HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Editoriale

Un Ferragosto di colpi: Juve, Inter e Milan. Caso Keita, restyling Fiorentina: ma non è affatto finita qui

17.08.2017 07:47 di Luca Marchetti   articolo letto 58384 volte
© foto di Federico De Luca

Entro il fine settimana sarebbe arrivato Matuidi. E Matuidi è stato. Anche in anticipo (leggero) rispetto alle previsioni. Approfittando della festa di Ferragosto Marotta e Paratici hanno rotto gli indugi e già da martedì sera Paratici era andato a Montecarlo per chiudere la trattativa con il giocatore. 3 anni con opzione per il quarto anno a circa 4 milioni di euro a stagione. Poi in mattinata sono arrivati nel Principato anche Marotta e Antero (ds del club parigino) per chiudere anche fra club. Accordo raggiunto a 20 milioni di euro più 10 di bonus che matureranno completamente se Matuidi dovesse giocare almeno l'80% delle partite ufficiali della Juve, diventando quindi una colonna della Juve. Altrimenti, come ovvio, si andrà a scalare in percentuale. E così la Juve abbraccia finalmente il centrocampista seguito da più di un anno: quello con la forza fisica, la capacità di strappo, l'esperienza internazionale e soprattutto la duttilità per consentire ad Allegri anche eventuali variazioni di sistema di gioco. Ma il mercato bianconero non è finito qui. Continua il braccio di ferro con l'Atalanta per Spinazzola. Il giocatore continua ad allenarsi a parte e ha detto di no ad un adeguamento contrattuale che gli raddoppierebbe lo stipendio: vuole solo la Juve. I bianconeri avevano anche proposto un indennizzo per portarlo con 12 mesi di anticipo da dare all'Atalanta di circa due milioni di euro. Ma per i bergamaschi non bastano visto che a fine stagione potrebbero riscattare il giocatore e aspettare un controriscatto juventino che varrebbe 3 milioni e mezzo. E avrebbe anche proposto all'Atalanta di comprare Laxalt per poi girarlo ai nerazzurri, ma l'Atalanta ha sempre detto no. Ecco perché bloccato Spinazzola, è bloccato anche Asamoah.
Poi c'è il capitolo Ketia per il quale ieri c'è stato l'ennesimo capitolo della sua tormentata estate. Non si è allenato con la Lazio, perché non si sente al sicuro a causa del clima che si è creato nei suoi confronti. La visione del giocatore è che questa situazione è stata innescata dalla Lazio e per questo non ha ritenuto opportuno presentarsi per timore di come i tifosi avrebbero potuto accoglierlo e reagire - visto che negli ultimi giorni ha ricevuto numerosi insulti. E' evidente che fra Lazio e Keita è rottura totale. Ed ora qualsiasi previsione sulla soluzione della vicenda impossibile da fare. Di sicuro la Juve è interessata. Ma il fatto che non sia una necessità ma un'ottima opportunità di mercato non agevola la Lazio visto che in questo momento non ci saranno rilanci da parte della Juve sulla prima offerta fatta.
Giornata importante anche per l'Inter che sta per chiudere con il Valencia lo scambio di prestiti fra Cancelo e Kondogbia. L'arrivo del terzino portoghese, di grande qualità, corsa e nonostante la giovane età anche di esperienza internazionale, ridisegna ulteriormente la difesa nerazzurra. Lui e Dalbert sulle fasce. Skriniar in mezzo e un altro arrivo di cui fra poco parleremo. L'Inter risolve un problema (Kondogbia che voleva andar via) e si rinforza con un giocatore centrale per lo sviluppo del gioco di Spalletti. E in più - visto che il Valencia si caricherà tutto l'ingaggio di