VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Super Juve: pronti 40 milioni per Dybala e Vazquez. Tevez resta fino al 2017, prolunga anche Allegri. L'Inter convince Richards, Jovetic no. Roma, Garcia via

Enzo Bucchioni, giornalista professionista e scrittore, editorialista del Quotidiano Sportivo che ha rifondato e diretto per cinque anni. Opinionista radio e tv. Twitter @EnzoBucchioni
20.03.2015 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 46464 volte
© foto di Federico De Luca

L'Europa ci restituisce una Juventus al top della condizione fisica e mentale, fra le prime magnifiche otto, sull'ottovolante come ha detto Allegri, una Fiorentina molto forte e matura che ha fatti a pezzi la Roma e un Napoli capace anche di fare zero a zero e difendersi: non è poco. Passano il turno in tre, restano a piedi Roma, ma anche Inter e Torino come prevedibile dopo l'andata.

Paradossalmente è più facile fare programmi futuri per chi ha delle certezze e un allenatore solido come la Juventus, rispetto a chi è nel caos (Roma) o deve valutare molte cose (Inter e Milan).

Non è un caso, infatti, che proprio la società bianconera, ancora prima di decidere il futuro di Pogba (cedere o non cedere?) si stia già muovendo in virtù degli introiti (più di 50 milioni) della Champions League,

E la partenza del programma è, naturalmente, per l'allenatore.

La Juve è molto soddisfatta del lavoro del suo tecnico e il contratto di un anno con l'opzione per il secondo è già stato messo sul tavolo per allungarlo e stabilizzarlo fino al 2017. Un programma triennale al quale Allegri ha aderito anche con un buon ritocco dell'ingaggio visto che l'anno scorso era disoccupato e l'accordo fu fatto con lo sconto…

L'allenatore andrà a guadagnare più o meno quello che prendeva al Milan nell'ultima stagione, circa tre milioni netti. In più alla Juventus ci sono premi importanti modulati a seconda degli obiettivi.

Sistemata la pratica Allegri, Marotta e Paratici, ma anche lo stesso Agnelli e Nedved stanno lavorando ai fianchi Tevez per convincerlo a restare alla Juventus un altro anno dopo la scadenza del contratto nel 2016. Il campione argentino vuol tornare a casa, chiudere la carriera davanti ai suoi tifosi, ma visto le sue condizioni fisiche e le motivazioni, un altro anno in Europa con la Juve potrebbe permetterselo. Tevez è meno rigido rispetto a qualche mese fa, i dirigenti juventini sono ottimisti.

Con Allegri, infatti, è stato fatto un piano che prevede soprattutto il rafforzamento del reparto avanzato. I bianconeri puntano tutto sulla coppia Tevez-Morata (la ricompra del Real caso mai c'è per il 2016) mentre Llorente sarà venduto in Spagna o in Inghilterra (le richieste ci sono), Matri tornerà al Milan dopo il prestito, Coman sarà dato in prestito a maturare.

Qual è l'obiettivo? Nessuno nega più che Marotta abbia il sogno di portare a Torino la supercoppia del Palermo Dybala-Vazquez.

Per il giovane attaccante argentino sono stati offerti 25 milioni che, naturalmente, Zamparini ha rifiutato. Marotta però non demorde e sta preparando una contro offerta che prevede un pacchetto Dybala-Vazquez che piace molto ad Allegri, per quaranta milioni complessivi. Tanta roba anche se Zamparini ne vorrebbe cinquanta.

Il presidente del Palermo darà una risposta dopo Pasqua, ma il fatto nuovo è che il giocatore ha detto chiaramente che vuole rimanere in Italia e non accetterà trasferimenti anche se dovesse guadagnare di meno. Chi può permetterselo se non la Juve? Il Napoli ha Higuain e molti altri ottimi giocatori nel reparti avanzato. L'Inter deve pensare a centrocampo e difesa. Il Milan punterà sul basso profilo. E allora la vecchia volpe Zamparini alla fine cercherà di trovare una soluzione.

Con la Juve c'è un buon rapporto dai tempi della cessione di Amauri, Marotta ha messo sul piatto anche diversi giocatori che piacciono a Iachini come il portiere Leali ora al Cesena, lo stesso Coman con una formula prestito-riscatto, il difensore Sorensen, il centrocampista Marrone e un altro difensore, Galdaniga a metà fra le due squadre.

