VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Tutti i numeri del mercato: ecco quanto è stato speso e dove sono finiti i soldi

07.09.2017 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 17240 volte
© foto di Federico De Luca

Che è stata la sessione di mercato più ricca di sempre lo avevamo intuito. Che fosse stata la più divertente lo avevamo vissuto. Ora abbiamo la certificazione dei numeri di quanto sia stata imponente questa sessione, soprattutto per l'Europa. Ed è un tema che va affrontato in questi giorni visto quello di cui si sta discutendo in Fifa e Uefa, riguardo proprio la durata del calciomercato.
A proposito di questo non vedo come possa cambiare finire prima o meno la sessione. Vorrà dire che tutto verrà finito prima, sempre con l'ultimo giorno frenetico, sempre con la stessa strategia soltanto slittata. Il problema dunque sarebbe solo che non ci sarebbe mercato aperto durante le prime giornate di campionato. Potrebbe essee un vantaggio per le società? Perché i giocatori non sarebbero distratti? Al di là del fatto che inevitabilmente (come succede in questi giorni in Turchia) qualche mercato sarebbe aperto lo stesso è un "fastidio" che potrebbe essere sopportato (come è stato finora) al netto dei vantaggi che comunque comporta. Non sarà una decisione semplice da prendere.
Torniamo però all'analisi del mercato (realizzata da CIES, il laboratorio di riferimento per la Uefa in questo tipo di statistiche): in questo hanno solare sono stati spesi 5,9 miliardi di euro fra i club del Big5 (Italia, Inghilterra, Spagna, Francia e Germania). 5,1 solo in estate... e l'effetto Neymar/Mbappé si vede nelle classifiche di Paese. Ha speso più di tutti in estate la Premier con 1.550 milioni di euro. La Serie A seconda con quasi un miliardo (997 milioni), poi appunto la Ligue1 (827) la Bundes (612) e la Liga (610) che ha risentito eccome del blocco del mercato dell'Atletico e della scelta del Real di non fare mercato. Pazzesca è la crescita da un anno all'altro della Ligue1 (che passa dal 7% al 19% del totale...).
Ma dove finiscono i soldi? Questi 5,15 miliardi di euro? Beh quasi 2 in altri club della stessa Lega. Altri 1,75 in altri club ma sempre del Big5. Quindi il 71% di questo grande movimento di denaro rimane sempre fra i "soliti noti". Soltanto il 5% finisce fuori dall'Europa e ancora di meno, il 2%, finisce nelle categorie inferiori dello stesso paese...
Facile dire chi ha guadagnato di più e chi ci ha rimesso di più... il Monaco a bilancio ha +289, seguito dal Borussia Dortumnd (+110) e dal Lione (+72). Le migliori performance italiane solo Fiorenrina (42), Sampdoria (42) e Lazio (31). In negativo inarrivabile il PSG (-343), seguito da Milan (-189) e United (-186).
L'ultima una considerazioni, quasi banale. Nell'estate dei grandi trasferimenti, secondo il CIES, ci sono dei giocatori strapagati. Mbappé (+87,4%), Dembele (+51,2%) e Mendy (+29%) i primi tre supervalutati secondo le stime del CIES. Poi è chiaro ognuno ha le sue... non c'è Neymar, per esempio in questa classifica. C'è Schick però con un 21% in più. E poi ci sono Salah e Rudiger, i due pezzi ceduti dalla Roma. Entrambi però sono stati pagati meno di quanto il CIES aveva previsto...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.