VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Thohir, adesso iniziano i guai. Juve, Tevez è un patrimonio da conservare. Torino, i tifosi si facciano sentire. Bari, Paparesta esca allo scoperto

Nato ad Avellino il 30 Settembre 1983 è Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb. Vive e lavora a Milano dal 2004. mcriscitiello@sportitalia.com Twitter: MCriscitiello
17.11.2014 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 44720 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Si era presentato come l'uomo dei bilanci, colui che aveva inventato il nuovo business del calcio con le banche ed avevamo creduto che potesse cambiare il calcio italiano. Sì, ma per mezzo secondo. Poi abbiamo scoperto che è il calcio italiano ad aver cambiato lui. Thohir si è travestito da Zamparini e non ha retto alla pressione del pubblico interista. Mazzarri ha 1.256 colpe ma, oltre ai suoi sbagli, c'è di più. Un po' come la filosofia di Jo Squillo che oltre alle gambe c'è di più. In teoria, ed anche in pratica, dovrebbe esserci la testa. Quella che Thohir ha usato per una settimana, meditando l'esonero di Mazzarri. A questo punto lo avrebbe dovuto fare subito dopo la gara con il Verona e Mancini avrebbe avuto una settimana in più per preparare il derby di domenica sera con il Milan. Se vogliamo seguire l'onda populista e l'andamento calcistico, Thohir ha fatto bene a cambiare Mazzarri con Mancini. Perché Mancio, se sbaglia una partita, può dare delle spiegazioni al suo Presidente, perché ha vinto più Mancini di Mazzarri e perché bisognava dare una svolta, dentro e fuori la Pinetina. Il problema nasce quando, a fine anno, si approvano i bilanci e un uomo di conti non può mettere gli entusiasmi davanti alla ragione. Con questa mossa, Thohir si è rovinato. Non lo ha ancora capito, lo capirà ogni santo 30 del mese. Una barca di soldi a Mazzarri che si gode la vacanza in Toscana e un'altra barca di soldi a Mancini ed il suo staff. Mica finisce qui. A gennaio Roby vuole una squadra più forte. Andò via che aveva Ibra, Maicon, Zanetti, Vieira e tanti altri bei campioni. Oggi ha dei campioncini da crescere ma vuole gente pronta. Questo particolare Thohir non l'avrà sottovalutato. Perché mentre Mazzarri si "accontentava" di Campagnaro e/o Behrami, Mancini guarda oltre e vuole gente di grandissima qualità. Obiettivo minimo Lamela. Stiamo freschi, con i conti. Il bilancio ha chiuso con -82 milioni di euro e ciò comporta che parte del debito venga ripagato anche dal socio di minoranza, Massimo Moratti. Mazzarri lo aveva liquidato in tre secondi dicendo "non ho tempo da perdere per rispondere a questo o quell'altro", Moratti gliel'ha fatta pagare perché chi mette mano al proprio portafogli comanda sempre. Potere del danaro.
Da Tevez arrivano frasi stonate. La Juventus deve tenere d'occhio la situazione, senza dare nulla per scontato. "Mi manca l'Argentina" ha detto Carlitos. Si inizia così a novembre e si finisce con altre tentazioni a maggio. Marotta non ha bisogno di consigli ma coccolarsi di più Tevez non farebbe male. Quando nessuno credeva più in lui, la Juventus è stata una manna dal cielo; ora che gioca, segna e riconquista la Nazionale ha orizzonti più ampi. E i calciatori non guardano in faccia a nessuno. E' vero che la Juve ha tanti campioni ma, uno come Tevez, la Juve - e in generale la serie A - non lo trova tutti i giorni. Non siamo più competitivi sul mercato europeo ed è per questo che perdiamo, ogni estate, più terreno rispetto a Germania, Spagna e tra poco anche alla Francia, oltre il PSG già avanti anni luce grazie ai milioni di investimenti fatti negli ultimi due anni.