Ma viste le rinnovate ambizioni europee, gli attaccanti dovranno essere come minimo cinque di grande affidabilità e allora ecco chiuso l'affare Zaza con il Sassuolo. Il giocatore aveva chiesto di finire il campionato in Emilia ed è stato accontentato, a giugno sarà della Juve. Dovrà ancora maturare, ma fisicamente e tecnicamente è ritenuto adatto al gioco di Allegri, soprattutto può servire la sua forza fisica con giocatori molto tecnici. Berardi, invece, dovrebbe restare a Sassuolo ancora un anno visto che è soltanto un 94.

Tutti questi piani la Juve riuscirà a portarli alla conclusioni con risorse proprie, se Pogba dovesse chiedere di andar via e se arrivasse un'offerta irrinunciabile (100 milioni), la Juve dovrebbe cercare nomi pesanti anche a centrocampo e in difesa. Le idee ci sono, ma per ora i dirigenti juventini sperano di poter tenere almeno un altro anno il centrocampista francese a Torino. Sarà il tormentone dell'estate.

L'Inter, invece, spera di portare a casa i giocatori sul taccuino di Mancini per fare quella grande squadra promessa da Thohir. Il Mancio, intanto, spera di aver convinto il difensore Richards attualmente in prestito alla Fiorentina dal Manchester City. L'ex nazionale inglese con Mancini nel City ha vinto una Premier League e l'allenatore dell'Inter lo stima molto. La Fiorentina ha un diritto di riscatto che probabilmente non farà valere, Richards non ha mai fatto impazzire Montella che lo usa poco e si fida di lui solo con la difesa a quattro.

Ma il vero colpo che sta tentando Ausilio è un altro e si tratta dell'accoppiata Tourè-Jovetic del City. Mancini ha un grande rapporto (come padre e figlio) con il centrocampista e ha avuto l'ok al trasferimento, Tourè viene volentieri all'Inter per ritrovare Mancini. Il problema è convincere il City ad abbassare le pretese. Su Jovetic la situazione è apposta. Il City lo venderebbe volentieri, ma l'attaccante ex viola vuole aspettare per capire se sarà confermato Pellegrini o meno. Con un nuovo allenatore resterebbe volentieri a Manchester.

Discorso allenatori. Quello che fino a qualche settimana fa sembrava stabile, vale a dire Rudi Garcia, in realtà ha la valigia in mano. Perso lo scudetto, l'eliminazione dalla coppa Italia prima e dall'Europa League ieri sera con una grande umiliazione per mano della Fiorentina, hanno fatto saltare in aria una situazione già difficile. Per ora la società cerca di dare fiducia al tecnico francese per provare a portare a casa almeno un posto in Champions, ma la sua stagione è sicuramente fallimentare.

Riproporsi con Garcia non sarebbe possibile e la dirigenza romana lo sa bene. Sabatini puntava sulla voglia di rivincita di Mazzarri, ma dopo il crac di ieri sera anche Sabatini è nel mirino. Caos totale.

Come caos nel Milan. Se dopo aver puntato su Conte e Montella, parlato con Sarri, ora si cerca Mihajlovic, abbiamo l'impressione che le idee siano poche e confuse.

Il Napoli deve sostituire Benitez e De Laurentiis incassato il no di Montella, continua a parlare con Spalletti. Il suo sogno però resta Klopp, un altro allenatore straniero, per soddisfare la sua esterofilia. Costa molto, vedremo.

E vedremo anche se la Fiorentina riuscirà a prendere Mario Rui dall'Empoli. Come anticipato qualche settimana fa, il terzino portoghese piace molto a Pradè e Montella, alla fine l'operazione si farà nel quadro del ritorno di Vecino a Firenze e del rinnovo del prestito di Brillante all'Empoli, ma Corsi prima di chiudere vuole raggiungere la salvezza.

Twitter @EnzoBucchioni


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il PSG e il fair play finanziario, sempre più aggirato. L'Inter imbrigliata, la Juventus parte in prima fila. Il Milan punta su altri mercati e modelli esteri, ma senza sponsor rischia di star dietro 10.09 - Il Paris Saint Germain, in settimana, ha presentato Kylian Mbappé. Sula carta uno degli investimenti più onerosi di sempre, secondo solo a quello per Neymar Jr. 180 milioni di euro che, però, sono ancora da investire, perché il Monaco lo ha ceduto in prestito con diritto di riscatto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan: soldi veri, soldi precisi. Come Verratti? Gigio e Lorenzo pensateci. Mercato: la Premier va capita, non scopiazzata 09.09 - Le cifre vanno e vengono. Una volta che entra in scena il campo, lasciano il tempo che trovano. Ma intanto "passano". Esattamente come due anni fa, estate 2015, insistevamo sul fatto che il calciomercato del Milan fosse stato di 80 milioni e non di 100, allo stesso modo, senza virgole...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.