VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Tra voluntary Milan e rating BB- Inter. Gigio, la prova del nove. ADL: Ounas? No, Donnarumma!

16.12.2017 07:21 di Mauro Suma   articolo letto 8211 volte

Certo che al Milan non si fanno salti di gioia. Sul piano industriale presentato a Nyon e sulle successive integrazioni in base alle richieste di documentazione UEFA, il Club rossonero aveva puntato molto. In ogni caso il tono del comunicato europeo, come tutti hanno potuto verificare e riscontrare, non è quello di una sanzione o di una mazzata. E non solo perchè non esistono nella storia degli ultimi anni precedenti di un Voluntary agreement concesso. Ma anche perchè il primo riferimento del testo UEFA è sul rifinanziamento, la cui strategia rossonera prosegue e sul quale sono attese novità positive in primavera. Mentre sulle garanzie circa le coperture finanziarie della proprietà, la sensazione è di una scelta politica di casa Nyon dopo le perplessità planetarie sollevate anche dal New York Times. Insomma siamo nell'ambito di quel "paio di richieste che sono impossibili da portare a termine" che erano già state citate e preventivamente anticipate da Marco Fassone. Sicuramente il no al Voluntary copre ancora una volta quello che accade dall'altra parte di Milano. Dove non è noto se le azioni del Club siano o meno ancora in pegno alla Merdeka (società delle isole Cayman) come nell'era Thohir che ancora oggi è il presidente del sodalizio, dove non è noto quante azioni del Club abbia effettivamente acquistato la nuova proprietà intesa come casa madre (cit. Corriere della Sera). E dove è stato emesso un bond (?) per rifinanziare il debito (con scadenza 2019) contratto durante la gestione di Erick Thohir con Goldman Sachs. Al bond in questione, Standard & Poor’s ha attribuito un rating BB-, corredato da outlook stabile. Quella doppia B, che nel club fondato dai fratelli Hintermann noti per la loro maledizioni (un vero e proprio atto di fondazione, chapeau), avrà sicuramente fatto inorridire qualcuno (chi di doppia B ferisce, da doppia B viene sfiorato per gentile concessione dei media), ma nel linguaggio finanziario significa sia "debito prevalentemente speculativo" che "qualità discutibile", e cioè "titolo dalla solidità incerta, ovvero molto sensibile alle circostanze avverse". Tutto bene? Insomma, abbiamo capito la lezione. L'Inter in questa stagione ha fatto bene sul campo, per cui fuori dal campo tutti zitti. Il Milan dal canto suo ha fatto male sul campo, per cui fuori dal campo tutti addosso. Nel frattempo al di là delle sigle e di storie diverse vissute negli ultimi anni, la situazione finanziaria, i problemi e le relative strategie dei due club milanesi sono molto ma molto simili. E Brignoli non potrà essere una foglia di fico per un tempo infinito.

Gigio Donnarumma, del quale parliamo e scriviamo con un affetto infinito, ha avuto tre prove e il tempo sta per scadere, come giustamente gli sta facendo notare tutta la sua tifoseria e anche la sua famiglia alla quale lui stesso è il primo a sfuggire quando, per alcune ore del giorno, rientra nella incomprensibile influenza e pressione dei suoi amici. Le tre prove: la prima era stata quella del sette, a giugno, quando gli hanno attribuito il famoso post "ieri, oggi e domani" proprio nel momento in cui milioni di tifosi erano in attesa di una sua parola su ben altri temi. La seconda è stata quella dell'otto, quando l'hacker ha oscurato il suo vero pensiero, poi invece confermato dal prolungamento del mese successivo con il Milan. La terza è quella del nove, la celeberrima e spettacolare pressione morale e psicologica sulla firma contrattuale di luglio. Alla luce di tutto questo, è pacifico che poi i tifosi rossoneri, tutti e indistintamente, non perdano tempo ad inseguire il comunicato della tarda serata che, dopo la smentita del proprio assistito, tentava forse anche goffamente di creare un clima da lite fra comari, tranello nel quale il Milan si è ben guardato dal cadere. Tutti i tifosi rossoneri, invece, potranno anche attutire la loro contestazione a Gigio, vista la maturità con cui si sono esposti Gattuso e Bonucci, ma continueranno a guardare il loro portiere perplessi e increduli. Con quell'espressione di chi si chiede: ma quanto ti renderai finalmente conto di quello che ti stanno facendo?

Il Napoli ha perso in tre giorni la Champions League e il primo posto in classifica. La squadra sul campo lotta e si impegna, ma non ha cambi all'altezza. L'estate è trascorsa senza un adeguato rinforzo, ma non solo: ancor prima dell'infortunio di Ferrara contro la Spal, si era capito che Milik non era tornato ai suoi livelli, eppure è stato concesso ugualmente Duvan Zapata alla Sampdoria. E che un centravanti potente, tattico, disponibile al sacrificio come lui non potesse adattarsi al gioco di Sarri, è ben difficile da dimostrare. Ci sono una infinità di argomenti d'attualità che riguardano il Napoli da lui presieduto, ma Aurelio De Laurentiis di chi va a parlare? Ma di Donnarumma, naturalmente. Infilando nell'argomento anche un paio di giudizi su un altro Club e un'altra squadra che se li avesse fatti il Milan apriti cielo. Buon ultimo ADL nell'esprimere un parere su Gigio, manca all'appello ormai solo il presidente Trump e qualcosa ci induce a pensare che prima o poi..., ma non particolarmente gradito. Esattamente come l'ex presidente di Bonucci che non potendo e non volendo esprimersi sui mal di pancia di Alex Sandro o di Lichtsteiner, sulle lentezze di Khedira, sulla vita d'atleta di Dybala o sugli umori di Marchisio, ha scelto anche lui il Milan per fare la sua battuta. Si vede che va di moda. Tocca a Gattuso e alla sua squadra smettere di essere incudine e tornare ad essere martello. Perchè le licenze poetiche di alcuni fini dicitori stanno diventando davvero insopportabili per milioni di tifosi.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Qualcuno aiuti Spalletti: ecco di cosa ha bisogno l'Inter a gennaio. Milan, DNA Gattuso ma non credete ai miracoli. Tommasi in FIGC? Ha già distrutto la sua categoria. Gravina, unica soluzione credibile 08.01 - Spalletti se ne va in vacanza sbattendo la porta. Per uno come lui è stato già un miracolo aver aspettato il 5 gennaio prima di sbottare. Lo hanno preso, in estate, facendogli credere in una campagna acquisti che a Roma avrebbe potuto solo sognare. Gli hanno preso 4 rinforzi, di cui...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Dall'aperitivo allo Zero, passando per Donnarumma, Pulcinella e Kondogbia. L'alfabeto del mercato di gennaio, per evitare delusioni 07.01 - A come Aperitivo Pare un refrain che ogni anno va consolidandosi. Gli affari migliori si fanno davanti a un bicchiere di vino, magari in un bar con terrazza che guarda Milano. Per il resto ci sono Ipad, Whatsapp e le PEC. I locali oramai vietano pure l'entrata ai giornalisti, come...

EditorialeDI: Mauro Suma

Mercato: il patrimonio del Milan. Siviglia-Innaurato: e Marra? Pellò e Corsaro: juventini, che succede? Roma, Ninja paga per tutti 06.01 - Non c'è nessun bisogno disperato di soldi nel Milan. E non ci sono nemmeno limiti e restrizioni. Questi sono solo luoghi comuni autoreferenziali fra loro: triti, ritriti, ruminati, stressati. Considerando una parte e non il tutto. A inizio 2018, vale la pena tirare le file di tutte...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.