HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Sorprese (e certezze) in Champions: Juve, CR7 e Pellegrini. E una foto - da non conservare - della nostra Serie A

08.11.2018 07:31 di Luca Marchetti   articolo letto 20860 volte
© foto di Federico De Luca

Bene: se la giornata di martedì ci aveva confermato che Napoli e Inter non solo hanno una propria posizione in Champions, ma che ce l'hanno anche Icardi e Insigne la sorpresa arriva dalle gare del mercoledì. Anzi le sorprese: una positiva e una negativa.
Chiaramente quella negativa è la sconfitta della Juventus. Non perché non si possa perdere in Champions contro il Manchester, ma per come è arrivata. La Juventus ha giocato una buona partita, con molte conclusioni in porta, con la possibilità di chiuderla. Ma gli ultimi minuti hanno consegnato alla Juventus la prima sconfitta stagionale, la prima nei gironi di Champions in casa dopo 9 anni (2009, Bayern Monaco). A 10 minuti dalla fine la Juve era qualificata e qualificata come prima. Il colpo di coda degli uomini di Mourinho (che ha rialimentato la rivalità con i tifosi della Juve con il suo gesto provocatorio a fine partita) ha rimesso in gioco la qualificazione: nulla di preoccupante, ci mancherebbe. Mancano due partite non insormontabili, la Juve è ancora prima e con un CR7 ritrovato anche in Europa.
Ronaldo finora nel suo giardino di casa non si era ancora accomodato. Vuoi per l'espulsione della prima giornata, ma comunque uno come lui non può rimanere a lungo senza segnare. Aveva voglia Cristiano, 11 tiri in porta prima del suo destro che lo ha sbloccato in Champions dopo 454 minuti. Allegri l'ha definita una sconfitta indolore, probabilmente è una di quelle partite che se le rigiochi allo stesso modo non perdi, ma la lezione arriva. Arriva perché quell'attenzione ai dettagli che bisogna sempre avere, soprattutto in Europa, non c'è stata nei minuti finali e la Juve è stata punita. Ne farà tesoro la squadra: dovrà essere più attenta, fino al 95esimo, dovrà essere più cinica, soprattutto se si fanno 23 tiri verso la porta del Manchester ma solo 3 costringono alla parata il portiere avversario.
La sorpresa positiva arriva dalla Roma. Non solo perché la squadra di Di Francesco sbanca Mosca (soltanto una volta era successo alle squadre italiane in Champions League in 12 incontri): la sua Roma in Europa ha una media pazzesca 1.88 punti a partita, più di ogni altro allenatore giallorosso. Ma per la consacrazione di Lorenzo Pellegrini: 50 presenze con la maglia della Roma e sempre più al centro del progetto di Di Francesco. I suoi numeri rischiano di passare inosservati: 5 assist in stagione, 5 gol in totale in queste 50 partite, primo gol in Champions League. Nella partita contro il CSKA gol e assist e tutto fatto con semplicità e con grande spirito di sacrificio. Interpreta il ruolo da trequartista con grande naturalezza la stessa che ha quando Di Francesco lo utilizza come mediano. Quando la Roma lo aveva ceduto al Sassuolo con il riacquisto a 10 milioni di euro tutti pensavano fosse una follia. Dopo l'esperienza in neroverde tutti hanno pensato che fosse un affare. La sua clausola a 30 milioni di euro (pagabili in due soluzioni) addirittura ora è bassa perché in molti stanno pensando a lui, per prima la Roma che non vede l'ora di poter ridiscutere con lui questo particolare (di non poco conto).
La situazione in Champions delle italiane è rosea, anche nei gironi più duri: l'Inter può gestire un discreto vantaggio sul Tottenham e il pareggio di Icardi (ancora una volta in rimonta: tutti i punti dell'Inter in Champions sono in rimonta) avendo già giocato andata e ritorno con il Barca; il Napoli è nel girone più duro ma è l'unica italiana imbattuta e si coccola uno straordinario Insigne.
L'altra considerazione è invece relativa allo stato di salute del calcio italiano: un discorso che abbiamo fatto spesso. E che quando escono gli studi (come quello del CIES) che analizzano i movimenti e i trasferimenti nei campionati europei torna d'attualità. Il CIES ha studiato gli ultimi 10 anni sotto tre aspetti: giocatori cresciuti nel settore giovanile, i giocatori stranieri presenti nelle varie leghe, e il numero dei giocatori che cambiano di anno in anno.
Bene la fotografia della nostra serie A non è da conservare sul comodino. Per quanto riguarda la percentuale dei giocatori (presenti nelle rose delle squadre di A) cresciuti nel proprio vivaio siamo gli ultimi in Europa: 7,4% in netta decrescita rispetto alla media del decennio precedente (9%). Gli stranieri presenti nel nostro campionato (e per stranieri non si intendono quelli con la carta d'identità di un altro stato ma proprio quelli formati calcisticamente in un altro paese) sono più della metà: 56.5%. Dei paesi più importanti (il BIG5) con pù "stranieri" di noi c'è solo la Premier. E anche questo è un dato in crescita visto che gli ultimi 10 anni è del 52%. In ultimo il numero dei giocatori che si cambiano ogni anno: qui la serie A non teme confronti. Ogni anno (in media) in Italia si cambia il 47% della rosa (Germania e Inghilterra sono al 32% circa). Una foto che dovremmo cercare di cambiare. Una foto che Gravina dovrebbe guardare per cercare dei correttivi, concreti.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...

