VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve…

24.05.2017 00:00 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    articolo letto 26261 volte
© foto di Federico De Luca

Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso… L’Olimpico si riempirà come accaduto pochissime volte nella storia del club (soprattutto recente) per salutare, con tutte le onorificenze del caso, il più grande giocatore che abbia indossato la casacca della Roma. Una festa doverosa, voluta, sentita… Saranno connessi da tutto il globo terracqueo per omaggiare Francesco Totti, colui che ha regnato a Roma, sponda giallorossa, per oltre 20 anni… Inutile snocciolare dei numeri, superfluo ricordare cosa ha fatto e cosa avrebbe potuto fare in più, Totti è Totti, nulla da aggiungere. Quindi, niente scherzi caro Spalletti. Non c’è secondo posto che tenga, Roma-Genoa appartiene a Totti, a nessun altro. Non c’è persona che può intromettersi e stravolgere la sceneggiatura. Totti DEVE giocare. Dal primo minuto? Ad inizio secondo tempo o per tutta la partita, almeno finché avrà le energie per stare in campo? Basta chiederlo direttamente a lui, che sia il Capitano a scegliere. Se l’è ampiamente meritato, sarebbe lecito e incredibilmente toccante che fosse lui e lui soltanto a decidere come, quando e in che modo salutare la sua gente. In realtà, ci dicono, non ha ancora fatto sapere se lascierà o meno l’amato pallone? Non importa, domenica 28 maggio sarà, a prescindere da cosa deciderà dal 29 maggio in poi, il suo giorno, la sua partita, il suo momento… Ripeto, niente scherzi…
Totti Day a parte, c’è preoccupazione nella mia mente. Il futuro di Donnarumma mi inquieta. Perché stiamo andando così per le lunghe? Perché non è stato già tutto firmato e controfirmato? Cosa c’è di così importante da dover aspettare? Io voglio credere nelle capacità della nuova proprietà cinese. Donnarumma resterà rossonero, vero? Anche perché, con Berlusconi, quello vero, non saremmo qui a parlarne. Donnarumma avrebbe già trovato l’accordo con il Milan da tempo. Lo dice la storia del Cavaliere al Diavolo… Vero, i tempi sono cambiati ma un Milan, edizione 2017/18, senza Donnarumma tra i pali sarebbe un colpo durissimo alla credibilità (e solidità economica) della nuova proprietà…
Milan in ansia, Inter con un insano ma comprensibile desiderio di rivoluzione. Ne ho contati ben 11 che hanno le valigie pronte. Certo, prima dovranno arrivare delle offerte ma, questa volta, non ci saranno “ripensamenti” o “offerte giudicate troppo basse”. Chi alza la mano, si porta a casa il giocatore… La lista è lunga. Questa la mia personale “carrellata di giocatori pronti a lasciare la Pinetina”: Jovetic, Ranocchia, Santon, Nagatomo, Murillo, Miranda, Brozovic, Kondogbia, Banega, Biabiany e uno, a scelta, tra Perisic e Handanovic (qui l’entità dell’offerta peserà). Bene, credo che uno di questi 11 possa finire alla Juventus. Brozovic? E’ stato già accostato ai bianconeri, no? No, sbagliato. Magari Miranda, uno che, se sta bene, può essere utile? No, sbagliato. Allora Kondogbia per un clamoroso tentativo di redenzione? No, sbagliato. Attenzione a Perisic… Il croato porterebbe ulteriori soluzioni offensive ad una squadra già fortissima. E se dovesse partire Mandzukic, Perisic farebbe comodo… Eh sì, signori, Mario, in caso di vittoria a Cardiff, potrebbe anche tornare ad aver voglia di fare il centravanti puro, di “vedere” la porta da una posizione privilegiata e non sempre dalla fascia o, peggio, dalla propria aria di rigore. Magari, dopo tanto tempo, con Sabatini ad orchestrare il tutto, uno scambio tra croati potrebbe anche andare in porto, no? Perisic alla Juve in cambio di Mandzukic e magari qualche milioncino a conguaglio. Complicato? Lo si diceva anche quando si iniziava a parlare di Higuain a Torino… Comunque, a parte tutto, ciò che conta, almeno fino a domenica, è il Totti Day. Niente scherzi…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Napoli, Inter, Roma: mercato pro-Juve, ma fanno notizia le ombre del Milan 19.01 - Non cadete nelle trappole propagandistiche. La politica italiana ha così pochi argomenti propositivi che l’unico esercizio remunerativo appare la distruzione verbale dell’avversario. Insulti, minacce, dubbi e sospetti, così l’operazione Berlusconi-Milan cinese è diventato (dopo il...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter avanti per Rafinha, ma spuntano le alternative, le mosse (segrete) del Napoli e quelle (clamorose) delle spagnole: da CR7 a Griezmann... 18.01 - Il primo incontro con il Barcellona ora deve maturare. L'Inter, con il suo direttore sportivo, ha allacciato ufficialmente i rapporti (fra società importanti come Inter e Barca è molto meglio, anche diplomaticamente, parlarne di persona) e ha "lanciato" l'ultima offerta. 35 milioni...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.