HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
12.12.2018 08:18 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 34077 volte

Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina con cui si scambia gli sguardi, e mentre perde tempo arriva lo studentello inglese in trasferta che dice due scemenze e la bella se la porta via.
Sarebbe anche quasi romantico se fosse così, e invece è francamente deprimente la maniera in cui l’Inter ha buttato giù per l’Europa League praticamente un anno e mezzo di lavoro.
Alla fine hanno pensato tutti al Camp Nou, pure i giocatori, ed è ovvio che sarebbe stato così, ma non è ovvio come Spalletti si sia fatto trascinare dagli eventi. Ancora una volta, come era successo a Londra - dove però la sconfitta ci poteva stare.
O come forse è stato quasi sempre nei momenti topici della carriera del vate di Certaldo, una carriera con uno standard minimo sempre di alto livello, ma inciampando praticamente sempre nel momento topico, facendolo prima nella testa che nel gioco.
Perché l’Inter era entrata anche bene in partita, sfiorando tre volte il gol, e l’inizio del disastro di Asamoah che aveva regalato il gol andavo registrato alla voce “episodi di gioco”, che sono poi il 50% nel calcio.
Però gli episodi capitano, quello che non può capitare è perdere la testa dopo 20 minuti. Un’Inter che si è buttata modello assalto all’arma bianca, sfilacciata, alla ricerca del pareggio, manco fosse l’80’ invece che il 25’, un atteggiamento senza logica che ha ricordato la clamorosa eliminazione con il Villarreal del 2006, quando l’Inter forse esteticamente più bella degli ultimi 30 anni passò gli ultimi 30 minuti di gioco a singhiozzare invece che a giocare, sapendo di perdere la possibilità di un’autostrada per la finale.
Quella però era un’altra Inter, questa è invece una a cui bisogna certo dare merito di aver lottato con squadre superiori fino all’ultimo minuto.
Ma il problema è che non è uscita per meriti degli altri come sarebbe stato naturale e giustificabile, ma per demeriti propri.
E non per demeriti tecnici, come sarebbe stato naturale e giustificabile, me per demeriti psicologici.
A Londra smise di giocare negli ultimi 10 minuti, sperando che bastasse. Contro il PSV, dopo il pareggio, ha aspettato che passassero i minuti, confidando nella vittoria del Barcellona. E quando è arrivato il pareggio, non ha avuto alcuna reazione, nemmeno uno sconclusionato assedio finale per cercare la fortuna.
Non si sa se l’Inter può crescere, ma ha avuto paura di farlo.
E’ questo il limite massimo dell’evoluzione possibile con Spalletti?

La questione Napoli è profondamente diversa. Ha perso solo 1-0, certo sul piano del gioco avrebbe meritato una sconfitta più larga, ma del resto ha anche sprecato due gol fatti. Era forse il massimo che si potesse fare nel gruppo, e il rimpianto rimane per i due punti persi a Belgrado, davvero l’unica cosa che si può appuntare ad Ancelotti.
Da quel punto di vista il Napoli non ha imparato la lezione: tanto l’anno scorso quanto quest’anno, il calendario gli aveva proposto immediatamente una partita dove perdere punti avrebbe potuto già ammazzare le opzioni. E conta relativamente che il Napoli poi si fosse portato avanti in classifica, perché la trasferta a Liverpool era una sentenza solo rinviata.
A giustificazione di Ancelotti c’è che quello era ancora il periodo di rodaggio e di adattamento, e insomma forse doveva semplicemente andare così.

