HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Editoriale

Un calcio diverso è possibile. La lezione di Astori, il pianto a dirotto di Chiellini. Firenze che applaude la Juve. Tutto il mondo del pallone ha riscoperto i valori: ripartiamo da qui

09.03.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 25440 volte
© foto di Federico De Luca

Nella ‪piazza di Santa Croce a Firenze‬ gremita da diecimila persone, ieri mattina è andata in scena una rappresentazione tragica, drammatica, ma anche surreale, futurista, quasi fantastica, del mondo del pallone.
Attorno alla bara di Davide Astori, sfortunato capitano della Fiorentina, si è ritrovata tutta quanta la tribù del calcio alla ricerca di amore, solidarietà, vicinanza, ma forse anche per cercare delle strade nuove, per recuperare delle radici antiche e più vere.
Forse ci voleva un dramma, un sacrificio, per costringere tutti a riflettere e speriamo anche a capire. In morte di Astori, potremmo anche chiamarlo così questo damma. Quattro giorni che forse cambieranno il calcio, almeno lo speriamo.
Da ‪domenica mattina‬, uno dopo l’altro, sono arrivati segnali e messaggi da tutto il mondo. Giocatori, ex giocatori, campioni e non, persone che sicuramente Astori non sapevano chi fosse, hanno fatto scattare una mobilitazione senza uguali anche per casi simili, altrettanto drammatici. Una solidarietà globale. Il maxischermo di Wembley come quello di Parigi con la faccia di Astori ci hanno fatto emozionare.
E allora ci chiediamo: perché per Astori? Perché tanto affetto, mobilitazione e riflessione per il capitano della Fiorentina, ottimo giocatore di una buona squadra e niente di più?
Forse questa mobilitazione è scattata perché Astori è stato eletto a simbolo di un calcio che non c’è più. Probabilmente perchè in tanti quel calcio cominciano a rimpiangerlo. A sentirne il bisogno. Forse serviva un antidivo, un antieroe, per far riflettere.
La lezione di un ragazzo semplice, normale, di una persona perbene è più forte. Più credibile.
Davide Astori era portatore di valori, rispettoso sempre della vita e delle regole, un modo per rispettare anche gli altri. Ha vissuto la sua vita da giocatore come gli aveva insegnato la famiglia,  lontano dai riflettori, dai fuochi fatui di una mondo dorato, dagli eccessi dei fatti e delle parole. Ha interpretato una professione per godere davvero il suo sogno di bambino. Amava la vita, amava il pallone in un rapporto molto stretto. Da grande, scrupoloso professionista, ma nella assoluta normalità.
Il calcio forse sentiva il bisogno di uno così per allontanarsi dagli stereotipi, dalle immagini e dagli eroi negativi, dal business per il business che ne stanno minando le radici. Astori come esempio positivo per recuperare le radici.
E’ questo il messaggio che lascia il sacrificio di ragazzo di 31 anni e arriva forte da una piazza di tifosi. E’ questa l’eredità da coltivare.
E così l’arrivo della Juventus in Santa Croce al funerale, l’arrivo di Buffon, Chiellini, Allegri, quelli che fino a ieri a Firenze non si potevano neppure nominare, è stata l’occasione per far scattare applausi interminabili, sentiti, con il cuore. E’ stato così per tutti, il passaggio delle delegazioni e di dirigenti di tante squadre di tutto il mondo, ha ricordato una sfilata delle Olimpiadi. Altro contesto, è chiaro. Altra occasione, purtroppo, ma lo stesso atteggiamento morale. Ho paura della retorica, ma attorno alla bara di Astori ho ritrovato anche nel calcio, dopo tanto tempo, i valori più veri dello sport. Uno squarcio di umanità.
Umanità ricambiata. Durante la cerimonia Giorgio Chiellini non ha retto. E’ stato suo il pianto più lungo, straziante. Disperato. Dopo di lui Daniele De Rossi. Gladiatori, eroi immaginari, rappresentati fino a ieri come nemici da combattere, d’improvviso uomini da consolare. Come tutti. Uomini come Davide Astori.
Per l’ultimo saluto sono arrivati giocatori dalla Spagna, dalla Francia, dall’Inghilterra. Alcuni, come Jovetic, non avevano mai giocato con lui. Eppure hanno voluto esserci perché è scattato dentro qualcosa a tutti. Ha parlato la coscienza.
“Dobbiamo ripartire da questi valori” è stato il commento del presidente del Coni Malagò. E’ così.  Chi pratica lo sport i valori a volte li può dimenticare, ma li conosce bene e li ritrova. Malagò si deve far carico del rinnovamento della classe dirigente che i valori non li esprime perché non li conosce. Devono cambiare i messaggi per far arrivare a tutti l’idea che è il momento di cambiare. Che un altro calcio è possibile. Ripartiamo da qui. Non disperdiamo il messaggio che arriva dal dramma di Astori, sarebbe come farlo morire un’altra volta.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: quel che si può dire (e non dire) su Ronaldo. Inter e Milan: un derby lunghissimo (con Marotta sullo sfondo). Napoli: il prezzo di Piatek. Italia: bentornati azzurri, ma sugli stadi… 16.10 - Ciao. Domenica c’è il derby, l’altro giorno invece ha giocato la Nazionale. Ci si divide tra chi dice “uh ma che bella Nazionale! Parliamone!” e chi “che due maroni la sosta, pensiamo al derby di Milano”. Solo che il derby è domenica sera, manca ancora una vita. E allora ci si spreme...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Berlusconi e il Milan di Gattuso. Ad Allegri manca solo un tetto. Marotta-Inter, non avrebbe senso. Io voto Gravina perché.... 15.10 - Quando c'è la pausa campionato è un disastro. Non sai cosa scrivere e devi inventare storie, raccogliere notizie e parlare di mercato anche quando non c'è. Per fortuna, in questa domenica pomeriggio, Silvio Berlusconi su Sportitalia (durante Monza-Triestina) ci ha dato diversi spunti...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La pausa degli esoneri e dei primi acquisti per gennaio. Pungiball Ventura, ma il Chievo ha fatto benissimo. Finalmente c'è la formazione: ora Mancini segua il consiglio di Sarri 14.10 - Lo sport Nazionale degli ultimi undici mesi è stato insultare Gian Piero Ventura. Non è stato solo il colpevole dell'eliminazione dell'Italia dal Mondiale, ma dallo scorso 13 novembre di qualsivoglia problema. L'aumento dello spread? E' colpa di Ventura. Il surroscaldamento globale?...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Conte ipotesi concreta per il Real, Florentino pronto a tutto per avere anche Hazard. Milan, che colpo Paquetà. Under verso il rinnovo fino al 2023. Napoli a breve l’accordo con Zielinski, per gennaio non sono previste operazioni in entrata 13.10 - Lopetegui, Conte, Real e Chelsea. Il mese di ottobre potrebbe regalarci un’altra interessante rivoluzione in panchina. Florentino Perez non è soddisfatto del rendimento del suo allenatore, fortemente voluto in estate dopo l’addio di Zidane e ora sta pensando in maniera concreta ad...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ronaldo, una vergogna. In certi casi è vietato tifare. Juve su James Rodriguez e Rabiot. Milan, dopo Paquetà tutto su Barella. Derby con l’Inter per Ramsey 12.10 - Attorno alla vicenda personalissima che coinvolge Cristiano Ronaldo stiamo scrivendo un’altra pagina imbarazzante. E dico poco. Fatevi questa domanda: avete elementi seri che vi possano far pensare che Cristiano Ronaldo sia colpevole di stupro? La risposta sensata, quasi obbligata,...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Milan: un colpo in Brasile. Leicester: in arrivo un italiano, faceva il cameriere! E una Nazionale che non decolla... 11.10 - Il Milan ha praticamente preso Paquetà, il primo colpo di Leonardo. Nella notte italiana, Globo Esporte aveva lanciato l'indiscrezione. Nel corso della giornata le conferme. Accordo raggiunto tra Milan e Flamengo per il centrocampista offensivo brasiliano classe '97. Il ragazzo arriverà...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Incredibile Cristiano! Si sente perseguitato dalla Uefa, e ha deciso di boicottare la Nations League! Come se al momento non ci fossero altre preoccupazioni. L’Italia e Mancini invece devono considerarla priorità, per non finire come Ventura 10.10 - La faccenda ha dell’incredibile, e sarebbe da farci una risata sopra se non apparisse assurda. E terribilmente fuori luogo, visto il momento estremamente delicato. Cristiano Ronaldo, e insieme con lui il suo entourage familiare e lavorativo (che nel caso di Cristiano si mischiano),...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri sta vincendo l'ultima sfida (e Ronaldo...). Inter: Spalletti ha un muro insuperabile da battere (e c'entra Icardi). Milan: il mercato e la memoria corta. Arriva il derby, con le solite balle... 09.10 - C’è la sosta. Porca malora. La sosta non piace a noi, ma neppure ai giocatori: Mancini ne ha convocati 28 e sono tornati a casa in 29 (anche il giardiniere di Coverciano si è dato malato). Ma non è questo il punto: le soste ci sono e ce le teniamo. Parliamo piuttosto di Temptation...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Serie A senza emozioni. La Juve cala subito il sipario. Ventura-Chievo? La sua giusta dimensione. Gattuso, numeri da... Conte! E Ancelotti si sta prendendo il Vesuvio 08.10 - Il problema della serie A non sono gli stadi, i diritti tv, il mercato o il marketing. Il vero problema sta diventando la Juventus. E non è una battuta. Vuole essere un'analisi semiseria. La, quasi, ossessione dei bianconeri di vincere questa maledetta Champions sta aumentando il...

Editoriale DI: Marco Conterio

L'assurdo processo mediatico per Ronaldo già prima delle sentenze. In campo Fenomeno e Juve pazzesca. L'Italia finalmente si accorge di Pellegrini mentre è in cerca di un 9. Solo che Cutrone è in panchina e il Milan pensa a Ibra 07.10 - Giustizialisti e innocentisti. Accecati dalla voglia di una soluzione, prima che il tempo faccia il suo corso. Scrivere di Cristiano Ronaldo in queste delicate ore non è certo facile. Perché pende su di lui una scure importante, un'accusa grave. Però non c'è null'altro da aggiungere....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy