HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Tra voluntary Milan e rating BB- Inter. Gigio, la prova del nove. ADL: Ounas? No, Donnarumma!

16.12.2017 07:21 di Mauro Suma   articolo letto 8271 volte

Certo che al Milan non si fanno salti di gioia. Sul piano industriale presentato a Nyon e sulle successive integrazioni in base alle richieste di documentazione UEFA, il Club rossonero aveva puntato molto. In ogni caso il tono del comunicato europeo, come tutti hanno potuto verificare e riscontrare, non è quello di una sanzione o di una mazzata. E non solo perchè non esistono nella storia degli ultimi anni precedenti di un Voluntary agreement concesso. Ma anche perchè il primo riferimento del testo UEFA è sul rifinanziamento, la cui strategia rossonera prosegue e sul quale sono attese novità positive in primavera. Mentre sulle garanzie circa le coperture finanziarie della proprietà, la sensazione è di una scelta politica di casa Nyon dopo le perplessità planetarie sollevate anche dal New York Times. Insomma siamo nell'ambito di quel "paio di richieste che sono impossibili da portare a termine" che erano già state citate e preventivamente anticipate da Marco Fassone. Sicuramente il no al Voluntary copre ancora una volta quello che accade dall'altra parte di Milano. Dove non è noto se le azioni del Club siano o meno ancora in pegno alla Merdeka (società delle isole Cayman) come nell'era Thohir che ancora oggi è il presidente del sodalizio, dove non è noto quante azioni del Club abbia effettivamente acquistato la nuova proprietà intesa come casa madre (cit. Corriere della Sera). E dove è stato emesso un bond (?) per rifinanziare il debito (con scadenza 2019) contratto durante la gestione di Erick Thohir con Goldman Sachs. Al bond in questione, Standard & Poor’s ha attribuito un rating BB-, corredato da outlook stabile. Quella doppia B, che nel club fondato dai fratelli Hintermann noti per la loro maledizioni (un vero e proprio atto di fondazione, chapeau), avrà sicuramente fatto inorridire qualcuno (chi di doppia B ferisce, da doppia B viene sfiorato per gentile concessione dei media), ma nel linguaggio finanziario significa sia "debito prevalentemente speculativo" che "qualità discutibile", e cioè "titolo dalla solidità incerta, ovvero molto sensibile alle circostanze avverse". Tutto bene? Insomma, abbiamo capito la lezione. L'Inter in questa stagione ha fatto bene sul campo, per cui fuori dal campo tutti zitti. Il Milan dal canto suo ha fatto male sul campo, per cui fuori dal campo tutti addosso. Nel frattempo al di là delle sigle e di storie diverse vissute negli ultimi anni, la situazione finanziaria, i problemi e le relative strategie dei due club milanesi sono molto ma molto simili. E Brignoli non potrà essere una foglia di fico per un tempo infinito.

Gigio Donnarumma, del quale parliamo e scriviamo con un affetto infinito, ha avuto tre prove e il tempo sta per scadere, come giustamente gli sta facendo notare tutta la sua tifoseria e anche la sua famiglia alla quale lui stesso è il primo a sfuggire quando, per alcune ore del giorno, rientra nella incomprensibile influenza e pressione dei suoi amici. Le tre prove: la prima era stata quella del sette, a giugno, quando gli hanno attribuito il famoso post "ieri, oggi e domani" proprio nel momento in cui milioni di tifosi erano in attesa di una sua parola su ben altri temi. La seconda è stata quella dell'otto, quando l'hacker ha oscurato il suo vero pensiero, poi invece confermato dal prolungamento del mese successivo con il Milan. La terza è quella del nove, la celeberrima e spettacolare pressione morale e psicologica sulla firma contrattuale di luglio. Alla luce di tutto questo, è pacifico che poi i tifosi rossoneri, tutti e indistintamente, non perdano tempo ad inseguire il comunicato della tarda serata che, dopo la smentita del proprio assistito, tentava forse anche goffamente di creare un clima da lite fra comari, tranello nel quale il Milan si è ben guardato dal cadere. Tutti i tifosi rossoneri, invece, potranno anche attutire la loro contestazione a Gigio, vista la maturità con cui si sono esposti Gattuso e Bonucci, ma continueranno a guardare il loro portiere perplessi e increduli. Con quell'espressione di chi si chiede: ma quanto ti renderai finalmente conto di quello che ti stanno facendo?

Il Napoli ha perso in tre giorni la Champions League e il primo posto in classifica. La squadra sul campo lotta e si impegna, ma non ha cambi all'altezza. L'estate è trascorsa senza un adeguato rinforzo, ma non solo: ancor prima dell'infortunio di Ferrara contro la Spal, si era capito che Milik non era tornato ai suoi livelli, eppure è stato concesso ugualmente Duvan Zapata alla Sampdoria. E che un centravanti potente, tattico, disponibile al sacrificio come lui non potesse adattarsi al gioco di Sarri, è ben difficile da dimostrare. Ci sono una infinità di argomenti d'attualità che riguardano il Napoli da lui presieduto, ma Aurelio De Laurentiis di chi va a parlare? Ma di Donnarumma, naturalmente. Infilando nell'argomento anche un paio di giudizi su un altro Club e un'altra squadra che se li avesse fatti il Milan apriti cielo. Buon ultimo ADL nell'esprimere un parere su Gigio, manca all'appello ormai solo il presidente Trump e qualcosa ci induce a pensare che prima o poi..., ma non particolarmente gradito. Esattamente come l'ex presidente di Bonucci che non potendo e non volendo esprimersi sui mal di pancia di Alex Sandro o di Lichtsteiner, sulle lentezze di Khedira, sulla vita d'atleta di Dybala o sugli umori di Marchisio, ha scelto anche lui il Milan per fare la sua battuta. Si vede che va di moda. Tocca a Gattuso e alla sua squadra smettere di essere incudine e tornare ad essere martello. Perchè le licenze poetiche di alcuni fini dicitori stanno diventando davvero insopportabili per milioni di tifosi.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Le incertezze della Champions: la cura non è solo il mercato... 13.12 - Possiamo dirlo senza mezzi termini: peggio di così difficilmente poteva andare. Martedì sera le due italiane non sono riuscite a qualificarsi nonostante avessero avuto tutto a disposizione, non soltanto in questo turno di Champions, ma anche i precedenti. Mercoledì Juve e Roma si...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->