VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Sinisa, gli alibi stanno finendo. Sensi? Non paragonatelo a Verratti. Primavera: tutti i prospetti da serie A. Mercato Lega Pro: ecco i futuri Sensi e Diawara

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
23.11.2015 11:10 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 42995 volte
© foto di Federico De Luca

Ha ragione Berlusconi quando dice che chi perde deve stare zitto, chi vince parla. Il problema è che Berlusconi è in silenzio da ormai troppi anni e più che subire queste continue figuracce dovrebbe intervenire e provare a fare qualcosa. La sensazione è che il Presidente abbia perso fame e mordente. Non ha più voglia di andare nello spogliatoio e ribaltare tutto e tutti. Dopo 32 anni la stanchezza inizia a farsi sentire e, probabilmente, non ha neanche voglia di pensare a come ribaltare una società che non ha una minima organizzazione di calciomercato. L'ultimo "capolavoro" è stato l'allontanamento di Ariedo Braida e i continui cambi di allenatore non agevolano un percorso di crescita che di questo passo non arriverà nell'immediato. I tifosi del Milan fanno bene a ribellarsi ad una gestione societaria senza né capo né coda. Raiola dice di essere amico del Milan ma, nel frattempo, rifila il pacco Balotelli. Riso è uomo vicinissimo a Galliani e il Milan spedisce Bryan Cristante, classe 1995, al Benfica. Poi piovono 50 milioni dal cielo di Arcore e il Milan cosa fa? Non prende un top player ma divide il bottino e lo distruibuisce per prendere Romagnoli e Bertolacci. Roba da cancellare anni di capolavori come Gullit, Weah, Van Basten, Gattuso e Kakà. Il Milan non vince neanche con la peggior Juventus degli ultimi anni, anche se la squadra di Allegri è in crescita; almeno di risultati. Per Mihajlovic stanno finendo gli alibi e Sinisa sta perdendo la pazienza. Non sopporta che Berlusconi lo punzecchi costantemente e la verità è che la squadra non lo segue. Ha calciatori scarsi e Sinisa non è un fenomeno che trasforma giocatori normali in giocatori di valore. Probabilmente il Milan resterà per un altro anno fuori dalla Champions League ma con l'accumulo di debiti e con le casse della holding di riferimento che non sono più solide come anni fa non consente di far svoltare una società che avrebbe bisogno di nuovi azionisti e di un drastico cambio di gestione manageriale.
Si avvicina gennaio e siamo in pieno mercato. Faccio una premessa: di operatori bravi, in Italia, ce ne sono davvero pochi. Come si giudica un bravo Direttore Sportivo? 1) Conoscenza dei calciatori dalla serie A alla serie D + Primavera ed estero 2)Capace nella gestione dell'ordinario e dello spogliatoio 3)Non guarda i calciatori su Wy Scout ma sui campi 4)Ha una buona rete di collaboratori in giro per l'Italia 5)Non lavora sempre con gli stessi procuratori per gonfiare il proprio conto corrente in Svizzera o a Montecarlo. Fatto l'elenco, possiamo inserire nella classifica dei migliori Direttori Sportivi... Nessuno! In Italia gente brava ne abbiamo anche se nessuno, ad oggi, ha tutti i 5 requisiti sopra elencati. I nostri Direttori non conoscono i calciatori. Si fidano dei procuratori e non li prendono per merito ma solo per opportunità. Nessuno conosce i calciatori di serie C, perché la serie C non va in tv e si accorgono di giovani calciatori solo quando arrivano almeno in B (ovvero su Sky). Stefano Sensi è un ottimo calciatore ma 14 giornate a Cesena sono ancora poche per paragonarlo a Verratti e per dargli un valore di 10 milioni di euro. Non scherziamo. Lo scorso anno giocava nel San Marino e nessuno di noi conosceva il suo valore. A Cesena era andato in ritiro per poi essere girato in prestito in Lega Pro, Drago l'ha visto e ci ha puntato. Oggi lo paragonano a Verratti solo perché è basso come Verratti e gioca a centrocampo come lui. La verità è che i due non hanno nulla in comune. Sensi, assistito da Riso, è un ottimo prospetto del 1995 ma ha bisogno di dare continuità a queste prestazioni per valere subito una grande. Il mercato di oggi non ha più regole. Certamente Sensi può valere 10 milioni a novembre se Bertolacci vale 25 milioni, ma la verità è che Sensi deve chiudere la stagione alla grande e non può valere più di 5-6 milioni di euro.
