VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Sedici squadre si giocano la Champions League: chi è la favorita?
  Barcellona
  Basilea
  Bayern Monaco
  Besiktas
  Chelsea
  Juventus
  Liverpool
  Manchester City
  Manchester United
  Paris Saint-Germain
  Porto
  Real Madrid
  Roma
  Siviglia
  Shakhtar Donetsk
  Tottenham

TMW Mob
Editoriale

Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic.

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista di Firenzeviola.it e voce di TMW Radio.
24.09.2017 08:57 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 35664 volte
© foto di Image Sport

I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante errori e sfortune. Però il divario tra sorellone, sorelle, sorelline e sorellastre sta aumentando sempre più e in modo preoccupante. La Juve ha strapazzato un Torino che è stato come altre volte in passato impropriamente caricato eccessivamente da Sinisa Mihajlovic. Quello di Cairo e Petrachi è un Progetto, vero, concreto. Con idee e basi ma tra una spinta, un'iperbole, una citazione colta e un gioco che latita, il serbo sembra ad oggi sempre più la parte che offre meno garanzie di successo tra proprietà, dirigenza, calciatori e guida tecnica. Il suo Toro non è stato solo preso per le corna dalla Juventus ma strapazzato e atterrito, atterrato, e non si dica che è stato solo per l'espulsione forse puntigliosa ma comunque legittima di Baselli.

Breve parentesi su Gonzalo Higuain. Non è diventato un brocco, anzi. E' un grandissimo attaccante, solo vittima di un calo mentale, dunque fisico, dunque realizzativo. Il problema delle punte è che meno segni e meno segnerai. Meno hai fiducia e meno la troverai. Meno ti vedi e senti in forma e meno lo sarai. Da qui i problemi e il nervosismo. Allegri sbaglia a riprenderlo ancora davanti ai microfoni: il segnale, forte, glielo aveva già dato 'regalandogli' i fischi del Camp Nou. Una partita ai box ci sta, Mandzukic è la Meraviglia del tecnico toscano ma ora sia ridata la chiave dell'attacco al Pipita e la fiducia non sia solo una parola. Una volta che Gonzalo tornerà a segnare, lo farà come agli antichi splendori. Che, in fondo, risalgono solo a qualche mese fa...

Intanto la Roma dimostra che anche lei è di un'altra, netta e decisa categoria rispetto a un'Udinese sempre più in picchiata verticale. Tra tanti portieri ha forse fatto affidamento a quello che poteva offrirle meno garanzie tra presente e futuro, Scuffet, e l'utilizzo di Bizzarri coi giallorossi è decisamente nomen omen. Una Babele di stranieri ma stavola con poco esito, una Maxi Lasagna e poc'altro. I giallorossi intanto dimostrano agli scettici che Di Francesco è tecnico di grande spessore, che Dzeko è tra i migliori 9 del globo ma che, al contempo, è forse ancora un gradino sotto rispetto alla Juve e al Napoli. Già, gli azzurri, Con la Spal una gara di discreto livello con la certezza che dall'altra parte sfidava una squadra con uno dei Sarri che verranno, Leonardo Semplici. Tecnico di valore assoluto, il toscano, che è quasi riuscito a ingabbiare uno dei migliori d'Europa al momento. Poi, le giocate dei singoli, garantiscono ancora la vittoria, ma occhio ai primi campanelli: le alternative, seppur sparute, non stanno incidendo, Milik rischia un grosso e nuovo stop e Hamsik può diventare un caso se continua su standard al di sotto degli abituali.

Il problema, dicevamo, è che è una Serie A fatta da troppi campionati. Il Verona ha fatto un gol in 5 partite. Il Crotone idem, il Benevento pure. 3 reti fatte in 14 partite complessive (una è il modestissimo 0-0 nello scontro diretto), 36 subite. Un'enormità, che racconta di un livello bassissimo per la categoria. De Laurentiis ha tutte le ragioni del mondo a chiedere la riduzione del campionato. A 16 aumenterebbe a dismisura la competitività ma l'orticello di tutte le medio-piccole le spingerà a dire di no. A 18 è medicina necessaria, immediatamente, e fa sorridere che sia Tavecchio a tacciare il presidente De Laurentiis di memoria corta. Ricorda, il presidente FIGC, il suo programma? Ci pensiamo noi. "Nel rispetto della volontà più volte espressa dalla maggioranza delle sue società e anche dalle componenti tecniche, non sembra attualmente percorribile la riduzione del numero di squadre – si legge nel programma elettorale di Tavecchio -. Occorre lavorare su una Serie A a 20 squadre, almeno sino alla stagione 2020/21". Chi ha la memoria corta, forse, non è De Laurentiis...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve-Inter, uno spot per poveri. Roma e Napoli, siamo alle solite. Crotone, con Nicola hai perso un patrimonio tecnico ed umano 11.12 - Quando aspetti una settimana intera un big match, lo carichi con titoloni e speciali e poi vedi (o meglio non vedi) una partita priva di emozioni, capisci che questo campionato è aperto ad ogni pronostico. L'Inter è la vera anti-Juve? Difficile pensarlo se ci ricordiamo da dove arriva...

