HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi sarà il capocannoniere del Mondiale?
  Cristiano Ronaldo
  Lionel Messi
  Neymar
  Romelu Lukaku
  Harry Kane
  Antoine Griezmann
  Denis Cheryshev
  Sergio Aguero
  Gabriel Jesus
  Diego Costa
  Timo Werner
  Dries Mertens
  Luis Suarez
  Kylian Mbappé
  Artem Dzyuba
  Edinson Cavani
  Falcao
  Mario Mandzukic
  Thomas Muller
  Altro

Editoriale

Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic.

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista di Firenzeviola.it e voce di TMW Radio.
24.09.2017 08:57 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 35944 volte
© foto di Image Sport

I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante errori e sfortune. Però il divario tra sorellone, sorelle, sorelline e sorellastre sta aumentando sempre più e in modo preoccupante. La Juve ha strapazzato un Torino che è stato come altre volte in passato impropriamente caricato eccessivamente da Sinisa Mihajlovic. Quello di Cairo e Petrachi è un Progetto, vero, concreto. Con idee e basi ma tra una spinta, un'iperbole, una citazione colta e un gioco che latita, il serbo sembra ad oggi sempre più la parte che offre meno garanzie di successo tra proprietà, dirigenza, calciatori e guida tecnica. Il suo Toro non è stato solo preso per le corna dalla Juventus ma strapazzato e atterrito, atterrato, e non si dica che è stato solo per l'espulsione forse puntigliosa ma comunque legittima di Baselli.

Breve parentesi su Gonzalo Higuain. Non è diventato un brocco, anzi. E' un grandissimo attaccante, solo vittima di un calo mentale, dunque fisico, dunque realizzativo. Il problema delle punte è che meno segni e meno segnerai. Meno hai fiducia e meno la troverai. Meno ti vedi e senti in forma e meno lo sarai. Da qui i problemi e il nervosismo. Allegri sbaglia a riprenderlo ancora davanti ai microfoni: il segnale, forte, glielo aveva già dato 'regalandogli' i fischi del Camp Nou. Una partita ai box ci sta, Mandzukic è la Meraviglia del tecnico toscano ma ora sia ridata la chiave dell'attacco al Pipita e la fiducia non sia solo una parola. Una volta che Gonzalo tornerà a segnare, lo farà come agli antichi splendori. Che, in fondo, risalgono solo a qualche mese fa...

Intanto la Roma dimostra che anche lei è di un'altra, netta e decisa categoria rispetto a un'Udinese sempre più in picchiata verticale. Tra tanti portieri ha forse fatto affidamento a quello che poteva offrirle meno garanzie tra presente e futuro, Scuffet, e l'utilizzo di Bizzarri coi giallorossi è decisamente nomen omen. Una Babele di stranieri ma stavola con poco esito, una Maxi Lasagna e poc'altro. I giallorossi intanto dimostrano agli scettici che Di Francesco è tecnico di grande spessore, che Dzeko è tra i migliori 9 del globo ma che, al contempo, è forse ancora un gradino sotto rispetto alla Juve e al Napoli. Già, gli azzurri, Con la Spal una gara di discreto livello con la certezza che dall'altra parte sfidava una squadra con uno dei Sarri che verranno, Leonardo Semplici. Tecnico di valore assoluto, il toscano, che è quasi riuscito a ingabbiare uno dei migliori d'Europa al momento. Poi, le giocate dei singoli, garantiscono ancora la vittoria, ma occhio ai primi campanelli: le alternative, seppur sparute, non stanno incidendo, Milik rischia un grosso e nuovo stop e Hamsik può diventare un caso se continua su standard al di sotto degli abituali.