Proviamo a parlare oggi dei Sensi del domani e non abituiamoci a seguire l'onda. Sensi piace al Milan? Allora lo vogliono anche Juve, Roma, Inter e Napoli. Non è così che si fa il mercato. Oggi sui campi di Primavera abbiamo sempre meno addetti ai lavori. Eppure c'è trippa per gatti. Ora vi faccio qualche nome ma state certi che i nostri Direttori non li conoscono e al massimo vanno in giro a prendere informazioni. Gli unici con una preparazione più ampia sui calciatori sconosciuti sono Giuntoli e Corvino.
Prendete appunti: la Juventus ha in Primavera un signor interno di centrocampo, Macek. Il Palermo può puntare su Lo Faso, attaccante esterno. Bravo anche il difensore mancino della Roma Pellegrini. Il Cagliari sta volando e guida il proprio girone. Tra i sardi il migliore è l'attaccante Murgia, di prospettiva e quasi pronto. Alla ribalta delle cronache di mercato c'è il centrocampista del Bari Castrovilli che piace alla Juventus. In campionato stanno faticando i Campioni d'Italia del Torino. Il migliore è Moreno Longo, l'allenatore. In campo da tenere d'occhio c'è Edera, esterno sinistro offensivo. Un buon trequartista ce l'ha l'Empoli: Mosti. Mentre aspettiamo tutti Locatelli del Milan. Dietro le punte non trascurerei anche Pierini del Sassuolo. Il portiere del futuro dell'Udinese non era Scuffet ma Meret. Talento fuori dal comune. Le scommesse da fare sono Pezzella del Palermo e Melegoni dell'Atalanta. C'è anche uno sconosciuto che, però, ha grandissime potenzialità. Gioca nell'Ascoli e si chiama Orsolini, attaccante esterno. Non è ancora in Primavera ma lo seguono già diverse big: 1999, centrocampista offensivo del Novara, si chiama Penna.
I nuovi Sensi e Diawara ci sono: basta andare a vedere anche la Lega Pro. Segnatevi questi nomi, oggi sconosciuti domani chissà...
Il Lecce ha in prestito un ottimo difensore centrale del 1996 dalla Fiorentina: Gigli. In viola farà benissimo. A Cosenza stanno facendo crescere bene un talentino del Palermo: Fiordilino, 1996, centrocampista centrale. Nel girone B molto interessante il '94 del Santarcangelo, Peterman, scuola Palermo. Classico play, può giocare anche in un centrocampo a due, molto intelligente. Grande sinistro e ottima struttura fisica. Pronto, almeno, per la B. Nel girone C spicca Di Chiara, 1993, terzino sinistro del Foggia di De Zerbi. Può giocare anche da esterno sinistro di centrocampo. La Casertana capolista ha un gioiellino niente male: Agyei, centrocampista centrale, anche se grandicello essendo del '92. Più giovane a Caserta c'è Tito, 1993, terzino sinistro che può coprire tutta la fascia. Se saliamo con l'età si può pescare anche a Matera: Zanchi, 1991, di proprietà del Perugia. Tra i 1994 consigliamo: Cicerelli, attaccante della Paganese. Fornito, mezz'ala del Messina e Padulano, attaccante esterno sempre del Messina. Ci sono in serie C molti giovani parcheggiati da club di serie A e serie B. Troiani, 1996, terzino destro del Benevento è di proprietà del Chievo Verona. Il Bologna crede molto in Vecsei, centrocampista offensivo del '93 parcheggiato a Lecce. Il Benevento ha anche Di Molfetta, 1996, attaccante del Milan. Da evidenziare anche un gioiellino del Trapani: Aloi, 1996, centrocampista centrale oggi all'Akragas. Il portiere del futuro è di proprietà del Novara, Montipò, 1996 oggi in prestito a Siena. Forte tra i pali, nelle uscite e grande personalità. Pronto per la B.
Nel 2009, con lo stesso articolo, consigliammo Simone Zaza. Speriamo di portare la stessa fortuna ad uno di questi ragazzi citati.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Rivoluzione? Invoco il Commissario… Juve, c’è un problema! Roma? Ha ragione Falcao… 22.11 - Sto ancora elaborando il lutto (l’esclusione dal Mondiale) ma mi sta anche salendo quella sana rabbia di chi pretende un cambiamento, non di facciata ma reale!!! Il popolo ha avuto il sangue che bramava: le teste di Ventura e Tavecchio sono rotolate sul selciato… Purtroppo, il resto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.