Kondogbia - avrà anche un discreto risparmio sulle spese gestionali. Poi a fine stagione se vorrà potrà comprare Cancelo per 35 milioni di euro e allo stesso tempo il Valencia potrebbe acquistare 25 milioni (più percentuale di futura rivendita) Kondogbia. Senza obblighi od opzioni. E in più Kondogbia potrebbe anche prolungare il contratto con i nerazzurri: questo permetterebbe all'Inter anche di abbassare la quota di ammortamento del cartellino del giocatore. Nel frattempo sempre con il Valencia ha chiuso per Murillo ma prima di lasciar partire il colombiano deve prendere un difensore. E i contatti più proficui sono per Mangala. L'Inter ha incassato il sì del giocatore ma non quello del City che vorrebbe ricevere un'offerta migliore da un altro club a titolo definitivo, ma già oggi Inter e giocatore proveranno a forzare con gli inglesi per stringere i tempi. E mentre si chiude definitivamente la trattativa per Emre Mor si riapre una piccola speranza per Karamoh del Caen visto che dalla Francia arrivano timidi segnali di riapertura. In uscita Ranocchia piace al Burnley e Watfrod.
Ancora invece non si è sbloccata la trattativa fra Milan e Fiorentina per Kalinic. Il Milan ha offerto 25 milioni ma manca ancora l'accordo totale (formule pagamenti) fra i club e la volontà del giocatore che vuole solo il rossonero e non l'Everton potrebbe essere determinante, ma potrebbe volerci più tempo del previsto. Condizionale d'obbligo in queste trattative in cui ognuno cerca di strappare le condizioni migliori, fino all'ultimo. Intanto si muovono le cessioni in casa rossonera: dopo Bacca, potrebbe andar via Niang molto vicino allo Spartak Mosca (4 anni a 3 milioni di euro più bonus al giocatore) per 18 milioni di euro più bonus. Il ragazzo non si è allenato come Paletta su cui c'è il Fenerbhace e su Gustavo Gomez invece il Trabzonspor.
A Firenze presentato Veretout, sono arrivati Biraghi e Simeone (per 15 milioni più 3 di bonus) e poi si è chiusa anche la trattativa per Pezzella, difensore centrale argentino del Betis Siviglia. 3 colpi in 24 ore e così riparte il progetto viola (in verde, per l'età!).
Il Napoli si è visto recapitare un'offerta dall'Alaves per Pavoletti (prestito con diritto di riscatto a 15) ma ancora non ha risposto, il ragazzo sarebbe disposto ad andare ma su di lui c'è ancora la Spal. La Spal in attesa di risolvere il nodo Schick con l'Inter che non ha ancora deciso se affondare il colpo cerca il sostituto: Vietto (20 milioni offerti all'Atletico e 1,6 a lui non bastano), Inglese del Chievo come ultima idea e Luan per il quale si è riaperto uno spiraglio. L'Atalanta ha messo gli occhi su Krastev attaccante bulgaro dello Slavia Sofia. Lo Zenit vuole Politano, il Genoa prende Rossettini e potrebbe prendere Laazar se dovesse patire Laxalt. Il Benevento insiste per Iemmello, il Bologna ha preso Palacio e l'Udinese ha ufficializzato Behrami.
Tenetevi forte. Mancano solo 15 giorni, ma c'è ancora tanto da fare...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve umana ma cambia poco. Napoli, bello e impossibile. Roma, che delusione. Il giorno di Gravina: Presidente cambia gli uomini poi il sistema 22.10 - La Juventus è umana. Già questa è una notizia. Pareggia contro la sua bestia nera, il Genoa di Juric, e almeno rende diverso il week end di serie A. Non siamo quelli dai titoloni "Adesso torna a sognare il Napoli" oppure "La Juventus inciampa" ma crediamo che rientri tutto nella normalità...

