HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic.

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista di Firenzeviola.it e voce di TMW Radio.
24.09.2017 08:57 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 36072 volte
© foto di Image Sport

I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante errori e sfortune. Però il divario tra sorellone, sorelle, sorelline e sorellastre sta aumentando sempre più e in modo preoccupante. La Juve ha strapazzato un Torino che è stato come altre volte in passato impropriamente caricato eccessivamente da Sinisa Mihajlovic. Quello di Cairo e Petrachi è un Progetto, vero, concreto. Con idee e basi ma tra una spinta, un'iperbole, una citazione colta e un gioco che latita, il serbo sembra ad oggi sempre più la parte che offre meno garanzie di successo tra proprietà, dirigenza, calciatori e guida tecnica. Il suo Toro non è stato solo preso per le corna dalla Juventus ma strapazzato e atterrito, atterrato, e non si dica che è stato solo per l'espulsione forse puntigliosa ma comunque legittima di Baselli.

Breve parentesi su Gonzalo Higuain. Non è diventato un brocco, anzi. E' un grandissimo attaccante, solo vittima di un calo mentale, dunque fisico, dunque realizzativo. Il problema delle punte è che meno segni e meno segnerai. Meno hai fiducia e meno la troverai. Meno ti vedi e senti in forma e meno lo sarai. Da qui i problemi e il nervosismo. Allegri sbaglia a riprenderlo ancora davanti ai microfoni: il segnale, forte, glielo aveva già dato 'regalandogli' i fischi del Camp Nou. Una partita ai box ci sta, Mandzukic è la Meraviglia del tecnico toscano ma ora sia ridata la chiave dell'attacco al Pipita e la fiducia non sia solo una parola. Una volta che Gonzalo tornerà a segnare, lo farà come agli antichi splendori. Che, in fondo, risalgono solo a qualche mese fa...

Intanto la Roma dimostra che anche lei è di un'altra, netta e decisa categoria rispetto a un'Udinese sempre più in picchiata verticale. Tra tanti portieri ha forse fatto affidamento a quello che poteva offrirle meno garanzie tra presente e futuro, Scuffet, e l'utilizzo di Bizzarri coi giallorossi è decisamente nomen omen. Una Babele di stranieri ma stavola con poco esito, una Maxi Lasagna e poc'altro. I giallorossi intanto dimostrano agli scettici che Di Francesco è tecnico di grande spessore, che Dzeko è tra i migliori 9 del globo ma che, al contempo, è forse ancora un gradino sotto rispetto alla Juve e al Napoli. Già, gli azzurri, Con la Spal una gara di discreto livello con la certezza che dall'altra parte sfidava una squadra con uno dei Sarri che verranno, Leonardo Semplici. Tecnico di valore assoluto, il toscano, che è quasi riuscito a ingabbiare uno dei migliori d'Europa al momento. Poi, le giocate dei singoli, garantiscono ancora la vittoria, ma occhio ai primi campanelli: le alternative, seppur sparute, non stanno incidendo, Milik rischia un grosso e nuovo stop e Hamsik può diventare un caso se continua su standard al di sotto degli abituali.

Il problema, dicevamo, è che è una Serie A fatta da troppi campionati. Il Verona ha fatto un gol in 5 partite. Il Crotone idem, il Benevento pure. 3 reti fatte in 14 partite complessive (una è il modestissimo 0-0 nello scontro diretto), 36 subite. Un'enormità, che racconta di un livello bassissimo per la categoria. De Laurentiis ha tutte le ragioni del mondo a chiedere la riduzione del campionato. A 16 aumenterebbe a dismisura la competitività ma l'orticello di tutte le medio-piccole le spingerà a dire di no. A 18 è medicina necessaria, immediatamente, e fa sorridere che sia Tavecchio a tacciare il presidente De Laurentiis di memoria corta. Ricorda, il presidente FIGC, il suo programma? Ci pensiamo noi. "Nel rispetto della volontà più volte espressa dalla maggioranza delle sue società e anche dalle componenti tecniche, non sembra attualmente percorribile la riduzione del numero di squadre – si legge nel programma elettorale di Tavecchio -. Occorre lavorare su una Serie A a 20 squadre, almeno sino alla stagione 2020/21". Chi ha la memoria corta, forse, non è De Laurentiis...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Milan, Quagliarella ipotesi concreta, a centrocampo possibile nome a sorpresa. Juventus, Pogba pista forte per giugno ma attenzione anche a Rabiot se non rinnova con il Psg. Di Francesco, decisiva la sfida con il Genoa 15.12 - Ibra non arriverà e il Milan sta già lavorando su altri fronti. Anche perché il mercato è alle porte e il tempo comincia a stringere. Fabio Quagliarella ad ora è un’ipotesi concreta. Per l’attaccante c’è un discorso aperto con la Samp per il rinnovo di un anno ma la strada è ancora...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Conte non prende l’Inter in corsa. Il piano di Marotta per convincerlo. Da Pogba a Chiesa, da Milinkovic Savic a Modric, tutte le piste. Via Icardi per fare cassa? Spalletti si salva se arriva terzo e vince in Europa. Di Francesco, ultima chiamata 14.12 - Beppe Marotta si è presentano con un’idea impegnativa: Sono qui per un progetto vincente. E già. E’ dal 2010 che i tifosi dell’Inter aspettano qualcosa di vincente e per riprovarci i nerazzurri hanno scelto non a caso, ma il numero Uno, quello che ha riportato in alto la Juventus...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le incertezze della Champions: la cura non è solo il mercato... 13.12 - Possiamo dirlo senza mezzi termini: peggio di così difficilmente poteva andare. Martedì sera le due italiane non sono riuscite a qualificarsi nonostante avessero avuto tutto a disposizione, non soltanto in questo turno di Champions, ma anche i precedenti. Mercoledì Juve e Roma si...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->