VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Silvio Berlusconi: lascia senza elicotteri. Milan, ci penso io: firmato il governo cinese. Il mercato: regole e chiarezza. Gli avversari: il Milan torna in scena

06.08.2016 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 54725 volte

Serviranno per scappare dopo le sconfitte. Gli elicotteri di Tacconi sono lontani, lontanissimi, sperduti nel tempo. La Cavalcata delle Valchirie era una scelta, una firma. Se fai qualcosa, lo devi fare con forza, con convinzione. Non con la mano tremante. Queste le motivazioni dell'Arena e della squadra che scende in divisa ufficiale dal cielo di Milano. Non era spacconeria, ma un avviso ai naviganti. Ci siamo anche noi. Quanti altri ne ha dati, stagione dopo stagione, il Milan di Silvio Berlusconi. Il calcio non sarebbe stato più lo stesso: forse questa era l'intenzione. Ma alla fine non è andata così, perchè il Milan di Silvio Berlusconi è stato il Milan di sempre. Prima della nuova era, il Milan era stato Wembley '63, ma anche Cesena '82. E così è stato anche con la nuova proprietà: come Barcellona '94 era stata l'apoteosi ecco che Istanbul 2005 è stata terribile, lo stesso scarto esistito fra Verona '90 esemplare e Manchester 2003 al settimo cielo. Sono stati i battiti alti e bassi del Vecchio cuore rossonero, quelli di sempre, anche con Silvio. Che, dopo l'operazione al cuore, trascolora. Senza essere dimenticato mai. Quella di ieri per i veri milanisti è stata una giornata triste.

Il governo cinese è la garanzia della nuova proprietà del Milan. C'è un fondo sovrano, garantito dalla massima autorità cinese. Era vero, dunque. Ed era vero anche che oltre al pagamento della Società, esiste un piano di investimenti e di rilancio del Milan. Gli advisor finanziari e legali lato cinese e lato Fininvest sono il top a livello internazionale come banche d'affari e a livello nazionale in quanto a studi legali coinvolti nella strategia dell'operazione. Non era una farsa. Non era l'ennesima presa in giro. Non era uno strano giro di soldi, citiamo alla rinfusa tutti i pregiudizi che sono stati rinfacciati a Silvio Berlusconi nell'ultimo anno e mezzo. Non era una trattativa impossibile, non erano condizioni capestro per indurre la controparte ad uscire dall'affare. Non era nulla di quanto è stato insinuato. Era qualcosa, proprio ed esattamente come nel 1986, di incomprensibile per i Tacconi di turno. Spiace poi che Stefano sia passato alla storia perchè all'epoca non parlava mai nessuno e certe uscite rimanevano scolpite, oggi invece parlano tutti e la fanno franca.

Il Milan farà mercato per rinforzare, per quanto possibile, la squadra dopo il signing di ieri. La nuova governance entrerà in scena dopo il closing. Il mercato del Milan funzionerà in maniera molto chiara. Dopo i 15 milioni già versati, e in attesa degli 85 prima e dei 400 poi, oltre che dell'accollo dei debiti, su ogni giocatore dovrà esserci condivisione. Se l'attuale proprietà propone un giocatore e gli uomini della Sino-Europe non sono d'accordo non si vanno a creare frizioni o a stabilire arbitrati, il tal giocatore non arriva. Punto. La stesso cosa accade all'inverso, sul tal prospetto indicato dai nuovi quasi proprietari ed eventualmente non condiviso da Silvio Berlusconi e Adriano Galliani. L'ad sportivo farà questo lavoro con Marco Fassone. Le regole sono chiare, si naviga a vista con le rispettive competenze, in attesa di quello che accadrà a gennaio. Galliani e Fassone (vengono in mente Galliani e Foscale del 1986) sono stati amici durante e dopo Montecarlo-Kondogbia e sapranno essere costruttivi e professionali anche in questo frangente.

