HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Editoriale

Tutti all'ombra del Milan. Insigne e Mertens grandi "acquisti". Spagna-Italia: noi ci siamo?

02.09.2017 06:33 di Mauro Suma   articolo letto 14252 volte

Una lotta senza quartiere. Ma soprattutto senza lucidità. Il Milan è diventato un nervo scoperto, il chiodo fisso di chi smania per avere a tutti i costi l'ultima parola. Il tutto esaurito, il solo posti in piedi, nella pletora di ansiosi di trovare a tutti i costi la magagna sul Milan, fa in modo che tutti gli altri se ne stiano abbottonati e coperti, protetti all'ombra della grande quercia della sospettite sui rossoneri. Essere avversari del Milan oggi significa essere avvolti dal silenzio e protetti dalla bonaccia. Qualche piccolo esempio. A Luglio, il presidente della Roma affonda sul Milan. Poi, le scuse. Che secondo gli avversari del Milan non erano naturalmente scuse. Poi, però, tre giorni fa, la notizia. Che se avesse riguardato il Milan, apriti cielo. Invece era sulla Roma dopo l'acquisto di Schick: "Esposto del Codacons, i conti del Club sono a rischio". Che l'abbia fatto o no l'esposto, i dubbi restano. Che nessuno approfondisce. Nel frattempo, è anche cambiato l'autore del Vangelo. Senza essere blasfemi, sul Milan del pre-closing l'esperto di Cina Alberto Forchielli era per l'appunto vangelo. Le sue teorie sulla causa che Yonghong Li voleva fare al Milan per riprendersi i soldi del closing mancato, erano miele per le api. Oggi nessuno se lo fila quando dice sull'Inter:“La sbornia dei soldi Cinesi nel calcio è finita. Io assolvo Zhang, è un uomo in pericolo, sotto la canna del PCC.”. Lo aveva detto in altri termini anche il sindaco di Milano, ma avevano fatto più notizia le inesattezze del primo cittadino dei tifosi interisti sul Milan...Non è vittimismo o sindrome di accerchiamento, solo cronaca. Lo conferma l'interpretazione delle parole di Marco Fassone al "The Guardian" sul top player. Invece di soppesare un Club che è così chiaro e sicuro delle sue strategie che ne elenca in maniera trasparente tutti gli scenari possibili, ci si è soffermati sull'ansia da cessione del top. Anche sulla diretta prodotta dal Milan a fine mercato sulle "Cose Formali", concepita per essere di servizio ai media e fornire le cifre reali sul mercato del Milan soprattutto ai giornali che le attendevano, sono passate sotto silenzio molte cose. Ad esempio, le commissioni. All'epoca del caso Donnarumma, i pasionari della vittoria di Raiola avevano sottolineato in matita rossa e blu che al procuratore sarebbero andate fior di percentuali, invece niente: tutto entro il cinque per cento come il bilancio del Milan confermerà. A proposito del top player da cedere: in caso di mancata Champions, anche Inter e Roma dovranno provvedere a farlo. O no? La differenza è che il Milan lo dice, altri no. E se tutti fossero chiari come il Milan, forse capiremmo meglio cosa intendono dire Forchielli e Sala e che invece è stato tenuto taciuto a forza per un mese e mezzo, fino ad arrivare al mancato acquisto di un difensore centrale che serviva come il pane. Altre due domande: visto che non è stato ancora possibile fare il confronto fra il bilancio del Milan e quello di altri Club, quando faremo il rapporto fra le commissioni-Pogba e le commissioni-Gigio? Non solo: Nikola Kalinic ha firmato il contratto con il Milan lunedì 21 Agosto, eppure domenica 27 Agosto era tesserato regolarmente e in campo. Le fidejussioni in soli sei giorni? Come hanno fatto ad arrivare così presto? Il Milan non era traballante su questo lato? Oppure qualcuno ha verificato le solvibilità del Milan, come ha dichiarato l'ignoratissimo presidente del Venezia Tacopina, e le ha emesse in tempi brevissimi? Piuttosto che discettare di sanzioni UEFA su cui la rete è stata immediata e implacabile nel valutarne il peso, sarebbe cosa e buona giusto visto che si parla sempre e solo di Milan, parlare di tutto. Non solo di quello che fa comodo per accumulare click. In ogni caso facciano pure, il mercato è chiuso e da ieri il Milan pensa e penserà solo al campo.

