HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?
  Barcellona
  Juventus
  Manchester United
  Liverpool
  Manchester City
  Ajax
  Porto
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Sorprese (e certezze) in Champions: Juve, CR7 e Pellegrini. E una foto - da non conservare - della nostra Serie A

08.11.2018 07:31 di Luca Marchetti   articolo letto 20866 volte
© foto di Federico De Luca

Bene: se la giornata di martedì ci aveva confermato che Napoli e Inter non solo hanno una propria posizione in Champions, ma che ce l'hanno anche Icardi e Insigne la sorpresa arriva dalle gare del mercoledì. Anzi le sorprese: una positiva e una negativa.
Chiaramente quella negativa è la sconfitta della Juventus. Non perché non si possa perdere in Champions contro il Manchester, ma per come è arrivata. La Juventus ha giocato una buona partita, con molte conclusioni in porta, con la possibilità di chiuderla. Ma gli ultimi minuti hanno consegnato alla Juventus la prima sconfitta stagionale, la prima nei gironi di Champions in casa dopo 9 anni (2009, Bayern Monaco). A 10 minuti dalla fine la Juve era qualificata e qualificata come prima. Il colpo di coda degli uomini di Mourinho (che ha rialimentato la rivalità con i tifosi della Juve con il suo gesto provocatorio a fine partita) ha rimesso in gioco la qualificazione: nulla di preoccupante, ci mancherebbe. Mancano due partite non insormontabili, la Juve è ancora prima e con un CR7 ritrovato anche in Europa.
Ronaldo finora nel suo giardino di casa non si era ancora accomodato. Vuoi per l'espulsione della prima giornata, ma comunque uno come lui non può rimanere a lungo senza segnare. Aveva voglia Cristiano, 11 tiri in porta prima del suo destro che lo ha sbloccato in Champions dopo 454 minuti. Allegri l'ha definita una sconfitta indolore, probabilmente è una di quelle partite che se le rigiochi allo stesso modo non perdi, ma la lezione arriva. Arriva perché quell'attenzione ai dettagli che bisogna sempre avere, soprattutto in Europa, non c'è stata nei minuti finali e la Juve è stata punita. Ne farà tesoro la squadra: dovrà essere più attenta, fino al 95esimo, dovrà essere più cinica, soprattutto se si fanno 23 tiri verso la porta del Manchester ma solo 3 costringono alla parata il portiere avversario.
La sorpresa positiva arriva dalla Roma. Non solo perché la squadra di Di Francesco sbanca Mosca (soltanto una volta era successo alle squadre italiane in Champions League in 12 incontri): la sua Roma in Europa ha una media pazzesca 1.88 punti a partita, più di ogni altro allenatore giallorosso. Ma per la consacrazione di Lorenzo Pellegrini: 50 presenze con la maglia della Roma e sempre più al centro del progetto di Di Francesco. I suoi numeri rischiano di passare inosservati: 5 assist in stagione, 5 gol in totale in queste 50 partite, primo gol in Champions League. Nella partita contro il CSKA gol e assist e tutto fatto con semplicità e con grande spirito di sacrificio. Interpreta il ruolo da trequartista con grande naturalezza la stessa che ha quando Di Francesco lo utilizza come mediano. Quando la Roma lo aveva ceduto al Sassuolo con il riacquisto a 10 milioni di euro tutti pensavano fosse una follia. Dopo l'esperienza in neroverde tutti hanno pensato che fosse un affare. La sua clausola a 30 milioni di euro (pagabili in due soluzioni) addirittura ora è bassa perché in molti stanno pensando a lui, per prima la Roma che non vede l'ora di poter ridiscutere con lui questo particolare (di non poco conto).
La situazione in Champions delle italiane è rosea, anche nei gironi più duri: l'Inter può gestire un discreto vantaggio sul Tottenham e il pareggio di Icardi (ancora una volta in rimonta: tutti i punti dell'Inter in Champions sono in rimonta) avendo già giocato andata e ritorno con il Barca; il Napoli è nel girone più duro ma è l'unica italiana imbattuta e si coccola uno straordinario Insigne.
L'altra considerazione è invece relativa allo stato di salute del calcio italiano: un discorso che abbiamo fatto spesso. E che quando escono gli studi (come quello del CIES) che analizzano i movimenti e i trasferimenti nei campionati europei torna d'attualità. Il CIES ha studiato gli ultimi 10 anni sotto tre aspetti: giocatori cresciuti nel settore giovanile, i giocatori stranieri presenti nelle varie leghe, e il numero dei giocatori che cambiano di anno in anno.