Il problema, dicevamo, è che è una Serie A fatta da troppi campionati. Il Verona ha fatto un gol in 5 partite. Il Crotone idem, il Benevento pure. 3 reti fatte in 14 partite complessive (una è il modestissimo 0-0 nello scontro diretto), 36 subite. Un'enormità, che racconta di un livello bassissimo per la categoria. De Laurentiis ha tutte le ragioni del mondo a chiedere la riduzione del campionato. A 16 aumenterebbe a dismisura la competitività ma l'orticello di tutte le medio-piccole le spingerà a dire di no. A 18 è medicina necessaria, immediatamente, e fa sorridere che sia Tavecchio a tacciare il presidente De Laurentiis di memoria corta. Ricorda, il presidente FIGC, il suo programma? Ci pensiamo noi. "Nel rispetto della volontà più volte espressa dalla maggioranza delle sue società e anche dalle componenti tecniche, non sembra attualmente percorribile la riduzione del numero di squadre – si legge nel programma elettorale di Tavecchio -. Occorre lavorare su una Serie A a 20 squadre, almeno sino alla stagione 2020/21". Chi ha la memoria corta, forse, non è De Laurentiis...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Qui Radio Mosca: perché da luglio niente sarà più come prima in Russia. E nel frattempo ecco i Premi del primo turno: Miglior Squadra Messico; Miglior Giocatore Cristiano Ronaldo, mentre per colpa di Khedira... 20.06 - Qui Radio Mosca, vi scrivo dal treno Sochi-Rostov, 12 ore di viaggio, dalla costa del Mar Nero risalendo la Circassia, dal confine con la Georgia fino ad arrivare a quello con l’Ucraina, quello sensibile, quello dove al di là della dogana c’è la distrutta Donbass Arena di Donetsk,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il giorno di Golovin e la mossa “in serbo”. Milan: le scelte di Fassone per l’udienza a Nyon e la mossa (in attacco) di Mirabelli. Inter: ecco i tempi di Nainggolan (per Icardi si va in “zona clausola”). E su Roma-Pastore… 19.06 - Son stato in Russia tre giorni. A Mosca. La prima cosa che ho capito appena sbarcato a Mosca è che dell’Italia del calcio se ne fottono. Pensavamo che senza di noi non ce l’avrebbero fatta e invece no, ce la fanno eccome. A Mosca era pieno di Fifa, l’organismo maximo del calcio Mondiale:...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, no allo scambio Higuain-Morata. Sì alla cessione secca. Frosinone in A: polemiche e controsensi. Seconde squadre e mercato, la nuova FIGC è già in confusione. C di Cosenza... non di Juve B 18.06 - Il mercato, quello vero, dovrebbe entrare nel vivo solo questa settimana. Saranno i giorni di Sarri al Chelsea, di Ancelotti che inizia a chiudere qualche affare per il Napoli e del Milan che saprà di che morte morire. E' un modo di dire, lo specifichiamo. La Juventus, come sempre,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Un mercato ancora senza rinforzi. Solo la Juve è migliorata, Inter a metà tra acquisti e mancati riscatti. Roma: i giovani basteranno per sostituire i grandi in uscita? Napoli, effetto Ancelotti ma ora i colpi 17.06 - Scrivere di calciomercato col Mondiale che scorre in sottofondo. Con la Francia che sfida l'Australia, con Marocco e Iran che corrono, sudano. Con l'Arabia Saudita che crolla, con le giocate di spagnoli, portoghesi, argentini. Mette una nostalgia dannata dei ricordi più belli perché...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Nainggolan all’Inter si farà. Alisson-Real pista caldissima. Napoli: Politano se esce Callejon. Cancelo e Darmian, la Juve prova il doppio colpo 16.06 - L’Inter è pronta a piazzare il colpo Nainggolan. I contatti con la Roma sono sempre più intensi e la sensazione è che alla fine l’operazione si farà. Con un anno di ritardo, Radja approderà alla corte di Spalletti. E questo è un grande acquisto, che permetterà al tecnico di Certaldo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, avanti su Golovin già star dei mondiali: il Cska alza il tiro. Offerto anche Pjaca. Sarri (e Zola) col Chelsea bloccano Higuain, Icardi, Savic e Rugani. Il Napoli vuole Courtois per liberare l’allenatore. Roma, via Allison e Nainggolan 15.06 - Se qualcuno avesse avuto ancora dei dubbi, la prima partita dei mondiali li ha spazzati via: la Juventus ha visto bene su Aleksandr Golovin, 22 anni, centrocampista del Cska Mosca. Due assist e mezzo, un gol, Golovin è stato il migliore in campo nel cinque a zero dei russi contro...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juve Cancelo e non solo, Inter incontra Dembele, il FFP e il nuovo socio rossonero 14.06 - Ha parlato Allegri, in casa Juve. E con la consueta leggerezza non ha fatto un dramma per eventuali partenze di big, Higuain in testa. “Il 9 luglio vedròsarà in ritiro: generalmente ho sempre avuto una buona squadra”. Chissà che non ci sia Cancelo visto che il Valencia è a Milano...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: perché è un Mondiale come non si vedeva da Argentina 78? Dalla Russia ecco cosa sta succedendo nel e attorno al Mondiale. Di cosa deve avere paura il Brasile, in cosa deve sperare l’Argentina 13.06 - Qui Radio Mosca: benvenuti in Russia. Da oggi e per il prossimo mese ogni mercoledì proverò a portarvi le sensazioni che si vivono qui al Mondiale, provando a dirvi quello che non si vede davanti alle telecamere o sulla carta stampata. Doverosa promessa: in questo spazio saranno banditi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: c’è un belga a centrocampo! Inter: la strategia per Nainggolan-Rafinha e l’appuntamento con Icardi. Milan: il mercato “oltre l’Uefa” passa dalla Spagna. Roma: che meraviglia il piano-Monchi. Napoli: Verdi e... 12.06 - Ciao. Penso da una settimana alla storia del gambero cinese. L’avete letta? Il gambero cinese era dentro la zuppa, stava per crepare di morte orrenda, nella broda bollente. Ma il gambero cinese è come Rambo 3 e decide di uscire dalla zuppa oleosa: si trascina sul bordo del piatto,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, Perin non è la scelta giusta. Monchi sta ricostruendo il Colosseo. "Caso Parma" e regole da riscrivere. Squadre B, così non ci siamo... 11.06 - Parte la settimana che darà lo slancio definitivo al calciomercato. Fin qui poco o nulla. Sarà la settimana dell'inizio del Mondiale ma è una cosa che non ci riguarda e rosichiamo di brutto a pensare che aspettiamo 4 anni e poi non ci presentiamo neanche. Grazie Ventura. Ogni tanto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy