VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Totti-Rivera: entrambi soli contro tutti. Mazzarri: il rinnovo un patto tacito sul mercato? Thohir-Vidic: ma non era Honda la figurina commerciale? Conte: una volta l'incompreso era Roberto Baggio

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
11.10.2014 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 23377 volte
Totti-Rivera: entrambi soli contro tutti. Mazzarri: il rinnovo un patto tacito sul mercato? Thohir-Vidic: ma non era Honda la figurina commerciale? Conte: una volta l'incompreso era Roberto Baggio

Alla stragrande maggioranza dell'Italia non juventina batteva il cuore mentre Totti tuonava dallo Juventus Stadium. Inutile negarlo. A tutti quei cinquantenni che, soli con loro stessi nella loro irrazionalità sportiva, si sono sentiti derubati da ragazzi e magari a torto o a ragione anche da quarantenni, batteva il cuore. Ma certo che batteva. Il cuore però è un lusso che l'Italia del calcio non si può permettere. Prendiamo proprio la Roma di Totti, per esempio. Ancora non sappiamo come e con quanti rischi sul fronte dell'ordine pubblico, verranno giocate le due partite di Campionato con il Napoli. E a prender per buone le esternazioni estreme di Totti, potrebbe essere anche peggiore l'ambiente del ritorno fra Roma e Juve. Meglio allora dire al cuore di stare bravo. E sospirare. Proprio come ha fatto notare il presidente romanista Pallotta. E nel leggere quel comunicato, ci tornavano alla mente tutte quelle puntate storiche di Terza Pagina su Milan Channel in cui da Sogliano al povero Zignoli, da Anquilletti (forza Angelo!) a Bigon, ci raccontavano che dopo le sparate di Rivera lo prendevano da parte negli spogliatoi: "Gianni un po' meno duri noi mai eh...". Quelle frasi di Rivera del 1972 dopo Cagliari e attenzione del 1973 dopo Lazio-Milan (gol regolarissimo annullato a Chiarugi per fuorigioco inesistente sul 2-1 per la Lazio, il punto in meno che ha consentito alla Juve di vincere quello Scudetto), sono tornate d'attualità questa settimana su tutti i giornali. Nel Settembre 2000, 14 anni fa, Totti è stato a San Siro per una amichevole Milan-Roma, terminata 2-2. Tutto lo Stadio rossonero lo ha applaudito tutta la partita. Perché in lui rivedeva Rivera. Eccoli, Totti e Rivera. Stesso numero sulla maglia. Stessi piedi. Stessi battiti del cuore. Rivera 40 anni fa aveva una società poco autorevole e aveva i compagni che gli dicevano di stare un po' più calmo. Totti 40 anni dopo ha il comunicato del lunedì. Gli anni passano, solo quelli.

La storia fra Mazzarri e i tifosi dell'Inter è finita lo scorso 4 Maggio, dopo il derby di Zanetti in panchina e degli zero tiri in porta. Ma la fecondazione in vitro del rinnovo contrattuale ha messo punto e a capo: forza, si ricomincia. Non siamo d'accordo con chi sostiene che quel prolungamento fosse proteso a rafforzare il ruolo del tecnico presso la squadra, per evitare di lasciarlo in mano allo spogliatoio con il contratto di scadenza. Uno spogliatoio come quello interista di quest'anno, svuotato dei senatori argentini, Walter Mazzarri poteva tranquillamente affrontarlo come fece a Napoli nel 2012-13, senza il sigillo dell'anno in più. La verità è che il prolungamento è arrivato per provare a tacitare i tifosi sempre più in fermento e per tranquillizzare lo stesso tecnico nel caso in cui alcune operazioni di mercato non fossero andate a buon fine. Ad esempio Bonaventura, perso perché non è partito Guarin. Ad esempio Baselli o chi per esso, sfiorati perché non è partito Kuzmanovic. A oggi e almeno per il momento l'operazione sembra fallita. Perché i tifosi nerazzurri, a torto o a ragione, non ne possono più. E perché l'espressione dello stesso tecnico, domenica sera a Firenze, alla domanda che nasceva dalla considerazione che lui fosse contento del mercato fatto a sua...immagine e somiglianza, era davvero tutto un programma.

