VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Sousa verso l'esonero, disastro Fiorentina. E adesso Kalinic può andare in Cina. Ranieri finito il fattore C. Allegri, ecco perché andrà via. Dybala firma fino al 2021

24.02.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 41523 volte
Sousa verso l'esonero, disastro Fiorentina. E adesso Kalinic può andare in Cina. Ranieri finito il fattore C. Allegri, ecco perché andrà via. Dybala firma fino al 2021

Succede l’incredibile a Firenze. La Fiorentina in vantaggio per 2-0 dopo l’1-0 dell’andata, si fa battere 4-2. Un crollo verticale di una squadra che chiude la stagione qui, a febbraio: fuori da tutto. E adesso? Dopo la contestazione a caldo, allo stadio, nella notte c’è stato un vertice fra Della Valle, Cognigni e Corvino, l’esonero di Sousa è nell’aria. Dare in pasto la testa dell’allenatore ai tifosi furibondi può essere una facile soluzione anche per scaricare le responsabilità, ma nel mirino di Firenze c’è la proprietà, non soltanto Sousa. Capiremo qualcosa di più oggi, dopo un ko così clamoroso qualcosa deve succedere.

Ma ora torna d’attualità anche il futuro di Kalinic. I cinesi del Tianjin non mollano, il mercato è aperto fino al 28 febbario e Cannavaro vuole a tutti i costi l’attaccante viola. Dopo il no di Bacca, un goleador serve più che mai, è probabile che alla fine i cinesi decidano di pagare la clausola da 50 milioni imposta dalla Fiorentina e provino ancora una volta a convincere Kalinic. Ora che la viola non ha più obiettivi e l’ano prossimo sarà fuori dll’Europa, potrebbe essere più facile ottenere l’ok del croato. L’offerta potrebbe salire a 15 milioni, vedremo se resisterà ancora. Anche qui la parola fine di questa lunga vicenda non è ancora scritta.

Resta un disastro vero, frutto di due anni di politica totalmente sbagliata dai Della Valle che hanno smesso di spendere, non hanno fatto mercato, portato a Firenze giocatori imbarazzanti e non cambiato Sousa l’estate scorsa per non pagare due allenatori. Sono anni che mancano un difensore centrale e un esterno di valore, neppure Corvino è riuscito a trovarne all’altezza. Roba da non credere, situazione incredibile a certi livelli. Un fallimento.

E’ fallita anche la stagione di Ranieri. Dopo la storica Premier, il trionfo, la glorificazione, la storia, il Leicester rischia la retrocessione. I meriti di Ranieri restano, quella stagione ha segnato la centenaria storia del pallone, ma il suo calcio vecchio non poteva durare a lungo. L’anno scorso ha vinto con il contropiede, sorprendendo tutti. Ha sfruttato una stagione magica di alcuni giocatori e un modo di giocare inusuale per la Premier. E’ stato grande nel motivare. Ma quando non c’è cultura calcistica allargata, quando i valori sono modesti, i sogni svaniscono in fretta e torna la dura realtà. Dalla gloria è tornato Tinkerman, il pasticcione come lo chiamano gli inglesi, di sempre.

Rimanendo in Premier, per un italiano che va, presto ne arriverà un altro. Parlo di Allegri. Straordinaria la sua Juve, bellissima l’impresa con il Porto, il nuovo modulo funziona (alleluja), ma neppure l’eventuale vittoria in Champions potrà fermare Allegri. Ha deciso di chiudere il ciclo bianconero, difficile fare meglio. Da cosa si capisce? Anche da tutte le reazioni dei giocatori contro l’allenatore, l’ultima di una lunga serie quella di Bonucci. Come mai tutti si permettono certe licenze? Perché hanno capito che Allegri andrà via, l’anno prossimo ci sarà un altro in panchina e certi rapporti difficili non ha più senso nasconderli. Il calcio è strano, mi lascio un margine di dubbio, ma la vicenda sembra chiara. Come chiaro l’ermetismo di Spalletti. In attesa la Juve continua nei suoi programmi futuri. L’obiettivo ora è blindare Dybala. Il suo procuratore Triulzi è in Italia, la firma sul nuovo contratto potrebbe arrivare nel week end. Sette milioni al giocatore fino al 2021. Un modo per ancorare l’argentino alla Juve e per avere più voce in capitolo sul suo futuro. Con una certezza: il Real non molla. Il presidente Perez vuole assolutamente l’argentino, pronta un’offerta da sballo con mega-ingaggio per il ragazzo. Questo nuovo contratto, comunque, potrà consentire alla Juve di chiedere a Dybala di restare almeno un altro anno come successo con Pogba. Un bel braccio di ferro. Simile a quello che si sta profilando all’orizzonte con l’Inter per Verratti. La Juve pensa di essere in vantaggio per i buonissimi rapporti con il procuratore Di Campli, non a caso i bianconeri hanno pagato dieci milioni per Orsolini dell’Ascoli, stessa parrocchia. Quelli di Suning, invece, vogliono fare subito una grande Inter, ritengono Verratti fondamentale e il signor Zhang ha pronto un assegno da cento milioni di euro per il Psg. Sarà il tormentone del prossimo mercato….


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il PSG e il fair play finanziario, sempre più aggirato. L'Inter imbrigliata, la Juventus parte in prima fila. Il Milan punta su altri mercati e modelli esteri, ma senza sponsor rischia di star dietro 10.09 - Il Paris Saint Germain, in settimana, ha presentato Kylian Mbappé. Sula carta uno degli investimenti più onerosi di sempre, secondo solo a quello per Neymar Jr. 180 milioni di euro che, però, sono ancora da investire, perché il Monaco lo ha ceduto in prestito con diritto di riscatto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.