VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Top & Flop del 2014: Conte, top in campo e flop fuori. Sarri, che sorpresa. Re Sinisa. Affondano Pulvirenti, Ghirardi e Mazzarri

Nato ad Avellino il 30-09-1983, vive e lavora a Milano. Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb. Twitter: MCriscitiello
22.12.2014 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 38828 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

I calciatori modaioli stanno partendo per Miami, i very normal people tornano a casa dalle famiglie, i direttori sportivi mangiano (inteso come pranzo di Natale, non pensate male) e pensano al mercato di gennaio, mentre i procuratori inviano sms ai DS augurando loro buon Natale, sperando di poter fare un'operazione di mercato insieme. Aspettando cenoni, champagne e panettone siamo pronti per la Supercoppa di Doha, tra Juve e Napoli. Pronostici zero! Ne approfittiamo per fare un bilancio del 2014. Due categorie, cinque vincitori per ognuna di essa. Top & Flop.

TOP
Antonio Conte
Conquista 102 punti in serie A ed ammazza il campionato. Vince a mani basse, si conferma leader della Juventus anche se non supera il test europeo. La sua squadra brilla costantemente e chiude un percorso da vincente. La Juve non ha rivali e il merito sembra essere soprattutto il suo.

Sinisa Mihajlovic
Raccoglie la Sampdoria dalle ceneri di Delio Rossi e la porta a sognare l'Europa. Gestisce benissimo mercato e spogliatoio nel cambio storico da Garrone a Ferrero e fa da tutor del club. La squadra lo segue e lui plasma giocatori come Gabbiadini e Okaka che aspettavano, da anni, di esplodere. Grande allenatore, meriterebbe una piazza come Napoli.

Maurizio Sarri
In serie A o ci arrivi sul campo o fai fatica ad essere scelto se non sei raccomandato. Tifiamo Sarri perché è uno che con il lavoro è arrivato all'ultimo piano del grattacielo. Conquista la serie A con l'Empoli e con grande dignità la affronta. Gioca e vince con i giovani, solo in attacco non riesce a far passare la linea verde. Esempio di meritocrazia.

Claudio Lotito
Chiamatelo fesso. Antipatico come pochi, si è preso tutto il calcio italiano. E' lui il Presidente della Federazione, è lui il Presidente della Lega Calcio, è lui il Presidente della Lazio, è lui il Presidente della Salernitana; è grazie a lui che il Bari non è sparito ed è lui che sogna di diventare il nuovo Dio del calcio italiano. Nel 2014 ha fatto grandi passi verso il Paradiso. Gli mancano un paio di trionfi e tre o quattro riforme per completare l'opera.

Cristiano Giuntoli
Merita un premio il Direttore Generale del Carpi, Campione d'Inverno in serie B. Se non andrà in serie A nessuno si scandalizzerà. Se andrà in A, però, tutti si scioccheranno. Lo scorso anno da matricola ha sfiorato i play off, l'anno prima ha strappato la B al Lecce e quest'anno addirittura chiude Campione d'Inverno, in netto anticipo. Paga poco la squadra, pochissimo l'allenatore e vince. Dove non ci sono i soldi trionfano le idee. I vicini di casa del Modena hanno un buon gruppo di lavoro con il duo Novellino-Taibi ma un pessimo esempio di proprietà. Per questo Carpi è una favola e Modena un fuoco di paglia. Mentre Caliendo pensa a come far guadagnare qualche contributo all'INPS a Trezeguet, Giuntoli pensa ai nuovi Letizia e Mbakogu. Ognuno il suo...

FLOP
Antonio Conte
Lascia la Juventus dopo due giorni di ritiro e dice che aveva già deciso. Quando? Dove? Perché? Decide di accettare la proposta della Federazione e firma un biennale a 10 milioni di euro. Dice di non scendere a compromessi e convoca subito Balotelli, testimonial in quella settimana delle nuove scarpette Puma (sponsor tecnico che gli paga lo stipendio). Dice che in azzurro andrà solo chi lo merita e in 3 uscite convoca 50 calciatori diversi. Parla di senso di appartenenza e apre le porte della nostra Italia ad argentini, francesi ed africani basta che abbiano un nonno dello zio del nonno della madre che sia stato un giorno in gita in Italia. Rompe le scatole con mille stage come se i calciatori fossero della Federazione ma si dimentica che, fino a pochi mesi fa, faceva il pazzo se gli portavano via dalla Juve i calciatori. Quando ha accettato sapeva benissimo che non c'era grande disponibilità per la Nazionale. Cerca alibi e prepara il terreno per una Francia che si preannuncia amara come il Brasile.

Cesare Prandelli
Peggio di così, Cesare non poteva fare. Con l'Italia va a fare il turista in Brasile e ci spalma la vergogna in faccia. Se ne va e accetta la panchina del Galatasaray; anche ad Istanbul dura poco e torna a casa con la coda tra le gambe. Diciamo che dopo Firenze e prima di Firenze, Prandelli ha dimostrato poco o nulla del suo presunto valore tecnico.

Tommaso Ghirardi
Usa l'uscita di emergenza per scappare dal calcio italiano. Rovina il Parma e dimostra di non essere all'altezza di un grande club. Il Carpenedolo la sua massima dimensione, prima di Parma. Un bilancio tragico e una gestione pessima. Se ne va lasciando la squadra ultima in classifica ma prima nella classifica dei debiti. Si è divertito troppo ma ha capito tardi che il calcio non è Gardaland.

Walter Mazzarri
Paga oltre i suoi demeriti ma la gestione da giugno a novembre è stata un disastro. Prigioniero del suo carattere, si aggiorna poco e conosce solo i calciatori che ha allenato nella sua carriera. Poco studioso e umile. Si guarda troppo allo specchio e fallisce l'avventura più importante della sua vita professionale. Adesso sarà dura ripartire. Il conto in banca non ne risentirà ma la sua ambizione sì. Primo esonero e 2014 da cancellare al più presto. A Napoli, l'ultimo dell'anno, buttano dalla finestre gli oggetti vecchi. Lui farebbe bene a buttare la maschera.

Antonino Pulvirenti
Il tempo ha dimostrato che il calcio non è il suo mestiere. Ha vinto con Lo Monaco perché a guidare era l'ex Direttore Generale. Si sono separati ed entrambi hanno finito il loro ciclo. Pulvirenti ha distrutto un giocattolino perfetto. Pessima la sua gestione e la sua leadership. Non ha lo spessore per guidare un club e non riesce ad uscire, a testa alta, dalle difficoltà. Gestione imbarazzante.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L’Italia e Insigne, il Napoli e i terzini, l’Inter e Joao Mario e il FFP del Milan 09.11 - Ora tutti concentrati sull’Italia. E di parole sull’importanza della partita in previsione domani ne sono state dette e scritte tantissime. Dai protagonisti di questo spareggio e da tanti colleghi. Tutti d’accordo, l’Italia non può mancare dal Mondiale. Il rischio, paradossalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Che sia una bella av-Ventura… Samp, negozio di alta qualità!!! Schick, pensa a giocare… Conte parigino? Mou nelle mani di Ibra! 08.11 - Non so voi ma io sono teso… Lo spareggio Mondiale mi ronza nella mente. Ci penso tanto, troppo. E’ come un chiodo fisso e preferirei averne di altro tipo! Che sia chiaro, ho fiducia nell’Italia ma ho anche tanta, troppa paura… Non me ne voglia il nostro CT (che non ho intenzione di...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.