Adesso in Europa League abbiamo sicuramente Napoli, Inter e Lazio, e il Milan avrebbe molte opzioni di aggiungersi. Se ovviamente il Napoli ha più forza delle altre per puntare al successo, ma chi davvero deve pensarci di più?
Di nuovo, proprio il Napoli: perché le altre sono coinvolte in una lotta per la Champions che le terrà impegnate fino alla fine, e l’Europa League può essere una perdita di tempo letale, quando ovviamente per la sopravvivenza economica la qualificazione al bersaglio grosso è quella che conta molto di più.
Il Napoli invece, se la Juve non commetterà un suicidio improbabile anzi impossibile, allora dovrebbe veleggiare pacificamente a distanza di sicurezza tanto dal primo quanto dal terzo posto.
E un successo europeo - o un successo di qualsiasi tipo, a dire il vero - manca davvero a una squadra giunta a piena maturazione.
E se c’è un allenatore capace di darti consapevolezza in Europa, quello è Ancelotti (a cui manca solo quella coppa tra quelle ancora esistenti).
E allora forza. Visto che il Napoli è stato eliminato in Inghilterra, chissà che la partita di Liverpool non possa tra qualche mese essere ricordata con l’espressione inglese “a blessing in disguise”, una benedizione nascosta.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve-Milan falsata, l’ultimo scandalo. Con questo VAR aumentano solo le polemiche e non si fa giustizia. Banti, che delusione. Higuain, che vergogna. Piatek al Milan, che rischio. Icardi rinnoverà 18.01 - Gli arbitri italiani stanno diventando dei piccoli Tafazzi: sono riusciti nell’impresa ciclopica di falsare perfino una gara tutto sommato non complicata come la Supercoppa italiana e farsi ancora una volta travolgere dalle polemiche. Autolesionismo puro, incredibile ma vero, come...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...

Editoriale DI: Marco Conterio

La caccia al nuovo sogno mercato della Juventus passa dai conti. E dall'inevitabile partenza di un big. Icardi, decimo stipendio della A: con l'Inter è braccio di ferro economico 13.01 - Kylian Mbappè. Come sogno e come chimera. Come grande obiettivo, perché "adesso la Juventus deve puntare i nuovi Cristiano Ronaldo". E chi meglio del crack francese che col portoghese si scattava le foto da giovane e imberbe talento? Chi meglio di un giocatore che a Parigi non vive...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain e Morata situazione in evoluzione, ma il Milan punta a tenere il Pipita. Icardi-Inter vertice in settimana per trattare il rinnovo.  Juventus, dopo Ramsey ora è il turno di Romero. Per Barella continua il pressing di Chelsea e Napoli 12.01 - Sono giorni importanti per capire il futuro di Higuain e Morata. Le posizioni sono molto chiare. Sarri considera il Pipita l’uomo giusto per aumentare tantissimo il potenziale offensivo del Chelsea. Sta spingendo perché questa possa diventare un’ipotesi concreta fin da subito. Higuain...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri-Real Madrid: contatto. Icardi, fissato l’incontro per il rinnovo. I piani di Marotta per la firma. Pregiudizi su Wanda: fa solo il suo lavoro. Higuain vuole solo il Chelsea e mette in crisi Leonardo 11.01 - Non so se Max Allegri durante le recenti vacanze abbia davvero sposato Ambra come scrivono i giornali di gossip, so invece che ha ricevuto una telefonata da Florentino Perez. Auguri, certo, ma anche una nuova, decisa proposta per la panchina del Real Madrid. L’anno scorso la telefonata...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Icardi e il rinnovo, Higuain e il Chelsea. Le novità su Ramsey, il ritorno di Gabbiadini e le strategie del Napoli... 10.01 - L'ultimo colpo di giornata lo ha messo a segno la Sampdoria che riabbraccia Gabbiadini. Lo riporta in blucerchiato: operazione complessiva da 12 milioni di euro (3 di prestito e 9 per il riscatto obbligatorio più bonus legati alla qualificazione in Europa). La Samp non voleva lasciarsi...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Godinopoli: l’Inter sta per fregare la Juventus per la prima volta dopo tanti anni, soffiandole Godin. Il messaggio di Marotta alla Juventus è chiaro. Skriniar: il Manchester United c’è, il rinnovo no 09.01 - La tentazione è davvero tanta per non usare questa parola, e come diceva Oscar Wilde: “Posso resistere a tutto, tranne che alle tentazioni”. E’ Godinopoli: il colpo che l’Inter sta portando a termine, concludendo l’acquisto di Diego Godin, è un cambio epocale nella storia minima...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->