Se al Milan qualcuno si fosse sognato di dire che l'arrivo di Honda poteva essere utile al Club sul piano commerciale, sarebbe scoppiato il finimondo. Alto tradimento, Milan rinnegato, adesso basta allo stadio ci andate da soli. Il campionario è noto. Ora però che all'Inter il presidente Thohir ha ammesso candidamente che Vidic è arrivato anche per rafforzare il brand Inter nel sud-est asiatico, ha trionfato il silenzio. Il silenzio solo al comando. Il silenzio cannibale. Il silenzio campione del mondo. Il Vidic espulso a Torino, il Vidic protagonista in negativo a Palermo e il Vidic pallido delle ultime due gare vs Cagliari e Fiorentina, si riprenderà. Non è questo il punto. Ma la differenza di umore e trattamento mediatico è evidente. Chi come il Milan fa un acquisto per motivi unicamente tecnici (se Honda fosse arrivato nell'estate 2013, probabilmente non sarebbe tornato Kakà da Madrid...) viene accusato di operare con motivazioni commerciali come per Beckham (operazione che poi andò benissimo sul campo); chi invece opera anche ispirato da logiche commerciali e lo dice, viene circondato di umana ed editoriale comprensione. In ogni caso, per rimanere a Honda: non è un giocatorino e non è un fenomeno. Ma certamente è un atleta serio e importantissimo per il progetto tattico di Inzaghi. E ancor più certamente non è mai stato mandato in campo né da Seedorf né da Inzaghi in base al dettato di clausole contrattuali. Se così fosse stato avrebbe giocato, e invece è stato in panchina, la partita più commerciale dell'anno: il derby di Maggio con due giapponesi in campo, Nagatomo e Honda. Ma soprattutto non ci sono sul contratto Milan-Honda commi e garanzie di impiego sul campo in base ad accordi commerciali. Invece di consumare i vetri, è sufficiente consumare un po' di suole (chi ha più familiarità con le sole non si sbagli, abbiamo proprio scritto suole) e andarlo a vedere: il contratto.

Nel febbraio 1993, Roberto Baggio non era titolare nella sua Juventus. Ma Il Ct della Nazionale Arrigo Sacchi lo convocò ugualmente e gli diede in mano la squadra. Risultato: Portogallo-Italia 1-3, gol iniziale di Baggio e partita decisiva per la qualificazione ai Mondiali di USA '94 vinta in trasferta dagli azzurri. La convocazione aveva un senso: contraddire le scelte del momento da parte del tecnico bianconero Trapattoni non per il gusto di farlo, ma per indicare in prospettiva il leader della squadra al Mondiale indipendentemente dalle valutazioni tecniche del Club. Tutto chiaro, tutto giusto. E' per tutti questi motivi però che fatichiamo a cogliere i motivi della convocazione di Sebastian Giovinco, con tutto il rispetto per le doti tecniche e la qualità umana del ragazzo, da parte del Ct Conte. O la diversità dei protagonisti del paragone storico è un segno dei tempi. O è qualcosa di diverso. E sono tanti i tifosi della Nazionale che apprezzano alla grande il lavoro del nuovo Ct ma che al tempo stesso faticano a cogliere le ragioni di questo particolare.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
I cinque motivi della crisi Milan. Napoli e Inter giocano per la Juve. Benevento, svegliati che è un incubo. Giulini alla Cellino ma con una differenza... 23.10 - Dalla vittoria dello scudetto estivo al buio profondo del 21 ottobre. Il Milan aveva fatto un'impresa: conquistare in un mese la fiducia dei tifosi rossoneri che avevano riempito, di nuovo, con orgoglio San Siro. E' durato il tempo di una preghiera. Se si spendono 220 milioni di euro...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta 22.10 - C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.