Bene la fotografia della nostra serie A non è da conservare sul comodino. Per quanto riguarda la percentuale dei giocatori (presenti nelle rose delle squadre di A) cresciuti nel proprio vivaio siamo gli ultimi in Europa: 7,4% in netta decrescita rispetto alla media del decennio precedente (9%). Gli stranieri presenti nel nostro campionato (e per stranieri non si intendono quelli con la carta d'identità di un altro stato ma proprio quelli formati calcisticamente in un altro paese) sono più della metà: 56.5%. Dei paesi più importanti (il BIG5) con pù "stranieri" di noi c'è solo la Premier. E anche questo è un dato in crescita visto che gli ultimi 10 anni è del 52%. In ultimo il numero dei giocatori che si cambiano ogni anno: qui la serie A non teme confronti. Ogni anno (in media) in Italia si cambia il 47% della rosa (Germania e Inghilterra sono al 32% circa). Una foto che dovremmo cercare di cambiare. Una foto che Gravina dovrebbe guardare per cercare dei correttivi, concreti.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve vs. Uefa: la decisone su Ronaldo (e quella già presa a prescindere). Inter: i 5 segreti di una battaglia vinta col cuore (e l'incontro pre-derby di Icardi). Milan: su Gattuso il solito banco degli imputati (con un’incredibile compagnia) 19.03 - Complimenti per la trasmissione. La differenza tra la pausa per la nazionale e la pausa per la nazionale dopo una vittoria è che ti rompi le balle lo stesso, ma con una bella faccia di tolla stampata sul volto. Il qui scrivente c’ha la faccia di tolla, perché temeva di essere suonato...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Le scuse ad Allegri e le scuse di Spalletti: trova la differenza. Napoli, la strada per essere grande si fa in salita. Bologna, Sinisa ha smontato la testa. Gravina-Brunelli-De Siervo, asse contro Di Maio che vuole far perdere al calcio 2 miliardi 18.03 - La Toscana non è uguale in tutte le sue città. Firenze non è Livorno, Siena non è Pisa e Forte dei Marmi non è Grosseto. Ognuna di queste ha le sue bellezze. Anche i toscani sono diversi tra di loro. Ci sono quelli simpatici che fanno ridere e quelli che vogliono fare i simpatici...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il Mondo capovolto: la Juve clamorosamente tra le grandi favorite Champions. Ajax, talenti e delusioni cocenti. Messi o Cristiano Ronaldo? Lo scontro possibile e il derby di oggi. Tutto di un altro pianeta 17.03 - Adesso che il cerchio si stringe, su Tuttomercatoweb.com abbiamo aperto il sondaggio che di per se ha poco d'originale, tanto di banale ma che ha il gran dubbio della risposta finale. "Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?". Otto opzioni, di fatto i lettori ne stanno votando,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli: Insigne, Koulibaly e Allan restano. Per il centrocampo c’è Fornals, in attacco Lozano prima scelta. Per il futuro di Allegri bisogna aspettare ancora, Conte e Deschamps nomi da monitorare. Il Real ripensa a Milinkovic Savic 16.03 - I motori si stanno scaldando. La Primavera in arrivo sta accendendo il mercato. Il Napoli è sempre molto attivo. Ancelotti e la società sono convinti di poter crescere ancora e per questo l’obiettivo è tenere tutti i big. Non c’è alcuna volontà di prendere in considerazione offerte...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter fuori dall’Europa paga caro il caso-Icardi. Un capitano vero avrebbe giocato. Zhang furioso lo vuole sul mercato. Derby ad alto rischio. Spalletti via, Conte ha chiesto tempo. Il caso Mourinho. 15.03 - L’Europa League era uno degli obiettivi stagionali, ora per non fallire completamente la stagione, all’Inter non resta che la caccia alla Champions, con il Derby alle porte, in un momento complicatissimo. Questa situazione drammatica è il frutto amaro del caso Icardi che da oltre...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Una Champions da sballo e il dominio inglese. L’orgoglio italiano di Napoli e Inter e la rivoluzione in casa Real 14.03 - Ora abbiamo le favolose 8 d’Europa. E nei giorni in cui si discute tantissimo della Brexit, le squadre della Premier danno un chiaro indirizzo: in Champions vogliono dettare loro la legge. L’ultima volta che si era verificato un evento del genere era esattamente 10 anni fa: Arsenal,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Attenzione Icardi: contatto e offerta Real Madrid! E nel frattempo l’Inter proibisce l’incontro con Zhang Hanno ucciso Allegri. Allegri è vivo! Come può non essere la Juventus la favorita della Champions? 13.03 - Juve da Champions negli occhi di tutti, ma c’è la precedenza al notizione su Icardi. E anche se incombe il derby e l’attualità, attenzione alla novità. Nella giornata di lunedì il Real Madrid (proprio nelle stesse ore dell'arrivo di Zidane) ha contattato l’entourage di Icardi. Un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la scelta di Zidane e il futuro di Allegri… nel giorno del giudizio. Inter: la pace solo a parole tra Icardi e Spalletti. Roma: c’è un vero, grande acquisto 12.03 - La prima cosa che mi viene da scrivere è che Zidane è tutto tranne che rincoglionito. I rincoglioniti non sanno scegliere il momento giusto, lui ha mollato Madrid un anno fa, ha capito che questa per gli amici spagnoli sarebbe stata una stagione fetente, si è fatto l’anno sabbatico...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve, la notte verità. Inter, basta frecciatine. Spalletti-Marotta chiudetevi nello spogliatoio. Roma, follia pura. Foggia, “Nember One” Venezia, da Vecchi-Zenga a Cosmi la gondola non gongola 11.03 - Potete raccontarci quello che volete. La cena tra Agnelli e Allegri, la Champions che è un’ossessione della stampa e non del club, che la partita di domani sera con l’Atletico Madrid sarà una come tante altre. Sappiamo e sapete che non è così. Domani, a Torino, ci sarà un bivio. Se...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Kean rischia di diventare un caso, sarà sacrificato in estate? La Roma pensa al casting, mentre l'Inter perde candidati alla panchina. Il Napoli può vincere l'Europa League 10.03 - L'Italia scopre, o meglio riscopre, Moise Kean, attaccante della Juventus, primo 2000 a giocare in Serie A. In un periodo in cui i minorenni vanno poco di moda, Donnarumma a parte, poteva sembrare un buon punto da cui ripartire anche per la nostra Nazionale, in preda a un'anemia di...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510