VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real

17.03.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 35278 volte
© foto di Federico De Luca

La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla Mourinho) andrà via dalla Roma. Resta, è vero, la coppa Italia, ma la strada è in salita dopo il due a zero dell’andata contro la Lazio. E anche riuscendo a passare il turno con un miracolo, in finale ci sarebbero poi la Juve (probabile dopo l’andata) o il Napoli. Tutte situazioni al limite dell’impossibile. Spalletti chiude qui? La strada mi sembra ormai tracciata e probabilmente il tecnico la decisione l’ha già presa da tempo. L’incontro di oggi con Pallotta non dovrebbe far cambiare idea. E qui si apre uno scenario molto vasto destinato a coinvolgere diverse panchine. Spalletti piace alla Juve e non è più un mistero. C’è qualcosa di più? Possibile, anche se Marotta spera ancora di riuscire a convincere Allegri che dopo la svolta tattica (4-2-3-1) molto europea, piace sempre di più. La decisione finale sarà presa in questi giorni, si erano dati appuntamento dopo il doppio confronto con il Porto e entro la fine di marzo la situazione sarà definita. Allegri è corteggiato dall’Arsenal, gli allenatori italiani nella Premier in questo momento hanno grande appeal. Non ci sono segnali invece dal Barcellona che probabilmente opterà per un allenatore spagnolo. Non basta. Chi al posto di Spalletti? L’idea più normale porta a Eusebio Di Francesco, ex giallorosso scudettato, gradito ai tifosi. Ma attenzione, sta arrivando come direttore sportivo Monchi dal Siviglia, l’uomo del miracolo degli spagnoli, non è escluso che cerchi di portare con sé Emery in rotta con il Psg per ricomporre a Roma la coppia dei miracoli. In quel caso Di Francesco potrebbe avere la possibilità di parlare con la Fiorentina che lo cerca da tempo. L’alternativa viola è Mazzarri dopo il no di Giampaolo che resterà alla Samp. Montella è stabile (per ora) al Milan e anche Pioli sembra avere la fiducia di Suning nonostante i rumors. Sarebbe un assurdo cambiare un allenatore che sta facendo bene, amato dai tifosi. I cinesi non lo faranno. Faranno invece una grande squadra, l’obiettivo è quello di provare a vincere subito lo scudetto. I problemi del fair play finanziario sono quasi superati, con la cessione di Banega e di un altro paio di giocatori i conti dovrebbero andare a posto. L’idea del signor Zhang è quella di stanziare una cifra vicina ai 150 milioni, ma sul mercato saranno reinvestiti anche i soldi delle cessioni. Investimenti monstre per il nostro calcio. Ausilio ha un’agenda precisa ricca di nomi, due-tre giocatori nel mirino per ognuno dei ruoli che dovranno essere rinforzati. Si cercano un centrale difensivo, un esterno sinistro, un trequartista, un centrocampista e una punta alternativa a Icardi.

Ausilio sta puntando alcuni giocatori in particolare. Quello con più fascino e qualità è di sicuro James Rodriguez che è finito ai margini del Real Madrid. Il giocatore è pronto a dire sì spinto anche dalla moglie. Piacciono molto anche Berardi e Bernardeschi, giocatori diversi da James, ma che in un 4-3-3 possono fare gli esterni e Berna anche giocare dietro le punte. Per Berardi le possibilità sono alte, più difficile arrivare al giocatore viola che la Fiorentina vuol trattenere almeno per un altro anno. Per l’attacco Ausilio l’altra sera è rimasto impressionato da Mbappè, giovane talentuoso dal grande fisico, del Monaco. Il contatto è partito. Sempre per l’attacco è partito l’assalto a Schick della Sampdoria. Il giocatore resterebbe ancora un anno a Genova per consentire a Ferrero di vendere Muriel e non rimanere scoperto. Venticinque milioni della clausola, a Milano dall’anno prossimo: questa l’idea dell’Inter. Si farà. Per la difesa è stato deciso l’assalto a Felipe del Porto, visionato personalmente nella gara contro la Juve. Ha una clausola da cinquanta milioni, ma sembra valerli tutti anche se il nostro campionato è più difficile e avrà bisogno di ambientamento. Per l’esterno di difesa è in ballo da un bel pezzo la trattativa con Rodriguez del Wolfsburg. L’accordo con il giocatore c’è, ora si tratterà con i tedeschi. L’alternativa è Masina del Bologna che potrebbe comunque arrivare lo stesso. Per l’esterno destro fari sempre accesi su Darmian, ma quando sembra che Mourinho sia disposto a lasciarlo andare, poi ci ripensa. E’ successo anche a gennaio. Non è tramontata neppure l’idea di cercare un regista, anche se con il 4-2-3-1 ce n’è meno bisogno, ma eventualmente variando modulo potrebbe servire nel 4-3-3 e qui l’attenzione è puntata su Paredes della Roma. Dei giallorossi piace anche Manolas e non da oggi.

Tutti nomi nel mirino, presto si cominceranno a stringere le trattative e a fare un piano più ristretto pensando ai regolamenti, agli extracomunitari possibili, ai giovani e tutto il resto. Una cosa è certa, i soldi ci sono e il signor Zhang è stato chiaro: l’anno prossimo vuole lo scudetto.

Cosa vuole il Milan è più banalmente la terza caparra da cento milioni dal signor Li Yonghong. Doveva arrivare ieri, ma c’è un altro intoppo. Nuovo appuntamento per oggi o al massimo lunedì. Il closing dovrebbe esserci il sette aprile e sottolineo dovrebbe. Dalla cordata sembra essere uscito un altro investitore potenziale, le difficoltà continuano ad esserci. Se dovesse saltare tutto, cosa che Fininvest non si augura, si aprirebbe un contenzioso legale sulle caparre già versate. Comunque il Milan, con le penali, non resterebbe a mani vuote. E in quel caso l’idea di mettere sul mercato Donnarumma potrebbe consentire comunque di incassare una grande cifra per fare una squadra all’altezza. Il Real ha contattato Raiola e conoscendo le capacità del procuratore, capacissimo di far partire la trattativa da un base di 150 milioni. Del resto se ne ha presi 120 per Pogba, un portiere di 18 anni come Donnarumma nel suo ruolo è un Messi. Insomma l’ansia fra i tifosi del Milan c’è e li capisco, ma le risorse potrebbero comunque arrivare almeno per gestire l’immediato.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.