VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Thohir, il problema non è Mazzarri. I 100 giorni di Inzaghi e un mare di aspettative. Cosentino, a Miami c'è il sole. Un grande allenatore pronto per la serie A...

Nato ad Avellino il 30-09-1983, vive e lavora a Milano dal 2005. Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb ha condotto ed organizzato i Gran Galà del Calcio AIC 2011 e 2012
13.10.2014 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 34040 volte
© foto di Federico De Luca

La sosta ha ammazzato Walter Mazzarri, semplicemente perchè ha dato il tempo a Thohir di pensare. Un Presidente che vive dall'altra parte del Mondo non può prendere decisioni drastiche in una settimana o poco più. La squadra di calcio è come una pasticceria, una pizzeria o un ristorante. Il padrone deve vivere 24 ore su 24 nel locale. Se deleghi tutto, prima o poi, ti annientano. Il problema non sono i collaboratori, più o meno bravi, in questo caso bravi come Ausilio ma che alcune decisioni le può prendere solo chi investe i propri soldi. Adesso Thohir vorrebbe esonerare Mazzarri. Ma su quale basi? Per un'estate il tecnico toscano ha chiesto dei giocatori che non sono mai arrivati, neanche una facile preda come Behrami. Il Direttore ha fatto un gran lavoro, il Mister prova a friggere il pesce con l'acqua ma l'impressione è che nell''Inter sia finita anche l'acqua. Thohir esoneri pure Mazzarri che ha preso 7 schiaffi in 7 giorni, sembra la cura del medico, con Zeman e Montella ma si presenti a Milano con un allenatore vincente. Se l'alternativa si chiama Walter Zenga, allora, Thohir non ha capito neanche l'abc del calcio, football, soccer... Insomma questo sport a lui, finora, sconosciuto. Il colpo di scena è arrivato l'altro giorno, quando indiscrezioni mediatiche riportavano di un consulto con Moratti per decidere il futuro di Mazzarri. Ma puoi, se vero, chiedere un consulto al tuo predecessore che ufficialmente e giustamente è tifoso dell'Inter dalla nascita e lo sarà per sempre ma che umanamente spera in cuor suo che nessuno farà mai meglio di lui? Non si tratta di cattiva fede ma di semplice onore personale. Sono passati 100 giorni da quando Pippo Inzaghi allena il Milan. Il primo voto raggiunge la sufficienza. Con la squadra che si ritrova sta facendo il massimo ma Pippo deve stare attento perchè grazie al suo cognome si è risparmiato la gavetta ma per colpa del suo cognome tutti si aspettano che faccia i miracoli. La vicinanza con Galliani è già un punto di partenza e di arrivo, come accadde per Allegri, anche se l'allenatore della Juventus aveva molta più esperienza. Inzaghi sta guidando bene il gruppo, un pò carente sotto il punto di vista tattico si è rivolto alle persone giuste per crescere insieme. I rossoneri non possono avere grandi obiettivi. Squadra con poca qualità e personalità e soprattutto senza big in organico. Torres deve lavorare tanto per provare a tornare l'attaccante di peso di un tempo. Inzaghi punta all'Europa e alla Coppa Italia. Non sarebbe, assolutamente, un traguardo malvagio anche se poi gli chiederanno il ritorno in Champions al più presto.
E' stato il week end delle Nazionali, l'esultanza di Conte per una partitella di qualificazione ad Euro 2016 stride se consideriamo che Lippi mentre vinceva il Mondiale si puliva gli occhiali. Conte sembra avesse vinto la Champions con la Juventus. Quella Coppa che sogna tutte le sere prima di andare a dormire. Ci siamo divertiti con la serie B anche se a Catania si stanno divertendo poco. Propongo ai tifosi rossoazzurri di fare una colletta per acquistare un biglietto di solo andata Catania-Roma-Miami al buon Pablo Cosentino. Io metto 0,1 centesimo di euro per rispedirlo in Argentina o a Miami, località cara a Pablo. Ma dico, Cosentino eri un grande procuratore, facevi dei giri del Mondo straordinari, lavoravi bene e ti veniva riconosciuto da tutti, guadagnavi una barca di soldi e vivevi 6 mesi all'anno a Miami ma chi cavolo te l'ha fatto fare di entrare in società con Pulvirenti a Catania? Sei in un ruolo dove non capisci una mazza, odiato da mezza Sicilia amato dall'altra che odia Catania perchè stai affossando una città. Ma perchè non torni alle origini? Non abbiamo nulla contro Cosentino, anche perchè io non ho avuto mai mezza conversazione con lui ma dal primo giorno si capiva che questo mestiere non faceva per lui. Signori, Pablo ha preso il Catania in Europa e lo ha portato (ad oggi) in serie C. Ha distrutto un patrimonio tecnico e imprenditoriale. Qualcuno lo fermi. Se non può farlo Pulvirenti lo faccia il sindaco. Povero Sannino, sei scappato dall'Inghilterra per finire in questo manicomio. Come siamo messi con la squalifica di Leto? La nota positiva è il "mio" Avellino. Altra grande vittoria di cuore ma, soprattutto, altro grande merito di un allenatore pronto per la serie A. Lo scorso anno Sartori lo seguiva per il Chievo Verona, poi non avendo ricevuto offerte Massimo Rastelli è rimasto un altro anno in Irpinia. Buon per noi. Rastelli ha il profilo da allenatore di un club di serie A. In panchina si veste bene (conta anche questo nel 2014), quando la squadra perde li tortura, quando vince regala giorni liberi, 3-5-2 pulito e lineare non si inventa il gioco del calcio, grande aziendalista e guadagna poco per la serie A. I nostri Direttori, però, dormono e non si sono ancora accorti di lui. Una promozione, un play off sfiorato e l'ennesima partenza sprint. Il suo sogno è Napoli, il suo obiettivo la serie A. La merita. Anche perchè è il classico manager all'inglese. Fa da allenatore ma detta anche le linee guida del mercato. Averne allenatori così...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

100 milioni per Belotti ma Dani Alves è costato 0. L'Inter vuole Conte, il Milan doveva rinnovare per Donnarumma tre mesi fa. La stampa si merita i lettori che ha... e viceversa 14.05 - È stata una settimana molto piena. Il Milan incomincia a tirare fuori le cartucce e incontra mezzo mondo, l'Inter esonera Pioli mentre la Juventus va a Cardiff, il Torino non vorrebbe cedere Belotti ma Cairo incomincia a contare i soldi, la Roma saluta Totti con l'omaggio di San Siro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan-Inter: derby senza soste. Allegri il cannibale: è a Cardiff, ma pensa a Doha. Chelsea: Antonio Conte come Diego Costa. Inter: i casi Medel e Gagliardini 13.05 - Il Milan tira dritto in silenzio. Lavora di giorno sotto la luce dei riflettori di Casa Milan e di notte, senza luci e senza riflettori. E forse quando si tireranno le fila del mercato estivo rossonero, si scoprirà che si è trattato di notti produttive. Degna di nota, esattamente...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.