 53% gli inglesi, 52% gli italiani) e anche questo è un bel primato. Ma probabilmente, anche qui, non è un caso che alla fine le più accreditate sono sempre le stesse, con l'eccezione del Bayern, decimo nella classifica della spesa, che è sempre una corazzata.
Ecco perché quando si parla di fatturato e di capacità di spesa bisogna sempre tenerne conto.
Perché alla fine incidono. Si può andare contro per un periodo, ma alla lunga, la capacità di spesa è inevitabile che faccia la differenza. Ma lavorare bene aiuta. Come un volano.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Leonardo non conosceva Higuain? Il Milan ha sopravvalutato il Pipita. Troppa ipocrisia su Wanda Nara: l'unico errore sarebbe quello di non comportarsi come gli altri procuratori 20.01 - Gonzalo Higuain è stato il miglior centravanti visto in Italia dopo Zlatan Ibrahimovic. Ha riscritto la storia dei cannonieri della Serie A battendo nel 2016 il record di Nordhal che resisteva da 65 anni. Diciassette, poi 18, 36, 24 e 16 gol in cinque stagioni di Serie A, 111 in cinque...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain al Chelsea e Piatek al Milan ormai ci siamo. Nell’operazione anche il ritorno di  Bertolacci al Genoa. Su Barella per giugno l’Inter di nuovo in pole position. Napoli, Lozano se in estate parte uno tra Mertens e Callejon 19.01 - Higuain al Chelsea, Piatek al Milan, Morata all’Atletico Madrid, Il gioco è fatto. Tutti gli incastri al posto giusto per un grande valzer di attaccanti. E allora andiamo a ricostruire quello che accadrà a breve. Higuain presto volerà a Londra per le visite mediche e si metterà a...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve-Milan falsata, l’ultimo scandalo. Con questo VAR aumentano solo le polemiche e non si fa giustizia. Banti, che delusione. Higuain, che vergogna. Piatek al Milan, che rischio. Icardi rinnoverà 18.01 - Gli arbitri italiani stanno diventando dei piccoli Tafazzi: sono riusciti nell’impresa ciclopica di falsare perfino una gara tutto sommato non complicata come la Supercoppa italiana e farsi ancora una volta travolgere dalle polemiche. Autolesionismo puro, incredibile ma vero, come...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...

Editoriale DI: Marco Conterio

La caccia al nuovo sogno mercato della Juventus passa dai conti. E dall'inevitabile partenza di un big. Icardi, decimo stipendio della A: con l'Inter è braccio di ferro economico 13.01 - Kylian Mbappè. Come sogno e come chimera. Come grande obiettivo, perché "adesso la Juventus deve puntare i nuovi Cristiano Ronaldo". E chi meglio del crack francese che col portoghese si scattava le foto da giovane e imberbe talento? Chi meglio di un giocatore che a Parigi non vive...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain e Morata situazione in evoluzione, ma il Milan punta a tenere il Pipita. Icardi-Inter vertice in settimana per trattare il rinnovo.  Juventus, dopo Ramsey ora è il turno di Romero. Per Barella continua il pressing di Chelsea e Napoli 12.01 - Sono giorni importanti per capire il futuro di Higuain e Morata. Le posizioni sono molto chiare. Sarri considera il Pipita l’uomo giusto per aumentare tantissimo il potenziale offensivo del Chelsea. Sta spingendo perché questa possa diventare un’ipotesi concreta fin da subito. Higuain...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri-Real Madrid: contatto. Icardi, fissato l’incontro per il rinnovo. I piani di Marotta per la firma. Pregiudizi su Wanda: fa solo il suo lavoro. Higuain vuole solo il Chelsea e mette in crisi Leonardo 11.01 - Non so se Max Allegri durante le recenti vacanze abbia davvero sposato Ambra come scrivono i giornali di gossip, so invece che ha ricevuto una telefonata da Florentino Perez. Auguri, certo, ma anche una nuova, decisa proposta per la panchina del Real Madrid. L’anno scorso la telefonata...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510