VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Un Ferragosto di colpi: Juve, Inter e Milan. Caso Keita, restyling Fiorentina: ma non è affatto finita qui

17.08.2017 07:47 di Luca Marchetti   articolo letto 58001 volte
© foto di Federico De Luca

Entro il fine settimana sarebbe arrivato Matuidi. E Matuidi è stato. Anche in anticipo (leggero) rispetto alle previsioni. Approfittando della festa di Ferragosto Marotta e Paratici hanno rotto gli indugi e già da martedì sera Paratici era andato a Montecarlo per chiudere la trattativa con il giocatore. 3 anni con opzione per il quarto anno a circa 4 milioni di euro a stagione. Poi in mattinata sono arrivati nel Principato anche Marotta e Antero (ds del club parigino) per chiudere anche fra club. Accordo raggiunto a 20 milioni di euro più 10 di bonus che matureranno completamente se Matuidi dovesse giocare almeno l'80% delle partite ufficiali della Juve, diventando quindi una colonna della Juve. Altrimenti, come ovvio, si andrà a scalare in percentuale. E così la Juve abbraccia finalmente il centrocampista seguito da più di un anno: quello con la forza fisica, la capacità di strappo, l'esperienza internazionale e soprattutto la duttilità per consentire ad Allegri anche eventuali variazioni di sistema di gioco. Ma il mercato bianconero non è finito qui. Continua il braccio di ferro con l'Atalanta per Spinazzola. Il giocatore continua ad allenarsi a parte e ha detto di no ad un adeguamento contrattuale che gli raddoppierebbe lo stipendio: vuole solo la Juve. I bianconeri avevano anche proposto un indennizzo per portarlo con 12 mesi di anticipo da dare all'Atalanta di circa due milioni di euro. Ma per i bergamaschi non bastano visto che a fine stagione potrebbero riscattare il giocatore e aspettare un controriscatto juventino che varrebbe 3 milioni e mezzo. E avrebbe anche proposto all'Atalanta di comprare Laxalt per poi girarlo ai nerazzurri, ma l'Atalanta ha sempre detto no. Ecco perché bloccato Spinazzola, è bloccato anche Asamoah.
Poi c'è il capitolo Ketia per il quale ieri c'è stato l'ennesimo capitolo della sua tormentata estate. Non si è allenato con la Lazio, perché non si sente al sicuro a causa del clima che si è creato nei suoi confronti. La visione del giocatore è che questa situazione è stata innescata dalla Lazio e per questo non ha ritenuto opportuno presentarsi per timore di come i tifosi avrebbero potuto accoglierlo e reagire - visto che negli ultimi giorni ha ricevuto numerosi insulti. E' evidente che fra Lazio e Keita è rottura totale. Ed ora qualsiasi previsione sulla soluzione della vicenda impossibile da fare. Di sicuro la Juve è interessata. Ma il fatto che non sia una necessità ma un'ottima opportunità di mercato non agevola la Lazio visto che in questo momento non ci saranno rilanci da parte della Juve sulla prima offerta fatta.
Giornata importante anche per l'Inter che sta per chiudere con il Valencia lo scambio di prestiti fra Cancelo e Kondogbia. L'arrivo del terzino portoghese, di grande qualità, corsa e nonostante la giovane età anche di esperienza internazionale, ridisegna ulteriormente la difesa nerazzurra. Lui e Dalbert sulle fasce. Skriniar in mezzo e un altro arrivo di cui fra poco parleremo. L'Inter risolve un problema (Kondogbia che voleva andar via) e si rinforza con un giocatore centrale per lo sviluppo del gioco di Spalletti. E in più - visto che il Valencia si caricherà tutto l'ingaggio di Kondogbia - avrà anche un discreto risparmio sulle spese gestionali. Poi a fine stagione se vorrà potrà comprare Cancelo per 35 milioni di euro e allo stesso tempo il Valencia potrebbe acquistare 25 milioni (più percentuale di futura rivendita) Kondogbia. Senza obblighi od opzioni. E in più Kondogbia potrebbe anche prolungare il contratto con i nerazzurri: questo permetterebbe all'Inter anche di abbassare la quota di ammortamento del cartellino del giocatore. Nel frattempo sempre con il Valencia ha chiuso per Murillo ma prima di lasciar partire il colombiano deve prendere un difensore. E i contatti più proficui sono per Mangala. L'Inter ha incassato il sì del giocatore ma non quello del City che vorrebbe ricevere un'offerta migliore da un altro club a titolo definitivo, ma già oggi Inter e giocatore proveranno a forzare con gli inglesi per stringere i tempi. E mentre si chiude definitivamente la trattativa per Emre Mor si riapre una piccola speranza per Karamoh del Caen visto che dalla Francia arrivano timidi segnali di riapertura. In uscita Ranocchia piace al Burnley e Watfrod.
Ancora invece non si è sbloccata la trattativa fra Milan e Fiorentina per Kalinic. Il Milan ha offerto 25 milioni ma manca ancora l'accordo totale (formule pagamenti) fra i club e la volontà del giocatore che vuole solo il rossonero e non l'Everton potrebbe essere determinante, ma potrebbe volerci più tempo del previsto. Condizionale d'obbligo in queste trattative in cui ognuno cerca di strappare le condizioni migliori, fino all'ultimo. Intanto si muovono le cessioni in casa rossonera: dopo Bacca, potrebbe andar via Niang molto vicino allo Spartak Mosca (4 anni a 3 milioni di euro più bonus al giocatore) per 18 milioni di euro più bonus. Il ragazzo non si è allenato come Paletta su cui c'è il Fenerbhace e su Gustavo Gomez invece il Trabzonspor.
A Firenze presentato Veretout, sono arrivati Biraghi e Simeone (per 15 milioni più 3 di bonus) e poi si è chiusa anche la trattativa per Pezzella, difensore centrale argentino del Betis Siviglia. 3 colpi in 24 ore e così riparte il progetto viola (in verde, per l'età!).
Il Napoli si è visto recapitare un'offerta dall'Alaves per Pavoletti (prestito con diritto di riscatto a 15) ma ancora non ha risposto, il ragazzo sarebbe disposto ad andare ma su di lui c'è ancora la Spal. La Spal in attesa di risolvere il nodo Schick con l'Inter che non ha ancora deciso se affondare il colpo cerca il sostituto: Vietto (20 milioni offerti all'Atletico e 1,6 a lui non bastano), Inglese del Chievo come ultima idea e Luan per il quale si è riaperto uno spiraglio. L'Atalanta ha messo gli occhi su Krastev attaccante bulgaro dello Slavia Sofia. Lo Zenit vuole Politano, il Genoa prende Rossettini e potrebbe prendere Laazar se dovesse patire Laxalt. Il Benevento insiste per Iemmello, il Bologna ha preso Palacio e l'Udinese ha ufficializzato Behrami.
Tenetevi forte. Mancano solo 15 giorni, ma c'è ancora tanto da fare...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L’Italia e Insigne, il Napoli e i terzini, l’Inter e Joao Mario e il FFP del Milan 09.11 - Ora tutti concentrati sull’Italia. E di parole sull’importanza della partita in previsione domani ne sono state dette e scritte tantissime. Dai protagonisti di questo spareggio e da tanti colleghi. Tutti d’accordo, l’Italia non può mancare dal Mondiale. Il rischio, paradossalmente...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.