HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
Editoriale

Spalletti e Allegri: è la gestione dell'esonero a fare la differenza. Sarri verso la Juve? Mourinho sarebbe stato massacrato

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Politica presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
26.05.2019 10:02 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 65925 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Novanta minuti e poi tutti in vacanza. Dopo le gare inutili, stasera spazio agli ultimi verdetti. A chi si gioca tanto o poco. A chi parte da una situazione di vantaggio e a chi parte da una situazione disperata. Quest'ultimo non è il caso dell'Inter, che a San Siro contro l'Empoli dovrà solo fare il suo: vincere. Non la più semplice delle storie, ma nemmeno una impresa per la squadra nerazzurra, che per il secondo anno consecutivo si ritrova a giocarsi la qualificazione alla successiva Champions all'ultima giornata.
Quest'anno è sulla carta più semplice rispetto a un anno fa, quando l'Inter fu chiamata a battere la Lazio all'Olimpico. Ma rispetto a un anno fa, non si sono visti grossi passi in avanti: né in termini di risultati, né in termini di punti (-3 rispetto dopo 37 giornate). Nonostante una ottima campagna acquisti estivi e l'etichetta di anti Juve che, con motivazioni fondate, fu affibbiata alla squadra nerazzurra a fine agosto.
Anche da questi dati, da queste considerazioni, nasce la decisione dell'Inter a stagione in corso di cambiare allenatore, di cogliere l'opportunità Antonio Conte e di liquidare Luciano Spalletti a fine campionato. Decisione legittima, ma poi c'è tutto il resto. E quel 'tutto il resto' fa la differenza per non perdere di vista il presente.

Da dicembre in poi si è parlato molto di un Giuseppe Marotta che, una volta negli uffici di Corso Vittorio Emanuele a Milano, avrebbe cambiato la rotta di casa Inter con una gestione inappuntabile. Con la gestione modello Juventus. In realtà, anche la gestione dell'esonero dei rispettivi allenatori ha rimarcato ancora una volta la differenza strutturale tra i due club.
La Juventus subito dopo l'eliminazione dalla Champions League ha confermato Massimiliano Allegri per la stagione 2019/20. L'ha fatto per bocca del suo Presidente Andrea Agnelli e non l'ha fatto perché ci credeva davvero: ma per prendere tempo, per evitare lo scatenarsi di una lunga ed estenuante caccia al successore che avrebbe minato alle basi la serenità del gruppo da lì in avanti. L'ha fatto anche per lavorare sottotraccia, per trattare concretamente con i possibili successori senza le luci della ribalta e della stampa. Poi alla fine, a campionato conquistato e senza più obiettivi da perseguire, ha dato il benservito ad Allegri: ciclo finito, conferenza stampa congiunta, lacrime e saluti.
L'Inter invece s'è mossa in modo opposto, nonostante avesse di più da giocarsi rispetto alla Juventus perché lo Scudetto era già in ghiaccio (a differenza della qualificazione in Champions). E avesse un grande vantaggio, cioè idee chiare sul successore: Antonio Conte. Da più di un mese Luciano Spalletti è stato messo alla berlina: tutti sanno che non sarà lui il nuovo tecnico dell'Inter, ma tutto resta tra l'ufficioso e l'ufficiale. Nello spazio che meglio si confà al caos. Un susseguirsi di spifferi che ha messo il tecnico di Certaldo nelle condizioni peggiori per lavorare in questo ultimo mese e mezzo, al termine di una stagione degna dei migliori stress test.
Il risultato è sotto gli occhi di tutti: negli ultimi cinque turni l'Atalanta ha conquistato sette punti in più rispetto all'Inter, il Milan quattro, la Roma tre. E di questa situazione Luciano Spalletti è l'ultimo dei colpevoli. Perché deve essere stato particolarmente difficile essere Luciano Spalletti nell'ultimo mese e mezzo.

Maurizio Sarri è in questo momento il favorito per la panchina della Juventus. Più semplice arrivare a lui rispetto a Mauricio Pochettino e ad oggi - anche in virtù della volontà di Abramovich di cambiare dopo la finale di Baku - le possibilità che torni in Italia sono elevate, con la Juventus in prima fila.
Detta così, e letta così, sembra tutto normale. Poi però anche in questo caso c'è tutto il resto, e quel 'tutto il resto' in questo caso fa (dovrebbe fare...) la differenza. Maurizio Sarri per tre stagioni è stato l'allenatore del Napoli, l'antagonista della Juventus. E a Napoli non è stato un allenatore normale, è stato l'allenatore che s'è costruito la sua immagine e il suo fascino su un personaggio lontano anni luce dal 'Calcio del Palazzo'. S'è scritto tanto su questo aspetto e nei tre anni partenopei è stato amato anche/soprattutto per questo. E' l'allenatore del dito medio prima di Juventus-Napoli, è l'allenatore che ha attaccato la Juventus per come s'è comportata nella trattativa Higuain. E' l'allenatore che ha parlato di disaffezione verso il calcio per come la Juventus ha vinto lo Scudetto 2017/18. E l'allenatore che etichettò la sconfitta di Firenze come conseguenza di quanto successo in Inter-Juventus, il famoso Scudetto perso in albergo.
Sarri è diventato il Sarri che tutti conosciamo perché è un personaggio identitario, divisivo, da questo punto di vista paragonabile a José Mourinho. Che se avesse accettato di allenare la Juventus sarebbe stato semplicemente massacrato: perché certe parole hanno un peso, come certe azioni. E dovrebbero averlo per sempre.
Invece, nel caso di Sarri, tutto questo sta scivolando nell'oblio come se nulla fosse successo. Sta scivolando via sotto l'ormai sacro motto del 'Sono tutti professionisti'. Che può anche essere condivisibile, a patto però di chiarirlo anche quando sei dall'altro lato della barricata come fece Conte alla Juventus. Senza cambiare idea da un giorno all'altro, senza calpestare i sentimenti della gente.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Insigne venga trattato da capitano (o si volti pagina). Mandzukic e l'accordo 'suicida'. In Serie A c'è un club perfetto per questo Zlatan Ibrahimovic 20.10 - Tutti i nodi vengono al pettine. Tutti i problemi, quando non li risolvi e provi solo ad accantonarli, ti tornano indietro più forti di prima. E' così nella vita, è così nel calcio. Prendete Lorenzo Insigne: lui non potrà mai dirlo, perché è napoletano e capitano del Napoli, ma in...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Matic, l’Inter alza il pressing.  Rakitic, Milinkovic e Tonali gli altri obiettivi. Leonardo vuole Paquetà. Mandzukic sempre più United, vicini i rinnovi di Cuadrado, Matuidi e Szczesny 19.10 - Matic è l’ipotesi più concreta per l’Inter in vista di gennaio. La società nerazzurra non ha ancora programmato in maniera definitiva le sue mosse, ma se ci dovessero essere i presupposti per un centrocampista in grado di alzare ulteriormente il livello qualitativo del reparto si...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510