EditorialeDI: Marco Conterio

Juventus-Inter: altro che partita perfetta e spot del calcio italiano. Nei bianconeri ci sono due casi ma molto diversi tra Allegri e Mourinho. Icardi, l'esame Mundial e la corte di Florentino Perez 10.12 - Zero a zero sarà pure la partita perfetta ma Juventus-Inter è stata la fotografia della noia. Un ben noto e ascoltato incipit della gara, spiegava che sarebbe dovuta essere lo spot per il calcio italiano. Purtroppo, lo è stata del calcio italiano. Dove contano tanto i giocatori di...

EditorialeDI: Mauro Suma

La Cavese e il Povero Diavolo. Il Milan 2012-2017. I doveri dei Club channels. Juve, vigilia violenta 09.12 - I giocatori del Milan devono capire, compatibilmente con il lavoro di carico atletico che stanno mettendo nelle gambe, che in questo momento hanno un dovere doppio. Non solo quello di giocare e fare punti. Sarebbe troppo banale. Ma anche e soprattutto di tenere il Milan come simbolo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Un giallo: il Milan accerchiato. Bocciato o no il piano finanziario, l’Uefa non si fida di Li Yonghong. E Montella non andava esonerato adesso. Napoli, resta solo lo scudetto: De Laurentiis investa a gennaio e fuori subito dall’Europa League 08.12 - E’ l’anno del Milan, l’anno nero intendo. Il nuovo corso cinese che doveva riportare i rossoneri al vertice del calcio mondiale, in realtà sta portando soltanto enormi problemi. In campo e fuori. “Aridatece il Berlusca”, urla il popolo milanista e chissà lui quanto starà godendo. L’ultimo...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e i problemi di novembre, un piccolo record italiano e una panchina per Nesta 07.12 - Al Napoli non è riuscita l'impresa. Non sarebbe dipeso solo dagli azzurri, serviva un aiutino (o aiutone, visto a posteriori) da parte del City. Invece il 2-0 maturato dopo mezz'ora ha fatto il resto. E il Napoli non ha neanche azzannato l'avversario. Per mille motivi, primo su tutti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, Allegri come Yoda… Roma in paradiso!!! Milan, disastro in vista. Contrattone Messi? Se lo merita… 06.12 - Ed ecco la solita, determinata, immensa, compatta Juventus… Quando la palla comincia a scottare, i bianconeri rispondono sempre alla grande. Dopo la fondamentale vittoria al San Paolo, il successo in terra greca (contro un coriaceo Olympiacos) e il conseguente pass per gli ottavi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: sboccia Costa, ma “mister ottavi” ha il solito problema. Milan: Gattuso deve risolvere il “guaio estivo” (e c’è un esempio da seguire). Inter: Spalletti, Icardi e i pericolosi suonatori di violino. Napoli: Sarri non farti fregare 05.12 - Intanto chiedo un grande applauso al direttore artistico Luca Tommassini. Bravo Luca, riesci a sorprenderci ogni volta. (Se non chiedi un applauso per Luca Tommassini, oggigiorno non sei nessuno). Poi riflettiamo sul Natale. Il Natale sta arrivando con le sue luci e le sue mille...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, gli alibi sono finiti. Inter, adesso dimostra a Torino chi sei. Napoli, sono pochi 13 calciatori per lo scudetto. Sassuolo, quando paga Angelozzi? 04.12 - Siamo tutti professori senza cattedra ma è il bello del nostro mestiere dove giudichiamo ma non siamo giudicati perché alla fine parlare è facile ma fare calcio è davvero complicato. Puoi spendere soldi, puoi fare progetti ma il calcio è bello e maledetto proprio perché può stravolgerli....

EditorialeDI: Andrea Losapio

La Russia è una tristezza che capiremo solo a giugno. Napoli incompiuto ma pur sempre primo in classifica, la Juventus è più forte. Milan e Sardegna-gate: perché rinnovare a Montella? 03.12 - C'è chi era al caldo di Zanzibar e chi al freddo di Mosca. Chi si godeva il bagno in un periodo che solitamente porta solo spifferi e chi rischiava di scivolare sul marciapiede in Russia in attesa di un sorteggio che non ci vedeva protagonisti. Sembrano due storie molto lontane fra...

EditorialeDI: Mauro Suma

Napoli disinnescato dalla Juve. Il macellaio di Carnago. Giochi di guerra a Novara. Icardi-Tevez, bivio Inter 02.12 - Lo stesso abbraccio sportivamente "cattivo" visto a San Siro, al termine di Milan-Juventus. Se lo sono regalati i giocatori della Juventus, cinici più che mai al San Paolo nell'ennesimo capitolo della saga di Higuain. Più ha male alla mano e più lo fischiano, più segna. Gol decisivi,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.