VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/18?
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Roma
  Liverpool

Editoriale

Tutti all'ombra del Milan. Insigne e Mertens grandi "acquisti". Spagna-Italia: noi ci siamo?

02.09.2017 06:33 di Mauro Suma   articolo letto 14162 volte

Una lotta senza quartiere. Ma soprattutto senza lucidità. Il Milan è diventato un nervo scoperto, il chiodo fisso di chi smania per avere a tutti i costi l'ultima parola. Il tutto esaurito, il solo posti in piedi, nella pletora di ansiosi di trovare a tutti i costi la magagna sul Milan, fa in modo che tutti gli altri se ne stiano abbottonati e coperti, protetti all'ombra della grande quercia della sospettite sui rossoneri. Essere avversari del Milan oggi significa essere avvolti dal silenzio e protetti dalla bonaccia. Qualche piccolo esempio. A Luglio, il presidente della Roma affonda sul Milan. Poi, le scuse. Che secondo gli avversari del Milan non erano naturalmente scuse. Poi, però, tre giorni fa, la notizia. Che se avesse riguardato il Milan, apriti cielo. Invece era sulla Roma dopo l'acquisto di Schick: "Esposto del Codacons, i conti del Club sono a rischio". Che l'abbia fatto o no l'esposto, i dubbi restano. Che nessuno approfondisce. Nel frattempo, è anche cambiato l'autore del Vangelo. Senza essere blasfemi, sul Milan del pre-closing l'esperto di Cina Alberto Forchielli era per l'appunto vangelo. Le sue teorie sulla causa che Yonghong Li voleva fare al Milan per riprendersi i soldi del closing mancato, erano miele per le api. Oggi nessuno se lo fila quando dice sull'Inter:“La sbornia dei soldi Cinesi nel calcio è finita. Io assolvo Zhang, è un uomo in pericolo, sotto la canna del PCC.”. Lo aveva detto in altri termini anche il sindaco di Milano, ma avevano fatto più notizia le inesattezze del primo cittadino dei tifosi interisti sul Milan...Non è vittimismo o sindrome di accerchiamento, solo cronaca. Lo conferma l'interpretazione delle parole di Marco Fassone al "The Guardian" sul top player. Invece di soppesare un Club che è così chiaro e sicuro delle sue strategie che ne elenca in maniera trasparente tutti gli scenari possibili, ci si è soffermati sull'ansia da cessione del top. Anche sulla diretta prodotta dal Milan a fine mercato sulle "Cose Formali", concepita per essere di servizio ai media e fornire le cifre reali sul mercato del Milan soprattutto ai giornali che le attendevano, sono passate sotto silenzio molte cose. Ad esempio, le commissioni. All'epoca del caso Donnarumma, i pasionari della vittoria di Raiola avevano sottolineato in matita rossa e blu che al procuratore sarebbero andate fior di percentuali, invece niente: tutto entro il cinque per cento come il bilancio del Milan confermerà. A proposito del top player da cedere: in caso di mancata Champions, anche Inter e Roma dovranno provvedere a farlo. O no? La differenza è che il Milan lo dice, altri no. E se tutti fossero chiari come il Milan, forse capiremmo meglio cosa intendono dire Forchielli e Sala e che invece è stato tenuto taciuto a forza per un mese e mezzo, fino ad arrivare al mancato acquisto di un difensore centrale che serviva come il pane. Altre due domande: visto che non è stato ancora possibile fare il confronto fra il bilancio del Milan e quello di altri Club, quando faremo il rapporto fra le commissioni-Pogba e le commissioni-Gigio? Non solo: Nikola Kalinic ha firmato il contratto con il Milan lunedì 21 Agosto, eppure domenica 27 Agosto era tesserato regolarmente e in campo. Le fidejussioni in soli sei giorni? Come hanno fatto ad arrivare così presto? Il Milan non era traballante su questo lato? Oppure qualcuno ha verificato le solvibilità del Milan, come ha dichiarato l'ignoratissimo presidente del Venezia Tacopina, e le ha emesse in tempi brevissimi? Piuttosto che discettare di sanzioni UEFA su cui la rete è stata immediata e implacabile nel valutarne il peso, sarebbe cosa e buona giusto visto che si parla sempre e solo di Milan, parlare di tutto. Non solo di quello che fa comodo per accumulare click. In ogni caso facciano pure, il mercato è chiuso e da ieri il Milan pensa e penserà solo al campo.

C'è un rumore di fondo che vale la pena chiarire, sulle pagelle al mercato del Napoli. Gli avversari dei partenopei, anche quelli ben pettinati e forbiti, quelli con la camiseta dell'ultrà ben nascosta sotto la giacca dell'inviato integerrimo, se la prendono con i voti alti in pagella per un mercato sostanzialmente fermo. Abbiamo già avuto modo di sostenere in questa sede che la tesi di Sarri "meno lavoro e più mercato", meriti ampiamente una apertura di credito. Ma c'è dell'altro. Aver tenuto due top come Mertens e Insigne, impresa non riuscita con Higuain ad esempio tanto per capirci con tutti, è come averli riacquistati. Mertens e Insigne sono due grandi giocatori, forti e belli da vedere sul campo, a misura dei Club più grandi della noblesse europea. Averli tenuti lontani dal richiamo della foresta dei soldi, nel nome di un gruppo e di un progetto, merita non voti alti. Ma altissimi.

A proposito di Insigne, gioca stasera? Spagna-Italia non è una partita, è la partita. Lo Stadio Bernabeu non è uno stadio, ma lo stadio. Ecco perchè non ci si può presentare con una formazione. Ma con la formazione. La formazione dei più bravi, di quelli che hanno piedi, cuore e classe per reggere una sfida così cruciale e così affascinante. In uno Spagna-Italia spartiacque mondiale al Bernabeu di Madrid, non ci sono scorciatoie. E non hanno diritto a circolare speculazioni e piccoli pensieri. Bisogna andare a giocare a calcio in un teatro del calcio. Esattamente come la Spagna ha fatto all'andata, a Torino. Se scenderemo in campo per vedere cosa succede, siamo destinati alla sconfitta. Se si scende in campo invece per giocarcela, abbiamo qualche speranza. Non molte per il valore dell'avversario, ma sicuramente più di zero. Sta a noi. Come sempre nel calcio di oggi.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

I dolori del giovane Andrea Agnelli: se gli obiettivi futuri della Juventus valgono davvero questo danno d'immagine, per il club stesso, e per Gigi Buffon. Gravissima l'accusa di malafede a Collina 18.04 - È passato tutto in cavalleria. No, non di certo le parole di Buffon o di qualcun altro. Le uscite dei giocatori hanno fatto molto clamore, anche se qua in Italia si è trattato solo di rumore, mentre all'estero è stato disgusto e condanna, in un tragico giro del mondo che ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la corte a Marotta e il futuro di Allegri. Milan: il piano di Gattuso per la prossima stagione (e Donnarumma?). Inter: quanti processi senza senso. E a Buffon il 432esimo consiglio non richiesto 17.04 - A Milano è iniziata la Settimana del Mobile. Alla Settimana del Mobile è difficilissimo trovare dei mobili e la cosa, converrete, è molto curiosa. Molto più facile trovare gente di merda. Di quella sono piene le vie. Sembra che tutti vadano nelle feste esclusive, fanno a gara a dirtelo,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Ecco perché Buffon va assolto. Il suicidio della Lazio senza un perché. L'Inter senza Icardi ha un problema. Empoli verso la A: bastava esonerare Vivarini 16.04 - Ci siamo lasciati alle spalle la settimana europea più folle di sempre per il calcio italiano. Istanbul a parte, una roba del genere non l'avevamo mai vista. Nel bene (la Roma) e nel male (la Lazio). E la Juve è bene o male? Vi starete chiedendo. Assolutamente nel bene. La Juventus...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il problema non è il contatto Benatia-Vazquez, il problema è tutto il resto: Ceferin faccia subito un passo indietro. La UEFA ha due scuse, ma non bastano per giustificare questo atteggiamento: ha ragione Gattuso 15.04 - Andò peggio, molto peggio, un anno fa. Erano sempre i quarti di finale di Champions League, c'era sempre il Real Madrid, ma i blancos al Bernabeu non avevano di fronte la Juventus, bensì il Bayern Monaco, sconfitto 2-1 all'andata. I bavaresi, allora guidati da Carlo Ancelotti, nei...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Juve, il sogno è sempre Isco, c’è anche Bernat per la fascia sinistra. Sarri pensa solo al campionato, il futuro a fine aprile. Chelsea e Monaco alla finestra. L’Inter torna forte su Verdi 14.04 - L’eliminazione in Champions League non cambia i piani. Marotta è stato chiaro. La Juventus aumenterà la sua qualità con un mix tra giovani e giocatori più esperti. E anche qualche sogno. Uno di questi è Isco. Il corteggiamento parte da lontano. Sono due anni, che i bianconeri sondano...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Buffon non può chiudere così, deve chiedere scusa. Collina e gli arbitri inadeguati. Il Var in Champions. Juve fantastica senza Dybala si è buttata via all’andata 13.04 - Dalla notte di Madrid in poi ne abbiamo viste e sentite di cotte e di crude, tanto per usare una vecchia espressione degli anni cinquanta che forse oggi è cara soltanto a Masterchef. IL RIGORE – Vista e rivista l’azione, anche a mente fredda, 24 ore dopo, sinceramente non so se...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le lezioni di Juve e Roma: a tutti. Sarri e il suo sogno e i prestiti “vietati” 12.04 - È una beffa. Forse la peggiore. Un rigore, di cui discuteremo anche a lungo, nel tempo di recupero, con addirittura l’espulsione di Buffon, raramente visto così arrabbiato. La Juventus stava raddoppiando l’impresa della Roma, e sarebbe stato duro dover scegliere quale sarebbe stato...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

La rifondazione della Juventus: è davvero possibile? E dove? Ecco quello di cui ha bisogno per crescere. Ma servono molti soldi, sicuri che questo non sia il massimo in Europa? 11.04 - Si fa presto a dire rivoluzione juventina. Le macerie (solo europee, va detto) lasciate dagli attacchi aerei di Cristiano Ronaldo hanno stappato le discussioni sulla rifondazione a Vinovo. Gente che va, gente che viene, progetti che cambiano. Ora, francamente sembra altamente impraticabile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Morata e altri “miracoli” (ma l’Uefa chiude gli occhi). Inter: un guaio ricorrente e lo strano caso De Vrij. Milan: terremoto Gattuso, a un anno dal closing. Napoli: per i fischi c’è ancora tempo 10.04 - Per prima cosa procedo con l’esperimento. Tutti i lunedì notte da ormai dieci anni spedisco le mie cose al valido Alessio Alaimo. Lui mi odia perché gli mando i pezzi alle 23.55 e magari sta facendo fiki-fiki, oppure è legittimamente ubriaco, oppure ha sonno. A volte mi dice “per...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Napoli, che spavento. Ma il sogno è lontano. Milan, 2021 volte "Grazie Rino". Da Cagliari a Verona, da Sassuolo a Bologna... quando i DS mettono in crisi i Mister 09.04 - Erano, ormai, pronte trombette e sciarpe bianconere per iniziare la festa scudetto della Juventus. A consegnarlo, virtualmente, ai bianconeri era paradossalmente l'alleato del mercato del Napoli: il Chievo Verona che non poteva permettersi regali di primavera. Che spavento per Sarri....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.