VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Trionfo in Europa? C'è poco da esultare. Parma è solo il primo caso. Milan, i flop sul mercato diventano troppi. Da Modena a Catania, il fallimento dei procuratori-Presidenti

Nato ad Avellino il 30-09-1983, si è trasferito a Milano per lavorare ad Eurosport e Sportitalia. Direttore di Tuttomercatoweb dal 2007 e di Sportitalia. Conduttore del Gran Galà del Calcio AIC 2011 e 2012, fondatore della società Micri Communicat
02.03.2015 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 44706 volte
© foto di Balti Touati/PhotoViews

Fino a due settimane fa consideravamo l'Europa League il sottotetto dello chalet di Courmayer. Adesso la Bic si è trasformata in Montblanc. I paradossi, infiniti, del nostro calcio. Onore e merito al Torino che ha compiuto una vera impresa. Il Napoli ha fatto il suo dovere, la Fiorentina è stata brava ma non ha mandato a casa i campioni d'Inghilterra e Roma e Inter hanno fatto solo il proprio dovere. Siamo italiani e tali ci confermiamo. Abbiamo solo la Juve in Champions ma ci galvanizziamo per cinque squadre agli ottavi di Europa League; competizione ammazzata da Platini che di interessante ha solo il trofeo che ricorda la beneamata Coppa Uefa. C'è poco da esultare perché il nostro sistema sta morendo. Lotito non si esprime bene, tra un latino arrancato e un italiano arrogante, ma è l'unico manager del calcio italiano ad aver capito come funziona il gioco. Proprio perché l'ha capito, ha intuito anche che questo sistema ha ancora poca vita. La serie A è falsata, perché sono partiti in 20 e arrivano in 19. Rinviate le partite con Udinese e Genoa c'è poco da aggiungere a questa stagione disastrosa. Il Parma è saltato prima del previsto, perché ogni anno non è possibile sempre fare i miracoli (lo scorso anno riuscì con il Bari in serie B). Dov'era la Covisoc quando il Parma si iscriveva al campionato? Perché Pietro Leonardi, oggi, non spiega come ha compiuto questo disastro economico? Ghirardi adesso rischia la bancarotta fraudolenta. Il giochino Parma era troppo più grande di lui; non aveva e non ha l'esperienza per gestire un club di serie A. I veri manager sono quelli che si creano da soli, non quelli che trovano la tavola apparecchiata dalla propria famiglia. Ghirardi aveva un obbligo morale nei confronti della città di Parma, Taci no. Manenti è andato al massacro e non si capisce perché o per chi lo abbia fatto. Oggi parliamo del Parma, e domani? Sbaglia chi si illude che il problema sia solo dei ducali. Mezza serie A è morta. Bilanci saltati, zero stadi di proprietà, valori sballati e troppi procuratori a libro paga dei Presidenti-imprenditori. Soldi che finiscono all'estero e genitori che pagano pur di far firmare un contratto ai propri figli. Tutti sanno, nessuno parla. Ghirardi non è IL mostro, è UNO dei mostri. Senza un intervento drastico, presto avremo altri casi Parma. Su cinque campionati professionistici almeno tre sono da considerare NON validi. In A, il Parma non ha giocato per due partite consecutive e molto probabilmente finisce qui l'avventura degli emiliani. In B, una delle squadre rivelazioni del campionato, il Vicenza non è in regola: complimenti a Marino per il gran lavoro svolto ma, in questo caso, il campo non è in discussione. Parliamo di regole e bilanci. I veneti si sono iscritti al campionato di B presentando assegni circolari. La fideiussione regolare è stata presentata solo a metà ottobre, a campionato iniziato. Nel girone A di Lega Pro, il campionato non può essere considerato regolare per colpa del Monza. La squadra di Pea ha disputato il girone di andata con Vita, Zigoni, Anastasi, Foglio e tanti altri per poi disputare diverse partite con ragazzini del '99 e 2000, fino a giocare adesso con calciatori che negli ultimi sei mesi non hanno mai disputato una gara. E nessuno parla, tutti in silenzio. L'Italia va a rotoli ma Federazione, Leghe e Coni non si pongono mezza domanda. Va tutto bene, abbiamo fatto la manita all'Europa. Evviva! Si parla sempre più di guai giudiziari e poco di calcio. Il Milan continua a steccare tutte le sessioni di calciomercato. Da Torres a Cerci. Sono finiti i bei tempi del Milan. Il problema economico è solo uno dei tanti. A Casa Milan mancano gli operatori di mercato. Non c'è controllo su Europa e Sudamerica e non si può lavorare sempre con i soliti amici procuratori che con il tempo hanno anche perso assistiti e appeal. Segnali di ripresa confortanti arrivano dall'Inter. Mancini aveva bisogno di tempo. Adesso sta raccogliendo. Mancini è un allenatore vero, con la giusta mentalità e personalità. Certo ha bisogno dei calciatori, ma con il tempo può far tornare l'Inter a grandi livelli. Ausllio, il direttore ideale per costruire un nuovo ciclo. Ci vorrà tempo ma questo lo sappiamo tutti. La sconfitta con la Fiorentina inaspettata ma la viola sta bene e corre.
Chiusura dedicata alla serie B: la crisi di Modena e Catania è la fotografia che ognuno deve fare il proprio mestiere. Se nasci procuratore non puoi morire Presidente di una società di calcio solo perchè da agente sei diventato ricco. Montecarlo e Miami sono lontane anni luce da Modena e Catania. Caliendo sognava la serie A per far quadrare i conti, adesso rischia la serie C, giusta punizione per un malato del proprio ego e dirigente inesperto. Ha pagato Novellino, dovrebbe pagare solo il Presidente che sta mandando al macello Modena. Qualcuno lo fermi, anche se in passato hanno provato a farlo salire in cielo grazie ai Santi in Paradiso di via Rosellini. Catania è uno scempio. Calciatori, allenatori e preparatori atletici. Pagano tutti ma non il vero e unico responsabile di questo disastro. Pablo Cosentino è ancora in tempo per tornare a fare il suo lavoro. Catania ultimo in classifica con quel costo del lavoro è uno schiaffo alla miseria. Non c'è gioco, non c'è progetto e non c'è identità. Ma cosa bisogna aspettare ancora per fare chiarezza? Liotru ha chiesto lo sfratto: vuole andare a Miami, se Cosentino resta ancora a Catania.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Raiola, Casa Milan non è più casa tua! Pisa in cerca di gloria su Gattuso. Inter show: Suning prepara il bottino. Cittadella-Marchetti: vi avevamo detto tutto... 29.05 - Neanche una riga su Totti? Sarebbe la ripetizione delle ripetizioni di quanto hanno già scritto tutti. Totti e il suo addio è da libro cuore, nell'era dei social viene tutto ingigantito e siamo sicuri che, se non siamo romani e romanisti, non possiamo capire fino in fondo cosa provano...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Finalmente è finito uno dei campionati più brutti degli ultimi anni. Il pagellone semiserio da 10 a 0: tra il closing più lungo di una soap, il tatuaggio di Baccaglini, il Pallone d'Oro a Buffon, la carriera di Totti e un addio che ha stufato 28.05 - Finalmente uno dei campionati più brutti e scontati di cui abbia memoria è finito. Doveva vincere la Juventus e lo ha fatto. Dovevano retrocedere Pescara, Palermo e Crotone con l'Empoli a rischio e ci siamo quasi. Dovevano andare in Champions League il Napoli e la Roma e l'hanno fatto....

EditorialeDI: Mauro Suma

Gigio guardalo, è il tuo Milan. L'inevitaible egoismo di Totti. Bonucci e United esempi veri 27.05 - Ci sono in giro due tentativi di contaminare il momento magico del Milan. Che non è il sesto posto, ma è il mercato di svolta fatto con intensità e coraggio, il buon senso che si legge in tante scelte e in tanti atteggiamenti, l'eccezionale stato di forma dei tifosi. Che non si sono...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.