Restando sotto la Mole Antonelliana, rispondiamo ai tanti tifosi che ci chiedono di parlare del Torino sia su Tuttomercatoweb che in tv su Sportitalia. Il problema del Torino è che non crescerà mai, perché non ha i mezzi economici e neanche la competenza dei suoi dirigenti. Lo scorso anno a Cairo è andata di lusso. Ventura riesce nei miracoli, valorizza i giocatori e raggiunge l'obiettivo minimo, a volte anche quello massimo. Però una società va giudicata nel periodo difficile, non quando tutto va a gonfie vele. Prendete il Parma dello scorso anno: un gioiellino ma, alla base, mancava qualcosa. Un bilancio in ordine e una prospettiva futura. Oggi il futuro è nero. Il Torino non ha questi problemi, certamente, ma ha pochissimi margini di crescita. Cairo non è un grande esperto di calcio. Bravo nelle trattative allo sfinimento, a volte compie errori grossolani. Vende, questa è la sua specialità, ma non riesce a sostituire degnamente i partenti. Se fossi un tifoso del Toro sarei avvelenato. Lo scorso anno mi godevo Cerci e Immobile, mentre quest'anno i sostituti non sono all'altezza. Cairo si continua a fidare di Petrachi ma quando Ventura non ci sarà più o, semplicemente, non farà più i miracoli dove andrà questo Torino? Gli resteranno solo i tifosi che iniziano a rumoreggiare e, forse, dovrebbero anche farsi sentire maggiormente per non arrivare a mettere le toppe quando sarà troppo tardi.
In serie B è stata un'altra domenica nefasta per il Bari. Questa volta Mangia non lo salva neanche se il Presidente fosse stato Arrigo Sacchi. La squadra lo ha abbandonato e lui ha perso il timone. 3-0 a Crotone e arrivederci alla prossima puntata. Mangia, che passa da un argento con l'Italia Under 20 all'esonero in serie B, rappresenta l'attuale categoria degli allenatori italiani. Una continua contraddizione che parte dalle big e sfocia in serie B. A Bari paga Mangia gli errori di tutti. Della squadra, della società e della proprietà. A proposito... Confermando la nostra fiducia e stima nei confronti di Paparesta, il buon Gianluca potrebbe mantenere la promessa fatta tempo fa. "Vi dirò presto chi mette i soldi in questo club". Con tutto l'affetto che nutriamo nei confronti di Papa, non crediamo che sia diventato milionario facendo l'arbitro di serie A, seppur pagato benissimo. Siamo quasi a Natale, sarebbe bello conoscere i veri proprietari del club.
Onore a Marino che sta ribaltando il Vicenza. L'Avellino paga due cose: ieri ha dormito sonni profondi e Castaldo non ha una spalla degna di nota. Comi, Pozzebon e Arrighini non sono all'altezza di Castaldo. Il Livorno spicca il volo e gran parte del merito va a Gautieri, il Pescara risale anche perché ha un ottimo organico mentre il Carpi non ha più bisogno di elogi, deve solo restare con i piedi per terra. Il Cittadella è ultimo ma in Primavera pescherà il jolly, Marchetti è come le rondini. Avevo scritto tempo fa che Foscarini (si dimetta se conserva un briciolo di dignità) su 100 partite influisce al massimo nelle amichevoli di metà settimana. Non ha qualità, carattere né spessore. Ha solo una grande fortuna...CVD! Il Bologna delude ma ha una fuoriserie. Onore e merito a Iaconi che a Brescia sta facendo ben oltre il suo dovere.
Una buona notizia per Caliendo. Il Modena, questa volta, non ha perso.
Buona settimana...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
I cinque motivi della crisi Milan. Napoli e Inter giocano per la Juve. Benevento, svegliati che è un incubo. Giulini alla Cellino ma con una differenza... 23.10 - Dalla vittoria dello scudetto estivo al buio profondo del 21 ottobre. Il Milan aveva fatto un'impresa: conquistare in un mese la fiducia dei tifosi rossoneri che avevano riempito, di nuovo, con orgoglio San Siro. E' durato il tempo di una preghiera. Se si spendono 220 milioni di euro...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta 22.10 - C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.