VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Sinisa, occhio che finisci anche tu nel frullatore. Roma show: un difensore e sei da scudetto. Zenga, vota Antonio vota Antonio! E De Laurentiis scopre gli altarini...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
10.08.2015 08.15 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 159241 volte
© foto di Federico De Luca

Questa notte cadono le stelle e avremo tutti la testa puntata verso il cielo. C'è chi ha l'età giusta per sognare e con il silenzio del mare e il buio della spiaggia aspetta la stellina per esprimere un desiderio. Ci sono le persone normali che esprimono desideri normali: la fortuna sul lavoro, un nuovo amore dopo la delusione o la salute per i propri cari. Poi ci sono gli sfigati. Quelli che sognano il 6 al superenalotto, la Ferrari da grande e la donna più bella del paese. Ci sono anche i "malati" di calcio che stanotte chiederanno al cielo Ibra al Milan, un nuovo centrocampista per la Juventus e lo scudetto per Roma e Napoli. Mihajlovic, invece, guarderà al cielo e l'unica stella che gli potrà venire in mente è quella di Paolo Villaggio: "Io speriamo che me la cavo". Al posto dei bambini di Arzano che cercano, invano, un rotolo di carta igienica ci sono i calciatori del Milan che, finora, non hanno dato le giuste garanzie a Sinisa. Berlusconi, da Villa Certosa, per ora tace e ogni tanto mugugna. Peggio di Inzaghi non è possibile fare e mentre Pippo giustamente gufa il Milan e festeggia al Rigatoni di Formentera, Sinisa starà pensando "Ma chi me l'ha fatto fare". Romagnoli è una scommessa del Mister. Se non sarà il nuovo Thiago Silva, Mihajlovic dovrà dare delle spiegazioni. Perché ha voluto solo lui e sempre lui e perché a Galliani hanno pignorato la casa, nella traversa di Via Manzoni, per portare Romagnoli in rossonero.
E' follia spendere circa 50 milioni per Romagnoli e Bertolacci. Su Bacca e Adriano ci siamo, 6 milioni in più o in meno non cambiano la vita del club, ma 50 milioni per un ex doriano e un ex genoano sono troppi. Il Milan non ha problemi di soldi, semplicemente ha un problema su come li investe. Parametri zero con contratti pluriennali e milionari, ora giovani di belle speranze pagati come fossero top player. C'è qualcosa che non torna. E un settore giovanile che non porta, con costanza, da troppo tempo un proprio ragazzo in prima squadra come pilastro del club. Galliani ha finanziato il mercato di Sabatini. Il Milan ha regalato Salah e Dzeko alla Roma, perché tra Romagnoli e Bertolacci, Walter Sabatini è andato a cena da Cipriani a Montecarlo con la carta di credito di Adriano. La Roma, in passato, ha sbagliato tanto e ha strapagato giocatori forti ma non campioni come Iturbe. Abbiamo, spesso, massacrato Sabatini ma questa estate ci sta piacendo. Colpi giusti al prezzo giusto, anticipando la concorrenza e vendendo bene. Perché dobbiamo finirla di far credere alla gente che un vero Direttore Sportivo è quello che acquista. Un bravo Ds è quello capace di vendere, a prezzi alti, e di autofinanziarsi il mercato. Sabatini sta imparando la lezione e ne esce vincitore assoluto da questi mesi estivi. Romagnoli e Bertolacci via per quasi 50 milioni per due calciatori che nella Roma non hanno mai lasciato il segno e sono stati solo giovani di passaggio, per poi presentarsi con Dzeko e Salah. E' stato anche fortunato, perché Gervinho era stato ceduto e invece Gervinho sarà una rivelazione. Lo scorso anno ha pagato dazio soprattutto per colpa della Coppa d'Africa. Questa'anno potrà essere devastante. Un difensore, solo un difensore, e la Roma potrà lottare per lo scudetto. A patto che la piazza non pressi troppo il gruppo e che Garcia non si inventi nulla. Deve solo guidare una macchina, non deve provare a fare il pilota; farebbe danni come lo scorso anno. Non imiti Mourinho e pensi a fare l'allenatore "normale". E' Garcia il vero problema di Sabatini e se, lo scorso anno, avesse colto la palla al balzo avrebbe potuto fare bingo con un sostituto. Un Mazzarri avrebbe fatto molto comodo a questa Roma. L'allenatore toscano ha dimostrato a Napoli che si può fare quello che Benitez non ha fatto e che all'Inter il problema non era lui, anzi...
Cassano è tornato! Lo avevamo annunciato una sera di luglio su Sportitalia, alle 23.02. L'Avvocato Bozzo aveva appena raggiunto l'accordo con Osti e Ferrero. Dopo 10 minuti dalla nostra notizia, gli insulti e gli improperi. "Non è possibile". "E' una caxxata"... Cassata! Zenga è impazzito. Ha alzato la voce con la stessa autorità di un allenatore che, prima della Samp, aveva vinto due scudetti, una Champions League e un mondiale per club. Aveva puntato i piedi, si era pronti allo strappo e si parlava già di "O lui o io". No Walter, se vuoi insieme. Altrimenti, se proprio dobbiamo decidere, LUI! Ha preso 4 schiaffi europei e il caratteraccio di Walter è venuto meno. Inghiottito dai primi risultati del campo. Quanto durerà Zenga? Forse fino a novembre. Per il momento non parla, altrimenti dovrebbe prenotare un altro volo per Dubai. La sua è stata una figuraccia e vorrei nascondermi nell'armadietto di Cassano per spiare il primo colloquio tra i due. Zenga: "Antonio, guarda che io ho sempre pensato che tu fossi un valore aggiunto. Ma non volevo distrarre la squadra dal preliminare di Europa League, quindi, ho dovuto fare quelle dichiarazioni. Se stai bene e sei in forma tu ci potrai dare una grande mano". Cassano a Zenga. "Tranquillo Mister, sei un grande. Voglio vincere tutto. Andiamoci a riprendere l'Europa". Ah, se quell'armadietto potesse parlare. Da questa trattativa ci sono due vincitori. Il primo è l'Avvocato Bozzo che ha condotto magistralmente la trattativa. Non è andato mai allo scontro pubblico con Zenga, da esperto ha mosso i fili giusti al momento giusto solo per il bene di Antonio. E' l'ennesima dimostrazione che un calciatore se decide di andare con Bozzo, ottiene risultati e soldi. Champagne, con le bollicine grazie. L'altro vincitore è Carlo Osti. Perché il mercato lo fanno Presidenti e Direttori, non l'allenatore. Lui ha lavorato sotto traccia e non ha mai messo in discussione, privatamente, la trattativa Cassano. Si doveva fare e si è fatta. Punto. Le chiacchiere e le ragnatele le lasciamo ad altri.
In chiusura Napoli. Che bello è... quando il tempo diventa galantuomo. Per anni ti becchi gli insulti dei tifosi da tastiera, poi invece le trattative di mercato vanno in un certo modo e anche le storie finiscono come un film del quale già conosci il finale. In sala ti insultano perché a voce alta hai detto "guarda che alla fine quello muore". Dalla fila dietro "ma stai zitto che non capisci nulla, continua a mangiare i pop corn". Sono due anni che scriviamo che il problema di Benitez, uno dei tanti, era la scarsa preparazione atletica. Il Napoli lavorava poco e male. I tifosi del Napoli hanno questo grande pregio/difetto: quando c'è un proprio tesserato attaccato da un giornalista lo difendono alla morte. Su Benitez mi scrissero che ero anti-napoletano e dovevo tacere. Vi dico una cosa: a me quest'anno il Napoli piace, come progetto, e tiferò per gli azzurri. In passato tra Benitez e Bigon mi veniva da piangere e non ho tifato per quel Napoli. De Laurentiis adesso scopre gli altarini. "Finalmente vedo a Castelvolturno doppie sedute di allenamento e tanto sudore. Mancava dai tempi di Mazzarri". Lo ha detto il Presidente. Evviva! Benitez a Napoli era venuto in vacanza, non aveva fame (sportiva) per il resto aveva eccome fame e si era appoggiato a Bigon che senza il cognome che porta nel calcio non lo avrebbero fatto entrare neanche dalla porta d'emergenza. Benitez faceva lavorare pochissimo e i risultati si sono visti. W Giuntoli e W Sarri. Arrivare a Napoli senza raccomandazioni deve essere motivo d'orgoglio.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

100 milioni per Belotti ma Dani Alves è costato 0. L'Inter vuole Conte, il Milan doveva rinnovare per Donnarumma tre mesi fa. La stampa si merita i lettori che ha... e viceversa 14.05 - È stata una settimana molto piena. Il Milan incomincia a tirare fuori le cartucce e incontra mezzo mondo, l'Inter esonera Pioli mentre la Juventus va a Cardiff, il Torino non vorrebbe cedere Belotti ma Cairo incomincia a contare i soldi, la Roma saluta Totti con l'omaggio di San Siro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan-Inter: derby senza soste. Allegri il cannibale: è a Cardiff, ma pensa a Doha. Chelsea: Antonio Conte come Diego Costa. Inter: i casi Medel e Gagliardini 13.05 - Il Milan tira dritto in silenzio. Lavora di giorno sotto la luce dei riflettori di Casa Milan e di notte, senza luci e senza riflettori. E forse quando si tireranno le fila del mercato estivo rossonero, si scoprirà che si è trattato di notti produttive. Degna di nota, esattamente...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.