HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2018/19?
  Barcellona
  Ajax
  Liverpool
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Tutte le ragioni di Allegri e l'eccesso di critiche al tecnico bianconero. Inter, il progetto è ancora in alto mare e il ciclo Spalletti è al termine. Valzer dei ds: si parte da qui

Nato a Firenze il 5 maggio del 1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma per Il Messaggero e per La Nazione, è stato speaker di Radio Sportiva ed è ora voce di RMC Sport.
03.03.2019 12:42 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 32051 volte

Impeccabile e ineccepibile. Massimiliano Allegri, in venticinque minuti di conferenza stampa, ha raccontato le ossessioni del calcio italiano, di chi gravita attorno, di chi lo considera missione più che passione. L'uscita dai social è per non essere fagocitati da un mondo dove una virgola è un punto esclamativo. Dove il pù pavido degli ultimi crede d'avere la criniera del leone, incapace di articolare un pensiero e forte solo di uno scudo coi pixel. "Siamo stati dati per morti prima di essere eliminati", ha accusato critica e critici. "Siamo degli esempi, a fine gara non sono uno da gesti e capriole", frecciata alle 'uova' di Diego Simeone. Ha sinceramente ammesso, senza sorprese, che con Andrea Agnelli si vedrà per fare il punto sul futuro. La sensazione è che qualcosa, nell'ambiente bianconero, non sia più come prima e siccome il toscano non è uomo che le cose le sottintende, ma le dice e le ammette, la strada per l'addio non è certo stata negata. Anzi. Allegri è uno che piace ai Presidenti, inevitabile. Ha carisma, qualità e capacità. Sa gestire l'ambiente e le pressioni, vivaddio sbagliare una partita è capitato ai più grandi e può toccare a un allenatore che è sì vincente ma che è pure giovane. "Criticare ci sta, quando si eccede no". Ha ragione, Allegri, su tutta la linea e il fatto si giochi due terzi di Scudetto al 3 marzo la dice lunga.

Dall'altra parte c'è la crisi d'identità dell'Inter e di Luciano Spalletti. L'arrivo di Giuseppe Marotta ha portato forse quei binari e quella progettualità societaria che mancavano, ma allo stesso tempo ha scoperchiato il vaso di Pandora. Vien da sorridere pensando che adesso Ivan Perisic, quello che se non guadagnava i soldi di Icardi era pronto ad andare, quello che voleva lasciare Milano, si erga a paladino della giustizia proprio nei confronti dell'ex capitano. Stupisce la gestione del caso della punta argentina: se prima dell'accensione della miccia, Icardi poteva esser ceduto a una cifra importante, adesso non è certo superiore. Anzi. Comunque vada l'Inter ci guadagnerà soldi e farà plusvalenza ma non come se avesse deciso di lavare i panni sporchi in casa, gestendo meglio anche la figura e il rapporto con Wanda Nara. L'ambiente nerazzurro sta faticando a far pace con sè stesso e quel che ne gravita intorno, polemiche e lamentele, sono giustificazioni che seppur legittime in alcuni aspetti non sono da grande squadra. Spalletti pare aver perso il timone, l'addio è già maturato nelle menti della proprietà e c'è da capire, ancora, perché sia stato rinnovato il contratto in corsa. "Per dare continuità al progetto", scrivemmo. Quale?

Chiusura col valzer dei direttori sportivi. Nelle grandi confermate le figure di Fabio Paratici (Juventus) e Cristiano Giuntoli (Napoli), anche se negli azzurri la figura di Maurizio Micheli sta convincendo sempre di più Aurelio De Laurentiis. Al Milan per ora non sono previsti scossoni: il mercato di gennaio ha convinto la proprietà a confermare Leonardo, all'Inter la situazione è più complessa. Piero Ausilio vorrebbe rinnovare e restare, la figura di Marotta è chiaramente ingombrante e l'ex bianconero vorrebbe garantirsi una posizione diversa da quella avuta da Walter Sabatini in passato. Per questo le riflessioni del dg sono in corso, Ausilio piace alla Roma dove Monchi può uscire (Arsenal su tutti oppure il ritorno al Siviglia). Per l'Inter avanza l'idea Riccardo Pecini, ora dg dell'Empoli, per quanto riguarda Massimiliano Mirabelli spunta l'ipotesi Cagliari dove però Giulini è soddisfatto dall'operato di Marcello Carli. A Firenze separazione in vista con Carlos Freitas: resterà Pantaleo Corvino, confermato dalla proprietà.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Basta spot elettorali! Il calcio italiano crolla in Europa ma noi pensiamo ai finti progressi. Juve, festa amara. Napoli, serviva Ancelotti per una stagione così? Pippo, vedi come vola il Bologna… 22.04 - Sabato pomeriggio avrei voluto vedere, al mare, la festa della Juventus e invece mi sono ritrovato senza calcio e sprofondato sul divano a rivedere un film nuovo che davano alla tv: Quo Vado! La scena più bella è quando Checco (a proposito, che fine hai fatto? Quando torni a regalarci...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Juve, le plusvalenze non fanno vincere la Champions. Il Milan se ne frega del fair play finanziario, l'Inter riparte da Spalletti? Conte, Tuchel, Sarri e altre leggende 21.04 - La festa Scudetto non è tale quando esci dai quarti di Champions League per mano dell'Ajax. E soprattutto quando potevi farlo una settimana prima, con un pari tranquillo a Ferrara, invece di inserire giocatori di Serie C oppure giovani. La formazione era più forte di quella della...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, risalgono le quotazioni di Conte. Dybala in partenza, Bayern in prima fila ma c’è anche il Liverpool in un possibile scambio con Salah. Per la difesa spunta anche Jérôme Boateng. Marotta e Paratici, che sfida per Chiesa 20.04 - A fine stagione ci sarà un cambiamento inevitabile. Per la Juventus è già cominciata la fase di riflessione. Il primo nodo resta sempre Allegri. E’ vero che ci sono state le conferme del presidente Agnelli e dello stesso allenatore su un futuro ancora bianconero, ma la sensazione...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, è Lukaku la prima scelta se parte Icardi. Dzeko e Zapata le altre ipotesi. Juventus, per il centrocampo si continua a monitorare Ndombele del Lione. Svolta Mertens, l’attaccante belga ora potrebbe rimanere. Giuntoli al lavoro per Callejon 13.04 - La fine del campionato è dietro l’angolo e una decisione deve essere presa per forza. La svolta tra l’Inter e Icardi sta per arrivare. L’addio resta l’ipotesi più probabile ma non scontata. Icardi è un grande bomber, ha 26 anni e ora più che mai è un’occasione di mercato per tante...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510