VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Silvio Berlusconi: lascia senza elicotteri. Milan, ci penso io: firmato il governo cinese. Il mercato: regole e chiarezza. Gli avversari: il Milan torna in scena

06.08.2016 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 54762 volte

Serviranno per scappare dopo le sconfitte. Gli elicotteri di Tacconi sono lontani, lontanissimi, sperduti nel tempo. La Cavalcata delle Valchirie era una scelta, una firma. Se fai qualcosa, lo devi fare con forza, con convinzione. Non con la mano tremante. Queste le motivazioni dell'Arena e della squadra che scende in divisa ufficiale dal cielo di Milano. Non era spacconeria, ma un avviso ai naviganti. Ci siamo anche noi. Quanti altri ne ha dati, stagione dopo stagione, il Milan di Silvio Berlusconi. Il calcio non sarebbe stato più lo stesso: forse questa era l'intenzione. Ma alla fine non è andata così, perchè il Milan di Silvio Berlusconi è stato il Milan di sempre. Prima della nuova era, il Milan era stato Wembley '63, ma anche Cesena '82. E così è stato anche con la nuova proprietà: come Barcellona '94 era stata l'apoteosi ecco che Istanbul 2005 è stata terribile, lo stesso scarto esistito fra Verona '90 esemplare e Manchester 2003 al settimo cielo. Sono stati i battiti alti e bassi del Vecchio cuore rossonero, quelli di sempre, anche con Silvio. Che, dopo l'operazione al cuore, trascolora. Senza essere dimenticato mai. Quella di ieri per i veri milanisti è stata una giornata triste.

Il governo cinese è la garanzia della nuova proprietà del Milan. C'è un fondo sovrano, garantito dalla massima autorità cinese. Era vero, dunque. Ed era vero anche che oltre al pagamento della Società, esiste un piano di investimenti e di rilancio del Milan. Gli advisor finanziari e legali lato cinese e lato Fininvest sono il top a livello internazionale come banche d'affari e a livello nazionale in quanto a studi legali coinvolti nella strategia dell'operazione. Non era una farsa. Non era l'ennesima presa in giro. Non era uno strano giro di soldi, citiamo alla rinfusa tutti i pregiudizi che sono stati rinfacciati a Silvio Berlusconi nell'ultimo anno e mezzo. Non era una trattativa impossibile, non erano condizioni capestro per indurre la controparte ad uscire dall'affare. Non era nulla di quanto è stato insinuato. Era qualcosa, proprio ed esattamente come nel 1986, di incomprensibile per i Tacconi di turno. Spiace poi che Stefano sia passato alla storia perchè all'epoca non parlava mai nessuno e certe uscite rimanevano scolpite, oggi invece parlano tutti e la fanno franca.

Il Milan farà mercato per rinforzare, per quanto possibile, la squadra dopo il signing di ieri. La nuova governance entrerà in scena dopo il closing. Il mercato del Milan funzionerà in maniera molto chiara. Dopo i 15 milioni già versati, e in attesa degli 85 prima e dei 400 poi, oltre che dell'accollo dei debiti, su ogni giocatore dovrà esserci condivisione. Se l'attuale proprietà propone un giocatore e gli uomini della Sino-Europe non sono d'accordo non si vanno a creare frizioni o a stabilire arbitrati, il tal giocatore non arriva. Punto. La stesso cosa accade all'inverso, sul tal prospetto indicato dai nuovi quasi proprietari ed eventualmente non condiviso da Silvio Berlusconi e Adriano Galliani. L'ad sportivo farà questo lavoro con Marco Fassone. Le regole sono chiare, si naviga a vista con le rispettive competenze, in attesa di quello che accadrà a gennaio. Galliani e Fassone (vengono in mente Galliani e Foscale del 1986) sono stati amici durante e dopo Montecarlo-Kondogbia e sapranno essere costruttivi e professionali anche in questo frangente.

Sì, il Milan torna. Allenatori che parlano del Milan come di una strana cosa in stato confusionale, trasmissioni che ridicolizzano il Milan come ha fatto in settimana Andrea Scanzi. Tutto questo ha fatto male, ma tutto questo sta finendo. Nuova proprietà e nuove risorse sì, ma soprattutto normalità e stabilità. Due cose di mercato ha fatto il Milan quest'estate, ma le ha fatte da Milan. Lapadula, tutti convinti andasse a Napoli o Juventus e invece all'improvviso una sera ecco il Milan, Ed è stato Milan. Lo stesso dicasi per Gustavo Gomez, preso perchè è forte, non perchè costa poco. Se sarà così anche per Cuadrado, per qualche altro attaccante o per il o i centrocampisti che servono al Milan, lo scopriremo nei prossimi giorni. Non è questo il punto. Il Milan non si candiderà ad essere l'anti-Juve ma aspira ad essere una squadra normale. Una squadra che giochi a pallone, destinando sè stessa a crescere negli anni successivi. Uno stadio che sappia creare l'allure del fattore campo, una tifoseria che non produca mostri e mostriciattoli. Sono obiettivi minimi, di start up. Non sono gli obiettivi dell'Arena. Ma Silvio Berlusconi ha insegnato a credere e a sviluppare. La sua manovra d'atterraggio è stata fra le turbolenze. Ma lassù, durante il volo, chi non è stato milanista non può nemmeno lontanamente immaginare cosa si è visto, cosa si è provato e cosa si è vinto. Grazie.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Balotelli: il Milan c'entra Buffon: come Rivera l'ultimo anno Thohir: Inter usata in chiave anti Milan? 20.01 - Cosa c'entra il Milan con Mario Balotelli? Niente. Anzi, parliamone. La prima sensazione infatti è che l'apertura di credito a quanto sta facendo Balo in Ligue 1 significa che i cannoni mediatici restano belli accesi e belli carichi proprio sul Milan in relazione a eventuali sviluppi...

EditorialeDI: Luca Serafini

Napoli, Inter, Roma: mercato pro-Juve, ma fanno notizia le ombre del Milan 19.01 - Non cadete nelle trappole propagandistiche. La politica italiana ha così pochi argomenti propositivi che l’unico esercizio remunerativo appare la distruzione verbale dell’avversario. Insulti, minacce, dubbi e sospetti, così l’operazione Berlusconi-Milan cinese è diventato (dopo il...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter avanti per Rafinha, ma spuntano le alternative, le mosse (segrete) del Napoli e quelle (clamorose) delle spagnole: da CR7 a Griezmann... 18.01 - Il primo incontro con il Barcellona ora deve maturare. L'Inter, con il suo direttore sportivo, ha allacciato ufficialmente i rapporti (fra società importanti come Inter e Barca è molto meglio, anche diplomaticamente, parlarne di persona) e ha "lanciato" l'ultima offerta. 35 milioni...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.