Sì, il Milan torna. Allenatori che parlano del Milan come di una strana cosa in stato confusionale, trasmissioni che ridicolizzano il Milan come ha fatto in settimana Andrea Scanzi. Tutto questo ha fatto male, ma tutto questo sta finendo. Nuova proprietà e nuove risorse sì, ma soprattutto normalità e stabilità. Due cose di mercato ha fatto il Milan quest'estate, ma le ha fatte da Milan. Lapadula, tutti convinti andasse a Napoli o Juventus e invece all'improvviso una sera ecco il Milan, Ed è stato Milan. Lo stesso dicasi per Gustavo Gomez, preso perchè è forte, non perchè costa poco. Se sarà così anche per Cuadrado, per qualche altro attaccante o per il o i centrocampisti che servono al Milan, lo scopriremo nei prossimi giorni. Non è questo il punto. Il Milan non si candiderà ad essere l'anti-Juve ma aspira ad essere una squadra normale. Una squadra che giochi a pallone, destinando sè stessa a crescere negli anni successivi. Uno stadio che sappia creare l'allure del fattore campo, una tifoseria che non produca mostri e mostriciattoli. Sono obiettivi minimi, di start up. Non sono gli obiettivi dell'Arena. Ma Silvio Berlusconi ha insegnato a credere e a sviluppare. La sua manovra d'atterraggio è stata fra le turbolenze. Ma lassù, durante il volo, chi non è stato milanista non può nemmeno lontanamente immaginare cosa si è visto, cosa si è provato e cosa si è vinto. Grazie.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Marotta e Paratici, ha ragione Agnelli: serve un altro Higuain. Napoli, adesso o mai più. Sabatini: trattative diverse (e non va bene) rispetto a quanto annunciato 23.07 - Lucida follia. Un anno fa, quando la Juventus annunciò l'acquisto di Gonzalo Higuain dal Napoli grazie al pagamento della clausola da 90 milioni di euro, commentai così il trasferimento del Pipita. Un'operazione economicamente folle per i bianconeri per un calciatore...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, dal ruggito di Huarong al ruggito di Florentino. Belotti: tutte le carte in tavola. Napoli: uno Scudetto già vinto. 22.07 - Due anni di sarcasmo, di dileggio e di ironie sul Milan. Una montagna di sentenze e di previsioni nefaste che ha partorito un topolino dal numero 19. E' di questo che ci si è ridotti a discutere. Il Milan di Yonghong Li fa esageratamente quella campagna acquisti milionaria per la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cairo dice no, ma Belotti ha l'accordo col Milan. Arriva Kalinic. Troppi dubbi su Montella. Juve: ok Berna, ma il centrocampista? Milinkovic Savic con Matic o Matuidi. Inter in difficoltà 21.07 - Cairo resiste, dice no al corteggiamento del Milan e alla cessione di Belotti, ma alla fine si farà. Servirà tempo, trattative giuste, pazienza, ma Belotti al Milan è nella logica delle cose e del mercato. Nonostante tutto. Una società come il Milan che sta spendendo più dell’impossibile,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....

EditorialeDI: Marco Conterio

Dalla Juventus al Milan, dall'Inter alla Roma e non solo: i retroscena sui colpi che preparano adesso le grandi d'Italia. E' anche il mercato dei procuratori: tutti gli affari già a segno 16.07 - E' una splendida estate. Inattesa. Il Milan s'è preso la copertina ma mica è finita. Già, perché adesso la premiata coppia Fassone-Mirabelli cerca la ciliegina in attacco e non è da escludere che per il centrocampo arrivi pure un altro colpo con Suso possibile partente. E' da Scudetto?...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato 15.07 - Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci capitano del Milan: tutti i retroscena sul divorzio dell'anno. Episodi inquietanti. Ha vinto Allegri. Epurazione, anche Cuadrado e Mandzukic in partenza. In arrivo Manolas. Viola, caos Kalinic 14.07 - Bonucci al Milan è il divorzio dell’anno e forse anche di più. Non siamo infatti solo davanti a un semplice trasferimento a sorpresa, questa vicenda racconta di una Juventus in ebollizione e trasformazione che sta cercando di porre fine a un evidente strappo di spogliatoio iniziato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.