Editoriale DI: Marco Conterio

La caccia al nuovo sogno mercato della Juventus passa dai conti. E dall'inevitabile partenza di un big. Icardi, decimo stipendio della A: con l'Inter è braccio di ferro economico 13.01 - Kylian Mbappè. Come sogno e come chimera. Come grande obiettivo, perché "adesso la Juventus deve puntare i nuovi Cristiano Ronaldo". E chi meglio del crack francese che col portoghese si scattava le foto da giovane e imberbe talento? Chi meglio di un giocatore che a Parigi non vive...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain e Morata situazione in evoluzione, ma il Milan punta a tenere il Pipita. Icardi-Inter vertice in settimana per trattare il rinnovo.  Juventus, dopo Ramsey ora è il turno di Romero. Per Barella continua il pressing di Chelsea e Napoli 12.01 - Sono giorni importanti per capire il futuro di Higuain e Morata. Le posizioni sono molto chiare. Sarri considera il Pipita l’uomo giusto per aumentare tantissimo il potenziale offensivo del Chelsea. Sta spingendo perché questa possa diventare un’ipotesi concreta fin da subito. Higuain...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri-Real Madrid: contatto. Icardi, fissato l’incontro per il rinnovo. I piani di Marotta per la firma. Pregiudizi su Wanda: fa solo il suo lavoro. Higuain vuole solo il Chelsea e mette in crisi Leonardo 11.01 - Non so se Max Allegri durante le recenti vacanze abbia davvero sposato Ambra come scrivono i giornali di gossip, so invece che ha ricevuto una telefonata da Florentino Perez. Auguri, certo, ma anche una nuova, decisa proposta per la panchina del Real Madrid. L’anno scorso la telefonata...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Icardi e il rinnovo, Higuain e il Chelsea. Le novità su Ramsey, il ritorno di Gabbiadini e le strategie del Napoli... 10.01 - L'ultimo colpo di giornata lo ha messo a segno la Sampdoria che riabbraccia Gabbiadini. Lo riporta in blucerchiato: operazione complessiva da 12 milioni di euro (3 di prestito e 9 per il riscatto obbligatorio più bonus legati alla qualificazione in Europa). La Samp non voleva lasciarsi...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Godinopoli: l’Inter sta per fregare la Juventus per la prima volta dopo tanti anni, soffiandole Godin. Il messaggio di Marotta alla Juventus è chiaro. Skriniar: il Manchester United c’è, il rinnovo no 09.01 - La tentazione è davvero tanta per non usare questa parola, e come diceva Oscar Wilde: “Posso resistere a tutto, tranne che alle tentazioni”. E’ Godinopoli: il colpo che l’Inter sta portando a termine, concludendo l’acquisto di Diego Godin, è un cambio epocale nella storia minima...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Quanti nomi attorno all'Inter, ma solo al prezzo giusto (con due parole su Robben). Juve, Ronaldo porta Ramsey. E Ramsey porta... W il mercato, anche se a gennaio vince sempre... il fairplay finanziario 08.01 - Buon Natale a te e famiglia. Così, a sorpresa. La depressione da rientro post-feste renderà questo editoriale più sconclusionato del solito. Io vi ho avvusato. Con la "u", avvusato. Il rientro dalle feste natalizie è uno schifo perché ti senti grasso e quando torni a casa c'è...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, se ci sei batti un colpo. Muriel, tocco di classe del "Corvo". Inter, sveglia su Barella. Nella "Gabbia" dorata della Premier 07.01 - La situazione del Milan rischia di diventare, seriamente, pericolosa. Dopo i complimenti che abbiamo fatto a Leonardo per come ha difeso Gattuso, pubblicamente, prima della gara con la Spal oggi dovremmo fare alcune riflessioni di mercato. Perché, appunto, il mercato è una cosa seria....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->