VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Chi è attualmente il numero nove più forte del mondo?
  Harry Kane
  Mauro Icardi
  Gonzalo Higuain
  Robert Lewandowski
  Romelu Lukaku
  Luis Suarez
  Edinson Cavani
  Alvaro Morata
  Edin Dzeko

Editoriale

Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic.

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista di Firenzeviola.it e voce di TMW Radio.
24.09.2017 08:57 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 35816 volte
© foto di Image Sport

I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante errori e sfortune. Però il divario tra sorellone, sorelle, sorelline e sorellastre sta aumentando sempre più e in modo preoccupante. La Juve ha strapazzato un Torino che è stato come altre volte in passato impropriamente caricato eccessivamente da Sinisa Mihajlovic. Quello di Cairo e Petrachi è un Progetto, vero, concreto. Con idee e basi ma tra una spinta, un'iperbole, una citazione colta e un gioco che latita, il serbo sembra ad oggi sempre più la parte che offre meno garanzie di successo tra proprietà, dirigenza, calciatori e guida tecnica. Il suo Toro non è stato solo preso per le corna dalla Juventus ma strapazzato e atterrito, atterrato, e non si dica che è stato solo per l'espulsione forse puntigliosa ma comunque legittima di Baselli.

Breve parentesi su Gonzalo Higuain. Non è diventato un brocco, anzi. E' un grandissimo attaccante, solo vittima di un calo mentale, dunque fisico, dunque realizzativo. Il problema delle punte è che meno segni e meno segnerai. Meno hai fiducia e meno la troverai. Meno ti vedi e senti in forma e meno lo sarai. Da qui i problemi e il nervosismo. Allegri sbaglia a riprenderlo ancora davanti ai microfoni: il segnale, forte, glielo aveva già dato 'regalandogli' i fischi del Camp Nou. Una partita ai box ci sta, Mandzukic è la Meraviglia del tecnico toscano ma ora sia ridata la chiave dell'attacco al Pipita e la fiducia non sia solo una parola. Una volta che Gonzalo tornerà a segnare, lo farà come agli antichi splendori. Che, in fondo, risalgono solo a qualche mese fa...

Intanto la Roma dimostra che anche lei è di un'altra, netta e decisa categoria rispetto a un'Udinese sempre più in picchiata verticale. Tra tanti portieri ha forse fatto affidamento a quello che poteva offrirle meno garanzie tra presente e futuro, Scuffet, e l'utilizzo di Bizzarri coi giallorossi è decisamente nomen omen. Una Babele di stranieri ma stavola con poco esito, una Maxi Lasagna e poc'altro. I giallorossi intanto dimostrano agli scettici che Di Francesco è tecnico di grande spessore, che Dzeko è tra i migliori 9 del globo ma che, al contempo, è forse ancora un gradino sotto rispetto alla Juve e al Napoli. Già, gli azzurri, Con la Spal una gara di discreto livello con la certezza che dall'altra parte sfidava una squadra con uno dei Sarri che verranno, Leonardo Semplici. Tecnico di valore assoluto, il toscano, che è quasi riuscito a ingabbiare uno dei migliori d'Europa al momento. Poi, le giocate dei singoli, garantiscono ancora la vittoria, ma occhio ai primi campanelli: le alternative, seppur sparute, non stanno incidendo, Milik rischia un grosso e nuovo stop e Hamsik può diventare un caso se continua su standard al di sotto degli abituali.

Il problema, dicevamo, è che è una Serie A fatta da troppi campionati. Il Verona ha fatto un gol in 5 partite. Il Crotone idem, il Benevento pure. 3 reti fatte in 14 partite complessive (una è il modestissimo 0-0 nello scontro diretto), 36 subite. Un'enormità, che racconta di un livello bassissimo per la categoria. De Laurentiis ha tutte le ragioni del mondo a chiedere la riduzione del campionato. A 16 aumenterebbe a dismisura la competitività ma l'orticello di tutte le medio-piccole le spingerà a dire di no. A 18 è medicina necessaria, immediatamente, e fa sorridere che sia Tavecchio a tacciare il presidente De Laurentiis di memoria corta. Ricorda, il presidente FIGC, il suo programma? Ci pensiamo noi. "Nel rispetto della volontà più volte espressa dalla maggioranza delle sue società e anche dalle componenti tecniche, non sembra attualmente percorribile la riduzione del numero di squadre – si legge nel programma elettorale di Tavecchio -. Occorre lavorare su una Serie A a 20 squadre, almeno sino alla stagione 2020/21". Chi ha la memoria corta, forse, non è De Laurentiis...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Gattuso confermato, il Milan ha deciso. Ma Donnarumma va via, arriva Reina: se i cinesi in pagano, Elliott ha già l’acquirente. Sabatini in Cina per l’Inter del futuro 23.02 - Il Milan sta trovando una sua dimensione, non c’è motivo di cambiare, Fassone e Mirabelli hanno deciso: Gattuso sarà l’allenatore rossonero anche l’anno prossimo. La decisione è già stata comunicata a Rino che l’ha accolta con entusiasmo e una promessa: farà di tutto per provare a...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Sicuri che non vi interessa il fatturato? Ed è vero che chi spende di più, vince di più? 22.02 - Ancora numeri, per cercare di analizzare quanto il mercato influisce, soprattutto quanto i soldi influiscono sulle prestazioni. Soldi uguale mercato. Ma è vero che chi meglio spende meglio spende? Ovvero il famoso concetto del fatturato? E' un argomento che ciclicamente torna di attualità....

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Da Robben a Balo, quante offerte per l’estate! Juve su de Vrij, il Real tenta Bonucci… Ma Ibra non lo vuole nessuno? 21.02 - Sarà un’estate caldissima e non solo per le alte temperature (gli esperti parlano di una “bella stagione” torrida). Tutti si stanno affannando per cercare l’affare del secolo. Indubbiamente non mancano le super offerte. La lista di “parametri zero” è lunga ed interessante. Al Bayern...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto delle "non-lacrime" di Allegri. Milan: l'allarme cinese... e occhio a maggio! Inter: è ora di giocare al gioco del silenzio. Napoli: il diritto di Sarri a fare come crede 20.02 - Ciao. Quando arriva il momento di compilare questo editoriale faccio un giro sui siti per cercare ispirazione ed evitare di scrivere cose come “prima o poi bisogna affrontarle tutte” o “lo scudetto si decide a primavera” o “la politica è tutto un magna-magna”. A volte i siti ti danno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Napoli-Juve, marzo sarà decisivo. Inter, che flop! Sassuolo, il problema era dietro la scrivania. Cuore De Zerbi e Bergamo Gasperini-Sartori sono ai titoli di coda… 19.02 - Se la Juventus non ha lasciato punti a Firenze e nel derby significa che il Napoli, per vincere questo scudetto, dovrà andare oltre la soglia del miracolo. Tuttavia, sembra chiaro che il campionato si deciderà a marzo, in un modo o nell'altro. Allegri e Sarri sono reduci da una pessima...

EditorialeDI: Andrea Losapio

I meriti di Gattuso o i demeriti di Montella? Borussia-Atalanta, che spot per il calcio. Un po' meno il Napoli in Europa League. Rosa lunga alla Juventus, ma se si fanno tutti male... 18.02 - In sala stampa a Dortmund, con i gol di Europa League che scorrevano in sottofondo, alcuni giornalisti tedeschi paragonavano Cutrone a Inzaghi. "Ci somiglia, eh?". Non può essere che lui l'uomo copertina del Milan di Gennaro Gattuso. Lui, invece, assomiglia tanto al Pioli della scorsa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Primavera Cutrone e Primavera Merrill Lynch. Juventus europea, stampelle e pareggio. Napoli provinciale, limiti e sconfitta 17.02 - Dalla Primavera rossonera arriva Patrick Cutrone e alla Primavera come stagione prossima ventura guarda tutto il Milan che sta lavorando per la propria nuova struttura finanziaria pre-Elliott e, possibilmente, post-Elliott. Insomma, pre ottobre 2018. Ci sono grandi novità in vista...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ecco perché la Juve non ha battuto il Tottenham. Mancano i campioni. Le grandi lontane. Campionato non allenante. Napoli, vai fuori dalla Coppa 16.02 - La Juventus può ancora ribaltare il risultato a Londra, è giusto pensarlo e crederlo. L’impresa è difficile, ma possibile, conosciamo bene il calcio e anche il carattere dei bianconeri. Il pareggio con il Tottenham però è stato liquidato troppo in fretta come un incidente di percorso....

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il calciomercato di oggi, i nomi di ieri. Quanto varrebbero ora i big che ci hanno fatto sognare. Da Ronaldo a Totti, da Maradona a Platini: ecco le loro valutazioni... 15.02 - Quando Totti ha detto (a Sky) che nel mercato di oggi varrebbe almeno 200 milioni di euro è scattato in testa a tutti il solito giochino. Ma quanto varrebbero ora i grandi campioni del passato, Totti compreso? Non è la prima volta che ci si pensa, non è la prima volta che si fa. Proprio...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter tra riscatti, governo e sogni… Lazio-de Vrij, dipende da Lotito! Europa League, no alle seconde linee! 14.02 - L’Inter, seppur faticando, è tornata a vincere. Da oggetto misterioso, il giovane Karamoh si è trasformato in “enfant prodige”… Mentre Epic Brozovic ha iniziato una guerra con l’intero popolo San Siro (il croato è destinato a perdere, anche malamente), il 19enne francesino, ex Caen,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.