Editoriale DI: Andrea Losapio

C'è una guerra in corso per il Var? Stecca la Juventus, fermando Piatek. Pare già mercato con Paquetà 21.10 - Anche nella giornata di ieri il Var è stato assente non giustificato nell'espulsione di Milinkovic-Savic, portiere della Spal. Vero è che il campo di applicazione non poteva intervenire nel doppio giallo del numero uno serbo (sarebbe anche utile capire se sarebbe scattata l'ammonizione...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, Napoli e Roma su Piatek. Paratici segue anche De Ligt dell’Ajax. Ancelotti pronto a fermare il Psg. Per i giallorossi ipotesi Herrera del Porto. Lazio su Brahimi, Inter-Milan che derby 20.10 - Per Piatek è pronta a scatenarsi l’asta. L’avvio travolgente dell’attaccante polacco pagato appena 5 milioni di euro da Preziosi ha catturato l’attenzione un po’ di tutti. In Italia ci sono Juventus, Napoli e Roma. Il club bianconero là davanti ha problemi di abbondanza se si pensa...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Higuain da il via libera per Ibra al Milan. Tutto fatto, lui deciderà entro novembre. Barella, l’Inter torna in pole. Conte al Real, ora si può. Figc, Gravina è l’uomo giusto   19.10 - Un altro importante tassello per il ritorno di Ibrahimovic al Milan l’ha messo direttamente Gonzalo Higuain. Nella bella intervista rilasciata ieri alla Gazzetta, fra le tante cose non banali, si legge anche: “Ibra al Milan? Io amo giocare con i grandissimi e lui lo è”. E’ più di...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il derby di Milano: strade incrociate, obiettivi comuni 18.10 - Siamo entrati nel vivo: la settimana del derby di Milano. E dopo la pausa per gli impegni della Nazionale, che ci ha regalato una bella vittoria contro la Polonia fatta di speranza e di bel gioco, non poteva tornare con una partita migliore, il campionato di serie A. Milan e Inter...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby time: ecco perché il Milan è favorito. L’Inter sarebbe più in forma, ma… Cristiano Ronaldo con vista Manchester: la Juventus pensa già allo United per spaventare l’Europa. I 35 milioni offerti dal Napoli per Piatek 17.10 - Come si vince il Derby della Madonnina? E chi rischia di più? Inter-Milan è la partita che noi tutti ci meritiamo dopo due settimane di pausa, ristoratrici per la Nazionale e per il nostro amor proprio, ma che ci hanno lasciato una fame di calcio tale da sbirciare quasi con curiosità...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: quel che si può dire (e non dire) su Ronaldo. Inter e Milan: un derby lunghissimo (con Marotta sullo sfondo). Napoli: il prezzo di Piatek. Italia: bentornati azzurri, ma sugli stadi… 16.10 - Ciao. Domenica c’è il derby, l’altro giorno invece ha giocato la Nazionale. Ci si divide tra chi dice “uh ma che bella Nazionale! Parliamone!” e chi “che due maroni la sosta, pensiamo al derby di Milano”. Solo che il derby è domenica sera, manca ancora una vita. E allora ci si spreme...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Berlusconi e il Milan di Gattuso. Ad Allegri manca solo un tetto. Marotta-Inter, non avrebbe senso. Io voto Gravina perché.... 15.10 - Quando c'è la pausa campionato è un disastro. Non sai cosa scrivere e devi inventare storie, raccogliere notizie e parlare di mercato anche quando non c'è. Per fortuna, in questa domenica pomeriggio, Silvio Berlusconi su Sportitalia (durante Monza-Triestina) ci ha dato diversi spunti...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La pausa degli esoneri e dei primi acquisti per gennaio. Pungiball Ventura, ma il Chievo ha fatto benissimo. Finalmente c'è la formazione: ora Mancini segua il consiglio di Sarri 14.10 - Lo sport Nazionale degli ultimi undici mesi è stato insultare Gian Piero Ventura. Non è stato solo il colpevole dell'eliminazione dell'Italia dal Mondiale, ma dallo scorso 13 novembre di qualsivoglia problema. L'aumento dello spread? E' colpa di Ventura. Il surroscaldamento globale?...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Conte ipotesi concreta per il Real, Florentino pronto a tutto per avere anche Hazard. Milan, che colpo Paquetà. Under verso il rinnovo fino al 2023. Napoli a breve l’accordo con Zielinski, per gennaio non sono previste operazioni in entrata 13.10 - Lopetegui, Conte, Real e Chelsea. Il mese di ottobre potrebbe regalarci un’altra interessante rivoluzione in panchina. Florentino Perez non è soddisfatto del rendimento del suo allenatore, fortemente voluto in estate dopo l’addio di Zidane e ora sta pensando in maniera concreta ad...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy