HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Un calcio diverso è possibile. La lezione di Astori, il pianto a dirotto di Chiellini. Firenze che applaude la Juve. Tutto il mondo del pallone ha riscoperto i valori: ripartiamo da qui

09.03.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 25620 volte
© foto di Federico De Luca

Nella ‪piazza di Santa Croce a Firenze‬ gremita da diecimila persone, ieri mattina è andata in scena una rappresentazione tragica, drammatica, ma anche surreale, futurista, quasi fantastica, del mondo del pallone.
Attorno alla bara di Davide Astori, sfortunato capitano della Fiorentina, si è ritrovata tutta quanta la tribù del calcio alla ricerca di amore, solidarietà, vicinanza, ma forse anche per cercare delle strade nuove, per recuperare delle radici antiche e più vere.
Forse ci voleva un dramma, un sacrificio, per costringere tutti a riflettere e speriamo anche a capire. In morte di Astori, potremmo anche chiamarlo così questo damma. Quattro giorni che forse cambieranno il calcio, almeno lo speriamo.
Da ‪domenica mattina‬, uno dopo l’altro, sono arrivati segnali e messaggi da tutto il mondo. Giocatori, ex giocatori, campioni e non, persone che sicuramente Astori non sapevano chi fosse, hanno fatto scattare una mobilitazione senza uguali anche per casi simili, altrettanto drammatici. Una solidarietà globale. Il maxischermo di Wembley come quello di Parigi con la faccia di Astori ci hanno fatto emozionare.
E allora ci chiediamo: perché per Astori? Perché tanto affetto, mobilitazione e riflessione per il capitano della Fiorentina, ottimo giocatore di una buona squadra e niente di più?
Forse questa mobilitazione è scattata perché Astori è stato eletto a simbolo di un calcio che non c’è più. Probabilmente perchè in tanti quel calcio cominciano a rimpiangerlo. A sentirne il bisogno. Forse serviva un antidivo, un antieroe, per far riflettere.
La lezione di un ragazzo semplice, normale, di una persona perbene è più forte. Più credibile.
Davide Astori era portatore di valori, rispettoso sempre della vita e delle regole, un modo per rispettare anche gli altri. Ha vissuto la sua vita da giocatore come gli aveva insegnato la famiglia,  lontano dai riflettori, dai fuochi fatui di una mondo dorato, dagli eccessi dei fatti e delle parole. Ha interpretato una professione per godere davvero il suo sogno di bambino. Amava la vita, amava il pallone in un rapporto molto stretto. Da grande, scrupoloso professionista, ma nella assoluta normalità.
Il calcio forse sentiva il bisogno di uno così per allontanarsi dagli stereotipi, dalle immagini e dagli eroi negativi, dal business per il business che ne stanno minando le radici. Astori come esempio positivo per recuperare le radici.
E’ questo il messaggio che lascia il sacrificio di ragazzo di 31 anni e arriva forte da una piazza di tifosi. E’ questa l’eredità da coltivare.
E così l’arrivo della Juventus in Santa Croce al funerale, l’arrivo di Buffon, Chiellini, Allegri, quelli che fino a ieri a Firenze non si potevano neppure nominare, è stata l’occasione per far scattare applausi interminabili, sentiti, con il cuore. E’ stato così per tutti, il passaggio delle delegazioni e di dirigenti di tante squadre di tutto il mondo, ha ricordato una sfilata delle Olimpiadi. Altro contesto, è chiaro. Altra occasione, purtroppo, ma lo stesso atteggiamento morale. Ho paura della retorica, ma attorno alla bara di Astori ho ritrovato anche nel calcio, dopo tanto tempo, i valori più veri dello sport. Uno squarcio di umanità.
Umanità ricambiata. Durante la cerimonia Giorgio Chiellini non ha retto. E’ stato suo il pianto più lungo, straziante. Disperato. Dopo di lui Daniele De Rossi. Gladiatori, eroi immaginari, rappresentati fino a ieri come nemici da combattere, d’improvviso uomini da consolare. Come tutti. Uomini come Davide Astori.
Per l’ultimo saluto sono arrivati giocatori dalla Spagna, dalla Francia, dall’Inghilterra. Alcuni, come Jovetic, non avevano mai giocato con lui. Eppure hanno voluto esserci perché è scattato dentro qualcosa a tutti. Ha parlato la coscienza.
“Dobbiamo ripartire da questi valori” è stato il commento del presidente del Coni Malagò. E’ così.  Chi pratica lo sport i valori a volte li può dimenticare, ma li conosce bene e li ritrova. Malagò si deve far carico del rinnovamento della classe dirigente che i valori non li esprime perché non li conosce. Devono cambiare i messaggi per far arrivare a tutti l’idea che è il momento di cambiare. Che un altro calcio è possibile. Ripartiamo da qui. Non disperdiamo il messaggio che arriva dal dramma di Astori, sarebbe come farlo morire un’altra volta.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Leonardo non conosceva Higuain? Il Milan ha sopravvalutato il Pipita. Troppa ipocrisia su Wanda Nara: l'unico errore sarebbe quello di non comportarsi come gli altri procuratori 20.01 - Gonzalo Higuain è stato il miglior centravanti visto in Italia dopo Zlatan Ibrahimovic. Ha riscritto la storia dei cannonieri della Serie A battendo nel 2016 il record di Nordhal che resisteva da 65 anni. Diciassette, poi 18, 36, 24 e 16 gol in cinque stagioni di Serie A, 111 in cinque...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain al Chelsea e Piatek al Milan ormai ci siamo. Nell’operazione anche il ritorno di  Bertolacci al Genoa. Su Barella per giugno l’Inter di nuovo in pole position. Napoli, Lozano se in estate parte uno tra Mertens e Callejon 19.01 - Higuain al Chelsea, Piatek al Milan, Morata all’Atletico Madrid, Il gioco è fatto. Tutti gli incastri al posto giusto per un grande valzer di attaccanti. E allora andiamo a ricostruire quello che accadrà a breve. Higuain presto volerà a Londra per le visite mediche e si metterà a...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve-Milan falsata, l’ultimo scandalo. Con questo VAR aumentano solo le polemiche e non si fa giustizia. Banti, che delusione. Higuain, che vergogna. Piatek al Milan, che rischio. Icardi rinnoverà 18.01 - Gli arbitri italiani stanno diventando dei piccoli Tafazzi: sono riusciti nell’impresa ciclopica di falsare perfino una gara tutto sommato non complicata come la Supercoppa italiana e farsi ancora una volta travolgere dalle polemiche. Autolesionismo puro, incredibile ma vero, come...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...

Editoriale DI: Marco Conterio

La caccia al nuovo sogno mercato della Juventus passa dai conti. E dall'inevitabile partenza di un big. Icardi, decimo stipendio della A: con l'Inter è braccio di ferro economico 13.01 - Kylian Mbappè. Come sogno e come chimera. Come grande obiettivo, perché "adesso la Juventus deve puntare i nuovi Cristiano Ronaldo". E chi meglio del crack francese che col portoghese si scattava le foto da giovane e imberbe talento? Chi meglio di un giocatore che a Parigi non vive...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain e Morata situazione in evoluzione, ma il Milan punta a tenere il Pipita. Icardi-Inter vertice in settimana per trattare il rinnovo.  Juventus, dopo Ramsey ora è il turno di Romero. Per Barella continua il pressing di Chelsea e Napoli 12.01 - Sono giorni importanti per capire il futuro di Higuain e Morata. Le posizioni sono molto chiare. Sarri considera il Pipita l’uomo giusto per aumentare tantissimo il potenziale offensivo del Chelsea. Sta spingendo perché questa possa diventare un’ipotesi concreta fin da subito. Higuain...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri-Real Madrid: contatto. Icardi, fissato l’incontro per il rinnovo. I piani di Marotta per la firma. Pregiudizi su Wanda: fa solo il suo lavoro. Higuain vuole solo il Chelsea e mette in crisi Leonardo 11.01 - Non so se Max Allegri durante le recenti vacanze abbia davvero sposato Ambra come scrivono i giornali di gossip, so invece che ha ricevuto una telefonata da Florentino Perez. Auguri, certo, ma anche una nuova, decisa proposta per la panchina del Real Madrid. L’anno scorso la telefonata...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->