C'è un rumore di fondo che vale la pena chiarire, sulle pagelle al mercato del Napoli. Gli avversari dei partenopei, anche quelli ben pettinati e forbiti, quelli con la camiseta dell'ultrà ben nascosta sotto la giacca dell'inviato integerrimo, se la prendono con i voti alti in pagella per un mercato sostanzialmente fermo. Abbiamo già avuto modo di sostenere in questa sede che la tesi di Sarri "meno lavoro e più mercato", meriti ampiamente una apertura di credito. Ma c'è dell'altro. Aver tenuto due top come Mertens e Insigne, impresa non riuscita con Higuain ad esempio tanto per capirci con tutti, è come averli riacquistati. Mertens e Insigne sono due grandi giocatori, forti e belli da vedere sul campo, a misura dei Club più grandi della noblesse europea. Averli tenuti lontani dal richiamo della foresta dei soldi, nel nome di un gruppo e di un progetto, merita non voti alti. Ma altissimi.

A proposito di Insigne, gioca stasera? Spagna-Italia non è una partita, è la partita. Lo Stadio Bernabeu non è uno stadio, ma lo stadio. Ecco perchè non ci si può presentare con una formazione. Ma con la formazione. La formazione dei più bravi, di quelli che hanno piedi, cuore e classe per reggere una sfida così cruciale e così affascinante. In uno Spagna-Italia spartiacque mondiale al Bernabeu di Madrid, non ci sono scorciatoie. E non hanno diritto a circolare speculazioni e piccoli pensieri. Bisogna andare a giocare a calcio in un teatro del calcio. Esattamente come la Spagna ha fatto all'andata, a Torino. Se scenderemo in campo per vedere cosa succede, siamo destinati alla sconfitta. Se si scende in campo invece per giocarcela, abbiamo qualche speranza. Non molte per il valore dell'avversario, ma sicuramente più di zero. Sta a noi. Come sempre nel calcio di oggi.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Berlusconi e il Milan di Gattuso. Ad Allegri manca solo un tetto. Marotta-Inter, non avrebbe senso. Io voto Gravina perché.... 15.10 - Quando c'è la pausa campionato è un disastro. Non sai cosa scrivere e devi inventare storie, raccogliere notizie e parlare di mercato anche quando non c'è. Per fortuna, in questa domenica pomeriggio, Silvio Berlusconi su Sportitalia (durante Monza-Triestina) ci ha dato diversi spunti...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La pausa degli esoneri e dei primi acquisti per gennaio. Pungiball Ventura, ma il Chievo ha fatto benissimo. Finalmente c'è la formazione: ora Mancini segua il consiglio di Sarri 14.10 - Lo sport Nazionale degli ultimi undici mesi è stato insultare Gian Piero Ventura. Non è stato solo il colpevole dell'eliminazione dell'Italia dal Mondiale, ma dallo scorso 13 novembre di qualsivoglia problema. L'aumento dello spread? E' colpa di Ventura. Il surroscaldamento globale?...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Conte ipotesi concreta per il Real, Florentino pronto a tutto per avere anche Hazard. Milan, che colpo Paquetà. Under verso il rinnovo fino al 2023. Napoli a breve l’accordo con Zielinski, per gennaio non sono previste operazioni in entrata 13.10 - Lopetegui, Conte, Real e Chelsea. Il mese di ottobre potrebbe regalarci un’altra interessante rivoluzione in panchina. Florentino Perez non è soddisfatto del rendimento del suo allenatore, fortemente voluto in estate dopo l’addio di Zidane e ora sta pensando in maniera concreta ad...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ronaldo, una vergogna. In certi casi è vietato tifare. Juve su James Rodriguez e Rabiot. Milan, dopo Paquetà tutto su Barella. Derby con l’Inter per Ramsey 12.10 - Attorno alla vicenda personalissima che coinvolge Cristiano Ronaldo stiamo scrivendo un’altra pagina imbarazzante. E dico poco. Fatevi questa domanda: avete elementi seri che vi possano far pensare che Cristiano Ronaldo sia colpevole di stupro? La risposta sensata, quasi obbligata,...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Milan: un colpo in Brasile. Leicester: in arrivo un italiano, faceva il cameriere! E una Nazionale che non decolla... 11.10 - Il Milan ha praticamente preso Paquetà, il primo colpo di Leonardo. Nella notte italiana, Globo Esporte aveva lanciato l'indiscrezione. Nel corso della giornata le conferme. Accordo raggiunto tra Milan e Flamengo per il centrocampista offensivo brasiliano classe '97. Il ragazzo arriverà...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Incredibile Cristiano! Si sente perseguitato dalla Uefa, e ha deciso di boicottare la Nations League! Come se al momento non ci fossero altre preoccupazioni. L’Italia e Mancini invece devono considerarla priorità, per non finire come Ventura 10.10 - La faccenda ha dell’incredibile, e sarebbe da farci una risata sopra se non apparisse assurda. E terribilmente fuori luogo, visto il momento estremamente delicato. Cristiano Ronaldo, e insieme con lui il suo entourage familiare e lavorativo (che nel caso di Cristiano si mischiano),...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri sta vincendo l'ultima sfida (e Ronaldo...). Inter: Spalletti ha un muro insuperabile da battere (e c'entra Icardi). Milan: il mercato e la memoria corta. Arriva il derby, con le solite balle... 09.10 - C’è la sosta. Porca malora. La sosta non piace a noi, ma neppure ai giocatori: Mancini ne ha convocati 28 e sono tornati a casa in 29 (anche il giardiniere di Coverciano si è dato malato). Ma non è questo il punto: le soste ci sono e ce le teniamo. Parliamo piuttosto di Temptation...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Serie A senza emozioni. La Juve cala subito il sipario. Ventura-Chievo? La sua giusta dimensione. Gattuso, numeri da... Conte! E Ancelotti si sta prendendo il Vesuvio 08.10 - Il problema della serie A non sono gli stadi, i diritti tv, il mercato o il marketing. Il vero problema sta diventando la Juventus. E non è una battuta. Vuole essere un'analisi semiseria. La, quasi, ossessione dei bianconeri di vincere questa maledetta Champions sta aumentando il...

Editoriale DI: Marco Conterio

L'assurdo processo mediatico per Ronaldo già prima delle sentenze. In campo Fenomeno e Juve pazzesca. L'Italia finalmente si accorge di Pellegrini mentre è in cerca di un 9. Solo che Cutrone è in panchina e il Milan pensa a Ibra 07.10 - Giustizialisti e innocentisti. Accecati dalla voglia di una soluzione, prima che il tempo faccia il suo corso. Scrivere di Cristiano Ronaldo in queste delicate ore non è certo facile. Perché pende su di lui una scure importante, un'accusa grave. Però non c'è null'altro da aggiungere....

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Marotta, il futuro è ancora un rebus. Dybala che momento, ma non paragoniamolo a Messi e  Ronaldo. Ancelotti e il capolavoro con il Liverpool. Icardi in area di rigore è tra i primi 3 attaccanti al mondo. Italia, è l’ora di cominciare a vincere 06.10 - Il futuro di Beppe Marotta resta ancora un rebus. La separazione con la Juventus è troppo fresca per avere certezze su quello che sarà il domani. Di sicuro gli 8 anni di successi sono un biglietto da visita che nessuno ha in Italia. Credo che bisognerà attendere qualche mese prima...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy